UK, la frontiera è biometrica

Il Governo di Tony Blair sceglie la via americana. Obbligatori i dati dei passeggeri in arrivo nel paese, impronte digitali e database più dinamici. Attivate anche le postazioni per la scansione dell'iride

UK, la frontiera è biometricaLondra - Washington chiama e Londra si adegua. Seguendo da vicino le scelte americane sulla sicurezza dei confini nazionali, anche il Governo britannico si è deciso al grande passo: definire gli e-borders, la cosiddetta frontiera elettronica per garantire maggiori controlli su chi arriva nel Regno Unito. La chiave di tutto sono le tecnologie biometriche associate a nuove procedure di gestione dei dati.

Il titolare degli Interni, Charles Clarke, ha sostenuto che le nuove misure si rendono necessarie nell'ambito degli sforzi dell'amministrazione Blair per garantire un più alto livello di sicurezza ai cittadini britannici e, allo stesso tempo, controllare i flussi migratori. Il primo passo, infatti, riguarda proprio l'immigrazione: entro il 2008, tutti coloro che arriveranno su territorio britannico da paesi nei quali è richiesto un visto dovranno sottoporsi alla rilevazione delle impronte digitali.

Il database delle impronte diventerà così parte integrante del progetto e-borders, che dallo scorso dicembre in via sperimentale è impegnato a registrare, classificare e conservare i dati degli immigranti che si spostano attraverso le principali stazioni portuali ed aeroportuali. Questo apparato impone alle compagnie aeree, ad esempio, di trasmettere alle autorità di frontiera tutti i dati disponibili sui propri passeggeri affinché, prima del loro arrivo, la polizia britannica sia in grado di condurre analisi e cross-check dei dati stessi. Sebbene sarebbe considerata una sorpresa con questo sistema riuscire a individuare un criminale o un terrorista, si ritiene che le nuove tecnologie e procedure possano fungere da deterrente o siano almeno capaci di ostacolare gli spostamenti di chi non è "gradito" alle autorità britanniche.
"Il database delle informazioni disponibili alle autorità di sicurezza - si legge in una nota dell'Home Office - e l'aumento progressivo dei dati biometrici archiviati renderà sempre più difficile agli individui nascondere la propria identità".

La biometria è destinata ad avere un ruolo crescente nel sistema di "difesa elettronica" che l'amministrazione Blair sta introducendo. Proprio come già avviene negli Stati Uniti, dove è attivo l'apparato US-Visit, quasi integralmente basato sulle nuove tecnologie dell'informazione e sugli strumenti biometrici più avanzati, il sistema e-borders prevede che nei prossimi giorni, dalla fine di febbraio, in alcuni importanti aeroporti del paese siano piazzati i primi terminali per la scansione dell'iride. Una scelta intrapresa da tempo e solo apparentemente diversa da quella statunitense, che alle tecnologie per la scansione dell'iride ha fin qui preferito la registrazione dei volti.

Entro la fine dell'anno tutti gli aeroporti di Londra, Manchester e Birmingham si prevede saranno dotati di installazioni biometriche. I viaggiatori europei che lo richiederanno potranno anche sottoporsi alla scansione in modo da velocizzare il transito e i controlli in futuri passaggi attraverso le aerostazioni britanniche. Per questi passeggeri, infatti, saranno allestiti corridoi speciali atti a consentire un rapido transito.

Una maggiore sorveglianza sugli immigranti viene considerata essenziale dall'Home Office anche per differenziare le modalità di concessione dei permessi di soggiorno. Con il nuovo sistema, infatti, verranno ad esempio agevolati i lavoratori dell'ICT, i formatori tecnologici e altre professionalità altamente specializzate.
TAG: mondo
190 Commenti alla Notizia UK, la frontiera è biometrica
Ordina
  • e così anche l'inghilterra è finita nella mia blacklist di paesi in cui non metterò più piede. Insieme agli stati uniti, la cina, l'iran ecc.
    Questo mondo sta diventando sempre più piccoloTriste
  • - Scritto da: TafkaL

