IBM spalma Linux su tutti i server

Big Blue ha rilasciato una serie di tool e servizi che consentiranno agli sviluppatori di portare le applicazioni x86 per Linux su tutte le famiglie di server IBM, mainframe inclusi

Boston (USA) - Far girare le applicazioni scritte per Linux su tutte le proprie piattaforme hardware, dai mainframe ai server blade. E' un obiettivo che IBM conta di raggiungere con eServer Application Server Advantage for Linux, anche noto come Chiphopper, una suite di strumenti software e servizi di supporto dedicati ai venditori indipendenti di software (ISV).

Fornito in collaborazione con Novell e Red Hat, Chiphopper permette agli ISV di prendere le proprie applicazioni per Linux x86 e portarle su tutte le architetture server di IBM, incluse eServer iSeries, pSeries, zSeries, xSeries, BladeCenter, TotalStorage e OpenPower. Il tutto potendo accedere a servizi gratuiti di testing e supporto.

L'intento di Big Blue č quello di espandere la portata di Linux, oggi ancora strettamente legato alle piattaforme x86 di Intel e AMD, e proporlo come una scelta sempre pių appetibile anche per le sue diverse architetture: l'immenso bacino di software per Linux x86 fa del resto gola a qualsiasi altra piattaforma.
"Nel 2004 il 40% dei server IBM con Linux erano basati su architetture non x86. Un dato che fa ben capire quanto possa essere vantaggioso, per gli ISV, poter fornire ai nostri clienti applicazioni Linux multipiattaforma", ha affermato Scott Handy, IBM vice president of Linux.

Il colosso di Armonk ha spiegato che Chiphopper supporta le specifiche Linux Standard Base (LSB) ed č compatibile con applicazioni standard come OpenLDAP, OpenSSL, Kerberos, PHP, Perl e Python.

IBM ha anche annunciato la creazione di tre nuove special interest area dedicate a supportare gli ISV nella migrazione dei loro clienti da Solaris e Windows verso Linux.

Gli sviluppatori possono trovare maggiori informazioni sul sito di IBM dedicato a Linux.
16 Commenti alla Notizia IBM spalma Linux su tutti i server
Ordina
  • Ho avuto modo di osservare da vicino una azienda che sta abbandonando Sun per zLinux (Linux su Mainframe), e la strategia IBM e' stata questa:

    - i discorsi di IBM su Linux non sono rivolti a bottegai o dittarelle (per quelli spinge su windows), ma a quegli IT manages provenienti dal mondo Mainframe, privi di esperienza pratica nella informatica distribuita nella quale riportano la staticita' tipica degli ambienti host;
    - IBM promette server consolidation e facilita' di gestione del disaster recovery centralizzando il distribuito su multiple partizioni zLinux sul Mainframe;
    - facendo leva sul principio di dover investire ulteriormente per non perdere i precedenti investimenti, IBM ti vende un Mainframe, nuovo, piu' potente, piu' moderno (ora hanno anche l'unita' virgola mobile!), e stiamo parlando di investimenti, in euro, a sei zeri, piu' magari quote mensili e annuali per vari software e assistenza...
    - il mainframe ha grandi performance di I/O, ma la potenza di calcolo e' decisamente scarsa, se comparata ad esempio ad architetture x86 o SPARC, e JAVA consuma moltissima CPU e memoria. Per ottenere prestazioni analoghe alle altre architetture, e' necessario che il nuovo mainframe sia ben carrozzato con "motori" (i processori dei Mainframe) e ram, entrambi infinitamente piu' costosi degli omologhi delle altre piattaforme;
    - essendo una architettura particolarissima, IBM sconsiglia di procedere direttamente con lo sviluppo di applicazioni su zLinux, ma suggerisce l'utilizzo di un ambiente speculare x86, e quindi risulta necessario acquistare, sempre da IBM, una batteria (magari una decina) di servers Blade quad Xeon con Linux;

