Giovani dell'hi-tech all'attacco

Presentato il rapporto RITA 2005 che fa il punto su come e quanto anche in Italia incidono e crescono le giovani aziende dell'alta tecnologia. Luci ed ombre

Roma - L'occupazione di settore ne dipende grandemente, l'economia nazionale ne è condizionata e così dovrebbe esserlo anche il Legislatore: nel bene o nel male le più giovani imprese italiane dell'alta tecnologia (NTBF) iniziano a farsi largo. Ne parla il rapporto dell'Osservatorio RITA 2005 del Politecnico di Milano, che ha studiato l'andamento e la storia di quasi 2mila realtà italiane.

"I risultati dell'osservatorio RITA - spiega Massimo Colombo del dipartimento di Ingegneria gestionale del Politecnico - mostrano che la capacità innovativa delle giovani imprese italiane high-tech è in crescita dalla metà degli anni '90. Le migliori prestazioni si registrano all'interno dei distretti tecnologici. Benché vi siano luci ed ombre, tali imprese, al contrario di quanto viene spesso affermato, costituiscono una componente essenziale del sistema innovativo nazionale e possono giocare un ruolo fondamentale per il recupero della competitività del Paese. Affinché ciò avvenga occorre migliorare l'eco-sistema in cui esse sono inserite".

Le imprese per così dire "censite" dal rapporto sono tutte nate dopo il 1980 e nessuna di loro, al primo gennaio 2004, era controllata da altre aziende. Al nord si concentra più del 55 per cento delle imprese mentre al Sud e nelle isole sono soltanto il 15,4 per cento del totale.
Va detto che gran parte delle imprese hi-tech più giovani sono nate negli anni '90 e un vero "boom" delle NTBF si è avuto nel 2000. Da quell'anno fino a tutto il 2003 è però andato anche aumentando il numero di aziende di questo tipo che hanno dovuto cessare l'attività (il 7,6 per cento del totale tra il 2002 e il 2003). A scontrarsi con le difficoltà del mercato soprattutto le imprese più giovani dell'e-commerce, dei servizi multimediali e delle biotecnologie.

Il calo che ha investito il settore dell'ICT in questi ultimi anni, più volte denunciato dalle associazioni di settore, ha colpito anche l'occupazione, che nelle giovani imprese ha avuto un andamento costante tra il 2000 e il 2003. Unico dato positivo, in questo senso, è la crescita del fatturato registrata proprio a partire dal 2003. Per quanto modesta e ridotta di quasi un quarto rispetto ai livelli del 2000, la ripresa suscita ottimismo.

Misurando l'innovazione sulla base dei brevetti registrati, il rapporto RITA spiega come soltanto il 7,3 per cento di queste imprese abbia ottenuto brevetti e solo il 3,4 per cento ha partecipato a progetti di ricerca finanziati a livello comunitario, sebbene il 39,6 per cento abbia goduto di finanziamenti pubblici italiani. Tra l'altro, solo il 17-20 per cento degli addetti di queste aziende lavora sul fronte della ricerca o della progettazione. "A questo riguardo - spiega il rapporto - pesa la relativa mancanza nel sistema innovativo nazionale di sponsors, cioè di grandi imprese high-tech che, grazie al proprio network di alleanze, aiutino le NTBF ad entrare in contatto con partner internazionali e limitino i costi burocratici e amministrativi che queste devono sopportare nell'interazione con le istituzioni comunitarie".

Stando al rapporto, inoltre, le imprese che si muovono meglio, definite gazzelle sono quelle fondate da individui dotati di capacità tecnica associata ad un robusto background lavorativo. Ma avrebbero giocato un ruolo importante nel sostenere la crescita anche i venture capital, "capaci di apportare all'impresa risorse e competenze distintive complementari a quelle dei fondatori".
TAG: italia
12 Commenti alla Notizia Giovani dell'hi-tech all'attacco
Ordina
  • Ciao a tutti,

    Sono 10 anni che ho una Web Agency a Roma, mi tengo anonimo poichè alcuni clienti ancora non lo sanno, ma stiamo chiudendo, e il e il mio socio ci trasferiamo a Londra a fare i freelance.