    > Questo mondo sta diventando sempre
    > più piccoloTriste

    http://www.sealandgov.com/
  • spiegatemi chiaramente perchè avere i dati biometrici schedati vi da tanto fastidio. Non riesco a comprendere la follia. Il governo saprà che sono stato in un posto. Il poliziotto saprà se sono incensurato o meno.
    Cosa vi dà tanto problemi. Non risolvetela con una offesa, fate un discorso chiaro perchè onestamente non trovo alcun problema in tutto questo se posso aumentare la sicurezza. Se ad esempio abbiamo le impronte di tutti quando avviene un omicidio avremo tutte le impronte dei presenti e limitare immediatamente la lista dei probabili. L'assassino magari cercherà di scappare e con l'impronta sarà bloccato al primo casello e al primo fermo mentre con i nostri metodi facciamo fatica già a capire cosa è successo.
    Vi prego spiegatemi.
    non+autenticato
  • Spiegarti in dettaglio il perché non è cosa come le argomentazioni da bar dello sport che si possono fare su un forum

    leggere, leggere, leggere

    > Se ad esempio
    > abbiamo le impronte di tutti quando avviene
    > un omicidio avremo tutte le impronte dei
    > presenti e limitare immediatamente la lista
    > dei probabili.

    ecco un bell'esempio:
    mettiamo che l'assasino usi i guanti di gomma,
    mettiamo che negli ultimi tempi la Polizia non
    sia ben vista dalla cittadinanza per un aumento
    della criminalità, mettiamo insomma che serva
    un capro espiatorio

    quante impronte hanno a disposizone che
    "sembrano" prove inoppugnabili?

    quanto costa corrompere un essere umano
    per fornire queste prove inoppugnabili quando
    servono?

    e così via per altre mille domande...
    non+autenticato
  • > ecco un bell'esempio:
    > mettiamo che l'assasino usi i guanti di
    > gomma,
    > mettiamo che negli ultimi tempi la Polizia
    > non
    > sia ben vista dalla cittadinanza per un
    > aumento
    > della criminalità, mettiamo insomma
    > che serva
    > un capro espiatorio
    >
    > quante impronte hanno a disposizone che
    > "sembrano" prove inoppugnabili?
    >
    > quanto costa corrompere un essere umano
    > per fornire queste prove inoppugnabili quando
    > servono?
    >
    > e così via per altre mille domande...
    questo esempio invece non vale.
    1)oggi già lo fanno, i poliziotti mettono pistole in mano ai cadaveri quando fanno eccesso di leggittima difesa.
    Con la biometria invece potrebbe risultare che in quel momento stati in banca a versare un assegno o fermo ad una autostrada. Potrebbero scagionarti invece. Al contrario oggi devi trovare una persona che ti ha visto.

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Con la biometria invece potrebbe risultare
    > che in quel momento stati in banca a versare
    > un assegno o fermo ad una autostrada.

    Quello risulta già dal cellulare...
  • si ma per privacy non viene usato, soprattutto quando è a svantaggio di chi ha fatto il danno.
    Comunque ancora non hai spiegato nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > si ma per privacy non viene usato,
    > soprattutto quando è a svantaggio di
    > chi ha fatto il danno.

    In pratica rinunciano ad utilizzare prove che già esistono, e si preoccupano di metterne di nuove? Siamo in ottime mani.
  • > > e così via per altre mille
    > domande...
    > questo esempio invece non vale.
    > 1)oggi già lo fanno, i poliziotti
    > mettono pistole in mano ai cadaveri quando
    > fanno eccesso di leggittima difesa.

    nei film

    > Con la biometria invece potrebbe risultare
    > che in quel momento stati in banca a versare
    > un assegno o fermo ad una autostrada.
    > Potrebbero scagionarti invece. Al contrario
    > oggi devi trovare una persona che ti ha
    > visto.

    al lettore disattento potrebbe essere scappato il punto principale del discorso: l'idea (falsa) di presunzione di inoppugnabilità di tali prove che si farebbe strada nei cittadini
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > al lettore disattento potrebbe essere
    > scappato il punto principale del discorso:
    > l'idea (falsa) di presunzione di
    > inoppugnabilità di tali prove che si
    > farebbe strada nei cittadini

    Mi ricorda vagamente qualcosa...
  • - Scritto da: Anonimo
    > > > e così via per altre mille
    > > domande...
    > > questo esempio invece non vale.
    > > 1)oggi già lo fanno, i poliziotti
    > > mettono pistole in mano ai cadaveri
    > quando
    > > fanno eccesso di leggittima difesa.
    >
    > nei film

    Se uno forza un posto di blocco non gli viene contestato di aver forzato un posto di blocco, ma di aver tentato di uccidere il poliziotto!!

