Niente propulsione nucleare nello spazio?

Almeno per ora: La NASA cancella una missione di grande importanza su Giove e conferma anche che Hubble non potrà vivere a lungo. Non ci sono sufficienti fondi perché non è più prioritario

Washington (USA) - C'è maretta al Congresso. La NASA ha infatti fatto sapere che non intende finanziare il recupero di Hubble ma la cosa non va giù ad alcuni politici che devono approvare la finanziaria presentata dall'amministrazione Bush.

Ad Hubble, telescopio orbitante che da anni fornisce agli scienziati materiali senza precedenti sul Sistema Solare, la NASA è pronta a dedicare un budget ridottissimo, di "soli" 93 milioni di dollari. Si tratta di una somma del tutto insufficiente per garantire il recupero del telescopio e, soprattutto, l'estensione della sua vita operativa, il cui termine è previsto nel 2007. Con una spesa di 18 milioni di dollari si tenterà di farlo funzionare per un anno in più, lavorando con due giroscopi funzionanti contro i tre attuali.

Ma le polemiche non riguardano soltanto il budget quanto la tipologia della missione con cui Hubble avrebbe potuto, secondo molti, essere salvato. Un rapporto dell'Accademia nazionale delle Scienze statunitense, infatti, esclude la possibilità di una missione umana di intervento diretto, tanto per i rischi quanto per i costi, ma ipotizza il possibile successo di una una missione robotizzata. Secondo Sean ÒKeefe, il boss dell'agenzia spaziale statunitense, in questo secondo caso comunque l'operazione avrebbe costi elevati, sarebbe di enorme complessità tecnica e di scarse possibilità di riuscita. E per questo è stata bocciata dalla NASA.
Il telescopio spazialeChe le cose si vadano complicando per i piani dell'agenzia spaziale è peraltro evidente dal fatto che è stata cancellata una delle più ambiziose missioni che avrebbe dovuto avere luogo nei prossimi anni, quella verso le lune ghiacciate di Giove. Una missione importante non solo perché avrebbe risolto alcuni dei quesiti che da sempre ci si pone attorno alla natura di quegli enormi satelliti, ma anche perché sarebbe stata utilizzata per la prima volta una navetta a propulsione nucleare.

Secondo la NASA, il progetto era troppo costoso e si è quindi preferito ripiegare su un programma da 320 milioni di dollari pensato per lo sviluppo graduale delle tecnologie di propulsione nucleare. Queste, secondo gli scienziati aerospaziali statunitensi, segneranno il futuro del volo spaziale.

Il budget complessivo dell'ente spaziale, qualcosa come 16,5 miliardi di dollari, è comunque considerato inferiore alle attese, soprattutto dopo l'enunciazione della nuova dottrina Bush dell'esplorazione spaziale, che vede Luna e Marte come obiettivi primari. Secondo ÒKeefe, l'attività della NASA si concentrerà sul supporto alla Stazione Spaziale Internazionale, sulle tecnologie di volo e, naturalmente, sulla piena ripresa del programma degli Space Shuttle.
TAG: ricerca
85 Commenti alla Notizia Niente propulsione nucleare nello spazio?
Ordina
  • quindi come un buon politico italiano, (si vede che ha parenti, famosi "Buscione"), si rimangia le promesse...
    Prima delle elezioni... marte luna e chi più ne ha più ne metta... ora che è stato eletto gli Shuttle verranno convertiti a propulsione a "carbone".
    non+autenticato
  • Mi chiedevo se progetti del genere:

    http://www.americanantigravity.com/cook.html
    http://jnaudin.free.fr/html/TIE.htm

    siano cacchiate o meno.

    In teoria sono sistemi chiusi, quindi non possono produrre una spinta lineare perche` sono dei sistemi chiusi, o piu` semplicemente non hanno qualcosa "a cui puntellarsi", su cui fare forza.

