Transmeta, vicino l'addio ai processori?

L'azienda spera di emergere dal profondo rosso dei suoi bilanci focalizzando il proprio business sulla vendita di brevetti. Strategia che prevede un parziale ritiro dal mercato dei processori

Santa Clara (USA) - Nell'affannoso tentativo di ridurre i costi e generare i primi profitti, la piccola Transmeta si appresta ad avviare una profonda ristrutturazione che potrebbe allontanarla dal mercato delle CPU.

Il cambio di rotta, previsto per il prossimo 31 marzo, prevede che la società venda solo i processori attualmente in magazzino, fino ad esaurimento scorte: fatto questo, Transmeta continuerà la produzione dei chip Efficeon da 90 nanometri esclusivamente per "alcuni clienti selezionati".

L'azienda, che non dispone di proprie fabbriche, commissiona la produzione dei suoi chip a terzi.
Transmeta intende spostare sempre più il proprio core business verso la concessione in licenza delle sue proprietà intellettuali, in particolare quelle relative alle tecnologie utilizzate nelle sue CPU a basso consumo: fra queste vi è LongRun2, un insieme di tecnologie volte a minimizzare il consumo energetico dei processori e la conseguente generazione di calore.

Proprio ieri Transmeta ha annunciato di aver dato in licenza le proprie tecnologie di power management a Sony. Quest'ultima potrebbe utilizzare LongRun2 all'interno dei futuri processori Cell, notoriamente orientati al mercato delle appliance consumer. Transmeta non ha fornito i dettagli finanziari dell'accordo con il colosso giapponese ma è probabile che, similmente ai rapporti contrattuali già in essere con NEC e Fujitsu, i primi incassi arriveranno solo quando Sony commercializzerà prodotti basati su LongRun2.

Transmeta è stata una delle prime aziende a progettare un processore a bassissimo consumo compatibile con Windows. Negli ultimi anni, però, prima Intel e più di recente AMD e VIA hanno lanciato sul mercato prodotti in grado di rivaleggiare con quelli di Transmeta, costringendo quest'ultima a ritirarsi in una nicchia di mercato sempre più piccola. Questa situazione, come sembrano indicare le mosse intraprese dagli amministratori della società, potrebbe portare Transmeta a rinunciare alla progettazione dei processori per concentrarsi sullo sviluppo di tecnologie specifiche da rivendere ai produttori di chip.
TAG: mercato
41 Commenti alla Notizia Transmeta, vicino l'addio ai processori?
Ordina
  • la trasbrevetti ha fallito perche ha mal giudicato il progetto linux in complesso.

    la sua idea era vendere pc, portatili, dispositivi embedded, contenenti la sua cpu emulando la vecchia intel (binomio win-intel).

    Peccato che l'accopiata trans-lino e fallita ma non per colpa della parte hw che ritengo migliore delle cpu amd-intel, ma semplicemente perche a lino nessuno se lo fila.
    Caduta la parte lino e ovvio che non e scattata la forza trainante sulle cpu e quindi addio.

    come in passato il binomio sw-hw e quello che conta sui grandi numeri, e onestamente win in questo e padrone, qualunque hw unisca il suo nome a win la fa da padrone.


    Fan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la trasbrevetti ha fallito perche ha mal
    > giudicato il progetto linux in complesso.
    >
    > la sua idea era vendere pc, portatili,
    > dispositivi embedded, contenenti la sua cpu
    > emulando la vecchia intel (binomio
    > win-intel).
    >
    > Peccato che l'accopiata trans-lino e fallita
    > ma non per colpa della parte hw che ritengo
    > migliore delle cpu amd-intel, ma
    > semplicemente perche a lino nessuno se lo
    > fila.
    > Caduta la parte lino e ovvio che non e
    > scattata la forza trainante sulle cpu e
    > quindi addio.
    >
    > come in passato il binomio sw-hw e quello
    > che conta sui grandi numeri, e onestamente
    > win in questo e padrone, qualunque hw unisca
    > il suo nome a win la fa da padrone.
    >
    >
    > Fan Windows

    e questo torvalds lo previsto in tempo, ecco perchè è fuggito via

    immagina un po' l'articolo...
    "...l'inventore del kernel linux che ha fatto la fortuna di qualcuno, oggi è un fallito..."