    Se questo lo si fa perche' con le leggi che ci sono altrimenti dovrebbero subito rilascialro, si puo' sempre cambiare la legge. Non siamo mica obbligati a tenerci leggi stupide. Mica perche' e' stato detto che cosi' e' giusto ceve essere giusto cosi'. Ah... mi dimenticavo che da noi quello che conta e' il diritto. E la parola diritto etimologicamente da detto + giusto (retto) cioe' e' giusto quello che e' stato detto che e' giusto.

    >
    > > Con la biometria invece potrebbe
    > risultare
    > > che in quel momento stati in banca a
    > versare
    > > un assegno o fermo ad una autostrada.
    > > Potrebbero scagionarti invece. Al
    > contrario
    > > oggi devi trovare una persona che ti ha
    > > visto.
    >
    > al lettore disattento potrebbe essere
    > scappato il punto principale del discorso:
    > l'idea (falsa) di presunzione di
    > inoppugnabilità di tali prove che si
    > farebbe strada nei cittadini

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > >
    > > e così via per altre mille
    > domande...
    > questo esempio invece non vale.
    > 1)oggi già lo fanno, i poliziotti
    > mettono pistole in mano ai cadaveri quando
    > fanno eccesso di leggittima difesa.
    > Con la biometria invece potrebbe risultare
    > che in quel momento stati in banca a versare
    > un assegno o fermo ad una autostrada.
    > Potrebbero scagionarti invece. Al contrario
    > oggi devi trovare una persona che ti ha
    > visto.
    >

    Chi ti dice che puoi accedere a tali dati?
    E che puoi portarle in tribunale come prove?
    E che valgono di piu' delle altre prove portate in tua accusa?

    Dare tutti i nostri dati e lasciare che possano farci tutto quello che vogliono (compreso falsificarli) e' come dare in mano loro una pistola.

    Ohps. ... questo gia' lo abbiamo fatto!!

    Mettiamola in un altro modo:

    A te piacerebbe essere aspiato da una persona?

    Se la risposta e' no, perche dovrebbe piacerti essere spiato dalla polizia?

    Se la polizia ha delle esigenze per tutelare la nostra incoluimita' e ha delle proposte da fare a questo fine che ce le proponga non che ce le imponga.

    In una battuta del Pigmalione di Bernard Show (divendata poi un celebre musical e celebre film sotto il nome di My Fair Lady) si dice "Paghiamo la plizia perche' ci protegga, proteggerci e' il loro lavoro, altrimenti perche' la paghiamo a fare?"
  • - Scritto da: Anonimo

    > spiegatemi chiaramente perchè avere i
    > dati biometrici schedati vi da tanto
    > fastidio. Non riesco a comprendere la
    > follia. Il governo saprà che sono
    > stato in un posto. Il poliziotto
    > saprà se sono incensurato o meno.

    Azzardo: i dati biometrici personali sono proprietà privata, ergo lo Stato non può averne accesso senza l'autorizzazione del legittimo proprietario.

    > Cosa vi dà tanto problemi.

    Il fatto di vivere con la faccia schiacciata dal collettivismo e dal socialismo rampante?

    > sarà bloccato al primo casello e al
    > primo fermo mentre con i nostri metodi
    > facciamo fatica già a capire cosa
    > è successo.

    Io faccio fatica a capire per quale motivo se uno ti punta una pistola addosso tu devi chiedergli di aspettare per favore 5 minuti mentre prendi la linea con il 112. Vedi un po'...
  • #

    ==================================
    Modificato dall'autore il 09/02/2005 11.54.49
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 agosto 2006 16.17
    -----------------------------------------------------------
  • tu vedi differenze???????? ottimista!!!! la storia dovrebbe insegnare.
    non+autenticato
  • > tu vedi differenze?