    ADDIO ITALIA!

    Fare l'imprenditore a Roma, significa:
    1 - Dare prodotti scadenti
    2 - Sfruttare i dipendenti
    3 - Ritardare nei pagamenti

    Inoltre, avere una SRL in Italia significa:
    1 - Mantenere i Notai, VAMPIRI INUTILI
    2 - Mantenere i commercialisti
    3 - Pagare tasse altissime

    Basta.

    Sono ancora giovane, e a questo bellissimo paese do l'addio.

    LìItalia, è come l'America Latina: ci spacchiamo la schiena per mantenere una classe politica e amministrativa, costosissima e inutile. Anzi, dannosa!

    Con affetto,
    F.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ciao a tutti,
    >
    > Sono 10 anni che ho una Web Agency a Roma,
    > mi tengo anonimo poichè alcuni
    > clienti ancora non lo sanno, ma stiamo
    > chiudendo, e il e il mio socio ci
    > trasferiamo a Londra a fare i freelance.

    mi dispiace

    > ADDIO ITALIA!
    >
    > Fare l'imprenditore a Roma, significa:

    sono un tuo possibile concorrente e nella stessa città

    > 1 - Dare prodotti scadenti

    non è vero, forse hai approciato male il problema.

    La qualità alla lunga paga, (molto meno che all'estero, sono d'accordo, ma paga) se non c'entrano di mezzo le bustarelle...

    > 2 - Sfruttare i dipendenti

    non è vero ho 5 dipendenti e 6 freelance dipente tutto da come approcci il business

    > 3 - Ritardare nei pagamenti

    quello capita, putroppo ma non sempre

    > Inoltre, avere una SRL in Italia significa:
    > 1 - Mantenere i Notai, VAMPIRI INUTILI

    concordo al 100% con l'ultima legge mi toccherà pagare 4.000 ? di notaio... MALEDETTO NANO!!!

    > 2 - Mantenere i commercialisti

    inutili anche loro...

    > 3 - Pagare tasse altissime

    concordo al 1.000% (ho detto mille%) MALEDETTO NANO ha solo peggiorato le cose!!!

    > Basta.

    di avere un MALEDETTO nano al governo!
    BASTA con la corruzione e le bustarelle!!

    viva la meritocrazia!!

    > Sono ancora giovane, e a questo bellissimo
    > paese do l'addio.
    > LìItalia, è come l'America
    > Latina: ci spacchiamo la schiena per
    > mantenere una classe politica e
    > amministrativa, costosissima e inutile.
    > Anzi, dannosa!

    concordo, siamo un paese del terzo mondo con un lifting..

    >
    > Con affetto,
    > F.

    Buona fortuna,
    Fan Apple

  • > > mi tengo anonimo poichè alcuni
    > > clienti ancora non lo sanno, ma stiamo
    > > chiudendo, e il e il mio socio ci
    > > trasferiamo a Londra a fare i freelance.
    >
    > mi dispiace

    Grazie della solidarietàSorride
    ma sono felice di andarmene...

    > > 1 - Dare prodotti scadenti
    >
    > non è vero, forse hai approciato male
    > il problema.
    >
    > La qualità alla lunga paga, (molto
    > meno che all'estero, sono d'accordo, ma
    > paga) se non c'entrano di mezzo le
    > bustarelle...

    Mah sai... ho clienti all'estero, e i prodotti di qualità che dai a Singapore, o in UK, sono molto più apprezzati... ma come fai a dare un prodotto di qualità quando devi anticipare l'iva per le fatture che non ti vengono pagate? quando devi anticipare le tasse per l'anno prossimo? quando per pagare un collaboratore 2000, ne devi spendere 3000?


    > > 2 - Sfruttare i dipendenti
    >
    > non è vero ho 5 dipendenti e 6
    > freelance dipente tutto da come approcci il
    > business

    La mia è un'esagerazione... diciamo che la tendenza dell'imprenditore è quella... massimizzare i profitti, e diminuire le spese...

