Ark, il Linux più facile che c'è?

Debutta la prima versione matura di un sistema operativo che spera di strappare a Windows anche gli utenti più inesperti e schizzinosi. Mission possible?

Roma - Nel firmamento delle distribuzioni Linux dedicate al mercato desktop, e in particolare a quello degli utenti consumer, è nata una nuova stella chiamata Ark Linux. La sua prima versione stabile, che ha debuttato negli scorsi giorni con il nome di 2005.1, è fra le prime distribuzioni Linux ad includere la nuovissima versione 3.4 di KDE.

Da non confondere con Arch Linux, una distribuzione d'ispirazione "slackweriana", Ark potrebbe pestare i piedi a sistemi oprativi come Mandrakelinux, Linspire, Lycoris o Xandros: non per nulla il suo slogan è "la distribuzione desktop per gli utenti finali". Ma il suo ideatore e principale sviluppatore, Bernhard "Bero" Rosenkraenzer, sostiene che gli unici veri concorrenti di Ark Linux sono Windows e Mac OS X. Un'affermazione che rivela come la grande ambizione di Rosenkraenzer, che in passato ha lavorato per Red Hat, sia quella di spingere il Pinguino anche sulle scrivanie di chi oggi è totalmente digiuno di Linux.

Il Mission Control di Ark Linux"L'obiettivo del progetto Ark Linux - si legge in un comunicato - è quello di creare la distribuzione Linux più facile da usare", così facile da poter essere utilizzata senza difficoltà anche da chi fino ad oggi ha utilizzato esclusivamente Windows o Mac OS. Una meta che Rosenkraenzer dice di aver raggiunto limando tutti gli spigoli di Linux e fornendo agli utenti interfacce e wizard di facile comprensione. Lo sviluppatore afferma, ad esempio, che il proprio software può essere installato con soli 4 clic del mouse e in un tempo inferiore ai 10 minuti, inoltre al boot del sistema non viene richiesta alcuna password: l'utente inesperto viene automaticamente autenticato con un account predefinito e dai privilegi limitati.
L'interfaccia grafica di Ark Linux poggia su una versione personalizzata di KDE, unico desktop environment incluso nella distribuzione: Rosenkraenzer, del resto, è un hacker impegnato da tempo su questo software. Il cuore del sistema operativo è il Mission Control, interfaccia che ricorda da vicino il Pannello di controllo di Windows XP: a differenza del Centro di Controllo di KDE, Mission Control utilizza icone più grandi, testi più comprensibili e wizard che aiutano a configurare quasi tutti gli aspetti del sistema operativo (rete, periferiche, interfaccia, ecc.), installare e disinstallare le applicazioni, applicare temi e stili grafici, installare nuovi font, e modificare l'apparenza del desktop.

La versione base di Ark Linux sta su un solo CD e contiene tutte le applicazioni desktop essenziali per l'intrattenimento e la produttività, tra cui OpenOffice 1.1.4. Sul sito è tuttavia possibile scaricare altre quattro immagini ISO: "Ark Development Suite", "Ark Extra Software", "Ark Server Software" e "Ark Extra Languages". Tutti i pacchetti contenuti nei CD "extra" possono anche essere scaricati via Internet utilizzando l'interfaccia grafica di Kynaptic. Per i più esperti rimane tuttavia possibile lanciare da riga di comando il buon vecchio "apt-get".

Ark Linux si basa sul kernel di Linux 2.6.11, le glibc 2.3.4 e X.Org 6.8.2. Le versioni binarie vengono distribuite gratuitamente qui ma, per una decina di dollari, è possibile ordinarle su CD.
223 Commenti alla Notizia Ark, il Linux più facile che c'è?
Ordina
  • NON E' CHE, DATO CHE L'HA FATTO UN HACKER, CI SIA DA QUALCHE PARTE, MAGARI NEL KERNEL, uno spyware?E' vero che un hacker non è un cracker, però........l'appetito vien mangiando......
  • state molto attenti: se avete più di un disco fisso
    ve lo formatta in quattro e quattr'otto
    senza chiedervi nessuna ocnferma
    io non mi fiderei neppure a farmi restringere
    la partizione di windows
    da evitare
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > state molto attenti: se avete più di un disco
    > fisso
    > ve lo formatta in quattro e quattr'otto
    > senza chiedervi nessuna ocnferma
    > io non mi fiderei neppure a farmi restringere
    > la partizione di windows
    > da evitare

    Beh, chi utilizza WinzozzBug si merita di farsi formattare l'HD.

