Presto la censura domestica sui film?

Negli USA il fai-da-te per la censura dei DVD sarà presto a portata di mano. Arriva al vaglio del Congresso la legge per... salvare le famiglie. Hollywood si oppone

Washington (USA) - La censura automatica per i film destinati all'uso domestico sarà perfettamente legale. Lo garantiscono i membri della commissione parlamentare che ha presentato il testo provvisorio del Family Entertainment and Copyright Act(FECA). Dopo l'approvazione unanime del Senato, durante lo scorso gennaio, il via libera del Parlamento si avvicina ed appare quasi scontato.

Le associazioni per la tutela dei minori gioiscono. Le anziane signore dai capelli imbiancati tirano un sospiro di sollievo: tutto quel sangue nei film di Hollywood era troppo per il loro fragile cuore. Infatti, se la legge terminerà il suo iter, i genitori americani potranno tranquillamente regalare film come Kill Bill al proprio figlio undicenne: grazie al Family Entertainment and Copyright Act, i sistemi di filtri per DVD diventeranno finalmente legali. Nella scena in cui la splendida Uma Thurman squarta gli avversari, il lettore DVD zoomerà automaticamente sugli occhi della famosa attrice, oppure cambierà improvvisamente sequenza. Che si tratti dell'arrivo della vera televisione babysitter?

Alla ClearPlay, ditta dello Utah che ha lanciato sul mercato il primo lettore DVD con sistema di censura fai-da-te integrata, esultano. La legge in via d'approvazione vanificherebbe le gravi accuse mosse dagli studi di Hollywood: l'opinione comune vuole che utilizzare queste tecnologie domestiche per la censura dei film costituisca una violazione delle norme sul copyright. Se il FECA verrà approvato, ClearPlay potrà finalmente tirare un sospiro di sollievo. E lanciarsi su un mercato che forse potrà conquistare facilmente.
Secondo un sondaggio condotto dalla Princeton Survey Research Associates, il 62% degli americani crede che ci sia troppa violenza nei film in commercio, mentre secondo uno studio della Wirthlin Wordwide Research il 58% pensa che vedere DVD censurati non è un'idea affatto malvagia.

Tra le novità previste dal FECA c'è persino un duro inasprimento per chi copia e filma, grazie ai camcorder portatili, versioni "bootleg" delle uscite cinematografiche: per questo reato viene istituita la detenzione in carcere federale fino a tre anni, nonché un tetto massimo di sei anni nei casi di recidiva.

Legiferare sul complicato mondo delle tecnologie digitali è un'attività sempre più all'ordine del giorno per i politici statunitensi. La mente del Family Entertainment and Copyright Act è il noto repubblicano Lamar Smith, un "duro" dal cuore texano e da sempre in prima linea nel tentativo di conciliare sicurezza e nuove tecnologie.

Vedere un film è un'esperienza unica, come andare al teatro oppure guardare un dipinto. Permettere che tecnologie come ClearPlay siano utilizzabili liberamente significa tutelare i più piccoli, significa permettere di vendere film "proibiti" anche a bambini di 10 anni: è un'ottima mossa strategica che può salvare il mercato dell'home entertainment, minacciato dal P2P e dal crollo delle vendite al dettaglio. Hollywood però sembra proprio non crederci e si appella alla proprietà intellettuale.

La verità è che il giochino sembra porre indiscriminatamente tutti quanti sullo stesso piano: quello di consumatori passivi ed incapaci di recepire, elaborare e dare un senso ai messaggi trasmessi dai media. Esautora i genitori dal loro ruolo di educatori, inganna i più piccoli con surrogati cinematografici. La domanda di fondo rimane sempre la solita: è giusto che il mercato, ovvero una tecnologia, si sostituisca alle scelte dell'utente?
(Tommaso Lombardi)
TAG: censura
90 Commenti alla Notizia Presto la censura domestica sui film?
Ordina
  • Hanno le armi come in Canada, hanno uno stato sociale pari allo zero ,vivono in una società violenta ( stato sociale pari a zero, non hai l'assicurazione puoi morire....) e pensano ai filtrare le scene violente !
    Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • una roba del genere, visto che abbiamo il MOIGE che sbraita su ogni cazzata e mai su cose serie...... mah.
    non+autenticato
  • Tutti ad accapigliarsi contro questa notizia, tutti a puntare il dito contro il mancato rispetto delle libertà individuali e a parlare di stato-balia.
    A quanto leggo, è proprio l'inverso: questa volta sono i genitori e gli individui che hanno la libertà di vedere ciò che vogliono, nascondendo le scene che loro _decidono_ di non vedere. Si può criticare finché si vuole, affermando che un film è un'opera d'arte (pochi, ormai, a dire il vero) e come tale non deve essere manomessa o tagliata. Ma se io compro un film, sono liberissimo di vedermi sempre e solo i primi 10 minuti, se lo voglio. E l'illiberale sarebbe colui che vorrebbe impedirmi di fare questo (in questo caso, Hollywood e voi presunti fautori delle libertà).

