Minacce informatiche, Microsoft avverte i governi

Già lo fa con uno stato americano e lo farà con chi ha firmato il programma sulla sicurezza, come l'Italia. Per avvertire anzitempo di rischi per le infrastrutture vitali

Praga - Microsoft per bocca del suo chairman Bill Gates ha confermato che intende espandere il proprio programma sulla sicurezza governativa offrendo ai partecipanti del GSP (Government Security Program) la possibilità di conoscere in anticipo minacce alle proprie infrastrutture individuate dall'azienda.

Il programma, cui partecipa anche l'Italia, come noto è concepito per consentire di analizzare il codice sorgente di Windows e Office. Giorgio Vanzini, direttore delle operazioni GSP, ha sottolineato che l'azienda già oggi offre early warning, ossia notizie anticipate su possibili vulnerabilità nei software, all'amministrazione del Delaware e a Canada, Cile e Norvegia che hanno sottoscritto l'estensione dell'intesa.

L'idea, ha spiegato Vanzini, è di estendere uno strumento che potrebbe rivelarsi assai utile, secondo Microsoft, contro la possibilità di attacchi di grande rilievo capaci di mettere a rischio la sicurezza nazionale o la stabilità economica. I warning contengono informazioni non solo anticipate ma anche più dettagliate su quelle stesse minacce che poi emergono pubblicamente in relazione a problemi riscontrati su specifici software. Informazioni, ad esempio, su bug e falle mentre Microsoft le sta ancora investigando.
Secondo Microsoft, questo servizio può consentire di migliorare i tempi di risposta a potenziali minacce. "La prevenzione di aggressioni informatiche - ha dichiarato in una nota il ministro canadese della Protezione civile - e il miglioramento delle nostre capacità di risposta a questi eventi sono elementi fondamentali per dare sicurezza alla nostra economia e alle persone".

Il servizio, fornito gratuitamente, non sarà concesso a nessuno dei paesi che rientrano nella "lista nera" degli Stati Uniti e verso i quali Washington ha adottato forme di embargo commerciale.
TAG: microsoft
130 Commenti alla Notizia Minacce informatiche, Microsoft avverte i governi
Ordina
  • Vorrei far notare a chi ha scritto il thread "Microsoft dà maggiori sicurezze" (in cui scrive anche cose sensate e intelligenti), che dietro l'Open Source non c'è solo una comunità mondiale(di cui non fanno parte solo privati cittadini "smanettoni", ma prestigiosi centri di ricerca e università), ma anche grandi e piccole aziende come l'IBM, la Novell, l'HP, la Sun, la mandrakesoft e la RedHat e che molte amministrazioni locali (Governo brasiliano, Comune di Monaco di Baviera, Parigi, Roma...) hanno adottato soluzioni Open Source e sistemi Linux per le loro macchine. Secondo me non si deve demonizzare Microsoft ma neanche sottovalutare l'importanza del software libero oggi e le sue enormi potenzialità.
    Che ne pensate?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Vorrei far notare a chi ha scritto il thread
    > "Microsoft dà maggiori sicurezze" (in cui scrive
    > anche cose sensate e intelligenti), che dietro
    > l'Open Source non c'è solo una comunità
    > mondiale(di cui non fanno parte solo privati
    > cittadini "smanettoni", ma prestigiosi centri di
    > ricerca e università), ma anche grandi e piccole
    > aziende come l'IBM, la Novell, l'HP, la Sun, la
    > mandrakesoft e la RedHat e che molte
    > amministrazioni locali (Governo brasiliano,
    > Comune di Monaco di Baviera, Parigi, Roma...)
    > hanno adottato soluzioni Open Source e sistemi
    > Linux per le loro macchine. Secondo me non si
    > deve demonizzare Microsoft ma neanche
    > sottovalutare l'importanza del software libero
    > oggi e le sue enormi potenzialità.
    > Che ne pensate?

    Si è vero, hai ragione, non si deve sottovalutare il software libero.

    Non si deve sottovalutare l'importanza che ha il software libero oggi che permette di arricchire le corporations e le multinazionali donando loro codice che bene o male gira e stuoli di programmatori volontari ( cosa dicono i sindacati? )

    Non si deve sottovalutare l'importanza che ha il software libero nelle mani di multinazionali che hanno una sterminata collezione di brevetti sul sw ( IBM tanto per fare un esempio ).

    Non si deve sottovalutare il fatto che tu stai dando tutto per scontato quando invece c'è chi:

    1. prova ad usare "software libero" per trarre le SUE opinioni ( anche molto negative, piuttosto che ripetere a pappagallo gli articoli antusiasti che trova in edicola )

    2. è costretto a usare quello perché non ha i soldi non per le qualità intrinseche del "software libero", qualità che non c'è perché manca qualsiasi interesse commerciale per instaurare un serio ciclo di sviluppo ( non funziona? arrangiati, hai il codice, che l'utente faccia il debugging e posti il codice della patch ).

