I beta tester del digitale terrestre

Il racconto di un lettore alle prese con il nuovo decoder e programmi della pay tv che al momento sono disponibili ancora per pochi. Pagare subito, fruire dopo

Roma - Qualche settimana fa, attratto dalle offerte promozionali e soprattutto dall'idea di poter vedere qualche partita di Campionato a prezzi stracciati, ho acquistato uno dei famigerati decoder per la tv digitale terrestre. La mia scelta è caduta sul modello di un marchio noto: ho preferito spendere qualche euro in più (parecchi, a dire il vero: tolti i 70 euro dell'incentivo, il costo finale è stato di 129 euro) per un apparecchio che avrebbe dovuto consentirmi di ricevere sia l'interattività che la pay per view.

Sorvoliamo sul fatto che il nostro governo utilizzi soldi pubblici (nostri) che vanno a beneficio di chi vende un servizio pay: qui il problema è un altro. Ovvero che quel servizio, purtroppo, non è neanche accessibile con i decoder sovvenzionati. Dopo aver installato il ricevitore, e dopo aver scoperto che l'antenna (centralizzata) del mio palazzo non mi permetteva di ricevere i canali digitali (mi è toccato comprare un'antenna individuale, che ho sistemato provvisoriamente sul mio balcone: altri 40 euro alla cassa...) mi sono assicurato che l'apparecchio potesse ricevere i famigerati canali Mediaset Premium e ho acquistato la relativa smart card (altri 18 euro di spesa).

L'ho infilata nel decoder, sono andato nel menu dell'apparecchio, seguendo le istruzioni riportate sul sito di Mediaset, e qui ho avuto l'ennesima amara sorpresa: il mio decoder, a quanto pare, non è ancora stato abilitato alla Pay Per View. Quello che manca, mi hanno gentilmente spiegato le operatrici del call center (...a pagamento) di Mediaset, è un aggiornamento del software, che dovrebbe avvenire in automatico per caricare sul decoder le funzioni necessarie alla decodifica del segnale. Peccato che a tutt'oggi, Mediaset non sia in grado di dirmi quando questo avverrà. Inutile anche il mio tentativo di ottenere informazioni dal costruttore, i cui operatori (...a pagamento, anche in questo caso) dopo molte insistenze hanno ipotizzato una data intorno alla metà di febbraio o all'inizio di marzo.
Morale: dopo aver speso in tutto quasi 200 euro tra decoder, antenna, cavi e smart card, più le telefonate ai call center a pagamento, il 22 Gennaio non potrò vedere il calcio in Pay Per View, nonostante Mediaset abbia già incassato i soldi relativi alla tessera prepagata. Unica, magra consolazione: sarò in buona compagnia. Stando a quanto riportato dal sito Mediaset Premium, infatti, sono molti i decoder che ancora non hanno il software adatto a gestire la pay per view. Su 26 ricevitori interattivi oggi disponibili in Italia, solo una decina sono già in grado di accedere al calcio a pagamento con la tessera Mediaset. Gli altri (Nokia, Samsung, Accessmedia ecc.) "non sono ancora abilitati a ricevere l'offerta Mediaset Premium" e non si sa quando lo saranno. Mi piacerebbe sapere se la situazione sarà la stessa anche per le partite trasmesse da La7, ma purtroppo sul sito del canale non ci sono ancora informazioni al riguardo. Nel dubbio, comunque, eviterò di comprarmi anche quella tessera.

La lezione ormai l'ho imparata. E la partita del 22 (e magari anche quelle successive) me la vedrò al bar o dagli amici che hanno il satellite, alla faccia del digitale terrestre.

Stefano M.
(Sacrofano - RM)