    Così la prossima volta, sceglie un sistema serio, non un giocattolino per utontiSorride

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > state molto attenti: se avete più di un disco
    > > fisso
    > > ve lo formatta in quattro e quattr'otto
    > > senza chiedervi nessuna ocnferma
    > > io non mi fiderei neppure a farmi restringere
    > > la partizione di windows
    > > da evitare

    > Beh, chi utilizza WinzozzBug si merita di farsi
    > formattare l'HD.

    > Così la prossima volta, sceglie un sistema serio,
    > non un giocattolino per utontiSorride

    Questa mi sembra l'affermazione sbagliata Sorride parlando di una distro che vuole imitare windows proprio nel (comodo) meccanismo dei wizard.
    Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Questa mi sembra l'affermazione sbagliata Sorride

    Abbiamo opinioni ben diverseSorride

    > parlando di una distro che vuole imitare windows
    > proprio nel (comodo) meccanismo dei wizard.

    I Wizard, sono studiati per agevolare l'utonza media di Windows....senza questi non saprebbero scrivere neanche una lettera o fare una presentazione in powerpoint.


    > Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Bella cac..ta infatti! Facile quì, facile la.. bla bla bla.. Già al boot leggo diversi "error".. poi arriva finalmente il momento di installare il tutto e le uniche scelte possibili sono FORMATTARE TUTTO o RIPARTIZIONARE, io non voglio ripartizionare niente! Ho un secondo disco completamente dispobibile perchè non posso sceglierlo!?

    Comunque.. provo a selezionare l'opzione che mi permetterebbe di partizionare... eeeh... CRASH! Non si può continuare più...

    Ma non doveva essere tutto facile!? Ma non doveva riconoscere qualsiasi hardware?! Ma Linux non è stabilissimo e bla bla bla?!

    Caxxo! Un cd buttato.. non ho mai speso 20 centesimi più inutilmente di così!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma Linux non è
    > stabilissimo e bla bla bla?!

    Linux è stabilissimo, non centra niente l'installer. Se un progamma si pianta, è fatto male il programma, non Linux.
    non+autenticato
  • Lobotomizzazione causata da tv e windows, c'è bisogno di un alinux facile facile, ler gente come gasparri o la prestigiacomo.
    non+autenticato
  • Potreste essere sorpresi nel sapere che il software che utilizzate
    influenza la vostra salute. Un gruppo di ricercatori negli Stati Uniti
    ha dimostrato che l'effetto sulla salute umana dell'utilizzo di
    software affidabile e di qualità è innegabile.

    Un rigoroso studio medico è stato recentemente completato,
    comprendente esami del sangue, esami a doppio cieco con placebo,
    monitoraggio cardiaco, e campioni di urina, fra le altre tecniche. Lo
    studio è stato condotto dal Dott. Robert Wilkes e dal suo assistente
    Dott. Li Huang, entrambi con un'ampia esperienza nel campo
    dell'ergonomia del software. I dettagli non sono stati ancora resi
    disponibili al pubblico, ma è stato già fornito un riassunto.

    Lo studio è stato condotto su un periodo di due anni, ed i risultati
    saranno pubblicati a breve in un'autorevole rivista medica. Oggetto
    dello studio erano 235 utenti e programmatori di computer, di vario
    livello, selezionati casualmente nelle maggiori città statunitensi, ed
    attentamente monitorati su base periodica alla ricerca di stress
    correlato al software, incidenti, malattie, etc. Sono state condotte
    anche valutazioni psicologiche per determinare l'effetto di varie
    marche di software sulla salute mentale degli utenti.

    Ecco un breve compendio dei risultati dela ricerca.