    3. non può investire nel sw libero perché non può permettersi di donare il codice prodotto come vorrebbe la vostra filosofia spicciola, altrimenti fallirebbe subito ( guardacaso chi dona o è alle strette o e già sul giro d'aria ).

    Infatti, per quanto riguarda il punto 2, da un autorevole esperto che scrive su questi forum, viene detto, parlando di PA e sw libero:

    "ho un panorama che e' deprimente ma che lascia ben sperare, e non grazie a costrizioni dei ministeri, ma a causa delle scarse risorse economiche."

    e dulcis in fundo la sua inesorabile sentenza:

    "Quindi alla fine non si passera' all'open source e i formati aperti per volontà di qualsivoglia dirigente o per consiglio di qualche ministro che segue la corrente, ma per necessita' economiche..."

    Fonte è questo autorevole post: http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=4325...

    Potrei portarti decine di riferimenti che mettono in luce l'assurdità, il paradosso e l'inconsistenza del sw libero in un mercato di libera concorrenza ma non apprezzeresti.

    Tecnicamente la faccenda è molto più complessa, ma a parte mettere su una piccola vetrina web, o far girare un sistema operativo ( non intendo le applicazioni ), i veri esperti nei relativi domini ( db, multimedia, gestionali, etc ) sanno già quale piattaforma e quale software commerciale più o meno closed serve, e non è, software libero. ( saranno liberi di usare il software che ritengono valido o li vuoi lobotomizzare perché tu ne sai di più? )

    I see a great danger.
    non+autenticato
  • IL VIZIO..........e continua a sparare sentenze e cazzate su cazzate.
    Il bello è che trova schiere di UTONTI pronti ad ascoltarlo o a far finta di ascoltarlo solo x compiacergli.......
    Mondo cane!!
    non+autenticato
  •     
    Esistono Chat sicure dove nessuno controlla guello che dici e quello che fai? una vola lo era msn messenger o mi sbaglio?
    Aiutatemi, e aiutate tutti coloro che vogliono avere un minimo di privacy e di tranquillita a comunicare liberamente !!!     rispondetemi vi prego
    non+autenticato
  • E' in arrivo un bastimento carico di... patch per Microsoft!!!!


    L'8 Febbraio sarà giorno di aggiornamenti per gli utenti Microsoft: in arrivo, infatti, 13 patch delle quali ben 9 sono riservate a varie versioni del sistema operativo Windows. L'annuncio rientra all'interno del programma Advance Notification
    http://webnews.html.it/news/2590.htm

    13 patch quasi tutte critiche, quasi tutte che richiedono il riavvio...


    ahahaha...

     Fan AppleFan Linux
    non+autenticato
  • >
    > 13 patch quasi tutte critiche, quasi tutte
    > che richiedono il riavvio...
    >
    >
    > ahahaha...
    >
    > Fan AppleFan Linux

    mi spieghi cosa hai contro il riavvio, a volte anche con alcune distro linux e' richiesto e anche senza patch d'aggiornamento.

    se non ci credi vuol dire che o non usi Mandrake oppure non ti sei mai beccato un database urpmi bloccato e purtroppo anche le soluzioni di "http://groups.google.it/groups?hl=it&lr=&group=it...."

    hanno fatto fiasco.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > mi spieghi cosa hai contro il riavvio, a
    > volte anche con alcune distro linux e'
    > richiesto e anche senza patch
    > d'aggiornamento.

    Cazzata. Al massimo ti può chiedere di riavviare X.

    > se non ci credi vuol dire che o non usi
    > Mandrake

    Ma fatti un distro seria... non te lo dico per sbeffeggiarti, è un consiglio amichevole. Ti danno molto di più con poco sforzo.

    > oppure non ti sei mai beccato un
    > database urpmi bloccato

    Ecco, vedi sopra. Io uso Debian e con apt-get non ho nessun problema di questo tipo.
    non+autenticato
  • >
    > > se non ci credi vuol dire che o non usi
    > > Mandrake
    >
    > Ma fatti un distro seria... non te lo dico
    > per sbeffeggiarti, è un consiglio
    > amichevole. Ti danno molto di più con
    > poco sforzo.

    e' una settimana che sto cercando di scaricare Suse (la ISO del DVD, continua a bloccarsi), spero di trovare un mirror migliore di

    ftp://ftp.solnet.ch/mirror/SuSE/i386/9.2/iso/SUSE-...