    A questo punto IBM ha raggiunto il suo scopo principale: ha venduto un bel po' di costoso ferro, un bel po' di software (anche se non e' il top, va tutto in bundle scontato con la macchina...) un bel po' di consulenze (che vuol dire personale fisso IBM dai clienti), ha vincolato un cliente agli importanti investimenti fatti, ha tolto un cliente a Sun. Sono da sottolineare alcuni aspetti:

    - il progetto di migrazione ha durata prevista di ANNI, che nel mondo distributo e ancora di piu' in quello JAVA/J2EE rappresentano SECOLI;
    - e' probabilissimo che in realta' su zLinux verranno migrate solo pochissime applicazioni di "facciata", e che il core business rimanga sugli x86; cio' sarebbe dovuto agli alti costi di gestione e manutenzione, e alla bassa affidabilita' di una architettura sperimentale (si sono gia' presentati vari problemi, alcuni tuttora irrisolti);
    - si e' passati da una totale indipendenza dai vendor (solo un efficientissimo e poco utilizzato contratto di assistenza con Sun) ad un fortissimo legame con IBM, con conseguente decadimento della tempistica ed efficienza del sistema.
    - lo stesso Linux su x86 non sempre si e' dimostrato all'altezza nell'esecuzione di applicazioni mission critical (in cui un fermo macchina si paga molto caro), non raggiungendo le vette di affidabilita' e stabilita' del precedente ambiente Sun;

    Quello cui ho assistito e' praticamente una migrazione da Sun SPARC a Linux x86 ad un costo stratosferico, il cui risultato e' stato quello di ottenere un sistema piu' difficile e costoso da manutenere, e al tempo stesso meno stabile ed affidabile.

    Concludendo, credo che una architettura software debba rispondere a determinati requistiti specifici alle funzioni che deve espletare; e' limitativo quindi affermare aprioristicamente che linux sia migliore o peggiore o che un mainframe sia convenientemente utilizzabile per qualsiasi tipo di attivita', da server DNS a server JAVA/J2EE: per attivita' mission critical (java e non) tendo a preferire solaris; per un generico application server JAVA una batteria di economici server Linux x86; per gestire generici servizi di networking, poco impegnativi dal punto di vista delle risorse, (httpd, ftp, DNS, NFS, SMB, mail,...) o per servizi con intenso I/O (DB) puo' risultare intressante raggrupparli (server consolidation) su Mainframe.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho avuto modo di osservare da vicino una
    > azienda che sta abbandonando Sun per zLinux
    > (Linux su Mainframe), e la strategia IBM e'
    > stata questa:
    Visto quello che dici dopo, hai capito ben poco!
    >
    > - i discorsi di IBM su Linux non sono
    > rivolti a bottegai o dittarelle (per quelli
    > spinge su windows), ma a quegli IT manages
    > provenienti dal mondo Mainframe, privi di
    > esperienza pratica nella informatica
    > distribuita nella quale riportano la
    > staticita' tipica degli ambienti host;
    OK, potrebbe essere

    > - IBM promette server consolidation e
    > facilita' di gestione del disaster recovery
    > centralizzando il distribuito su multiple
    > partizioni zLinux sul Mainframe;
    OK, potrebbe essere

    > - facendo leva sul principio di dover
    > investire ulteriormente per non perdere i
    > precedenti investimenti, IBM ti vende un
    > Mainframe, nuovo, piu' potente, piu' moderno
    > (ora hanno anche l'unita' virgola mobile!),
    FORSE l'hanno SEMPRE avuta, anche se lavorava in formato packed-decimal, ma tu non sai neanche cosa sia!

    > e stiamo parlando di investimenti, in euro,
    > a sei zeri, piu' magari quote mensili e
    > annuali per vari software e assistenza...
    OK

    > - il mainframe ha grandi performance di I/O,
    > ma la potenza di calcolo e' decisamente
    > scarsa,
    Chi ti rifornisce? Ti ha dato robbbbbba OTTIMA!

    > se comparata ad esempio ad
    > architetture x86 o SPARC,
    Sempre meglio! La fiera delle sparate!

    > e JAVA consuma
    > moltissima CPU e memoria.
    Che il mainframe HA SEMPRE AVUTO!