    Gli utenti di Internet Explorer, Microsoft Windows, ed Office hanno
    un'incidenza significativamente minore di ulcere gastriche, gas nel
    colon, rossore degli occhi ed ipertensione rispetto alla controparte
    Linux e UNIX -- specialmente gli utenti di Solarus, di Red Hat, di
    NOME, di KDE e di Netscape, tra gli altri. Ulteriori studi e
    psicoanalisi hanno indicato che lo stress e l'ulcerazione (trovati
    negli utenti di Linux & di UNIX) sono stati causati soprattutto dai
    seguenti fattori:

    1. Incertezza circa il futuro del loro sistema operativo.

    2. La necessità percepita "di combattere il sistema", o una specie di
    lotta interna contro le grandi società (quale Microsoft).

    3. Necessità di posturarsi come "reet" per guadagnare il rispetto dei
    colleghi. (questi utenti non sono riusciti ad informare i nostri
    ricercatori quanto al significato di questo termine oscuro. Se
    qualcuno può fornire una definizione, sarebbe apprezzato.)

    4. Sensibilità di timore o di paranoia riguardo all'hacking ed altre
    attività illegali. (tali sensibilità erano abbastanza diffuse fra
    questo gruppo e tendono anche a causare il flatus che è stato
    accennato precedentemente.) Gli utenti di Linux & di UNIX inoltre
    avevano una maggiore incidenza della sindrome del tunnel carpale,
    dovuta alla maggiore necessità di digitare alla linea di comando.
    L'esame dei muscoli del polso in questo gruppo di utenti ha trovato
    numerosi casi di infiammazione e lesioni irreparabili provocate
    tramite il loro uso incessante della riga di comando, mentre la
    maggior parte degli utenti Microsoft, che usano soprattutto il mouse e
    raramente scrivono, avevano muscoli del polso sani.

    Gli utenti di Microsoft hanno esibito tranquilità, buona salute
    mentale e fisica ed un equilibrato benessere emotivo. Tendono a
    praticare più attività fisica, visitano la famiglia e gli amici più
    spesso e sono più sociali. Il Dott. Huang ha trovato che questo è
    dovuto al fatto che il loro sistema operativo non richiede loro di
    passare lunghe ore a studiare le pagine del Mann per effettuare
    semplici attività di manutenzione. I loro motivi principali per la
    loro sensazione di stabilità erano i seguenti:

    1. La loro scelta di software è amichevole e colorata, riproduce suoni
    interessanti quando accendono o spengono il computer, o cliccano sopra
    determinate immagini e Microsoft fornisce abbondanti aggiornamenti
    tramite Windows Update per mantenere il loro computer sicuro da
    hackers.

    2. Si sentono sicuri circa il futuro di Microsoft, in parte perché il
    fondatore è l'uomo più ricco sul pianeta. Come ha notato un utente.
    "Bill Gates sa rendere i computer facili per la gente come me. Mi fido
    del futuro del mio computer, perché Bill Gates inventa sempre nuovi
    modi per divertirsi con i computers. Inoltre è così ricco, quindi non
    andrà presto in bancarotta!"

    3. Gli utenti hanno apprezzato lo slogan "dove vuoi andare oggi?"
    perché li faceva sentire come se Microsoft stesse provvedendo ai loro
    desideri e bisogni, cosa che in effetti sembra essere vera.

    Fra i gruppi di fuoco esaminati erano numerosi i programmatori, di
    vari linguaggi software. I programmatori che usavano le tecnologie di
    Visual Basic, di ASP e di .NET erano i più sani complessivamente, ed
    il Dott. Wilkes ha trovato che questo è direttamente collegato con la
    sicurezza che sentivano nelle loro carriere. I programmatori .NET
    erano particolarmente bene adattati, in parte per il loro senso di
    orgoglio e di essere sul filo del rasoio della tecnologia.

    I programmatori di Linux & di UNIX che usavano Java, J2EE, JSP e PHP
    avevano i livelli di salute più bassa. Dopo ulteriore analisi, è stato
    determinato che ciò era dovuto ai seguenti fattori primari:

    1. Mancanza di interfacce drag-and-drop che generano automaticamente
    il codice sorgente. Rispetto agli sviluppatori basati su Microsoft,
    questo gruppo ha speso molto tempo in più a riscrivere il codice da
    zero. Ciò ha portato a meno tempo passato con la famiglia e gli amici,
    cosa che ha condotto ad ulcera, disordini gastrointestinali e livelli
    di stress elevati.