    e si... linus sarà pure un ingenuo, ma non certo fesso
    non+autenticato
  • ho letto che nella catena di supermercati wal mart i portatili esconomici da 490 dollari sono finiti subito e
    ci dcredo!!!
    chissa sedentro hannno il Transmeta..
    col cambio qua costerebbero circa 300 euro...
    perhce nessuno li ijporta
    io lo comprerei !
    non+autenticato
  • noooo dai guarda che per risolvere ti basta cambiare la tastiera. costera' 10? (sto scherzanzo naturalmente)
    non+autenticato
  • Succede ad improvvisare, era ampiamente previsto. Solo questione di tempo.
    non+autenticato
  • Transmeta aveva scelto il segmento di mercato dei processori a basso consumo perchè la frequenza dei processori toccando e superando i 900 Mhz di clock ( un forno a microonde lavora sui 960 Mhz ) rendeva molto problematico raffreddare il PC portatili. Alcuni miei amici mi hanno raccontato come sono rimasti stupiti nel constatare che il loro fornitore ogni anno sostitituva nei portatili molte tastiere , perché letteralmente si scioglievano. Inoltre arrivare a 2 ore di autonomia di batteria era ( ed é tutt'ora ) un traguardo difficile. Transmeta ha i brevetti giusti per abbasssare la tensione sui transistors e di conseguenza i consumi e il calore. Ci ha provato , ma i suoi concorrenti che hanno investito in nanotecnologia dopo alcuni hanni hanno raggiunto e superato Transmeta. Linux in questo c' entra poco.
    Riguardo a IBM, linux é stata la sua salvezza. IBM vende principalmente hardware, e prima di linux in un server IBM il costo maggiore é sempre stato rappresentato dal software e dall'assistenza (loro arrivano a garantire fino a un quarto d'ora massimo di fermo macchina all'anno se paghi ). Con linux l'affidabilità dei server RISC si é potuta portare su piattaforma intel , che é molto più economica, e il costo del software ora é quasi zero rispetto a quello dell'hardware. In sostanza ora IBM vende molto più hardware che in passato. Basti solo questo, che dove lavoro io , siamo passati da 5 server IBM PowerPC a 55 Server server IBM Linux Intel ottenedo anche un risparmio rispetto a prima. Il motto di microsoft "Fai di più con meno" in realtà é stato rubato a Linux, perché oggi chi rende disponibili molti servizi, con Linux ha raggiunto l'obiettivo facimente. Ora penso sia interessante portare Linux sul desktop di casa , ma credo che si dovrà ancora aspettare molto , in quanto la cultura dell'utente medio su linux é ancora molto lacunosa, e forse verrà compensata dalle prossime generazioni che usciranno dall'università, o che si troveranno in azienda come primo PC un desktop Linux. A casa prevedo che per molti anni si userà ancora Windows. In fondo Windows ha si molti problemi, ma permette di fare ancora molte cose interessanti , che su Linux sono state per ora trascurate.
    Riguardo al futuro di Transmeta non credo sia nero. In fondo hanno bravi progettisti e buoni contratti, e non é affatto poco dignitoso fare chips e mnon processori. Per esempio molte schede madri usano chip set "Via", ma pochi sanno che in catalogo Via ha anche un processore compatibile con intel pentium. Forse non se ne vedono molti in giro, ma comunque chi lavora con via ne beneficia , pagandolo poco e immettendo sul mercato molti dispositivi "intelligenti" a prezzi bassi. Fare processori o no sono solo strategie di mercato, tutto quì.

    Saluti a tutti.

  • - Scritto da: rolex
    > Transmeta aveva scelto il segmento di
    > mercato dei processori a basso consumo
    > perchè la frequenza dei processori
    > toccando e superando i 900 Mhz di clock ( un
    > forno a microonde lavora sui 960 Mhz )
    > rendeva molto problematico raffreddare il PC
    > portatili. Alcuni miei amici mi hanno
    > raccontato come sono rimasti stupiti nel
    > constatare che il loro fornitore ogni anno
    > sostitituva nei portatili molte tastiere ,
    > perché letteralmente si scioglievano.
    > Inoltre arrivare a 2 ore di autonomia di
    > batteria era ( ed é tutt'ora ) un
    > traguardo difficile. Transmeta ha i brevetti
    > giusti per abbasssare la tensione sui
    > transistors e di conseguenza i consumi e il
    > calore. Ci ha provato , ma i suoi
    > concorrenti che hanno investito in
    > nanotecnologia dopo alcuni hanni hanno
    > raggiunto e superato Transmeta. Linux in
    > questo c' entra poco.
    [...]
    > Riguardo al futuro di Transmeta non credo
    > sia nero. In fondo hanno bravi progettisti e
    > buoni contratti, e non é affatto poco
    > dignitoso fare chips e mnon processori. Per
    > esempio molte schede madri usano chip set
    > "Via", ma pochi sanno che in catalogo Via ha
    > anche un processore compatibile con intel
    > pentium. Forse non se ne vedono molti in
    > giro, ma comunque chi lavora con via ne
    > beneficia , pagandolo poco e immettendo sul
    > mercato molti dispositivi "intelligenti" a
    > prezzi bassi. Fare processori o no sono
    > solo strategie di mercato, tutto quì.
    >
    In effetti il problema di Transmeta è stato proprio VIA, che dispone delle fabbriche e comprando Centaur si è trovata il progetto bello pronto per un PIII compatibile a basso consumo nello stesso segmento del Transmeta.
    Certo che in ogni caso gli x86 di qualsiasi tipo possono nascondersi davanti ai PowerPC riguardo al rapporto Potenza di calcolo/Consumi.
    non+autenticato
  • la trasbrevetti ha fallito perche ha mal giudicato il progetto linux in complesso.