    > Per ottenere
    > prestazioni analoghe alle altre
    > architetture, e' necessario che il nuovo
    > mainframe sia ben carrozzato con "motori" (i
    > processori dei Mainframe) e ram, entrambi
    > infinitamente piu' costosi degli omologhi
    > delle altre piattaforme;
    Più costosi certo, MOOOLTO più performanti anche!

    > - essendo una architettura particolarissima,
    > IBM sconsiglia di procedere direttamente con
    > lo sviluppo di applicazioni su zLinux, ma
    > suggerisce l'utilizzo di un ambiente
    > speculare x86,
    Mi sto rotolando dalle risate! Se consiglia quello è solo perchè un ambiente di SVILUPPO/TEST su x86 è infinitamente MENO COSTOSO dello stesso su mainframe, ma ti assicuro che nel mondo IBM lo sviluppo direttamente su mainframe E' LA NORMA!

    > e quindi risulta necessario
    > acquistare, sempre da IBM, una batteria
    > (magari una decina) di servers Blade quad
    > Xeon con Linux;
    >
    > A questo punto IBM ha raggiunto il suo scopo
    > principale: ha venduto un bel po' di costoso
    > ferro, un bel po' di software (anche se non
    > e' il top, va tutto in bundle scontato con
    > la macchina...) un bel po' di consulenze
    > (che vuol dire personale fisso IBM dai
    > clienti), ha vincolato un cliente agli
    > importanti investimenti fatti, ha tolto un
    > cliente a Sun. Sono da sottolineare alcuni
    > aspetti:
    >
    > - il progetto di migrazione ha durata
    > prevista di ANNI, che nel mondo distributo e
    > ancora di piu' in quello JAVA/J2EE
    > rappresentano SECOLI;
    Già, tu saresti in grado di riscrivere tutto in una settimana! Ma va là!

    > - e' probabilissimo che in realta' su zLinux
    > verranno migrate solo pochissime
    > applicazioni di "facciata", e che il core
    > business rimanga sugli x86; cio' sarebbe
    > dovuto agli alti costi di gestione e
    > manutenzione, e alla bassa affidabilita' di
    > una architettura sperimentale
    ???????

    > (si sono gia'
    > presentati vari problemi, alcuni tuttora
    > irrisolti);
    > - si e' passati da una totale indipendenza
    > dai vendor (solo un efficientissimo e poco
    > utilizzato contratto di assistenza con Sun)
    > ad un fortissimo legame con IBM,
    Fuffa, se sviluppi il software tu ed hai i sorgenti, lo porti dove vuoi!

    > con
    > conseguente decadimento della tempistica ed
    > efficienza del sistema.
    ??????

    > - lo stesso Linux su x86 non sempre si e'
    > dimostrato all'altezza nell'esecuzione di
    > applicazioni mission critical (in cui un
    > fermo macchina si paga molto caro), non
    > raggiungendo le vette di affidabilita' e
    > stabilita' del precedente ambiente Sun;
    Magari (non ho esperienza), è per questo che si fa girare su mainframe!

    Saluti...
    ..................Enrico Fan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Visto quello che dici dopo, hai capito ben
    > poco!
    per fortuna ci sei tu che capisci...

    > FORSE l'hanno SEMPRE avuta, anche se
    > lavorava in formato packed-decimal, ma tu
    > non sai neanche cosa sia!
    forse sei tu che non sai di cosa stai parlando: i motori s390 di non ultima generazione NON avevano supporto hardware per il floating point (niente FPU), che poi li emulassero via software e li rappresentassero in packed decimal e' un altro discorso (ti lascio immaginare le performances)
    Infatti IBM, viste le performace risibili, si e' affrettata a rilasciare gli IFL, motori dedicati ed ottimizzati (con FPU) per linux...

