Su Linux un Java in salsa wireless

Due società del settore mobile hanno unito le forze per spingere sul mercato una piattaforma integrata Linux/Java per gli smart phone. Per accendere la miccia del mercato dei cellulari Linux-based

Sunnyvale - Scommettendo sul nascente mercato dei telefoni cellulari basati su Linux, MontaVista Software e Esmertec hanno deciso di unire le rispettive tecnologie e dar vita ad una piattaforma integrata Linux/Java per gli smart phone.

L'accoppiata tra Linux e Java sul mobile non è certo una novità, tuttavia la stretta integrazione tra la distribuzione embedded di MontaVista e il software multitasking Jbed Advanced basato sulla piattaforma J2ME (Java 2 Micro Edition) promette di tagliare i costi d'implementazione e accelerare lo sviluppo di nuove applicazioni. Le due partner includeranno, all'interno della propria soluzione, una suite di programmi J2ME e un ambiente di sviluppo orientato agli oggetti.

Il sistema operativo di MontaVista è già stato utilizzato da Motorola all'interno di tutti i propri modelli di telefono cellulare basati su Linux, tra cui l'E680, l'A768 e e l'A780. Una scelta seguita più di recente anche da NEC, con l'N900iL e da Panasonic con il P901i. La piattaforma Java di Esmertec gira invece su alcuni smart phone di Sendo.
Sebbene la quasi totalità dei cellulari basati su Linux venga oggi venduta in Cina, le cose sembrano destinate a cambiare presto. Nel corso dell'anno Motorola prevede di lanciare da 8 a 10 nuovi modelli di smart phone Linux-based, di cui buona parte anche in Occidente, mentre Panasonic ha già stretto accordi per la distribuzione del suo P901i in USA.

Alcuni analisti prevedono che Linux diverrà il principale sfidante delle piattaforme Symbian OS e Windows Mobile for Smartphone ma prima che ciò avvenga potrebbero volerci ancora diversi anni.
5 Commenti alla Notizia Su Linux un Java in salsa wireless
Ordina