PC da 100 dollari by Negroponte

Il noto guru dell'era digitale sta progettando con i colleghi del MIT un PC economico per i paesi in via di sviluppo. Lo scopo è favorirne la diffusione all'interno delle scuole

Roma - Portando avanti la propria battaglia al digital divide, Nicholas Negroponte sta progettando un PC da 100 dollari dedicato ai paesi ad economia emergente come Cina, India e Thailandia.

Il celebre fondatore e chairman del MIT Media Lab, nonché autore del libro-cult "Essere digitali", afferma di aver già strappato promesse di collaborazione al progetto da parte di AMD, Google, Motorola e Samsung.

Nei piani di Negroponte c'è la creazione di un PC con monitor da 14 pollici, processore AMD e sistema operativo Linux che, una volta assemblato, non costi più di un centinaio di bigliettoni verdi. Il computer avrà potenza sufficiente per far girare un browser, un client di posta elettronica e le tipiche applicazioni per la produttività, come elaboratore di testi e foglio di calcolo.
Durante un'intervista rilasciata al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, Negroponte ha detto che un prototipo del suo PC a basso costo sarà presentato entro la fine dell'anno: la produzione in serie dovrebbe invece iniziare verso la metà del 2006.

Lo scienziato ha intenzione di contribuire, insieme ad altri colleghi, alla fondazione di una società che avrà il compito di vendere i PC da 100 dollari a governi ed enti internazionali: il ministero cinese all'Educazione dovrebbe essere il primo della lista.

L'idea di Negroponte è quella di sviluppare, oltre all'hardware, anche una suite di applicazioni specificamente pensate per le scuole: l'ambizione è quella di arrivare a rimpiazzare, nei paesi in via di sviluppo, buona parte dei libri scolastici con i suoi PC all-in-one.

L'idea di computer molto economici da vendere ai paesi poveri si è già concretizzata nello sviluppo del famoso Simputer e, più di recente, del Personal Internet Communicator di AMD: è probabile che il PC di Negroponte avrà molte caratteristiche in comune con quest'ultimo, soprattutto a livello hardware.
TAG: hw
65 Commenti alla Notizia PC da 100 dollari by Negroponte
Ordina
  • oggi quaele i il livello minimo di costo pera vere un pc configurazionem inima hard disk 40 giga memria 256 mega..etc.etc. sempreno...=? no modem e monitor
    io ho trovato a circa 300 euro ica
    si puo scendere sotto i 300 euro ?
    grazie mille...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > oggi quaele i il livello minimo di costo
    > pera vere un pc configurazionem inima hard
    > disk 40 giga memria 256 mega..etc.etc.
    > sempreno...=? no modem e monitor
    > io ho trovato a circa 300 euro ica
    > si puo scendere sotto i 300 euro ?
    > grazie mille...



    il problema è che la configurazione minima non è realmente minima (stiamo parlando di navigazione in internet e videoscrittura).

    per navigare in internet basta:
    hdd da 5, 10gb
    processore pentium2 a 300mhz o equivalente
    192mb di ram (si fa anche con 128, ma è un po' lentino..)
    scheda video qualsiasi purché abbia le più basilari funzioni di accelerazione 2d hw (puntatore del mouse e simili)


    questo hw difficilmente lo troverai in vendita, a meno di non voler comprare piattaforme tipo le mini-itx, che però costano quanto un pc "della madonna".

    nell'usato invece trovi pentium 3 a 500, 384di ram, hdd da 8gb, scheda video savage4 16mb di ram, audio integrato, scheda ethernet 10/100, cabinet e alimentatore a 50 euro o meno! E' favoloso neh?
  • 1. Qualche tempo fa ho scoperto che anche in Italia c' è chi - con soli 100 $ per postazione di lavoro - provvede alla rivitalizzazione e al recupero funzionale dei PC obsoleti posseduti dalla scuole.

    2. Grazie a un geniale paradigma tecnologico - alla cui realizzazione hanno contribuito anche menti italiane - i vecchi PC del tipo Pentium I forniscono prestazioni computazionali comparabili a quelle dei nuovi PC con clock da 2 GHz e 256 MB di memoria RAM.

    3. Chi fosse interessato a saperne di più può visitare questo sito:
    http://www.ProgettoLazzaro.it .

    ==================================
    Modificato dall'autore il 01/02/2005 15.26.28


    ==================================
    Modificato dall'autore il 01/02/2005 15.27.19
  • Ho visitato il sito citato nel messaggio.
    Al quale mi pare facesse riferimento anche l' ing. Alessandro Musumeci, il capo della Direzione Generale dei Servizi Informativi del Miur nella risposta che tempo fa ha fornito a un lettore di Punto Informatico.

    E' veramente confortante constatare che anche in Italia ci sono delle persone a cui non fa difetto l' intelligenza.