    >
    > > oppure non ti sei mai beccato un
    > > database urpmi bloccato
    >
    > Ecco, vedi sopra. Io uso Debian e con
    > apt-get non ho nessun problema di questo
    > tipo.

    sicuramente apt-get e' meglio di urpmi (mandrake nelle ultime versioni la vedo molto peggiorata)

    sai dirmi qualche repository per apt-get con pacchetti che funzionano anche con ubuntu.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > sicuramente apt-get e' meglio di urpmi
    > (mandrake nelle ultime versioni la vedo
    > molto peggiorata)

    Concordo... secondo me l'ultima veramente buona è stata la 9.1

    > sai dirmi qualche repository per apt-get con
    > pacchetti che funzionano anche con ubuntu.

    Allora, io uso Debian Sarge, però ho sentito di gente che usa tranquillamente i repository di debian con ubuntu e non ha nessun problema. Non saprei dirti, ma penso che vadano bene. In sostanza, ubuntu è pur sempre debian-based.

    Il contenuto del mio /etc/apt/sources.list è il seguente:

    deb ftp://ftp2.it.debian.org/debian/ testing main
    deb-src ftp://ftp2.it.debian.org/debian/ testing main
    deb http://security.debian.org/ testing/updates main
    non+autenticato
  • > sicuramente apt-get e' meglio di urpmi
    > (mandrake nelle ultime versioni la vedo
    > molto peggiorata)

    non ho capito, mi spiegate?

    quell'affare per fare gli aggiornamenti è in grado di fare piantare Linux al punto di doverlo rebootare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > sicuramente apt-get e' meglio di urpmi
    > > (mandrake nelle ultime versioni la vedo
    > > molto peggiorata)

    > non ho capito, mi spiegate?

    > quell'affare per fare gli aggiornamenti
    > è in grado di fare piantare Linux al
    > punto di doverlo rebootare?

    No, non hai proprio capito... Rileggi il tread dall'inizio.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > mi spieghi cosa hai contro il riavvio, a
    > > volte anche con alcune distro linux e'
    > > richiesto e anche senza patch
    > > d'aggiornamento.
    >
    > Cazzata. Al massimo ti può chiedere
    > di riavviare X.

    ...che comunque in 30/45 secondi (di cronometro) è di nuovo on-line,
    windows 2k server ha bisogno di 5 minuti (generosi) prima di tornare on-line con tutti i servizi attivi e se hai qualche servizio in più acceso arrivi anche a 6/7min. (non so 2k3 server se è migliorato)

    Fan AppleFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > mi spieghi cosa hai contro il
    > riavvio, a
    > > > volte anche con alcune distro
    > linux e'
    > > > richiesto e anche senza patch
    > > > d'aggiornamento.
    > >
    > > Cazzata. Al massimo ti può
    > chiedere
    > > di riavviare X.
    >
    > ...che comunque in 30/45 secondi (di
    > cronometro) è di nuovo on-line,
    > windows 2k server ha bisogno di 5 minuti
    > (generosi) prima di tornare on-line con
    > tutti i servizi attivi e se hai qualche
    > servizio in più acceso arrivi anche a
    > 6/7min. (non so 2k3 server se è
    > migliorato)

    Beh, dai... non esageriamo...

    Ad ogni modo anche X sale in ben meno di 30/45 secondi, ma... che te ne fai di X su un server ?
    non+autenticato

  • > > ...che comunque in 30/45 secondi (di
    > > cronometro) è di nuovo on-line,
    > > windows 2k server ha bisogno di 5 minuti
    > > (generosi) prima di tornare on-line con
    > > tutti i servizi attivi e se hai qualche
    > > servizio in più acceso arrivi anche a
    > > 6/7min. (non so 2k3 server se è
    > > migliorato)
    >
    > Beh, dai... non esageriamo...

    non scherzo, io sono quello che ha dismesso un IBM con win2kserver e ti garantisco che i tempi per la versione server sono quelli (ovvio che dipende anche dai servizi da attivare)

    Per una partizione condivisa di 20Gb in formato Mac/Win prima di renderla disponibile dopo un riavvio ci volevano circa 10 minuti. Ovvio che la macchina "oggi" è vecchia e.. bla bla..

    Un PowerMac della stessa età era in grado di andare in condivisione dopo 15 secondi dall'arrivo del desktop...

    > Ad ogni modo anche X sale in ben meno di
    > 30/45 secondi, ma...

    si, ma poi mi avrebbero accusato di trollare...

    > che te ne fai di X su
    > un server ?

    stai scherzando?Ficoso

    un Xserve? per una società che si occupa di video/web/DTP?

    vuoi la lista completa o un suntoOcchiolino

    Linux è un ottimo OS per un provider, ma se vuoi un server poliedrico e affidabile per una PMI come la mia ti serve un Xserve con OSX.