    >
    > > 3 - Ritardare nei pagamenti
    >
    > quello capita, putroppo ma non sempre
    >

    Io ho sempre, sempre, sempre pagato in tempo i miei dipendenti e collaboratori, a volte non prendendo soldi noi soci...
    ho sempre dichiarato TUTTE le tasse, anche quando non avevo soldi per pagarle... e adesso ho i debiti, solo con il fisco, ma non pochi...
    se avessi evaso...
    Il nano è riuscito a far diventare disonesto anche me? non voglio crederci...

    > > Inoltre, avere una SRL in Italia
    > significa:
    > > 1 - Mantenere i Notai, VAMPIRI INUTILI
    >
    > concordo al 100% con l'ultima legge mi
    > toccherà pagare 4.000 ? di notaio...
    > MALEDETTO NANO!!!
    >
    assurdo...

    grazie per la risposta Apple...
    auguro tanta fortuna anche a te... e ti invidierò le nostre belle giornate di sole invernaleSorride

    F.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Grazie della solidarietàSorride
    > ma sono felice di andarmene...
    >

    allora buona fortunaSorride

    > Mah sai... ho clienti all'estero, e i
    > prodotti di qualità che dai a
    > Singapore, o in UK, sono molto più
    > apprezzati...

    si lo so...io ho contatti con America e Germania un altro mondo

    > ma come fai a dare un prodotto
    > di qualità quando devi anticipare
    > l'iva per le fatture che non ti vengono
    > pagate?

    c'è sempre la banca parac*la che si offre con il suo fido...

    e tutto un magnamagna... noi soci prendiamo i primi soldi dopo quattro mesi (dipende, ovvio) così abbiamo più liquidità e meno costi.

    > quando devi anticipare le tasse per
    > l'anno prossimo?

    quando la banca ti rifiuta il fido perché la s.l.r. è andata in passivo di 100? negli ultimi due anni?

    ...vagli a spiegare che i soldi se li sono divisi (giustamente) i soci...

    > quando per pagare un
    > collaboratore 2000, ne devi spendere 3000?

    3000? facciamo 4000?Triste

    > > non è vero ho 5 dipendenti e 6
    > > freelance dipente tutto da come approcci il
    > > business
    >
    > La mia è un'esagerazione... diciamo
    > che la tendenza dell'imprenditore è
    > quella... massimizzare i profitti, e
    > diminuire le spese...

    si lo so, io ci ho messo molto per cercare dipendenti in gamba ed ora me li tengo stretti.

    meglio 1 dipendente bravo che 3 mezze calzette (ed in italia ce ne sono molte)

    > Io ho sempre, sempre, sempre pagato in tempo
    > i miei dipendenti e collaboratori, a volte
    > non prendendo soldi noi soci...

    anche noi, anche noi,Triste poi dicono imprenditore=ladro

    > ho sempre dichiarato TUTTE le tasse, anche
    > quando non avevo soldi per pagarle... e
    > adesso ho i debiti, solo con il fisco, ma
    > non pochi...

    anche io, quando il business è di un certo livello (medio) paghi tutto il nero sta in basso e molto in alto...

    > se avessi evaso...
    > Il nano è riuscito a far diventare
    > disonesto anche me? non voglio crederci...

    vogliamo parlare dei costi che ogni azienda ha dovuto sostenere per la privacy?

    > grazie per la risposta Apple...
    > auguro tanta fortuna anche a te... e ti
    > invidierò le nostre belle giornate di
    > sole invernaleSorride

    in bocca al lupoOcchiolino

    Fan Apple
    non+autenticato
  • Scusate se mi permetto ma... mi sento solidale: avevo anch'io una "dot.com" che, più o meno per gli stessi motivi, ho dovuto chiudere: se vuoi lavorare seriamente e fornire prodotti di qualità qui in Italia non è aria.Triste

    Auguro molta fortuna all'amico che lascia il nostro paese per andare nel freddo nord.Occhiolino

    Purtroppo, come sempre, sono i migliori che ci lasciano (e non mi riferisco certo a me)... solo una cosa: quando avrai (ri)avviato il tuo business, nella fredda Inghilterra, ricordati dell'Italia, del suo sole, del suo mare... e degli italiani: aiuta anche tu, da là, a fare in modo che il "modo di fare" sia sempre più "europeo" (che spero sia sempre più sinonimo di "qualità e sensatezza") e sempre meno "all'italiana".