    Pero` il discorso e` attraente: certo, e` fisica newtoniana ben accettata e largamente dismostrata, ma uno si chiede se ci sia sempre l'eccezione che conferma la regola. Possibile che ancora oggi, con tutte le ricerche che sono state fatte (lo sono state?) siamo costretti a buttarci alle spalle qualcosa per muoversi in avanti? (cioe` la propulsione a razzo, o per reazione, o a reazione) Possibile che non possa esistere un sistema per convertire il momento angolare in accelerazione lineare? Capite, la cosa e` intrigante perche` il concetto e` terribilmente semplice, eppure allo stesso tempo la dinamica newtoniana sembra cosi` terribilmente invalicabile...

    Che ne pensano i fisici (veri e non) del forum?
    non+autenticato
  • Beh, quegli aggeggi (soprattutto il secondo, che è fatto con i Lego) non funzionano nel vuoto. Anche il mio cellulare quando suona con il vibracall si muove "magicamente". È appunto l'effetto delle vibrazioni. Se si considera anche il tavolo su cui il l'aggeggio è poggiato facente parte del sistema chiuso, le leggi di Newton rimangono valide.

    Al contrario, perchè non considerare le onde elettromagnetiche. Pochi sanno che, oltre all'energia, trasportano quantità di moto e momento angolare. Ovvero, come dici tu, invece di "gettare qualcosa indietro", basterebbe produrre un'onda.

    L'ho visto con i miei occhi e funziona. Gli sbocchi sarebbero navi a propulsione elettromagnetica, o addirittura a vele solari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Beh, quegli aggeggi (soprattutto il secondo,
    > che è fatto con i Lego) non
    > funzionano nel vuoto. Anche il mio cellulare
    > quando suona con il vibracall si muove
    > "magicamente". è appunto l'effetto
    > delle vibrazioni. Se si considera anche il
    > tavolo su cui il l'aggeggio è
    > poggiato facente parte del sistema chiuso,
    > le leggi di Newton rimangono valide.

    Infatti, e` anche la mia conclusione. In fondo, in natura di espedienti meccanici di molte forme e dimensioni sul tipo di quelli, con masse in movimento piu` o meno coordinato, se ne dovrebbero trovare a miliardi, ma non e` mai stata osservata un'accelerazione lineare da parte di uno di questi sistemi... che so, anche il corpo di un'astronauta nel vuoto e` pieno di vene e arterie che compiono circonvoluzioni di ogni tipo, in cui il sangue scorre lungo un mucchio di percorsi diversi ma, per quanto complessi, non produce mai una spinta in una direzione qualsiasi: alla fine il bilancio dell'inerzia del sangue e` nullo, e l'astronauta per muoversi deve usare un sedile a razzo, o gettare via qualcosa con forza...

    http://www.forceborne.com/FBW/images/cip8sm.avi

    Questo e` il primo dei sistemi che avevo trovato con una googlata su "inertial engine": e` un bel po' complesso, e` addirittura brevettato (l'importante e` essere convintiSorride), ma permango dubbioso. In fondo in fondo, se ho ben capito le masse evidenziate in azzurro nell'animazione, oscillano lungo una sezione d'arco, avanti e indietro, ma se e` cosi`, allora anche stando sulla mia sedia a rotelle e unendo le mani a pugno e facendogli fare lo stesso movimento, dovrei avanzare, invece rimango fermo (ho verificato, non si sa maiSorride), senza contare anche li` le vibrazioncine dovute al pur debole attrito delle rotelline sul pavimento...

    > Al contrario, perchè non considerare
    > le onde elettromagnetiche. Pochi sanno che,
    > oltre all'energia, trasportano
    > quantità di moto e momento angolare.
    > Ovvero, come dici tu, invece di "gettare
    > qualcosa indietro", basterebbe produrre
    > un'onda.

    Gia`, ma e` comunque un gettarsi dietro qualcosa: massa e radiazione in fin dei conti sono due facce della stessa medaglia, e la pressione di radiazione e` un fenomeno accertato. Se puo` premere, vuol dire che possiede un'inerzia, e quindi gettata all'indietro puo` anche fungere da propellente, e per quanto sembri strano non ho difficolta` a crederlo. Ma penso sia difficile rendere la spinta efficiente...