    2. Una sensazione di "restare indietro" rispetto alle rivoluzionarie
    tecnologie di Microsoft nella famiglia di prodotti .NET. Questi utenti
    hanno una regola "anarchica" non scritta di non installare prodotti
    Microsoft nei loro PCs, così spesso si chiedono quali nuove ed
    eccitanti caratteristiche si perdono. Alcuni sviluppano complessi
    psicologici a causa del loro livello elevato di curiosità.

    3. La sensazione di essere coinvolti in attività di "hacking", o, in
    molti casi, il bisogno di essere percepiti come "reet" dai colleghi.

    Tenete presente che questo studio è stato svolto senza pregiudizio e
    con l'aderenza più rigorosa alle guide di riferimento disposte dalla
    professione per le prove cliniche di questa natura. Il Dott. Wilkes ed
    i suoi colleghi sono professionisti istruiti del più alto grado e la
    loro ampia ricerca nel campo della medicina e dell'ergonomia del
    software permette loro di parlare con autorità di questi problemi.

    Cogliete per favore questa opportunità per rivalutare la vostra scelta
    di software e siate informati che può drasticamente interessare la
    vostra salute fisica e mentale.
    non+autenticato
  • Ocio alle risposte, che diversi parvenu linuzisti non riescono ancora a montare il modulo ironia...
    Hasta el pinguino siempre!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ocio alle risposte, che diversi parvenu linuzisti
    > non riescono ancora a montare il modulo ironia...
    > Hasta el pinguino siempre!

    Mi ricorda tanto le deliranti chat sui videogochi con la famigerata "Associazione Carlo Borromeo"

    http://members.tripod.com/~aereo/entra.htm
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ocio alle risposte, che diversi parvenu linuzisti
    > non riescono ancora a montare il modulo ironia...
    > Hasta el pinguino siempre!


    Basta avere tre tasti sul mouse ed il problema non si pone Occhiolino .Senti gli adepti di casa Mac A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ocio alle risposte, che diversi parvenu
    > linuzisti
    > > non riescono ancora a montare il modulo
    > ironia...
    > > Hasta el pinguino siempre!
    >
    >
    > Basta avere tre tasti sul mouse ed il problema
    > non si pone Occhiolino

    Si, certo 3 tasti e poco cervello...

    .Senti gli adepti di casa Mac A bocca aperta

    L'azienda si chiama Apple, ignorantone...ahh si è vero tu hai 3 tasti e poco cervello.

    non+autenticato
  • Chi ha finanziato la ricerca?
    non+autenticato

  • > 3. Necessità di posturarsi come "reet" per
    > guadagnare il rispetto dei
    > colleghi.
    eh?

    Gli utenti di Linux &
    > di UNIX inoltre
    > avevano una maggiore incidenza della sindrome del
    > tunnel carpale,
    > dovuta alla maggiore necessità di digitare alla
    > linea di comando.
    Magari il contrario, dato che la sindrome del tunnel carpale è notoriamente causata dalla posizione della mano sul mouse, non sulla tastiera.

    > L'esame dei muscoli del polso in questo gruppo di
    > utenti ha trovato
    > numerosi casi di infiammazione e lesioni
    > irreparabili provocate
    > tramite il loro uso incessante della riga di
    > comando, mentre la
    > maggior parte degli utenti Microsoft, che usano
    > soprattutto il mouse e
    > raramente scrivono, avevano muscoli del polso
    > sani.
    Studi sugli utenti microsoft hanno invece messo in evidenza notevoli lesioni al colon e al retto, affiancate da una dilatazione anomala dell'orefizio anale.

    > Gli utenti di Microsoft hanno esibito
    > tranquilità, buona salute
    > mentale e fisica ed un equilibrato benessere
    > emotivo. Tendono a
    > praticare più attività fisica, visitano la
    > famiglia e gli amici più
    > spesso e sono più sociali.
    Mangiano molte fibre e hanno preso l'abitudine di seguire corsi di yoga.