    Questo lo auguro anche ai molti imprenditori italiani: che l'Europa ci "costringa" a fare le cose per bene (partendo, se possibile, dal nostro Governo).
    888

  • - Scritto da: Sky
    > Scusate se mi permetto ma... mi sento
    > solidale: avevo anch'io una "dot.com" che,
    > più o meno per gli stessi motivi, ho
    > dovuto chiudere: se vuoi lavorare seriamente
    > e fornire prodotti di qualità qui in
    > Italia non è aria.Triste
    [...]
    > Questo lo auguro anche ai molti
    > imprenditori italiani: che l'Europa ci
    > "costringa" a fare le cose per bene
    > (partendo, se possibile, dal nostro
    > Governo).

    quoto tutto, anche i cut.

    <no joke>
    il problema dell'Italia sono gli italiani ed il nano al governo
    ne è il degno rappresentante.
    </no joke>

    detto questo poi c'è sempre gente brava e onesta, ma di solito non conta un c@77o...

    Fan Apple

  • ... ma come fai a dare un prodotto
    > di qualità quando devi anticipare
    > l'iva per le fatture che non ti vengono
    > pagate?

    Mio padre aveva lo stesso problema per la sua attività di consulenza.. su suggerimento del commercialista ha risolto con l'emissione di fatture"pro-forma" e quella "vera" solo quando s vedono i dobloni...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ... ma come fai a dare un prodotto
    > > di qualità quando devi anticipare
    > > l'iva per le fatture che non ti vengono
    > > pagate?
    >
    > Mio padre aveva lo stesso problema per la
    > sua attività di consulenza.. su
    > suggerimento del commercialista ha risolto
    > con l'emissione di fatture"pro-forma" e
    > quella "vera" solo quando s vedono i
    > dobloni...

    credo che poteva permetterselo solo perché professionista e non società di capitali

    Fan Apple
    non+autenticato
  • intrallazzi vari.

    Se uno vuole dedicarsi con profitto alla tecnologia (e sottolineo con profitto) è meglio che vada a farlo in altri paesi.

    Oramai è un fatto storico, non si può continuare a vivere sui miti del tipo: ma noi abbiamo la Ferrari, ma noi avevamo Enrico Fermi ecc. ecc.

    Il passato è passato
    non+autenticato
  • Stando al rapporto, inoltre, le imprese che si muovono meglio, definite gazzelle sono quelle fondate da individui dotati di capacità tecnica associata ad un robusto background lavorativo.


    E ci volevano i "cervelloni" del Politecnico di Milano per scoprirlo?
    non+autenticato
  • ...... solo il 3,4 per cento ha partecipato a progetti di ricerca finanziati a livello comunitario....

    avete mai provato a partecipare ad un finanziamento publbico o europeo, peggio ancora?

    non+autenticato
  • Le imprese per così dire "censite" dal rapporto sono tutte nate dopo il 1980 e nessuna di loro, al primo gennaio 2004, era controllata da altre aziende.

    sembrerebbe una bella cosa



    "A questo riguardo - spiega il rapporto - pesa la relativa mancanza nel sistema innovativo nazionale di sponsors, cioè di grandi imprese high-tech che, grazie al proprio network di alleanze, aiutino le NTBF ad entrare in contatto con partner internazionali e limitino i costi burocratici e amministrativi che queste devono sopportare nell'interazione con le istituzioni comunitarie".

    allora non era una bella cosa

    ....Ma avrebbero giocato un ruolo importante nel sostenere la crescita anche i venture capital, "capaci di apportare all'impresa risorse e competenze distintive complementari a quelle dei fondatori".

    ..abbandonati a stessi


    non+autenticato