Bush dà la caccia ai siti iraniani?

Questa l'ipotesi dopo l'inesplicabile chiusura di un celebre sito di news iraniano ospitato su server americani. Teheran parla di censure e si prepara a far da sé

Washington (USA) - Non sono passati molti giorni da quando il nuovo segretario di Stato americano, Condoleezza Rice, ha parlato dell'Iran come di un "baluardo della tirannia" e da quando il vicepresidente americano Dick Cheney ha definito il paese il problema potenzialmente più grave per il mondo. Sono invece passate solo poche ore dall'improvvisa chiusura del celebre sito iraniano ospitato su server americani ISNA (Iranian Student News Agency).

Stando a quanto affermato dai gestori di ISNA, che intanto ha già trovato ospitalità altrove, nei giorni scorsi il provider The Planet ha trasmesso ad ISNA una comunicazione nella quale si avvertiva che nel giro di 48 ore il sito web sarebbe stato cancellato e che contro questa decisione nessun negoziato poteva essere intavolato né in alcun modo avrebbe potuto essere cambiata.

E se The Planet per ora si guarda bene dal rilasciare un qualsiasi commento sull'accaduto, quelli di ISNA fanno notare come i gestori di molti altri siti iraniani ospitati su server americani parlino di pressioni di varia natura dai propri provider, segno probabile a loro dire che qualcuno "dall'alto" intende dare filo da torcere ai server che ospitano siti iraniani. Va peraltro ricordato che sono davvero moltissimi i siti internazionali ospitati da provider statunitensi.
Ma la questione sembra di ora in ora portarsi sul fronte diplomatico, rendendo ancora più difficili relazioni internazionali già piuttosto tese. Un esponente del ministero della Guida islamica iraniano, che controlla i media del paese, ha dichiarato alla BBC che il Governo americano sta violando i diritti umani costringendo gli operatori ad abbandonare quei server. Un segno - ha affermato - che l'Iran non può avere fiducia negli Stati Uniti o nell'Europa.

Stando ai corrispondenti a Teheran della BBC, ora nel paese sono molti a chiedere che l'Iran sviluppi le proprie tecnologie di comunicazione per non essere dipendente da quelle americane o europee, a partire dai sistemi di comunicazione satellitare. Ciò che si teme a Teheran, dunque, è che censure come quella contro ISNA possano estendersi ad altri media e apparati oggi usati dall'Iran per le proprie comunicazioni.
TAG: censura
55 Commenti alla Notizia Bush dà la caccia ai siti iraniani?
Ordina
  • Il titolo dovrebbe essere "Bush da la caccia [...]".
    Infatti "dà" scritto con l'accento in italiano è imperativo, e non terza persona indicativo presente.
    non+autenticato
  • E' corretto scrivere "Bush dà la caccia...", basta consultare un qualsiasi dizionario della lingua italiana...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E' corretto scrivere "Bush dà la
    > caccia...", basta consultare un qualsiasi
    > dizionario della lingua italiana...

    gnegnegnè!
    non+autenticato
  • ...Libereremo il mondo dai tiranni e gli oppressori...
    Ma secondo voi che cosa prende per dire frasi simile e fare subito dopo cose così
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...Libereremo il mondo dai tiranni e gli
    > oppressori...
    > Ma secondo voi che cosa prende per dire
    > frasi simile e fare subito dopo cose
    > così

    ...magari medita il suicidio...
    non+autenticato
  • Prima Bush li minaccia per interrompere il loro studio sul nucleare...
    Ora li caccia dai sui ISP....

    Senza saper nè leggere e nè scrivere.....se 2+2 fa 5....bastano un paio di bombe atomiche per scattare un'altra foto tragica della storia.

    SithDrew
    non+autenticato
  • C'e' gente che parla bene e razzola male. Perche' l'Iran si ostina a dare contro il Grande Diavolo pero' poi si arrabbiano quando questi staccano la spina. Ma insomma...chi farebbe dei lavori per qualcuno che lo considera un nemico ? E' come liberazione.it che da contro agli imperialisti USA e poi hanno (o avevano visto che ora e' giu' pre gravi problemi) il server su IIS e pagine in asp
    Insomma...un po' di coerenza...l'Iran invece di lamentarsi dovrebbe attrezzarsi e fare in modo che gli studenti abbiano i siti da loro.
    Perche' non si chiedono il motivo per cui gli studenti vanno all'estero a mettere i loro siti ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > C'e' gente che parla bene e razzola male.
    > Perche' l'Iran si ostina a dare contro il
    > Grande Diavolo pero' poi si arrabbiano
    > quando questi staccano la spina.