    Poi c'e` quello che fanno i motori a ioni, credo. Se ho capito bene i motori a ioni prima ionizzano un materiale (o forse lo trasportano gia` ionizzato), e poi visto che gli ioni sono atomi elettricamente carichi, li accelerano con un campo magnetico, e poi li frullano via dall'ugello di scarico.

    > L'ho visto con i miei occhi e funziona. Gli
    > sbocchi sarebbero navi a propulsione
    > elettromagnetica, o addirittura a vele
    > solari.

    Per le vele solari mi dicono che dovrebbero essere molto molto grandi, e probabilmente fragiline, e quindi inaffidabili. Pero` sarebbe divertente farsi l'allontanamento dal Sole "di poppa" e il riavvicinamento "di bolina".Sorride

    Per quelle a onde, mi chiedo se potrebbero mai raggiungere un'efficienza tale da rimpiazzare il propellente necessario per raggiungere la velocita` di fuga dal suolo: e` appunto questo che evidentemente limita molto le escursioni nello spazio, perche` i razzi, il loro propellente non riutilizzabile... costano sempre troppo. Bisognerebbe studiare un sistema per emettere onde della potenza giusta?

    A proposito: le onde sono comunque come i fotoni, no? Cioe`, i fotoni visibili sono un particolare intervallo di onde. Quindi anche le onde viaggiano a "pacchetti", a quanti di energia, no? Ora pensavo: in effetti quel che conta e` sia la massa di quel che si butta, sia la velocita` alla quale lo si butta.

    E qui sono in carenza d'informazioni...
    Ma la massa di un fotone qual'e`? Zero: possibile?
    E se la loro velocita` e` sempre costante (c), allora la loro quantita` di moto, trasferita per reazione al veicolo, quant'e`?
    Se e` massa per velocita`, e la massa e` zero, dovrebbe essere zero ma non lo e` perche` in effetti la luce ha una pressione e puo` spingere qualcosa. E da cosa dipende? Dalla frequenza del fotone, dall'energia che contiene? E da cos'e` data l'energia contenuta in un fotone? E` quella che funge da surrogato di una massa? E se si`, come si emettono fotoni piu` o meno carichi, e quindi piu` o meno efficienti per la spinta?


    'spetta, 'spetta... ho trovato questo:
    http://www.sapere.it/tca/minisite/scienza/tuttofis...

    che chiarisce qualche punto. I fotoni hanno una quantita` di moto, dice, in quanto corpuscoli. E il modulo di quella grandezza e` direttamente proporzionale alla loro frequenza, dice. Quindi serve radiazione a frequenza sufficientemente alta? A quanto si puo` arrivare?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 10/02/2005 12.00.41
    non+autenticato
  • Come no? Il teletrasporto.....!!
    No. Non si converte nel vuoto momento angolare in spinta lineare.

    Puoi fare una vela solare e riflettere fotoni che ti butti dietro.... ma sempre una azione e reazione c'è, collegata all'energia del fotone (tra l'altro sono cavoli amari con raggi x e gamma..... non ci sono specchi facilmente realizzabili ad oggi).

    Francamente ad oggi la fisica non offre alternative all'azione e reazione (a meno di non fare giochetti quantistici che funzionano (forse) con le particelle..... non con un mezzo di trasporto)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Come no? Il teletrasporto.....!!
    > No. Non si converte nel vuoto momento
    > angolare in spinta lineare.

    Si`, pero` ci sono cascati in tanti, nel miraggio...
    guarda qui che stravagante collezione di brevetti:

    http://www.rexresearch.com/inertial/inertial.htm

    il primo risale al 1924.