    A proposito del riutilizzo dei PC obsoleti, ma ancora efficienti, mi chiedo:
    " Perchè Punto Informatico non si fa promotore di una campagna per favorire le donazioni alle scuole dei PC dismessi dalle aziende ? ".

    Ci guadagnerebbe non solo la Scuola ma anche l' Ambiente.
    non+autenticato
  • Tutto questo è solo una mega truffa burocratica, come sempre. Come tutte le idiozie "per i paesi poveri"..
    QUESTE TRUFFE DOVREBBERO ESSERE BANDITE PER LEGGE !!
    E' ora di farla finita, non se ne può più !!
    non+autenticato
  • Per quanto ne so' India e Cina hanno le competenze e la capacita tecnica per fare la stessa cosa.

    Ma non l'anno gia fatta? mi sembra propio di si.

    Quindi sto Negroponte mi sembra solo il solito BUFFONE travestito da Babbonatale.

    Ps.
    I problemi di questi paesi non sono certo la carenza di PC.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Per quanto ne so' India e Cina hanno le competenze e
    > la capacita tecnica per fare la stessa cosa.
    > Ma non l' hanno gia fatta?
    > Mi sembra propio di si.
    > Quindi sto Negroponte mi sembra solo il solito
    > BUFFONE travestito da Babbonatale.
    > P.S. I problemi di questi paesi non sono certo la
    > carenza di pc.
    Concordo al 100%.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per quanto ne so' India e Cina hanno le
    > competenze e la capacita tecnica per fare la
    > stessa cosa.
    >
    > Ma non l'anno gia fatta? mi sembra propio di
    > si.
    >
    > Quindi sto Negroponte mi sembra solo il
    > solito BUFFONE travestito da Babbonatale.

    'sto Negroponte ?
    ma lo sai chi e' Negroponte ?
  • ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare, altro che trastullarsi coi PC.
  • - Scritto da: HotEngine
    > ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare,
    > altro che trastullarsi coi PC.

    Genera più profitto un pc con annessi e connessi che ciotole di riso o campagne di vaccinazione. E poi a chi pensi che andranno i pc? Ai contadini? Manco per sogno: se li potrà permettere la middle class (che non devono lavorare tutto il giorno solo per sopravvivere).
    non+autenticato
  • > Genera più profitto un pc con annessi
    > e connessi che ciotole di riso o campagne di
    > vaccinazione.
    non+autenticato
  • > Genera più profitto un pc con annessi
    > e connessi che ciotole di riso o campagne di
    > vaccinazione.

    esatto, molto meglio fargli imparare a trastullarsi con un PC che fare assistenzialismo senza obiettivi a lungo termine
    non+autenticato

  • - Scritto da: HotEngine
    > ...il terzo mondo ha bisogno di mangiare,
    > altro che trastullarsi coi PC.

    fatemi capire una cosa... il terzo mondo ha bisogno di mangiare da 50 anni ormai... quand'e' che iniziano a prepararselo da soli?
    non+autenticato
  • Quando i paesi occidentali finiranno di fermentare le lotte civili al loro interno per guadagnare nella vendita di armi, quando invece di portare aiuti in cibo proveniente dall'estero, che per inciso non sanno che farsene oltre che può essere addirittura pericoloso, le varie associazioni umanitarie dovrebbero incentivare la produzione locale, destinando i fondi per l'acquisto del cibo proprio alle ditte presenti nel territorio, cio sarebbe un bene per la loro dieta e per la loro economia, ma siccome i paesi occidentali vogliono tenere sottoscacco questi paesi, tutto ciò non avviene, nel frattempo ci sono commissioni onu (credo, ma andando a riguardare la puntata di Report che trattava l'argomento potrei essere più preciso) che vivono come nababbi in questo paesi sperperando risorse preziose come l'acqua ogni giorno per lavare le loro jeep da 25.000$ l'una ogni giorno! Ecco perché non riescono a farselo da se il mangiare! Se prima di dire certe cose nascondendosi dietro una finta cultura - ti cito : sono 50 anni che ...; - ci si documentasse sarebbe un atto di rispetto verso chi non ha scelto di nascere all'inferno e non ha fatto niente per meritarselo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Quando i paesi occidentali finiranno di
    > fermentare le lotte civili al loro interno
    > per guadagnare nella vendita di armi

    gia'.. e' sempre colpa nostra. Ma come mai gli ebrei hanno trasformato da soli il deserto in un oasi coltivata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: munehiro

    > gia'.. e' sempre colpa nostra. Ma come mai
    > gli ebrei hanno trasformato da soli il
    > deserto in un oasi coltivata?

    E tutto questo che nesso ha con il voler fornire computers a gente che tira la cinghia per campare ?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)