    Va da sé che il film va preso nella sua interezza, per essere giudicato, ma nulla mi vieta di prendere un DVD e farne cosa voglio, incluso spalmarlo di nutella e mangiarmelo.
  • Ciao JosaFat !

    > A quanto leggo, è proprio l'inverso: questa volta
    > sono i genitori e gli individui che hanno la
    > libertà di vedere ciò che vogliono, nascondendo
    > le scene che loro _decidono_ di non vedere. Si

    Mi sa che non hai letto gli altri messaggi.
    La questione è esercitare una tua (presunta) libertà per togliere la libertà a qualcunaltro.
    Ce poi da dire che tu decide se tiivare la censura o no ma le parti censurata sono stabilite da latri e non da te.

  • - Scritto da: The_GEZ
    > Mi sa che non hai letto gli altri messaggi.

    Ne ho letti parecchi

    > La questione è esercitare una tua (presunta)
    > libertà per togliere la libertà a qualcunaltro.

    Se chi vuol vedere a casa mia un film è ignaro che è tagliata, la colpa non sarà certo del sistema, ma mia, che non avviso della cosa. E, ritornando al discorso dei figli, credo che un genitore debba avere il potere di poter scegliere cosa far vedere a suo figlio, quando è piccolo.

    > Ce poi da dire che tu decide se tiivare la
    > censura o no ma le parti censurata sono stabilite
    > da latri e non da te.

    A dire il vero, non è ben chiara questa cosa, l'articolo parla di "censura fai-da-te".... hai notizie più esplicative?
    non+autenticato
  • > A dire il vero, non è ben chiara questa cosa,
    > l'articolo parla di "censura fai-da-te".... hai
    > notizie più esplicative?

    segui il link che c'é nell'articolo:
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=47846
    4751
  • Ciao a tutti !

    ----<zicchete>------<zacchete>----<zicchete>------<zacchete>
    Tra le novità previste dal FECA c'è persino un duro inasprimento per chi copia e filma, grazie ai camcorder portatili, versioni "bootleg" delle uscite cinematografiche: per questo reato viene istituita la detenzione in carcere federale fino a tre anni, nonché un tetto massimo di sei anni nei casi di recidiva.
    ----<zicchete>------<zacchete>----<zicchete>------<zacchete>

    ... e poi alla fine saltano sempre fuori le stesse cose ....

    Però una cosa bella c'è ... il nome (de)FECA !!!
  • > Tra le novità previste dal FECA c'è persino un
    > duro inasprimento per chi copia e filma, grazie
    > ai camcorder portatili, versioni "bootleg" delle
    > uscite cinematografiche: per questo reato viene
    > istituita la detenzione in carcere federale fino
    > a tre anni, nonché un tetto massimo di sei anni
    > nei casi di recidiva.

    il carcere per una versione bootleg...
    pffftt roba da matti

    pensare che il bootleg dei Pink Floyd a Torino 1989 (Pink elephant flew over Torino) è 10 volte meglio del live ufficiale...
    4751
  • Ciao cico !

    > il carcere per una versione bootleg...
    > pffftt roba da matti
    >
    > pensare che il bootleg dei Pink Floyd a Torino
    > 1989 (Pink elephant flew over Torino) è 10 volte
    > meglio del live ufficiale...

    Ecco sei un comunista, ladro e scopiazzatore !
    Non sai che a causa di quel booleg i Pink Floyd sono diventati poveri e dadesso quando il portacenere della Lamborghini è pieno non possono più cambiare la macchina per vuotarlo, VERGOGNATI !

    Questa mattina mentre andavo al lavoro ho anche dovuto dare 10 eurocents a Richard Wright che se no non poteva comperarsi l' Aston Martin ...

    :)SorrideOcchiolino
  • > Ecco sei un comunista, ladro e scopiazzatore !

    ROTFL che fai insulti?A bocca aperta

    > Non sai che a causa di quel booleg i Pink Floyd
    > sono diventati poveri e dadesso quando il
    > portacenere della Lamborghini è pieno non possono
    > più cambiare la macchina per vuotarlo, VERGOGNATI
    > !

    un c@zzo!!!
    li ho pure pagati in un negozio di dischi altro ché, due versioni: vinile e CD

    altro che scopiazzatore Sorride


    ==================================
    Modificato dall'autore il 11/03/2005 16.16.01
    4751
  • solo questo riesco a dire dopo aver letto questa notizia
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)