    Fan Apple

  • - Scritto da: PowerPC
    >
    > > > ...che comunque in 30/45 secondi
    > (di
    > > > cronometro) è di nuovo
    > on-line,
    > > > windows 2k server ha bisogno di 5
    > minuti
    > > > (generosi) prima di tornare
    > on-line con
    > > > tutti i servizi attivi e se hai
    > qualche
    > > > servizio in più acceso
    > arrivi anche a
    > > > 6/7min. (non so 2k3 server se
    > è
    > > > migliorato)
    > >
    > > Beh, dai... non esageriamo...
    >
    > non scherzo, io sono quello che ha dismesso
    > un IBM con win2kserver e ti garantisco che i
    > tempi per la versione server sono quelli
    > (ovvio che dipende anche dai servizi da
    > attivare)
    >
    > Per una partizione condivisa di 20Gb in
    > formato Mac/Win prima di renderla
    > disponibile dopo un riavvio ci volevano
    > circa 10 minuti. Ovvio che la macchina
    > "oggi" è vecchia e.. bla bla..
    >
    > Un PowerMac della stessa età era in
    > grado di andare in condivisione dopo 15
    > secondi dall'arrivo del desktop...
    >
    > > Ad ogni modo anche X sale in ben meno di
    > > 30/45 secondi, ma...
    >
    > si, ma poi mi avrebbero accusato di
    > trollare...
    >
    > > che te ne fai di X su
    > > un server ?
    >
    > stai scherzando?Ficoso
    >
    > un Xserve? per una società che si
    > occupa di video/web/DTP?
    >
    > vuoi la lista completa o un suntoOcchiolino

    Fammi pure la lista completa...


    > Linux è un ottimo OS per un provider,
    > ma se vuoi un server poliedrico e affidabile
    > per una PMI come la mia ti serve un Xserve
    > con OSX.
    >
    > Fan Apple
    non+autenticato
  • Come sempre si leggono fior di trollate sui forum. Il difetto principale è quello di paragonare il proprio PC o le proprie capacità tecniche a quelle di sistemi critici e tecnici addetti.
    Gates si sta facendo pubblicità, cercando di ottenere un vantaggio sui sistemi unix per poter recuperare campo in questo mercato che - proprio per le sue specifiche e dimensioni - è altamente redditizio ma dominato da sistemi non windows (neppure Linux, a dirla tutta).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come sempre si leggono fior di trollate sui
    > forum. Il difetto principale è quello
    > di paragonare il proprio PC o le proprie
    > capacità tecniche a quelle di sistemi
    > critici e tecnici addetti.
    > Gates si sta facendo pubblicità,
    > cercando di ottenere un vantaggio sui
    > sistemi unix per poter recuperare campo in
    > questo mercato che - proprio per le sue
    > specifiche e dimensioni - è altamente
    > redditizio ma dominato da sistemi non
    > windows (neppure Linux, a dirla tutta).

    La pubblicità serve a vendere, non a diffondere notizie vere.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Come sempre si leggono fior di trollate
    > sui
    > > forum. Il difetto principale è
    > quello
    > > di paragonare il proprio PC o le proprie
    > > capacità tecniche a quelle di
    > sistemi
    > > critici e tecnici addetti.
    > > Gates si sta facendo pubblicità,
    > > cercando di ottenere un vantaggio sui
    > > sistemi unix per poter recuperare campo
    > in
    > > questo mercato che - proprio per le sue
    > > specifiche e dimensioni - è
    > altamente
    > > redditizio ma dominato da sistemi non
    > > windows (neppure Linux, a dirla tutta).
    >
    > La pubblicità serve a vendere, non a
    > diffondere notizie vere.

    Allora, proprio per questo motivo, smettete di fare tutta questa pubblicità a Linuc$.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Come sempre si leggono fior di trollate sui
    > forum. Il difetto principale è quello
    > di paragonare il proprio PC o le proprie
    > capacità tecniche a quelle di sistemi
    > critici e tecnici addetti.

    Infatti anche a me sembra strano che i governi vogliano, per questioni di sicurezza, adottare Windows o Linux su hardware PC. Quindi usano altro? Per quel che riguarda la PA, se non e` Windows, non e` qualcosa di molto piu` sicuro, anzi, ci sono diverse adozioni discutibili (parlo per esperienza diretta, non sono addetto alla PA ma ho avuto a che fare con certe sue parti). Io nel mio post di sopra glielo consigliavo, di non mettersi a giocare con le piattaforme.. hmmm.. di tipo "consumer", e di tirare fuori sistemi specifici. Per la roba piu` seria della PA, o almeno di quel che ho visto, spero usino qualcosa del genere.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)