    Se non sbaglio, ISNA e' piuttosto contro il regime degli Ayatollah.
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > C'e' gente che parla bene e razzola
    > male.
    > > Perche' l'Iran si ostina a dare contro
    > il
    > > Grande Diavolo pero' poi si arrabbiano
    > > quando questi staccano la spina.
    >
    > Se non sbaglio, ISNA e' piuttosto contro il
    > regime degli Ayatollah.

    per essere contro il regime degli ayatollah, nel sito campeggia ben bene la fotina di khomeini.

    tra l'altro, nel sito non ho trovato nessun link alla versione in lingua inglese. son io che son distratto, oppure la versione inglese non c'e'? se cosi' fosse, non mi parrebbe una gran bella mossa..

  • - Scritto da: LockOne

    > > Se non sbaglio, ISNA e' piuttosto
    > contro il
    > > regime degli Ayatollah.
    >
    > per essere contro il regime degli ayatollah,
    > nel sito campeggia ben bene la fotina di
    > khomeini.

    Probabilmente sono obbligati a farlo (Vedo vicino anche una spece di "sigillo"). O forse non e' la stessa associazione degli studenti che qualche anno fa' si batteva per piu' democrazia.

    > tra l'altro, nel sito non ho trovato nessun
    > link alla versione in lingua inglese. son io
    > che son distratto, oppure la versione
    > inglese non c'e'? se cosi' fosse, non mi
    > parrebbe una gran bella mossa..

    C'e' nessuno nel forum che parla/legge arabo ?
    11237
  • Io leggo e scrivo un po' di arabo.

    Ma in iran NON SONO ARABI: hanno un diverso alfabeto e una diversa lingua (che puo' sembrare strano ma e' indoeuropea come la nostra ed e' una tra le piu' antiche).

    Lo metto in maiuscolo non perche' voglia iniziare un flame (figuriamoci) ma perche' spesso si fa di ogni erba un fascio, chiamando "arabi" i marocchini, gli iraniani e talvolta persino gli indiani e dando per scontato che arabo = musulmano (e a volte) = terrorista.

    Inoltre si pensa che tutti parlino arabo... provate a mettere un marocchino in palestina: per farsi capire parlera' francese.

    L'"arabo" non esiste se non come lingua del Corano: e' complicatissimo, molto arzigogolato, ha i casi come il latino e nessuno lo parla.

    Gli esseri umani parlano solo dialetti, diversi da nazione a nazione (simili nelle nazioni confinanti) e spesso c'e' gente che "spiega loro" cosa c'e' scritto nelle sacre scritture (e ovviamente vi lascio immaginare quale sia il pericolo di tutto cio')

    Ora con i giornali sta nascendo una sorta di arabo scritto semplificato molto piu' "omogeneo", ma per parlare occorre sempre sapere i dialetti.

    Quindi: dolente ma nonostante la mia traballantissima conoscenza della lingua araba non posso proprio aiutarviSorride


    CoD
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io leggo e scrivo un po' di arabo.
    >
    > Ma in iran NON SONO ARABI: hanno un diverso
    > alfabeto e una diversa lingua (che puo'
    > sembrare strano ma e' indoeuropea come la
    > nostra ed e' una tra le piu' antiche).

    Urgh ! Professo la mia ignoranza ...

    > Inoltre si pensa che tutti parlino arabo...
    > provate a mettere un marocchino in
    > palestina: per farsi capire parlera'
    > francese.

    Urgh !!

    > L'"arabo" non esiste se non come lingua del
    > Corano: e' complicatissimo, molto
    > arzigogolato, ha i casi come il latino e
    > nessuno lo parla.

    Urgh !!!!!

    Grazie per le informazioni, ho sempre creduto il contrario !
    11237

  • - Scritto da: Anonimo
    > C'e' gente che parla bene e razzola male.
    > Perche' l'Iran si ostina a dare contro il
    > Grande Diavolo pero' poi si arrabbiano
    > quando questi staccano la spina. Ma
    > insomma...chi farebbe dei lavori per
    > qualcuno che lo considera un nemico ?

    Sì, però l'Iran non è UNA persona.
    Io non farei lavori per uno che considero un nemico, ma un cliente non è automaticamente un nemico solo perché proviene da un paese in cui il governo e/o l'opinione pubblica ce l'hanno con il mio paese o con il mio governo.
    Comunque, se sembra ragionevole considerare nemico mio il nemico del mio paese (ma la cosa non è poi così ovvia), non è affatto automatico considerare nemico mio il nemico del mio governo.
    Cerchiamo di non ragionare come i terroristi, che si incazzano per la politica di Bush e perciò sparano a me, secondo la logica per cui ogni italiano è amico di Berlusconi che appoggia Bush che rompe le palle e perciò ammazzo l'italiano qualunque. Sono cose, queste, che devono finire.
    Se dei provider subiscono pressioni dal proprio governo che li costringe a fare angherie a clienti di un altro paese, qualcosa di marcio c'è di sicuro, nel paese dei provider. Altro che democrazia.
    E se gli stessi provider fanno angherie deliberatamente, di propria spontanea volontà, per motivi ideologici, allora professionalmente fanno davvero cagare. E sono un pericolo per la democrazia e la vita civile.
    non+autenticato
  • Bravo YureW!