    > > - il mainframe ha grandi performance di
    > I/O,
    > > ma la potenza di calcolo e' decisamente
    > > scarsa,
    > Chi ti rifornisce? Ti ha dato robbbbbba
    > OTTIMA!
    >
    > > se comparata ad esempio ad
    > > architetture x86 o SPARC,
    > Sempre meglio! La fiera delle sparate!
    >
    > > e JAVA consuma
    > > moltissima CPU e memoria.
    > Che il mainframe HA SEMPRE AVUTO!
    guarda che non racconto balle che mia ha raccontato il lattaio, ma esperienze di prima persona... comparato ad altre architetture hardware, il processore del mainframe sotto linux e' piu' lento, semplicemente perche' deve fare cose per le quali non e' ne' progettato ne' ottimizzato. I bogomips (so benissimo che come esempio dicono poco, ma e' tanto per avere un riferimento visto che IBM non ne fornisce) di un processore sotto zLinux sono inferiori a quelli di un PIV a 2 Ghz, ed un programma di stress in java ha impiegato 8 volte il tempo necessario sul solito PIV. Probabilmente sul carico scala meglio, probabilmente e' nato per applicazioni diverse, fatto sta che i cicli di calcolo sotto zLinux sono molto cari, e vanno risparmiati.

    > Più costosi certo, MOOOLTO più
    > performanti anche!
    Ma basta con le favole, e' un mito da sfatare! dal mainframe ottieni affidabilita' e I/O, non di sicuro prestazioni.

    > Mi sto rotolando dalle risate! Se consiglia
    > quello è solo perchè un
    > ambiente di SVILUPPO/TEST su x86 è
    > infinitamente MENO COSTOSO dello stesso su
    > mainframe, ma ti assicuro che nel mondo IBM
    > lo sviluppo direttamente su mainframe E' LA
    > NORMA!
    Finalmente ti sei dichiarato! sei uno del "mondo IBM", uno di quelli che indicavo nel primo punto! Allora guarda, provero' a spiegarti con termini semplici che esiste un abisso tra il "tuo" mondo e quello distribuito... da noi esiste una cosa che si chiama interattivita'... da noi non "si chiude" il CICS ma si offre HA 24h su 24.

    > Già, tu saresti in grado di
    > riscrivere tutto in una settimana! Ma va
    > là!
    guarda che non si tratta di riscrivere, ma di sistemare l'ambiente e sostituire i prodotti esistenti con altri di IBM... se tu conoscessi java sapresti che non c'e' nulla da ricompilare

    > > - e' probabilissimo che in realta' su
    > zLinux
    > > verranno migrate solo pochissime
    > > applicazioni di "facciata", e che il
    > core
    > > business rimanga sugli x86; cio' sarebbe
    > > dovuto agli alti costi di gestione e
    > > manutenzione, e alla bassa
    > affidabilita' di
    > > una architettura sperimentale
    > ???????
    Quanti installazioni pensi che esistano di zLinux nel mondo? 100? 1000? e da quanto? io questo lo chiamo sperimentale

    > Fuffa, se sviluppi il software tu ed hai i
    > sorgenti, lo porti dove vuoi!
    I problemi non sono di migrazione dei programmi, ma di sistema... partizioni che si ristartano da sole, jdk che vanno in core, etc... e lo Z non e' un pc che puoi riformattare da solo, se ci tieni alla assistenza

    > Magari (non ho esperienza), è per
    > questo che si fa girare su mainframe!
    ecco, se non hai esperienza, che parli a fare?
    non+autenticato
  • Messa cosi' e' una gran bella cosa, se IBM continua cosi' trarra' solo benefici da linux e bonifichera' il dinosaurico carrozzone che e', speriamo che i manager facciano anche qualche corso sull'open gnu linux e magari sull'etica. Sarebbe bello avere una grande azienda al servizio dei consumatori... ecco lo sapevo, sto ricominciando a sognare...:$:DFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Messa cosi' e' una gran bella cosa, se IBM
    > continua cosi' trarra' solo benefici da
    > linux e bonifichera' il dinosaurico
    > carrozzone che e', speriamo che i manager
    > facciano anche qualche corso sull'open gnu
    > linux e magari sull'etica. Sarebbe bello
    > avere una grande azienda al servizio dei
    > consumatori... ecco lo sapevo, sto
    > ricominciando a sognare...:$:DFan Linux

