In arrivo i primi P4 a 64 bit

Intel sta per lanciare i primi modelli di Pentium 4 con tecnologia EM64T attivata, tecnologia che verrà introdotta nei Celeron a partire dal prossimo trimestre. Ecco i dettagli

Roma - Entro la fine dell'attuale trimestre Intel estenderà la propria tecnologia x86 a 64 bit (EM64T) anche ai suoi processori desktop mainstream. Solo un anno fa, il colosso prevedeva di attuare questa mossa non prima del 2008.

Secondo alcune fonti vicine ad Intel, alla fine di questo trimestre il big di Santa Clara lancerà sul mercato una nuova serie di Pentium 4, la 6xx, in cui la tecnologia EM64T sarà attiva e funzionante.

Le attuali versioni di P4 includono già la circuiteria per l'indirizzamento a 64 bit, ma questa è disabilitata. In realtà, proprio pochi giorni fa, il colosso ha introdotto alcuni modelli di P4 con la funzione EM64T attivata, ma questi hanno una distribuzione molto limitata e si rivolgono esclusivamente al mercato delle workstation e dei server low-end.
I nuovi P4 6xx integreranno 2 MB di cache L2, una quantità doppia rispetto agli attuali modelli sul mercato.

Il prossimo trimestre il chipmaker dovrebbe completare l'opera introducendo sei nuovi modelli di P4 - 521, 531, 541, 551, 561 e 571 - che rimpiazzeranno quelli attuali e porteranno la tecnologia EM64T anche sulla vecchia generazione di chip. E' probabile che questi processori conserveranno ancora un solo MB di cache L2.

In questo stesso periodo dovrebbero apparire anche i primi Celeron a 64 bit: i loro numeri di modello dovrebbero andare da 326 a 351 con clock compreso fra 2,53 e 3,2 GHz.

Il lancio dei primi P4 a 64 bit cadrà non a caso nelle vicinanze del debutto sul mercato di Windows Server 2003 x64 Edition e Windows XP Professional x64 Edition: quest'ultimo, in particolare, sarà il primo sistema operativo di Microsoft in grado di supportare i processori x86 a 64 bit. Intel ha sempre sostenuto che avrebbe portato la tecnologia a 64 bit sul mercato mainstream solo dopo l'arrivo del software in grado di supportarla. In realtà Linux la supporta già da un pezzo ma, come noto, questo sistema operativo ha ancora una diffusione marginale nel segmento desktop.
TAG: hw
182 Commenti alla Notizia In arrivo i primi P4 a 64 bit
Ordina
  • Già vedo le vendite di amd in crash... la superiorità di intel è sempre più chiara, meno male che ho aspettato a comprare!!
    non+autenticato
  • veramente la cara (in tutti i sensi9 Intel ha sbagliato tutto, ritenendo prematuro ed inutile introdurre l'arch. 32-64 bit (in realtà non è una tecnologia only 64 bit) ora. Ma non è il primo sbaglio di Intel: fece lo stesso sbaglio con Itanium only 64 bit (anche se munì questo chip di una parte che sostanzialmente era un Pentium 586 per eseguire codice 32 bit; risultando però più lento Itanium ad eseguire codice 32 bit di un 586. Già perchè prima la cpu deve fare le chiamate e separare le istruzioni 64 da quelle 32 bit che vanno praticamente passate ad un'altra cpu).
    Purtroppo è proprio chi pensa come te a facilitare la vita ad Intel, e sempre purtroppo sono la maggioranza. Già proprio perchè questi errori sarebbero costati cari ad ogni multinazionale hw (e non solo), ma non a Intel che ha solo visto una "leggera" contrazione delle vendite, nonostante che sul mercato desktop le sue cpus a 32 bit erano lontane come prestazioni da quelle 32-64 bit di AMD. Proprio grazie a questa convinzione e alla sua posizione Intel è stata favorita in questo periodo dal non fiorire di sw ad hoc portato anche sulla new arch. di AMD: cosa che ha permesso ad Intel di contenere il distacco prestazionale delle sue cpus da quelle del big di Santa Clara.
    Poi approfittando anche della sua maggiore disponibilità di capitali e liquidità, ed approfittando anche del fatto che AMD aveva passato un periodo di conti in rosso e stava avendo i conti in attivo dopo il lancio della sua arch. 32-64 bit, comprò da AMD proprio l'utilizzo di alcuni dei brevetti della tecnologia 32-64 bit (chissà se AMD senza quei mesi in rosso avrebbero mai venduto l'utilizzazione di quei brevetti).
  • - Scritto da: BSD_like

    > Poi approfittando anche della sua maggiore
    > disponibilità di capitali e
    > liquidità, ed approfittando anche del
    > fatto che AMD aveva passato un periodo di
    > conti in rosso e stava avendo i conti in
    > attivo dopo il lancio della sua arch. 32-64
    > bit, comprò da AMD proprio l'utilizzo
    > di alcuni dei brevetti della tecnologia
    > 32-64 bit (chissà se AMD senza quei
    > mesi in rosso avrebbero mai venduto
    > l'utilizzazione di quei brevetti).

    a me risulta che AMD abbia rilasciato le specifiche di x86-64 royalty-free, sei sicuro?


    d'altra parte finalmente le aziende stanno capendo (finalmente!) che nell'informatica qualsiasi standard aperto ha sul lungo termine la meglio sugli standard chiusi, e che spesso tecnologie aperte peggiori hanno avuto la meglio su tecnologie chiuse ma migliori.. ci siamo intesi no?Occhiolino

  • - Scritto da: Anonimo
    > Già vedo le vendite di amd in
    > crash... la superiorità di intel
    > è sempre più chiara, meno male
    > che ho aspettato a comprare!!