    la sua idea era vendere pc, portatili, dispositivi embedded, contenenti la sua cpu emulando la vecchia intel (binomio win-intel).

    Peccato che l'accopiata trans-lino e fallita ma non per colpa della parte hw che ritengo migliore delle cpu amd, ma semplicemente perche a lino nessuno se lo fila.
    Caduta la parte lino e ovvio che non e scattata la forza trainante sulle cpu e quindi addio.

    come in passato il binomio sw-hw e quello che conta sui grandi numeri, e onestamente win in questo e padrone


    Fan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la trasbrevetti ha fallito perche ha mal
    > giudicato il progetto linux in complesso.
    >
    > la sua idea era vendere pc, portatili,
    > dispositivi embedded, contenenti la sua cpu
    > emulando la vecchia intel (binomio
    > win-intel).
    >
    > Peccato che l'accopiata trans-lino e fallita
    > ma non per colpa della parte hw che ritengo
    > migliore delle cpu amd, ma semplicemente
    > perche a lino nessuno se lo fila.
    > Caduta la parte lino e ovvio che non e
    > scattata la forza trainante sulle cpu e
    > quindi addio.
    >
    > come in passato il binomio sw-hw e quello
    > che conta sui grandi numeri, e onestamente
    > win in questo e padrone
    >
    >
    > Fan Windows

    Non sapevo che sui Transmeta non si potesse far girare Windows...
    non+autenticato
  • >
    > Non sapevo che sui Transmeta non si potesse
    > far girare Windows...


    a coso come fai ad entrare in un mercato dove grandi big con agganci politici pubblicita e milioni a gogo la fanno da padrone.

    fornisci innovazione? in due giorni ti copiano e ciao
    abbassi i prezzi? idem con patate


    o tenti di cavalcare il cavallo zoppo dell'open e di lino, per fornire un alternativa?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Non sapevo che sui Transmeta non si
    > potesse
    > > far girare Windows...
    >
    >
    > a coso come fai ad entrare in un mercato
    > dove grandi big con agganci politici
    > pubblicita e milioni a gogo la fanno da
    > padrone.
    >
    > fornisci innovazione? in due giorni ti
    > copiano e ciao
    > abbassi i prezzi? idem con patate
    >
    >
    > o tenti di cavalcare il cavallo zoppo
    > dell'open e di lino, per fornire un
    > alternativa?

    Perchè non lasci un attimo perdere la zappa e non rifletti sul fatto che Transmeta fa (o faceva...) CPU e non computer ? E che quindi gli interessa relativamente sapere se i suoi processori vengono usati con Windows o con Linux ?

    Eppure utilizzare Google non è poi così difficile...

    http://www.01net.it/01NET/HP/0,1254,1_ART_11614,00...
    http://www.amatteroffax.com/groupcat_c_M7_s_I1_Com...
    http://www.shopping.com/xPP-PC_Laptops---crusoe_tm...
    non+autenticato
  • Un altro post che avrebbe potuto dare il via ad un tranquillo e pacato scambio di idee rovinato dai soliti dementi.

    Pazienza
    non+autenticato

  • .....perchè la frequenza dei processori
    > toccando e superando i 900 Mhz di clock ( un
    > forno a microonde lavora sui 960 Mhz )
    > rendeva molto problematico raffreddare il PC
    > portatili.......

    Passando a cose serie.
    non capisco perché associ una frequenza di clock a delle emissioni elettromagnetiche, potrei capire se si trattasse di telefoni GSM che emettono onde radio + o - su quelle frequenze. Il calore delle CPU, mi pare più dovuto alla concetrazione di transistors negli IC. O sbaglio?

