Cade la mannaia sul virus writer

Lo smanettone 19enne che aveva giocato con il codice di Blaster dovrà passare un anno e mezzo dietro le sbarre. Il giudice: è malato ed è anche colpa dei genitori

Seattle (USA) - Aveva da poco raggiunto la maggiore età quando, giochicchiando con il codice di un worm molto celebre, Blaster, era riuscito a confezionarne una seconda versione, la temuta "Blaster.B". Stupidamente, con una leggerezza che non gli è stata perdonata, l'ha diffusa in rete, causando danni che sono stati stimati in almeno due milioni di dollari.

Ora Jeffrey Lee Parson, di 19 anni, forse il primo virus writer a riscuotere delle simpatie in rete a causa del severo procedimento a cui è stato sottoposto, è stato condannato a 18 mesi di carcere. Un anno e mezzo dietro le sbarre che sembra tantissimo ma che è il minimo che il giudice ha potuto infliggerli stando alla legge americana. E se il magistrato Marsha Pechman ha agito così, ha spiegato nel leggere la sentenza, è stato perché anche se maggiorenne il ragazzo non sembra disporre della maturità di un adulto.

"Ciò che hai fatto - ha dichiarato Pechman - è una cosa terribile. Oltre a danneggiare le persone e i loro computer hai scosso le fondamenta del sistema. Ho appreso molte cose su di te, molti dei problemi mentali e di salute dovuti alla casa dove sei cresciuto hanno contribuito in tutto questo. La rete ha creato un buco nero, un dangeon se vogliamo, per persone che hanno problemi mentali o gente solitaria. Non mi risulta che un genitore abbia cercato di dirti: Non è una bella cosa chiuderti in una stanza e creare la tua realtà personale".
Per il procuratore di Seattle Jeff Sullivan le cose sono assai più semplici: "Se si usa Internet per danneggiare le persone allora si finirà sotto inchiesta e si sarà puniti".

Dopo l'anno e mezzo che trascorrerà in galera, Parson passerà dieci mesi a svolgere servizi per la comunità e dopo di allora passerà tre anni in libertà vigilata. Nelle prossime settimane verrà invece deciso l'ammontare dei danni che il virus writer dovrà versare a Microsoft e alle altre imprese danneggiate che si sono costituite al processo.
TAG: mondo
51 Commenti alla Notizia Cade la mannaia sul virus writer
Ordina
  • * 2 MILIARDI di dollari

    *dungeon

    regà occhio a quando scrivete gli articoliOcchiolino


    per quanto riguarda la sentenza, io trovo pesante anche un altro fattore; nel dispositivo il giudice menziona problemi mentali molto gravi che sarebbero stato saggio non evidenziare così pesantemente; per un ragazzo di 19 anni che sì può essersi richiuso in sè stesso, sentirsi dire ( oltre al fatto che c'è una pena da scontare) "sei un malato di mente" invece di "disagiato" o qls altro termine + consono è molto grave, anche perchè esposto al pubblico.

    I danni sn stati gravi è vero, molti non per colpa sua ( amministratori disattenti, patch non eseguite in tempo ecc.) però si tratta pur sempre di un ragazzo che deve capire d'aver sbagliato, senza metterlo alla gogna.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ecc.) però si tratta pur sempre di un
    > ragazzo che deve capire d'aver sbagliato,
    > senza metterlo alla gogna.

    La RIAA fa causa ai dodicenni, la M$ fa lo stesso con i teenager. Entrambi agiscono al fine di scoraggiare azioni che hanno come unica conseguenza la loro distruzione ed entrambi usano i soldi dei propri utenti NON per investire in tecnologia e autori (e quindi creare prodotti migliori) ma bensì per pagare avvocati.

    Bye,
    Luca
    non+autenticato
  • Con questo assurdo dilagare di leggi repressive e di pene detentive per qualche click di mouse, si finirà con il perdere completamente di vista il più grande merito in assoluto della Grande Rete, che è la Libertà di comunicare. Libertà però significa anche Responsabilità: sei LIBERO di attaccare il tuo pc (o il tuo server, o la tua rete aziendale) alla Grande Rete, ma attento: sono CAXXI TUOI se non ti premunisci contro i rischi. Ora, Microsoft e Governi, passo dopo passo, con lo spauracchio dei Terribili Virus Informatici, ci toglieranno uno alla volta tutti gli spazi di libertà della Grande Rete. Gioite pure voi, che dite "hanno fatto bene", "meritava di peggio", eccetera: dato che, alla fine, avrete ciò che meritate - il nuovo fascismo informatico, o comunismo informatico se preferite, tanto alla fine gli estremi si toccano, e chi ci rimette è sempre la Libertà.

    CYA

    non+autenticato
  • Lo scrivo prima che arrivi qualcun'altro a scriverlo e a sostenere che e` anche la verita`: lo definirei anti-trolling preventivo!A bocca aperta

    Tanto arriva, basta aspettare e arriva...
    O forse no, grazie a questo mio anti-trolling preventivo!

    Quasi quasi vado a brevettare l'idea!
    non+autenticato
  • "Ciò che hai fatto - ha dichiarato Pechman - è una cosa terribile. Oltre a danneggiare le persone e i loro computer hai scosso le fondamenta del sistema."

    Interessante: quale Sistema? Il Sistema mondiale? Il Matrix del denaro? O forse solo Windows?

    "Ho appreso molte cose su di te, molti dei problemi mentali e di salute dovuti alla casa dove sei cresciuto hanno contribuito in tutto questo. La rete ha creato un buco nero, un dangeon se vogliamo, per persone che hanno problemi mentali o gente solitaria."

    La rete? La rete non fa proprio nulla senza che qualcuno gli dica di farlo. Allora la colpa di chi e`? Del virus writer, diretto responsabile della diffusione del programmino dispettoso, o degli sviluppatori che hanno lasciato la falla? Oppure la colpa non esiste (come la penso io), ma il ragazzo fungera` da capro espiatorio?

    "Non mi risulta che un genitore abbia cercato di dirti: Non è una bella cosa chiuderti in una stanza e creare la tua realtà personale".

    Saggezza a pile? Uno puo` benissimo scrivere un virus come Blaster.B e avere anche una vita sociale, io non terrei gli occhi piu` di tanto su quelli che si chiudono nelle stanze a far dispetti alla realta` altrui (e non necessariamente a creare realta` personali, opera che per altro costituisce il motore della creativita` artistica e una delle caratteristiche che rendono l'essere umano un essere umano).

    Io terrei gli occhi sul sistema informatico colpito, altro che`.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)