    è vero... IBM pensa solo al denaro, spero che un giorno la smetta di vendere questi suoi obsoleti server e si dedichi a tutto campo nello sviluppo delle comunità open source con donazioni libere e possa convincere anche i grandi colossi (perchè no anche microsoft) ad abbandonare la storia del business per sposare la causa di questo millennio: la libertà open source
    si, quella libertà che ci è stata finora sottratta dalla spericolata e spietata corsa dell'occidente

    VOGLIAMO LA LIBERTA', VOGLIAMO LINUX, VOGLIAMO LOPEN SOOORCEEEEEEEEEEE !!!
    Fan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan LinuxFan Linux
    non+autenticato
  • ma se noi si ha AS400 con OS400 ... la parte linux come viene fuori?

    si potrebbe parlare un po' in italiano? :-/

    scusate l'ignoranza, vorrei diminuirla un po' leggendo ... ma se non si capisce nulla......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma se noi si ha AS400 con OS400 ... la parte
    > linux come viene fuori?
    >
    > si potrebbe parlare un po' in italiano? :-/

    Inizia tu a parlare italiano, non ho capito la tua domanda....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma se noi si ha AS400 con OS400 ... la parte
    > linux come viene fuori?
    >
    > si potrebbe parlare un po' in italiano? :-/
    >
    > scusate l'ignoranza, vorrei diminuirla un
    > po' leggendo ... ma se non si capisce
    > nulla......

    Ma qui si parla di Libertà, di Etica, di superiorità, di cosa credessi si stesse parlando?
    non+autenticato
  • 2 settimane fa non c'era un trollone che diceva che IBM avrebbe abbandonato il supporto a linux sui suoi server?


  • - Scritto da: awerellwv
    > 2 settimane fa non c'era un trollone che
    > diceva che IBM avrebbe abbandonato il
    > supporto a linux sui suoi server?

    Anche io mi ricordo tale asino !

    Chissa se oggi salterà fuori con qualche esilarante commento !
  • la questione è che , a prescindere dalla bontà o meno di linux come sistema operativo ,la sua diffusione sui server aziendali spaventa molti, e non solo per la questione della concorrenza commerciale : il nuovo spaventa sempre, a prescindere dalle sue qualità.
    ovvio che per i tecnici specializzati in altre piattaforme (windows, ma anche unix) un nuovo sistema operativo su cui studiare non sia qualcosa di entusiasmante.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la questione è che , a prescindere
    > dalla bontà o meno di linux come
    > sistema operativo ,la sua diffusione sui
    > server aziendali spaventa molti, e non solo
    > per la questione della concorrenza
    > commerciale : il nuovo spaventa sempre, a
    > prescindere dalle sue qualità.
    > ovvio che per i tecnici specializzati in
    > altre piattaforme (windows, ma anche unix)
    > un nuovo sistema operativo su cui studiare
    > non sia qualcosa di entusiasmante.

    Guarda che per un tecnico Unix migrare verso Linux non e' un problema...
    Magari lo e' per un tecnico (solo) Windows

  • - Scritto da: awerellwv
    > 2 settimane fa non c'era un trollone che
    > diceva che IBM avrebbe abbandonato il
    > supporto a linux sui suoi server?
    >

    probabilmente si è reso conto della sua iniquità e ha fatto le valige per Trollandia Troll


    :D:D:D:D

  • - Scritto da: Kudos
    >
    > - Scritto da: awerellwv
    > > 2 settimane fa non c'era un trollone che
    > > diceva che IBM avrebbe abbandonato il
    > > supporto a linux sui suoi server?
    > >
    >
    > probabilmente si è reso conto della
    > sua iniquità e ha fatto le valige per
    > Trollandia Troll
    >
    >
    >A bocca aperta:D:D:D

    Cioè si è traferito a Redmond.....
    non+autenticato
  • > 2 settimane fa non c'era un trollone che
    > diceva che IBM avrebbe abbandonato il
    > supporto a linux sui suoi server?

    sì ma oggi non verrà qui sul forum: è passato dall'alcool direttamente alle droghe pesanti!A bocca aperta:D:D