Pirateria, arresti a Napoli

Comunicato

Napoli - Sono state arrestate sei persone nelle scorse ore nei pressi di Napoli con l'accusa di aver messo in piedi e gestito un'organizzazione dedita alla contraffazione di materiale coperto dal diritto d'autore e alla sua diffusione sul mercato nero.

In una nota diffusa dalla Federazione contro la pirateria musicale si legge che l'operazione della Guardia di Finanza a Casalnuovo ha portato anche al sequestro di una centrale di 179 masterizzatori. Nello stesso luogo, di difficile accesso, sono stati rinvenuti 43 mila CD musicali con tutti i titoli più recenti, circa 9 mila DVD e 93 mila copertine.
TAG: italia
15 Commenti alla Notizia Pirateria, arresti a Napoli
Ordina
  • Pensando alla pirateria e al grosso bisuness che c'e' dietro continuavo ad arrabbiarmi ogni volta che leggevo del solito senegalese o marocchino arrestato perche' in borsa aveva 100 cd taroccati.

    Era ora che qualcuno si chiedesse: ma questo qua che a malapena sa leggere e scrivere come ha fatto a procurarsi gli ultimi successi, masterizzarli in serie e fotocopiare le copertine per metterli sul mercato?

    Piuttosto che incasinare le nostre galere con centinaia di senegalesi condannati ad un annetto di galera valeva la pena impiegare magari solo 10 agenti per pedinarli e ricostruire a ritroso l'organizzazione fino a beccare i mandanti: piccole fabbrichette artigianali di veri e propri delinquenti che trovano il modo di propinarci le ultime novita' discografiche e cinematografiche realizzando profitti enormi...

    Venendo poi a P2P e compagnia bella si e' detto gia' tutto.
    Personalmente mi sto trovando bene con iTunes music storeFan Apple: quei 2 dischi al mese che mi fanno voglia ora me li compro con meno di 20 Euro, quando in negozio sono anche piu' di 50.
    Se esce un disco con 2 o 3 canzoni passabili e le altre cessi basta comprare solo le canzoni che mi piacciono a 0,99 al pezzo.
    L'unico difetto di iTMS è che lo sconto per l'album non si applica alle compilation che ti puoi fare prendendo pezzi in giro da autori diversi (stile Festivalbar). Anche le mega-raccolte stile Platinum collection (3 dischi a 27 euro) sono più convenienti in negozio che su iTMS.
    Assolutamente da abbandonare a se' stessi invece sono i negozi online di MicrosoftFan Windows, e altri basati su Winzozz Media Player... piuttosto macchinosi...
    Max
    non+autenticato
  • Sei famiglie messe in mezzo alla strada!
    non+autenticato
  • gia' poveriniTriste

    ora come faranno? dovranno inventarsi qualcosa di onesto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sei famiglie messe in mezzo alla strada!

    Sei famiglie DI SFRUTTATORI in mezzo alla strada!!!
    Azz... però i soldi per i masterizzatori li avevano eh????
    non+autenticato
  • CD tarocchi? Marocchino porta a porta? (Chi ha detto "Bruno Vespa"? Dietro la lavagna!) No P2P?
    Ma allora assolviamoli, fersklerourbanjulianssake!
    non+autenticato
  • visti i numeri dell'operazione. Questi non erano piratuncoli, ma piratoni. E non vorrei essere maligno e pregiudizioso, ma temo pure legati a qualche clan malavitoso.
    Anche perchè per smerciare tutta quella roba serve una organizzazione di spaccio tipo traffico di droga!
    non+autenticato
  • mi pare anche giusto no?
    io che scarico mp3 e me li sento per conto mio non posso essere equiparato a questi che hanno questo mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > mi pare anche giusto no?

    Per niente: checche' se ne dica, la pirateria non potra' mai essere equiparata ad un furto, dove c'e' la sottrazione di un bene alla disponibilita' del proprietario. E' qualcosa che somiglia di piu' al plagio o alla concorrenza sleale.

    Da cittadino che paga le tasse sono estremamente contrariato che le stesse autorita' che accolgono le denunce di auto rubate posandole su una pila polverosa, rimandando le indagini alle calende greche, siano cosi' solerti e assidue nel perseguire dei reati che non provocano allarme sociale e sono una fattispecie sicuramente meno grave. Per non parlare dei costi che gravano sul contribuente (indagini, operazioni, arresti, processi), per difendere a spada tratta gli interessi PRIVATI di pochi. Alla fine, il numero dei furti VERI commessi in italia non e' sproporzionatamente maggiore rispetto agli altri paesi europei. La nostra incredibile vergogna e' che oltre il 90% resti impunito. E non credo che i nostri ladri siano tanto piu' furbi....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > mi pare anche giusto no?
    >
    > Per niente: checche' se ne dica, la
    > pirateria non potra' mai essere equiparata
    > ad un furto, dove c'e' la sottrazione di un
    > bene alla disponibilita' del proprietario.
    > E' qualcosa che somiglia di piu' al plagio o
    > alla concorrenza sleale.
    >
    > Da cittadino che paga le tasse sono
    > estremamente contrariato che le stesse
    > autorita' che accolgono le denunce di auto
    > rubate posandole su una pila polverosa,
    > rimandando le indagini alle calende greche,
    > siano cosi' solerti e assidue nel perseguire
    > dei reati che non provocano allarme sociale
    > e sono una fattispecie sicuramente meno
    > grave. Per non parlare dei costi che gravano
    > sul contribuente (indagini, operazioni,
    > arresti, processi), per difendere a spada
    > tratta gli interessi PRIVATI di pochi. Alla
    > fine, il numero dei furti VERI commessi in
    > italia non e' sproporzionatamente maggiore
    > rispetto agli altri paesi europei. La nostra
    > incredibile vergogna e' che oltre il 90%
    > resti impunito. E non credo che i nostri
    > ladri siano tanto piu' furbi....
    Concordo pienamente con te, noi siamo solo i poveri sudditi che devono solo sganciare sesterzi ai padroni, la democrazia è solo una bella parola...
    non+autenticato

  • > Concordo pienamente con te, noi siamo solo i
    > poveri sudditi che devono solo sganciare
    > sesterzi ai padroni, la democrazia è
    > solo una bella parola...