    Meno male, hai ragione, posso finalmente spegnere i termosifoni, ci pensano i 130W dissipati dai nuovi processori intel a scaldarmi casa, yeaahh!!!
    non+autenticato
  • 64-bit mode is used by 64-bit applications running under a 64-bit operating system. It supports the following features:
    ? Architectural support for 64-bits of linear address; however IA-32 processors supporting Intel EM64T may
    implement less then 64-bits (see Section 1.3.3.3.and Section 1.5.2.)
    ? Register extensions accessible through a set of new opcode prefixes (REX)
    ? Existing general purpose registers widened to 64-bits (RAX, RBX, RCX, RDX, RSI, RDI, RBP, RSP)
    ? Eight new general purpose registers (R8?R15)
    ? Eight new 128-bit streaming SIMD extension registers (XMM8?XMM15)
    ? A 64-bit instruction pointer (RIP)
    ? A New RIP-relative data addressing mode
    ? The use of flat address space with single code, data, and stack space
    ? Extended and new instructions
    ? Physical address support greater than 64 GB; the actual physical address size of IA-32 processors supporting
    Intel EM64T is implementation specific
    ? A new interrupt priority control mechanism
    64-bit mode is enabled by the operating system on a code-segment basis. Its default address size is 64 bits and its
    default operand size is 32 bits. These defaults can be overridden on an instruction-by-instruction basis using the new
    REX opcode prefixes. The REX prefix allows a 32-bit operand to be specified when operating in 64-bit mode. By using
    this mechanism, many existing instructions have been modified or redefined to allow usage of the larger 64-bit regis-ters
    and 64-bit addresses.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 64-bit mode is used by 64-bit applications
    > running under a 64-bit operating system. It
    > supports the following features:
    > ? Architectural support for 64-bits of
    > linear address; however IA-32 processors
    > supporting Intel EM64T may
    > implement less then 64-bits (see Section
    > 1.3.3.3.and Section 1.5.2.)
    > ? Register extensions accessible through a
    > set of new opcode prefixes (REX)
    > ? Existing general purpose registers widened
    > to 64-bits (RAX, RBX, RCX, RDX, RSI, RDI,
    > RBP, RSP)
    > ? Eight new general purpose registers
    > (R8?R15)
    > ? Eight new 128-bit streaming SIMD extension
    > registers (XMM8?XMM15)
    > ? A 64-bit instruction pointer (RIP)
    > ? A New RIP-relative data addressing mode
    > ? The use of flat address space with single
    > code, data, and stack space
    > ? Extended and new instructions
    > ? Physical address support greater than 64
    > GB; the actual physical address size of
    > IA-32 processors supporting
    > Intel EM64T is implementation specific
    > ? A new interrupt priority control mechanism
    > 64-bit mode is enabled by the operating
    > system on a code-segment basis. Its default
    > address size is 64 bits and its
    > default operand size is 32 bits. These
    > defaults can be overridden on an
    > instruction-by-instruction basis using the
    > new
    > REX opcode prefixes. The REX prefix allows a
    > 32-bit operand to be specified when
    > operating in 64-bit mode. By using
    > this mechanism, many existing instructions
    > have been modified or redefined to allow
    > usage of the larger 64-bit regis-ters
    > and 64-bit addresses.

    http://img185.exs.cx/img185/9666/em64t4cv.gif
    non+autenticato
  • Ho letto molti dei post in merito e scusate ma io non ho capito perchè questi nuovi P4 non siano sul sierio processori a 64 bit.

    Perchè si dice questo?

    Sono tutti i registri interni ad essere a 64 bit o solo quelli che si occupano di gestire la memoria?
    non+autenticato

  • - Scritto da: mirko86
    > Ho letto molti dei post in merito e scusate
    > ma io non ho capito perchè questi
    > nuovi P4 non siano sul sierio processori a
    > 64 bit.
    >
    > Perchè si dice questo?
    >
    > Sono tutti i registri interni ad essere a 64
    > bit o solo quelli che si occupano di gestire
    > la memoria?

    la vedi questa
    http://www.hwupgrade.it/articoli/902/x86-64.gif

    praticamente è stata copiata
    non+autenticato
  • si dice questo perché c'è molta ignoranza in giro
    em64t è un ESTENZIONE a 64bit di x86 ESATTAMENTE come amd64, non sono VERE architetture a 64bit, non nel senso di un mips, di un alpha64 o di un g5, ma sono solo estenzioni, il core rimane x86

    al contrario IA64 (architettura nuova di intel) è un architettura a 64bit reale, dove il supporto a 32 viene EMULATO, mentre su amd64 e em64t è NATIVO
    non+autenticato
  • Ma che cosa pensate che sia un'architettura a 64 bit?