    - Scritto da: YureW
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > C'e' gente che parla bene e razzola
    > male.
    > > Perche' l'Iran si ostina a dare contro
    > il
    > > Grande Diavolo pero' poi si arrabbiano
    > > quando questi staccano la spina. Ma
    > > insomma...chi farebbe dei lavori per
    > > qualcuno che lo considera un nemico ?
    >
    > Sì, però l'Iran non è
    > UNA persona.
    > Io non farei lavori per uno che considero un
    > nemico, ma un cliente non è
    > automaticamente un nemico solo perché
    > proviene da un paese in cui il governo e/o
    > l'opinione pubblica ce l'hanno con il mio
    > paese o con il mio governo.
    > Comunque, se sembra ragionevole considerare
    > nemico mio il nemico del mio paese (ma la
    > cosa non è poi così ovvia),
    > non è affatto automatico considerare
    > nemico mio il nemico del mio governo.
    > Cerchiamo di non ragionare come i
    > terroristi, che si incazzano per la politica
    > di Bush e perciò sparano a me,
    > secondo la logica per cui ogni italiano
    > è amico di Berlusconi che appoggia
    > Bush che rompe le palle e perciò
    > ammazzo l'italiano qualunque. Sono cose,
    > queste, che devono finire.
    > Se dei provider subiscono pressioni dal
    > proprio governo che li costringe a fare
    > angherie a clienti di un altro paese,
    > qualcosa di marcio c'è di sicuro, nel
    > paese dei provider. Altro che democrazia.
    > E se gli stessi provider fanno angherie
    > deliberatamente, di propria spontanea
    > volontà, per motivi ideologici,
    > allora professionalmente fanno davvero
    > cagare. E sono un pericolo per la democrazia
    > e la vita civile.
    non+autenticato
  • Vallo a dire ai comunisti filoislamici italiani...magari imparano qualcosa...
    non+autenticato
  • .. la democrazia anche in Iran, del resto è risaputo, noi occidentali ne abbiamo un surplus quindi esportiamola a chi ne ha meno di noi, è cosa buona e giusta...

    un po' pero' teniamocela, non è che ne esportiamo troppa poi ci manca...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > .. la democrazia anche in Iran, del resto
    > è risaputo, noi occidentali ne
    > abbiamo un surplus quindi esportiamola a chi
    > ne ha meno di noi, è cosa buona e
    > giusta...
    >
    > un po' pero' teniamocela, non è che
    > ne esportiamo troppa poi ci manca...

    Guerre a parte però, all'Iran servirebbe davvero.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Guerre a parte però, all'Iran
    > servirebbe davvero.

    E chi sei tu per decidere che e' ora di imporla ?

    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Guerre a parte però, all'Iran
    > > servirebbe davvero.
    >
    > E chi sei tu per decidere che e' ora di
    > imporla ?
    >

    e chi sei tu per decidere che non è ora di imporla?
    non+autenticato
  • Beh,visto che l'attuale governo iraniano e' li grazie agli stati uniti almeno dovrebbero starsene zitti...
    e poi questa questione dell'esportare la democrazia e' una buffonata: la democrazia deve nascere spontanea in una nazione,altrimenti si finisce come l'iraq,in cui i dissidenti arrivano a bruciare i pozzi di petrolio,prima fonte di introiti del loro paese,pur di cacciare queste forze che si dicono di polizia ma che sono di fatto forze di guerra.
    Insomma come si puo' pensare di portare il PROPRIO modello di democrazia in paesi che hanno storia,cultura,e tutto cio' che ci sta a contorno totalmente differenti dal paese dove tale modello e' nato???
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Beh,visto che l'attuale governo iraniano e'
    > li grazie agli stati uniti almeno dovrebbero
    > starsene zitti...

    Komeini era stipendiato dalla CIA ?

    > e poi questa questione dell'esportare la
    > democrazia e' una buffonata: la democrazia
    > deve nascere spontanea in una
    > nazione,altrimenti si finisce come l'iraq,in
    > cui i dissidenti arrivano a bruciare i pozzi
    > di petrolio,prima fonte di introiti del loro
    > paese,pur di cacciare queste forze che si
    > dicono di polizia ma che sono di fatto forze
    > di guerra.

    giusto l'imposizione della democrazia è sempre un'errore, vedi anche il kossovo oppure il dafur...
    o l'italia nel 1943...