Caro Stefano
la tua vicenda è simile a quelle descritte da molti in questi mesi nelle lettere a Punto Informatico, e conferma quello che i più maliziosi hanno sempre affermato, ovvero che i portafogli dei contribuenti siano stati utilizzati fin qui per accelerare la messa in linea di una tecnologia per la quale né il mercato né l'infrastruttura tecnologica sono ancora pronti. Chi acquista un decoder entra a mio avviso nel mare magnum dei beta-tester di questa nuova e per molti versi promettente televisione. Mi chiedo se non sarebbe stato più utile spendere quei soldi pubblici per qualcosa di più costruttivo. Chessò, per portare la banda larga laddove gli italiani, e sono tanti, non possono che sognarla.
Un saluto, Lamberto Assenti
157 Commenti alla Notizia I beta tester del digitale terrestre
Ordina
  • Bisogna prima fare ricerche mirate e consultare precedenti esperienze anche sulla rete prima di procedere ad acquisti: si evita di incappare nelle inevitabili "trappole" commerciali;
    non+autenticato
  • :(Nel mese di marzo 2004 ho comprato il decoder digitale di facile installazione. Montato ma niente alcun segnale. facendo una verifica sul sito http://www.dgtvi.it/ il mio comune che è quello di san severino lucano risulta coperto. Allora chiamo il mio antennista di fiducia e dopo disvariate prove niente. Prove che si sono ripetute fino a pochi giorni fa. Per verificare se il decoder funzionasse, sono andato a casa di un mio amico distante 100 km e finalmente la verifica qui il segnale c'è. E per finire facendo segnalazioni alle redazioni rai, alla redazione dgtvi.it e mediaset il risulato non cambia. CHE SOLA!!!!
    non+autenticato
  • Sono in tanti che si lamentano sul digitale terrestre, ma con questo si e' raggiunti il colmo.Come si puo' indicare la copertura su di una localita' quando poi non lo e'.......E per giunta su un sito per il digitale ufficiale. Io mi vergognerei.
    non+autenticato
  • Allettato dall'offerta mediaset, campionato di Calcio di serie A in TV a soli 3 euro a partita, ho acquistato il box interattivo per il digitale terrestre nokia 310T al prezzo di euro 119(189-70). Purtroppo, la felicità di poter vedere le partita della mia squadra del cuore dal divano di casa è durata pochi giorni.
    Infatti, dopo qualche giorno e dopo estenuanti code, sono riuscito a tornare a casa con la scheda Mediaset Premium ma, inserendola nel decoder, ho scoperto che il box interattivo in mio possesso non è ancora abilitato al servizio Mediaset Premium e che necesssita dell'aggiornamento software. Mentre, la publicità della Mediaset Premium card passata dai canali nazionali indicava che era sufficiente un box interattivo targato mhp e compreso nell'iniziativa del contributo statale.
    Io penso che mediaset avrebbe dovuto mandare in onda questo tipo di messaggio dopo aver raggiunto l'accordo economico con tutte le case costruttrici di box interattivi x il digitale terrestre, invece in questo contesto molti ci ritroviamo con il box interattivo e la scheda prepagata a casa, ma a vedere le partite in un locale abilitato a SKY fino alla fine di febraio.
    non+autenticato
  • Il lettore si è "assicurato" che... presso fonti del tutto inaffidabili e la colpa è di Mediaset e del produttore del decoder, ovviamente?!?!
    E poi il nostro Lamberto spara un "chessò" dei suoi difendendo il lettore dimenticando completamente che gli incentivi per il digitale terrestre non incentivano i servizi a pagamento e non bacchettandolo per non essersi informato a dovere.
    folies
    ps ne parlo più diffusamente su http://folies.splinder.com/1105944559#3838627
    non+autenticato
  • Abito a Firenze, zona Campo Marte (allo stadio, per intenderci). Intorno a novembre mio padre ha approfittato di un'offertona presso un vicino negozio di elettrodomestici/ elettronica (catena Euronics, così facciamo pubblicitàPerplesso) ed ha acquistato un ricevitore digitale terrestre col contributo governativo: 17 euro di spesa.
    Collegato all'antenna - condominiale - ha funzionato al primo colpo, forse perché l'impianto era già stato adeguato in precedenza. Nell'ultimo mese si sono aggiunti ai canali già ricevibili in precedenza nella nostra zona praticamente tutti quelli attualmente trasmessi in Italia, compresi quelli in pay per view sia del Biscione sia della 7 (anche perché è La7 ad avere l'esclusiva sul DTT delle partite interne della Fiorentina - ovviamente le card La7 sono già introvabili). Oltretutto il modello del ricevitore - Strong by Fracarro, un onesto ricevitore senza troppi fronzoli - è citato nelle note interattive dei canali PPV Mediaset come compatibile al servizio ed anzi autoconfigurante. E difatti dal'inizio di gennaio nei suoi menu di configurazione sono comparse nuove voci, tra cui il necessario per gestire il servizio Mediaset. Nessun notizia di configurazioni La7, ma penso che prima o poi arriveranno anche quelle.
    Morale? Evidentemente Firenze è considerata un bacino importante di utenti, ed il negozio sotto casa sapeva cosa faceva quando ha scelto quali modelli mettere in vendita.
    Ritengo la gestione del digitale terrestre come un grande affare, soprattutto per chi l'ha spinto finora, soprattutto politicamente. Non ho ancora visto, tuttavia, gli enormi progressi rispetto alla televisione tradizionale, del resto la tanto citata interattività è per ora una specie di superTelevideo ad alta risoluzione, con un modem a 56k per internet (ma solo se hai già un abbonamento di tuo); insomma siamo passati da MS-DOS a Windows 3.11, ce ne vuole ancora.
    non+autenticato
  • Per chi non avesse afferrato, la differenza fra internet e il DTT sta nel fatto che con il DTT si può inviare un flusso di 24Mbit/s a milioni di persone contemporaneamente, in qualunque punto del terrritorio che si sceglie di illuminare e senza che l'aggiunta di nuovi ricevitori tolga banda agli altri.
    E' evidente che con queste possibilità si possa fare qualcosa di diverso rispetto a "internet".
    Se volete potete continuare a chiamarla "televisione" e prendervela col "concetto di televisione"... ma state parlando di qualcosa di diverso o, in una parola come si dice qui, siete OT.

    Federico Rocchi

    PS per lamberto: a quale sentenza fai riferimento? a quella della pubblicità ingannevole? e che c'entra con la tecnica e la sostanza della tecnologia?
    non+autenticato
  • > il DTT si può inviare un flusso di
    > 24Mbit/s a milioni di persone
    > contemporaneamente,

    uno-a-molti

    ergo: roba vecchia
    non+autenticato
  • Direi "efficiente" piuttosto che vecchia, soprattutto per trasmettere a tutti lo stesso contenuto. Internet, ovvero punto a punto, non è efficiente per questo.



    - Scritto da: Anonimo
    > > il DTT si può inviare un flusso
    > di
    > > 24Mbit/s a milioni di persone
    > > contemporaneamente,
    >
    > uno-a-molti
    >
    > ergo: roba vecchia
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 31 discussioni)