    È un'architettura con registri e operandi a 64 bit, e possibilmente bus dati e indirizzi a 64 bit.... che poi utlizzi un set di istruzioni che è un'estensione dell'x86 a 32 bit non significa un bel nulla.

    Del resto la x86 a 32 bit è una estensione della x86 a 16 bit dell'8086/80286 - ma nessuno sin qui si è sognato di dire che 386, 486 e Pentium "non sono veri processori a 32 bit".

    Tra l'altro l'8086 aveva un bus indirizzi a 20 bit, il 286 aveva un bus indirizzi a 24 bit, anche se la dimesione del bus dati era a 16 bit. E l'8088 trasferiva i dati dalla memoria a 8 bit per volta pur essendo a 16 bit, e il 386SX aveva un bus dati a 16 bit pur essendo un processore a 32 bit.

    Si può discutere sul fatto che sia un'archittettura solida, ben fatta e performante, non che "non sia un vero processore a 64 bit". Probabilmente un processore progettato fin dall'inizio a 64 bit può avere dei vantaggi che sono difficili o impossibili da implementare in un'architettura già esistente - che però può avere il vantaggio della compatibilità all'indietro senza emulazione.

    Che poi sia CISC o RISC, o che set di istruzioni usi dal punto di vista dei "bit" non fa alcuna differenza.

    Vedo che Internet anziché alzare la cultura informatica media la sta abbassando. Purtroppo chiunque può scrivere idiozie e pubblicarle, e trovare qualcuno che le spaccia per verità assolute. Purtroppo sta diventando sempre più difficile trovare le gemme fra la spazzatura.

    Sarebbe facilissimo digitare www.intel.com e leggere quello che c'è scritto, ma per alcuni è troppa fatica, e finisce per credere al primo esaltato di turno, che si guarda bene dall'informarsi e controllare.
  • NON basta avere dei registri a 64bit per far si che una CPU sia considerata a 64bit. Condizione necessaria è che l'ALU sia a 64bit cosa che NON è nei nuovi P4 EMT64.
    Semplicemente i registri a 64bit sono usati per l'indirizzamento della memoria, ma non per fare calcoli!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > NON basta avere dei registri a 64bit per far
    > si che una CPU sia considerata a 64bit.
    > Condizione necessaria è che l'ALU sia
    > a 64bit cosa che NON è nei nuovi P4
    > EMT64.
    > Semplicemente i registri a 64bit sono usati
    > per l'indirizzamento della memoria, ma non
    > per fare calcoli!!!!

    mov rax, rcx
    xor rdx, rdx
    imul rbx
    idiv rsi
    non+autenticato
  • diaci anni fa si parlava di CISC, in questi ultimi anni le cose sono cambiate.

    However, despite many successes, RISC has made few inroads into the desktop PC and commodity server markets, where Intel's x86 platform remains the dominant processor architecture (Intel is facing increased competition from AMD, but even AMD's processors implement the x86 platform, or a 64-bit superset known as x86-64). There are three main reasons for this. One, the x86 had a very large base of proprietary applications, whereas no RISC platform could claim the same, and this allowed x86 chip-makers to enjoy continuous sales despite a lack of performance. The second is that, although RISC was indeed able to scale up in performance quite quickly and cheaply, Intel countered by spending enormous amounts of money on processor development. For example, if it costs ten times as much to design a x86 chip with twice the performance of a competing RISC CPU, then no matter, Intel has ten times the cash and proceeds to do it. In reality Intel has even more than that, and Intel's CPUs continue to make great (and to many, surprising) strides in performance and more recently so have AMD's CPUs. The third reason is that Intel designers realized that RISC is a set of design philosophies and practices instead of an architecture. Intel started to apply many of the RISC principles to their CISC microprocessors in the 1990s. For example, the PentiumPro processor has special functional units which crack the majority of the CISC instructions into simpler RISC operations. Internally, the PentiumPro and descendant processors are RISC machines that emulate a CISC architecture.

    http://en.wikipedia.org/wiki/RISC
    non+autenticato

  • ..insieme a 16 giga di memoria!

    Finalmente finira' l'inferno dei limiti di memoria
    con cui ogni santo giorno ci si scontra nel 3d!!!

    Lightwave 64 e' una scheggia...
    http://www.newtek.com/news/releases/12-14-04a.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ..insieme a 16 giga di memoria!
    >
    > Finalmente finira' l'inferno dei limiti di
    > memoria
    > con cui ogni santo giorno ci si scontra nel
    > 3d!!!
    >
    > Lightwave 64 e' una scheggia...
    > www.newtek.com/news/releases/12-14-04a.html

    bene!
    io spero nella versione a 64bit di 3dsmax, e speriamo sia un ottimo acquisto!!!!
    vediamo se sti benedetti 64bit, in questi applicativi che spesso sono scritti benissimo (dal punto di vista ottimizzazione) fanno la differenza oppure noOcchiolino
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)