    > Francamente ad oggi la fisica non offre
    > alternative all'azione e reazione (a meno di
    > non fare giochetti quantistici che
    > funzionano (forse) con le particelle.....
    > non con un mezzo di trasporto)

    Ok, ok, era per avere una conferma.
    Non avendo sufficienti nozioni di fisica, non posso dire a priori se uno di quei sistemi funzioni o meno, se non intuendolo attraverso il discorso del "sistema chiuso" in cui tutte le forze si annullano.
    non+autenticato
  • esplodono come funghi (http://www.dipbot.unict.it/sistematica/Lycoperd.ht...) pensate che bel botto faranno quando a bordo ci sarà un motore nucleare... speriamo almeno che pianifichino il lancio la notte del 31 dicembre!!!
    non+autenticato
  • :|

    Il telescopio può arrivare ad una risoluzione angolare migliore di 0,1 secondi d'arco. L'HST è così chiamato in onore di Edwin Hubble, astronomo americano. È prevista la sua sostituzione con il Telescopio Spaziale di Nuova Generazione (NGST) nel 2009


    Cmq. per saperne di più consiglio di andare qui

    basta usare google

  • - Scritto da: puffetta
    >Deluso
    >
    > Il telescopio può arrivare ad una
    > risoluzione angolare migliore di 0,1 secondi
    > d'arco. L'HST è così chiamato
    > in onore di Edwin Hubble, astronomo
    > americano. è prevista la sua
    > sostituzione con il Telescopio Spaziale di
    > Nuova Generazione (NGST) nel 2009

    2009?

    il James Webb Space Telescope avrà uno specchio primario sei volte più grande, trasporterà strumenti migliori e riuscirà a vedere più lontano nello spazio. Ma non sarà lanciato prima del 2011

    da: http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/scienza_e_...
    Terra2
    2332
  • Bè' tutto sommato non sono le cose in cielo che ci devono preoccupare...:)
    Speriamo di non dover ristudiare la geografia dell?area di New York e di quella di Miami, per colpa dei crateri vulcanici della zona della Cumbre Vieija nell?isola di la Palma, che sono mooolto più vicini !
  • - Scritto da: puffetta
    > Bè' tutto sommato non sono le cose
    > in cielo che ci devono preoccupare...:)

    A me invece preoccupa quando si devono tagliare fondi alla ricerca scientifica... soprattutto quando vengono dirottati in guerre della sacrosanta cippa...

    Hubble non è un telescopio, ma è "il telescopio". Non ce ne sono altri 6. è l'unico in grado di effettuare quel determinato ripo di ricerca e 5 anni senza un telescopio spaziale in orbita, nel 2005, il genere umano poteva davvero evitarli.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 09/02/2005 15.27.11
    Terra2
    2332
  • il Webb Telescope è diverso da Hubble. È specificatamente costruito per operare nell'infrarosso per la ricerca di oggetti lontani. Sarà posto - se non sbaglio - in uno dei punti lagrangiani e non sarà raggiungibile quindi da missioni di riparazione/aggiornamento.
    Di fatto, non è un sostituto di Hubble ma uno strumento che sarebbe stato complementare, come era nei piani originali.
    Per Hubble è anche già pronta la nuova "fotocamera" che promette meraviglie - ma non la vedremo mai all'opera, almeno su Hubble.
    Ed è abbastanza ironico che dica di non volere "rischiare" le vite degli astronauti quando si lasciano morire i loro colleghi militari in Iraq senza grossi problemi.
    La verità è che hanno paura di un nuovo grosso fallimento, e allora fanno un po' di propaganda pura e semplice per non ammettere che sono degli incapaci.
  • - Scritto da: ldsandon
    (cut)
    > Ed è abbastanza ironico che dica di
    > non volere "rischiare" le vite degli
    > astronauti quando si lasciano morire i loro
    > colleghi militari in Iraq senza grossi
    > problemi.
    (cut)

    ... e formare un astronauta costa molto ma molto di più che un povero marmittone (senza contare la preparazione "pre-astronautica")
    non+autenticato
  • A precindere dal fatto ce si sia contrari o no alla guerrà in Iraq e alle altre guarre che gli USA fannno nel mondo, vi pare normale che spendano senza problemi più di 400 miliardi di $ all'anno e che poi facciano i difficili per dare più di 16 miseri milioni alla NASA?