    Ciao Oscar
  • e di bilancio

    e bello vedere come chi ha finanziato il sor linux pian piano affonda, ibm con le mandorle, la trasbrevetti, che ora basta con l'open, ora vendo brevetti e chi più ne ha più ne metta.

    che riderrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrre
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > e di bilancio
    >
    > e bello vedere come chi ha finanziato il sor
    > linux pian piano affonda, ibm con le
    > mandorle, la trasbrevetti, che ora basta con
    > l'open, ora vendo brevetti e chi più
    > ne ha più ne metta.
    >
    > che riderrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrre

    Quando poi hai smesso di ridere dimmelo che ti spiego la differenza fra un processore ed un sistema operativo...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > e di bilancio
    > >
    > > e bello vedere come chi ha finanziato
    > il sor
    > > linux pian piano affonda, ibm con le
    > > mandorle, la trasbrevetti, che ora
    > basta con
    > > l'open, ora vendo brevetti e chi
    > più
    > > ne ha più ne metta.
    > >
    > > che
    > riderrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrre
    >
    > Quando poi hai smesso di ridere dimmelo che
    > ti spiego la differenza fra un processore ed
    > un sistema operativo...


    se la societa che produce cpu finanzia anche un so (open o close che sia) e sbarella, a questo punto di chi è la colpa del silicio o del software.
    visto che chi produce cpu in genere vive alla grande (come molti produttori insegnano) a questo punto è lecito pensare che il sw centri qualche cosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > se la societa che produce cpu finanzia anche
    > un so (open o close che sia) e sbarella, a
    > questo punto di chi è la colpa del
    > silicio o del software.
    > visto che chi produce cpu in genere vive
    > alla grande (come molti produttori
    > insegnano) a questo punto è lecito
    > pensare che il sw centri qualche cosa.

    Complimenti per la tua logica, Anonimo!

    Quindi chi produce processori automaticamente diventa miliardario, ora ho capito!

    Comincio subito a creare il mio processore e lo brevetto, i soldi arriveranno me lo garantisci tu, poi cosa c'entrano quisquiglie tipo il rapporto qualità-prezzo, il mercato a cui ci si rivolge, il confronto cn i concorrenti...

    Davvero, sei il nuovo Aristotele!
    Riot
    551

  • - Scritto da: Riot
    > - Scritto da: Anonimo
    > > se la societa che produce cpu finanzia
    > anche
    > > un so (open o close che sia) e
    > sbarella, a
    > > questo punto di chi è la colpa
    > del
    > > silicio o del software.
    > > visto che chi produce cpu in genere vive
    > > alla grande (come molti produttori
    > > insegnano) a questo punto è
    > lecito
    > > pensare che il sw centri qualche cosa.
    >
    > Complimenti per la tua logica, Anonimo!
    >
    > Quindi chi produce processori
    > automaticamente diventa miliardario, ora ho
    > capito!
    >
    > Comincio subito a creare il mio processore e
    > lo brevetto, i soldi arriveranno me lo
    > garantisci tu, poi cosa c'entrano
    > quisquiglie tipo il rapporto
    > qualità-prezzo, il mercato a cui ci
    > si rivolge, il confronto cn i concorrenti...
    >
    > Davvero, sei il nuovo Aristotele!


    provare per credere amico, crea un chippettino che va nei cellulari e che ti aumenta la durata della batteria del 5% e vedrai come i produttori di cellulari ti copriranno d'oro.
    non+autenticato
  • > provare per credere amico, crea un
    > chippettino che va nei cellulari e che ti
    > aumenta la durata della batteria del 5% e
    > vedrai come i produttori di cellulari ti
    > copriranno d'oro.

    Okay, devi solo fare meglio della ARM, vai pure e dammi una voce quando sei miliardario che ti faccio i complimenti.

    Seriamente, se credi che sia così facile fare soldi in questo modo allora devi anche spiegarmi perchè i produttori di CPU non sono centinaia.
    Riot
    551
  • Wow grandioso io ho seguito il consiglio di questo post e con l' A.C.S (anonimuos chippetting system) sono diventato miliardario in pochi minuti.
    E DEL TUTTO VERO questa non e' una fregatura: prova anche tu e COMODAMENTE da CASA TUA potrai guadagnare piu' soldi di zio Paperone.



    manda questo invito a 5 amici
    avrai anche in omaggio il salvadanaio a forma di porcellino coordinato.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)