    #
     
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 agosto 2006 16.16
    -----------------------------------------------------------
  • è solo quello il vero problema, che dal controllo alla schedatura il passo è molto breve e tecnologicamente semplice......... non voglio che chi mi governa, domani possa fare quel passo.
    questo è il nocciolo della questione, io sò quale è la differenza tra schedatura e controllo....... posso dire lo stesso di chi governa????
    Maxheadroom
    non+autenticato
  • Quoto tutto Gatto, e aggiungerei anche: lapalissiano, è triste che sia pieno di persone che addirittura non hanno alcuna sensibilità in merito.
    4751
  • Non sono d'accordo!!!
    non+autenticato
  • sarà facile, saranno tutti schedati.
    complimenti la regola dell'uomo di vetro vi dice nulla?????
    i nazisti sostenevano che se uno era completamente "trasparente" allo stato, non aveva nulla da nascondere. allora via telecamere, impronte digitali, biometriche, impronta dell'iride.......... un giorno ed è gia successo, qualcuno dirà: eliminiamo quelli che a 50anni possono avere un'infarto............ perchè aspettare, sono un costo.
    oppure uccidiamo quelli con i capelli rossi.............
    Maxheadroom
    non+autenticato
  • paranoico
    paranoico
    paranoico
    non+autenticato
  • non è paranoia e conoscenza del genere umano........ adolfino, augusto, francisco, giuseppe..............
    non+autenticato
  • e ti dirò di più la storia del genere umano e costellata di cose apparentemente buone come il controllo dei cattivi che poi ci si ritorcono contro....... come dice Beppe Grillo, " la vita è una tempesta........ prenderlo in culo, un lampo!"
    non+autenticato
  • Mah... Non sono cosi' ottimista sull'utilita' reale della biometria.

    Cioe', che la tecnologia funzioni e' evidente, ma i vantaggi/svantaggi?

    Vediamo.... Ad esempio, il passaporto biometrico, magari con la striscia magnetica, o un cippotto e dentro i miei dati.

    Finche' fosse per i prossimi nati, allora si puo' pensare che l'anagrafe, o apposito ufficio, avra' responsabilita' di "creare" il cippotto, o "aprire il file" della persona X nel momento stesso della comunicazione della nascita, magari controfirmata da testimoni....

    Per me che ho 45 anni???? Qualcuno dovra' fidarsi e prendere per buoni i dati che gli forniro'.... Per forza, se vado in Comune ed esibisco la Carta d'Identita' o si fidano o si fidano dei testimoni che eventualmente gli portassi, ma sempre si debbono fidare di informazioni che io procuro...
    on c'e' (ancora) una terza parte attendibile.

    La faccenda delle impronte e' deboluccia, ci sono perfino qui in rete istruzioni precise su come farsi -nota bene, in casa, non in ospedale- impronte nuove, temporanee, saran buone per qualche ora, ma son buone...

    L'iride... L'iride foooorse va meglio, ma anche qui vale quanto detto per il cippotto nel passaporto, o lo scan viene registrato alla nascita, oppure bisogna fidarsi.

    Senza contare poi il pericolo intrinseco....   Io mi guarderei bene, per esempio, dal legare info essenziali, mie o della ditta, alla mia biometria.

    Chesso'... Accedo al caveau della Banca con lo scan retinico? Oppure il mio computer si sblocca solo con la mia impronta (come l'IBM T42)??
    No grazie.... Mi infastidirebbe farmi segare un dito o cavare un occhi da qualche balordo......

    Sorride
    Rey_
    146
  • - Scritto da: Rey_

    > Chesso'... Accedo al caveau della Banca con
    > lo scan retinico? Oppure il mio computer si
    > sblocca solo con la mia impronta (come l'IBM
    > T42)??

    C'è una sottile differenza tra usare la biometria per accedere ad una struttura privata o al proprio PC, o essere schedato dallo Stato.

    Ah! disonore alla bandiera...Ficoso


  • - Scritto da: YangChenping

    > C'è una sottile differenza tra usare
    > la biometria per accedere ad una struttura
    > privata o al proprio PC, o essere schedato
    > dallo Stato.