    Un'altra cosa, lo spazio è considerato un bene comune dall'ONO (se non mi ricordo male) e allora oerchè non lo esploriamo tutti in sieme?
    Perchè non si crea una sociatà aerospaziale mondiale?
    Se ogni stato ci mettesse alemno 10 milioni di dollari all'anno si potrebbero fare ocse serie e tutti insieme, come è giusro che sia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: mirko86
    > A precindere dal fatto ce si sia contrari o
    > no alla guerrà in Iraq e alle altre
    > guarre che gli USA fannno nel mondo, vi pare
    > normale che spendano senza problemi
    > più di 400 miliardi di $ all'anno e
    > che poi facciano i difficili per dare
    > più di 16 miseri milioni alla NASA?

    una cosa che ho imparato è che i soldi per la guerra ci sono e ci saranno SEMPRE, IN GRAN QUANTITA' e SENZA IMPEGNI.

    Poi, però, non azzardarti a chiedere 1000 lire per finanziare progetti di ricerca.....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: mirko86
    > > A precindere dal fatto ce si sia
    > contrari o
    > > no alla guerrà in Iraq e alle
    > altre
    > > guarre che gli USA fannno nel mondo, vi
    > pare
    > > normale che spendano senza problemi
    > > più di 400 miliardi di $
    > all'anno e
    > > che poi facciano i difficili per dare
    > > più di 16 miseri milioni alla
    > NASA?
    >
    > una cosa che ho imparato è che i
    > soldi per la guerra ci sono e ci saranno
    > SEMPRE, IN GRAN QUANTITA' e SENZA IMPEGNI.
    >
    > Poi, però, non azzardarti a chiedere
    > 1000 lire per finanziare progetti di
    > ricerca.....

    la Internet che usi è nata grazie a esigenze belliche

    ora torna a giocare con la PS2
    non+autenticato
  • > la Internet che usi è nata grazie a
    > esigenze belliche
    >
    > ora torna a giocare con la PS2

    Due frasi, due cazz...

    1) Internet è nata per scopi di ricerca (vallo a chiedere a Berkeley e Co. che si sono fatti la prima rete)

    2) L'utente precedente che stupidata ha detto?
    Soldi a palate per la guerra e mai per la ricerca...
    Togliti la benda se non ti pare così...

    E va a giocare in autostrada, grazie.
    non+autenticato

  • - Scritto da: mirko86
    > A precindere dal fatto ce si sia contrari o
    > no alla guerrà in Iraq e alle altre
    > guarre che gli USA fannno nel mondo, vi pare
    > normale che spendano senza problemi
    > più di 400 miliardi di $ all'anno e
    > che poi facciano i difficili per dare
    > più di 16 miseri milioni alla NASA?
    >
    [CUT]

    Guarda che nello spazio non c'è il petrolio...A bocca aperta
    non+autenticato
  • precindere
    ce
    guerrà
    guarre
    fannno
    ONO
    oerchè
    in sieme
    sociatà
    alemno
    ocse
    giusro

    12 errori su 9 righe di intervento... media di 1.33 errori a riga.
    Qualcuno sa fare meglio?
    non+autenticato
  • Ho scritto di fretta e senza rileggere, ma serve essere così pignoli?
    non+autenticato
  • - Scritto da: mirko86
    > Ho scritto di fretta e senza rileggere, ma
    > serve essere così pignoli?

    Si, perché a (molti) altri dà fastidio leggere un messaggio pieno zeppo di errori. Scusa eh?
    non+autenticato
  • da qualche parte ho letto che se le parole iniziano e finiscono giuste i refusi al centro quasi non vengono avvertiti

    vedaimo se queto è effevvifanente vero, che ne dite?

    (sono OT???)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: mirko86
    > > Ho scritto di fretta e senza rileggere,
    > ma
    > > serve essere così pignoli?
    >
    > Si, perché a (molti) altri dà
    > fastidio leggere un messaggio pieno zeppo di
    > errori. Scusa eh?

    miiih !!!
    ma chi sei? giovanni di aldo giov e giacomo?!?!?!?!

    "bastardo e PIGNOLO !!"
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)