    Demochè?
    sh4d
    455

  • - Scritto da: Anonimo

    > Per niente: checche' se ne dica, la
    > pirateria non potra' mai essere equiparata
    > ad un furto, dove c'e' la sottrazione di un
    > bene alla disponibilita' del proprietario.
    > E' qualcosa che somiglia di piu' al plagio o
    > alla concorrenza sleale.
    >

    ma che minchia dici?

    lo scopo di qualsiasi bene commerciale intellettuale è la sua vendita... quindi, se qualcuno lo vende al posto tuo (che sei ad esempio l'autore) ad un prezzo troppo basso, vuol dire che ti ha rubato l'opera, punto.

    Evidentemente tu stai solo difendento il tuo rango
    non+autenticato
  • > ma che minchia dici?
    > lo scopo di qualsiasi bene commerciale
    > intellettuale è la sua vendita...
    > quindi, se qualcuno lo vende al posto tuo
    > (che sei ad esempio l'autore) ad un prezzo
    > troppo basso, vuol dire che ti ha rubato
    > l'opera, punto.
    > Evidentemente tu stai solo difendento il tuo
    > rango

    evidentemente hai le idee piuttosto confuse su proprieta' intellettuale, diritti d'autore e sfruttamento commerciale.

    "rubare l'opera" e' qualcosa che si fa, anche troppo spesso, ma ha a che fare con l'attribuzione di paternita' e non con i diritti di sfruttamento commerciale. La paternita' dell'opera e' indisponibile (non puoi disporne, per esempio cedendola) al contrario dei diritti di sfruttamento commerciale.

    Qui comunque ci ritroviamo a parlare solo di sfruttamento commerciale, nemmeno tanto di diritti d'autore (visto che gli autori si lamentano quasi quanto gli utenti).

    Il punto grave e' che ci ritroviamo di fronte ad un cartello monolitico (l'autore non puo' vendere al prezzo che gli pare le proprie opere masterizzandosele in proprio) che invece di essere sanzionato dalle varie antritrust, viene supportato con operazioni di polizia pagate a spese del contribuente.

    Vivo a napoli, e mi piacerebbe che invece di dare la caccia a innocui venditori di cd, si mettessero in carcere i tantissimi estorsori che in ogni strada ti taglieggiano non appena parcheggi la macchina. Del resto, se pure volessimo chiamarlo furto (e furto NON e', sebbene sia reato), l'estorsione e' piu' grave, almeno per ora.
    non+autenticato
  • Io invece direi che è giusto perchè così se voglio un CD o DVD appena uscito non devo pagarlo 20 o 30 euro! A bocca aperta
    Questi poveri cantanti ed attori che piangono perchè qualcuno gli ruba qualche miliardo...ecchè sarà mai! A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    - Scritto da: Anonimo
    > mi pare anche giusto no?
    > io che scarico mp3 e me li sento per conto
    > mio non posso essere equiparato a questi che
    > hanno questo mercato.
    non+autenticato
  • Ci sono cose ben più gravi di ste 4 cazzate.
    Io vivo a napoli e come qualcuno ha già detto, vorrei che si desse la caccia alla vera criminalità e non a queste persone che spesso e volentieri vendono copie pirata solo per tirare avanti e sfamare la propria famiglia.

    Concordo, spesso e volentieri sono sotto ala della criminalità, va bene, ma credo che la cosa più grave sia che la sera per le vie regni un coprifuoco non ufficialmente comunicato.

    Che dire inoltre di chi vorrebbe aprire un'attività commerciale al pubblico onesta e finisce col dare 70% del lordo in tasse ed il resto alla camorra?

    Meditate gente, c'è di peggio a cui badare! E qua si parla di pirateria e filesharing. Ma fatemi il piacere, vorrei vedere i signori delle major abitare a Secondigliano e vorrei vedere quanto il loro diritto d'autore valga in una realtà come quella.

    E' Facile puntare il dito contro persone di cui non si conosce nulla, sono pirati, acciuffiamoli!

    Pensate invece a ciò che accade in italia: Invece di aiutare il mezzogiorno e combattere quindi in maniera indiretta la criminalità, si pensa ad ingrassare i soliti panciuti portafogli.

    Penso sia giunto il momento in cui chi deve debba assumersi le proprie responsabilità e non fare il cagnolino.

    Cordiali Saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ci sono cose ben più gravi di ste 4
    > cazzate.
    > Io vivo a napoli e come qualcuno ha
    > già detto, vorrei che si desse la
    > caccia alla vera criminalità e non a
    > queste persone che spesso e volentieri

    rilancio: sono disposto ad accettare queste operazioni di polizia contro i temibili "pirati".
    Pero' voglio la polizia ad ogni angolo di strada, le telecamere su ogni lampione, i parcheggiatori abusivi fucilati sul posto, ladri e scippatori giustiziati sulla pubblica piazza, amministratori concussi e corrotti chiusi in un sacco con un cane rabbioso e gettati in un fiume, come si usava nell'antica Roma.

    Se stato di polizia dev'essere, prendiamocene anche i vantaggi!
    non+autenticato