    Ma certo, pero' prova a immaginare.....   Perche' escludere che in futuro ANCHE i checkpoint alle frontiere non diventino tipo ingresso ad un caveau?
    Per dire, paranoidi come sono diventati in USA, potrebbero pensare di mettere un gate tipo porta girevole in vetro antiproiettile, azionata da scanner retinico, e senza personale umano, quest'ultimo al sicuro in una saletta blindata dietro lo sbarramento.
    In questo scenario per ora fantascientifico, cavare un occhio aquista un certo suo senso.... Occhiolino
    Rey_
    146
  • - Scritto da: Rey_

    > Ma certo, pero' prova a
    > immaginare.....   Perche'
    > escludere che in futuro ANCHE i checkpoint
    > alle frontiere non diventino tipo ingresso
    > ad un caveau?

    Perché a chi di dovere non interessa limitare l'immigrazione ma unicamente schedare le persone.

    > In questo scenario per ora fantascientifico,
    > cavare un occhio aquista un certo suo
    > senso.... Occhiolino

    E sarebbe ancora meno fantasioso della favole attribuite ai "terroristi islamici" dai giornali...

  • - Scritto da: YangChenping
    > - Scritto da: Rey_
    >
    > > Chesso'... Accedo al caveau della Banca
    > con
    > > lo scan retinico? Oppure il mio
    > computer si
    > > sblocca solo con la mia impronta (come
    > l'IBM
    > > T42)??
    >
    > C'è una sottile differenza tra usare
    > la biometria per accedere ad una struttura
    > privata o al proprio PC, o essere schedato
    > dallo Stato.

    La carta dei diritti dell'uomo (controfirmata da tutti gli stati apparteneti all'ONU e mi pare anche dalla Svizzera) garantisce (o meglio dovrebbe garantire) all'uomo il rispetto di garanzie e liberta' fondamentali.

    Che uno Stato decida che a lui fa comodo che tutti siano schedati come vuole lui non vuol dire che ne appia diritto, ne' vuol dire che cio' non leda la liberta' e i diritti delle persone schedate. E la questione e' ininfluente al fatto che la legge si applichi ai propri cittandini o meno. Perche' se si applica ai non suoi cittadini, che ditritto ha di scegliere per i suoi non cittadini, se si applica ai suoi cittadini c'e' da considerare che ai cittadini non e' mai stato chiesto il proprio consenso. Lo Stato nasce per tutelare i diritti delle persone e per portare tramite l'aggregazione di persone vantaggi alle persone stesse. Se oramai siamo portati a pensare che o Stato sia un'entita' astratta che ha il potere di decidere quello che a lei fa piu' comodo nel suo interesse, si e' perso il senso originario della cosa e siamo su una gran brutta strada.
    >
    > Ah! disonore alla bandiera...Ficoso
  • - Scritto da: AnyFile

    > La carta dei diritti dell'uomo
    > (controfirmata da tutti gli stati
    > apparteneti all'ONU e mi pare anche dalla
    > Svizzera) garantisce (o meglio dovrebbe
    > garantire) all'uomo il rispetto di garanzie
    > e liberta' fondamentali.

    Cito testualmente:

    Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
    http://tinyurl.com/4gw4l

    Articolo 29:

    3) Questi diritti e queste libertà non possono in nessun caso essere esercitati in contrasto con i fini e i principi delle Nazioni Unite.

    Ora basta decidere quali sono i fini e i principi, dopo siamo a posto. E se questa è la libertà fondamentale direi che ci aspetta un brutto periodo.

    Non è mica tutto semplice come sembra...

    > Se oramai siamo portati a pensare che o Stato
    > sia un'entita' astratta che ha il potere di
    > decidere quello che a lei fa piu' comodo nel
    > suo interesse, si e' perso il senso
    > originario della cosa e siamo su una gran
    > brutta strada.

    Resta l'ovvia domanda: chi stampa i soldi di carta, e chi paga gli interessi per usarli? E lo Stato cosa fa in proposito?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 09/02/2005 22.00.32
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)