    > 1. La loro scelta di software è amichevole e
    > colorata, riproduce suoni
    > interessanti quando accendono o spengono il
    > computer, o cliccano sopra
    > determinate immagini e Microsoft fornisce
    > abbondanti aggiornamenti
    > tramite Windows Update per mantenere il loro
    > computer sicuro da
    > hackers.
    Hanno soprattutto a disposizione compagnie amichevoli e simpatiche, utili ed efficienti nello svolgimento del loro compito, come la graffetta di ms office o il cagnolino del "trova" di windows.

    > 3. La sensazione di essere coinvolti in attività
    > di "hacking", o, in
    > molti casi, il bisogno di essere percepiti come
    > "reet" dai colleghi.
    eh?
    non+autenticato
  • Sembra un post ironico ma, leggendolo bene, non lo è affatto (tutto ciò che è scritto è sostanzialmente vero)!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sembra un post ironico ma, leggendolo bene, non
    > lo è affatto (tutto ciò che è scritto è
    > sostanzialmente vero)!

    Sotto l'effetto allucinogeno della scatoletta colorata di Win icpì pokemon ediscion ?

    non+autenticato
  • sara' ma non mi sento minimamente minacciato dalla piattaforma NET di MS, anzi dormo tra due guanciale te lo assicuroSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > sara' ma non mi sento minimamente minacciato
    > dalla piattaforma NET di MS, anzi dormo tra due
    > guanciale te lo assicuroSorride

    Tipico di tutti quei sistemisti che possono dare colpa a M$ invece di stare attenti a non fare ca22ate ed aumentare il proprio bagaglio di conoscienze.
    non+autenticato
  • posto che il problema di una qualsiasi distro non è
    il fatto di venire rilasciata ma sta nell'essere mantenuta,
    e che questo fa la reale differenza,
    molte sono ormai di una facilità estrema
    (entro il range di cose che si possono definire facciano
    bene e in modo semplice): l'una o l'altra cambia poco
    si installa un sistema di oltre due giga in un quarto
    d'ora contro le 3 ore di un sistema windows
    (vista la quantità di sw installato)
    si hanno repositories con una decina di giga
    di sw pacchettizzato (il doppio o il triplo di installato)
    con un semplice comando, anche automatizzabile,
    che sia urpmi, yum o apt, aggiorno pacchetti
    e applico security update
    con alcune distro (debian, ubuntu) posso
    passare da una release a una successiva
    senza reinstallazione, quindi installo una volta
    per tutte

    se faccio una scelta oculata dell'hw, quasi tutto
    (il tutto in questo settore non esiste evidentemente)
    viene preconfigurato e funziona
    se ho proprio bisogno di certi programmi
    non nativi con crossover ( + o - 30 euro) ne faccio
    girare parecchi (ms office, photoshop, dreamweaver
    etc) in modo efficente e con una
    velocità quasi pari al nativo

    Il prossimo passo sarà non dovere più installare nulla:
    abituarsi a usare distro preconfigurate su pen-drive
    (su una pen-drive di 1 giga ci sta una distro di 3)
    che si portano sempre dietro in modo che tutti i
    computer su cui lavoriamo diventano automaticamente
    (più o meno) i nostri.

    Certo, autocad è un problema, e finché non ci sarà
    una soluzione occorre usare altro, e mi dispiace per
    la montagna di denaro che la gente è costretta a buttare
    in inutili aggiornamenti dettati da un abuso di posizione
    Certo se uno vuole tutti i giochi in modo semplice
    può optare per una console ( su cui eventualmente
    installare anche linux)
    Certo ci vuole una scelta oculata anche per i gestionali
    che esistono anche se per lo più proprietari

    parlo di desktop, perché lato server linux è
    indiscutibilmente il miglior sistema esistente

    ci sono però alcuni problemi:
    in primo luogo in certi paesi l'intero sistema
    scolastico funziona (ha funzionato finora e non
    si vedono traccia di cambiamenti) come centro
    di formazione di una grossa multinazionale
    condannata in tutto il mondo per abuso di
    posizione monopolista. non si insegna cioè
    informatica, ma l'uso del prodoti ms
    addirittura in licei scientifici o in superiori
    che includono ore di programmazione non
    si insegna C o java, ma, vergognosamente,
    vb