    > Insomma come si puo' pensare di portare il
    > PROPRIO modello di democrazia in paesi che
    > hanno storia,cultura,e tutto cio' che ci sta
    > a contorno totalmente differenti dal paese
    > dove tale modello e' nato???

    e allora perchè voler imporre la democrazia europea negli imperialisti USA ?
    non+autenticato

  • >
    > Komeini era stipendiato dalla CIA ?
    >
    bravo,un applauso......del resto non finanziavano anche i talebani all'inizio?

    >
    > giusto l'imposizione della democrazia
    > è sempre un'errore, vedi anche il
    > kossovo oppure il dafur...
    > o l'italia nel 1943...
    >
    per quanto riguarda kossovo e dafur non sono abbastanza documentato quindi non mi pronuncio,ma in italia dopo la liberazione mi pare ci sia stato un referendum su quale forma di governo adottare,non un'imposizione ....e mi pare anche che di liberarci dal dittatore fosse un NOSTRO desiderio

    >
    > e allora perchè voler imporre la
    > democrazia europea negli imperialisti USA ?
    Io non voglio imporre nulla all'america,anzi la lascio nel suo brodo di pollo sperando che collassi su se stessa (cosa che beninteso non succedera' di sicuro ancora per decine e decine di anni purtroppo). E che per ogni persona fuori dai suoi confini nazionali che ha ucciso per imporre i suoi modelli (e per difendere i suoi interessi monetari) una famiglia americana,cominciando dalle + ricche,faccia la fame.Li voglio vedere in ginocchio tanto quanto ora sono loro a metere in ginocchio il mondo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > >
    > > Komeini era stipendiato dalla CIA ?
    > >
    > bravo,un applauso......del resto non
    > finanziavano anche i talebani all'inizio?

    Guarda che era ironico...

    >
    > >
    > > giusto l'imposizione della democrazia
    > > è sempre un'errore, vedi anche il
    > > kossovo oppure il dafur...
    > > o l'italia nel 1943...
    > >
    > per quanto riguarda kossovo e dafur non sono
    > abbastanza documentato quindi non mi
    > pronuncio,ma in italia dopo la liberazione
    > mi pare ci sia stato un referendum su quale
    > forma di governo adottare,non un'imposizione

    Ti pare male...

    Il referendum era fra repubblica e monarchia, non riguardava ne la forma di governo ne l'imostazione democratica del paese.

    > ....e mi pare anche che di liberarci dal
    > dittatore fosse un NOSTRO desiderio

    Beh... a dire il vero non mi sembra che gli irakeni fossero così contenti di Saddam...

    E stai tranquillo che neppure gli iraniani, in buona parte, stravedono per la dittatura teocratica...

    Ad ogni modo riporto una notizia in tema...

    http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/mondo/news...

    P.S. Non sto dicendo che bisogna invadere l'Iran, semplicemente mi sono limitato ad alcune considerazioni...


    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Beh,visto che l'attuale governo iraniano e'
    > li grazie agli stati uniti almeno dovrebbero
    > starsene zitti...
    > e poi questa questione dell'esportare la
    > democrazia e' una buffonata: la democrazia
    > deve nascere spontanea in una
    > nazione,altrimenti si finisce come l'iraq,in
    > cui i dissidenti arrivano a bruciare i pozzi
    > di petrolio,prima fonte di introiti del loro
    > paese,pur di cacciare queste forze che si
    > dicono di polizia ma che sono di fatto forze
    > di guerra.
    > Insomma come si puo' pensare di portare il
    > PROPRIO modello di democrazia in paesi che
    > hanno storia,cultura,e tutto cio' che ci sta
    > a contorno totalmente differenti dal paese
    > dove tale modello e' nato???

    ma a parte questo.. gli USA combattono prima il terrorismo
    (nota, il terrorismo ossia qualcosa che si annida potenzialmente ovunque) invadendo un paese con un
    esercito, poi insegnano la democrazia (che è un idea,
    un fatto culturale) sempre con un esercito che rade al
    suolo un paese e uccide 100.000 (centomila) vittime
    (forse a questi l'idea a loro non era entrata in testa, sai il proiettile con cui sparar-la a volte ti ci può far rimaner secco)

    e qualcuno non ha ancora capito un..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > E chi sei tu per decidere che e' ora di
    > > imporla ?
    >
    > e chi sei tu per decidere che non è
    > ora di imporla?

    Hai ragione, mi hai convinto. Seguendo la tua logica stringente ti imporro' (Per il bene tuo e di tutta l'umanita') di girare con un cartello "kick me" sulla schiena. Non vorrai privarci di sano sport e qualche grassa risata !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Guerre a parte però, all'Iran
    > > servirebbe davvero.
    >
    > E chi sei tu per decidere che e' ora di
    > imporla ?

    Perche' confondere una frase in forma condizionale in cui si auspica una maggiore democrazia in Iran, con una esplicita ma mai espressa intenzione di imporre qualcosa?
    Tanto per fare polemica? O sei proprio carente in capacita' di comprensione?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)