    questa è, evidentemente, roba da terzo mondo (leggasi colonia) ed è un problema già fin troppo evidente che
    deve essere risolto subito: se il tempo dedicato a
    insegnare gli strumenti e l'interfaccia di b.gates
    fosse speso per insegnare un sistema aperto, per es
    linux, gli utenti troverebbero linux facilissimo e windows
    incomprensibile, com'è ovvio

    in secondo luogo, in un paese in cui una fetta sempre
    più consistente di persone, e pensionati in particolare,
    fanno fatica a tirare avanti, con furti ai supermercati
    di generi alimentari in netto aumento (perlopiù a causa
    di persone anziane) la PA versa una tangente annuale
    di svariate centinaia di milioni di euro all'uomo più ricco
    del mondo e non applica quanto peraltro deciso per
    legge (favorire ove possibile l'uso di strumenti aperti
    e/o risparmiosi) invece di formare per quel minimo che
    serve i propri dipendenti all'uso di alternative a basso costo
    (realizzando un furto a danno dei poveri per versare il
    maltolto al gia immensamente ricco)
    Anche questo è un problema da risolvere subito, e che
    si risolverà pian piano da se, per il semplice motivo
    che non ci sono più soldi per la sanità, non ci sono più
    soldi per i servizi sociali di base, non ci sono più soldi....
    E' quindi di una gravità eccezionale che tuttora si buttino
    via risorse ch, o non ci sono, o vengono tolti a cose più
    importanti, nel modo suddetto

    quindi la faccenda ha risvolti politici e sociali e non certo
    solo tecnici: di conseguenza gli utenti linux farebbero
    bene a darsi una mossa in questo senso, perché è una
    delle cose realmente importanti da fare, invece di lamentarsi
    per ark ha il vizardino di un blu più bello, yast2 e drakconf, etc

    detto questo c'è comunque da sottolineare
    l'enorme crescita costante di linux, che se non sfonda
    nel desktop in italia, cresce nel desktop comunque in molti
    altri paesi (posso sottolineare che siamo ben lontani dal
    rappresentare un'avanguardia tecnologica persino nell'
    europa del sud ?) e, inoltre, cresce molto in molti altri settori
    meno appariscenti, e questo anche in italia
    non+autenticato
  • Sono contrario a TUTTO quello che hai detto.
    La scelta del software DEVE essere tecnica dove per tecnica intendo analisi delle caratteristiche tecniche e del rapporto tra caratteristiche e costo.
    Lo stato, proprio per le ragioni a cui accennavi tu, deve puntare ai prodotti che offrono il òiglior rapporto prezzo/prestazioni dove, ovviamente, nel prezzo non ci va solamente il costo d'acquisto ma anche quello di gestionre (formazione del personale, costo degli amministratori di sistema - siano esi dipendenti interni o consulenti esterni - difficoltà e velocità di gestione, installazione, aggiornamento....) e poi che vinca il migliore.
    Se Linux si fa invischiare da politica e filosofia allora allontanerà i professionisti che sono tali perchè interessati alla TECNICA
    non+autenticato
  • >Sono contrario a TUTTO quello che hai detto.
    la tua è una posizione rispettabile ed è quanto
    molti sostengono, cioè la posizione di un tecnico
    tuttavia questo sarebbe vero se esistesse un mercato
    libero, se su certe scelte non incidessero motivi
    extratecnici, etc
    poiché molte scelte sono basate su motivi
    extratecnici, quello che tu sostieni diventa a
    mio parere, di valore parziale, meramente tecnico

    ritorniamo un attimo al primo punto del mio post
    la scuola italiana, invece di insegnare informatica,
    funziona da centro di formazione
    gratuito per i prodotti di un'azienda condannata per
    abuso di posizione monopolista in mezzo mondo
    persino in molti contesti dove vi sono ore dedicate
    all'insegnamento della programmazione, viene
    insegnata roba come il vb

    tu, in questo, vedi motivazioni tecniche?
    non mi verrai a dire che è perché costa troppo
    formare i professori vero? la formazione non è
    un costo, è un investimento. specie se permette di introdurre strumenti di grande valore didattico
    il cui costo tende a zero.
    Quindi ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)