Microsoft Update sotto test

Parte la prima fase di beta testing di un nuovo servizio di aggiornamento: sostituirà Windows Update entro l'anno. Il nuovo centro di raccolta e distribuzione delle patch supporterà anche Office

Redmond (USA) - In questi giorni è cominciata la fase di beta testing di Microsoft Update (MU), un'evoluzione dell'attuale servizio di aggiornamento Windows Update (WU) che dovrebbe essere completata verso il tardo 2005.

A differenza di WU, che contiene quasi esclusivamente aggiornamenti relativi a Windows ed ai suoi componenti, MU diverrà il punto di raccolta e distribuzione delle patch per i più importanti software di Microsoft, tra cui Office, Exchange e SQL Server. Il servizio sarà accessibile agli utenti di Windows 2000, XP e Server 2003 e si interfaccerà alla funzionalità Aggiornamenti automatici di Windows, che di fatto rappresenta il client di WU alternativo all'accoppiata browser/ActiveX: un client che, come noto, permette di scaricare gli update in modo manuale, automatico e/o programmato.

"Il consolidamento degli aggiornamenti è la naturale estensione della filosofia alla base di Windows Update. Separati meccanismi di aggiornamento per Office e Windows sono per gli utenti scomodi e onerosi", ha affermato Joe Wilcox, analista senior presso Jupiter Research.
Microsoft ha comunque detto che i siti WU e Office Update rimarranno attivi anche dopo il debutto di MU: questo per andare incontro alle esigenze di specifici clienti.

In una e-mail inviata ai propri beta tester, Microsoft ha spiegato di aver mutato il nome del suo servizio da Windows Update a Microsoft Update per sottolineare l'importanza dell'aggiornamento.

"Questa beta sarà molto più complessa (da testare, NdR) delle precedenti beta di Windows Update", ha scritto nella lettera Roger Holland, Beta Coordinator di MU. Una complessità rispecchiata dal fatto che per l'occasione il big di Redmond ha chiamato a raccolta ben 25.000 tester, buona parte dei quali ha già partecipato al testing di Windows Update v5 (il cui supporto è stato incluso nel Service Pack 2 per Windows XP).

Al momento anche MU, al pari di WU, può essere utilizzato esclusivamente con Internet Explorer: una limitazione che il crescente successo di Firefox sembra destinato a rendere sempre più vistosa.
TAG: microsoft
49 Commenti alla Notizia Microsoft Update sotto test
Ordina
  • Fino adesso sono stato un fanatico di debian GNU/Linux e (se tutto andrà bene, vedi recenti notizie dall'europa) continuerò ad esserlo.

    Ho sempre utilizzato questo sistema per le varie configurazioni ed i server che ho installato (per non parlare dei miei desktop), per via della disponibilità di qualsiasi software per qualsiasi servizio e per la versatilità e la flessibilità che trovavo qualora avessi dovuto fare delle piccole modifiche, magari usando script creati per l'occasione.

    Ma non devo certo ignorare che esistono alternative in campo informatico come windows che possono avere i loro pregi e difetti.
    La mia domanda è: in quali occasioni un installazione windows è una soluzione migliore di quella GNU/Linux?

    Non voglio suscitare polemiche o critiche fini a se stesse nè da una parte nè dall'altra. Non sono un esperto e chiedo questo perchè non ho mai avuto l'occasione di usare di persona le ultime versioni server targate Microsoft.
    Per dirla tutta sono rimasto al Winnt con service pack 6, e presumo che qualcosa sia cambiato.
  • una installazione di windows e' meglio di una linux in certi campi...

    ad esempio quando devi installare delle stazioni CAD/CAM oppure fare girare dei programmi specialistici che non hanno porting su sistemi GNU/Linux...

    Ad esempio, non potro' mai installare Linux sui pc dell'ufficio di mio padre perche' i programmi di statica che usa non hanno controparte su linux e sarebbe troppo rischioso farli andare in emulazione con wine o virtual machine varie... (se sbaglia un calcolo il programma le future case potranno cascare a causa di travi troppo poco resistenti o simili...)

    oppure quando devi interfacciarti con hardware particolare che non ha contropartita su sistemi aperti...
  • Ma nel campo server?
  • La nintendo ha creato Wario da Mario (W -> M), la microsoft ha creato MU da WU (M -> W).

    Sarà mica un reverse engeneering ?!?!?!?

    Occhiolino

    Madder
  • ""Separati meccanismi di aggiornamento per Office e Windows sono per gli utenti scomodi e onerosi", ha affermato Joe Wilcox, analista senior presso Jupiter Research.""

    Pensavo che x capirlo avessero bisogno di un'altra decina d'anni e qualche centinaio di consulenti, indagini di mercato ecc...... Fantasma
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ""Separati meccanismi di aggiornamento per Office
    > e Windows sono per gli utenti scomodi e onerosi",
    > ha affermato Joe Wilcox, analista senior presso
    > Jupiter Research.""
    >
    > Pensavo che x capirlo avessero bisogno di
    > un'altra decina d'anni e qualche centinaio di
    > consulenti, indagini di mercato ecc...... Fantasma

    A me il sistema separato non ha mai dato pensieri...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Prozac2000
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ""Separati meccanismi di aggiornamento per
    > Office
    > > e Windows sono per gli utenti scomodi e
    > onerosi",
    > > ha affermato Joe Wilcox, analista senior presso
    > > Jupiter Research.""
    > >
    > > Pensavo che x capirlo avessero bisogno di
    > > un'altra decina d'anni e qualche centinaio di
    > > consulenti, indagini di mercato ecc......
    > Fantasma
    >
    > A me il sistema separato non ha mai dato
    > pensieri...

    Mi avrebbe stupito il contrario per avere "pensieri" occorre un minimo di attivita' cerebrale!
    non+autenticato
  • Ovvero apt-get, urpmi o uno qualunque dei programmi di update automatico delle varie distribuzioni di Linux, permettono di aggiornare, aggiungere, togliere qualsiasi mattoncino di Linux, dal kernel all'ultima applicazione, senza vedere mai un installer ne' un sorgente
    Comodo, neh?A bocca aperta
    Dicevate, di Windows? Troll
    Funz
    12991
  • - Scritto da: Funz
    > Ovvero apt-get, urpmi o uno qualunque dei
    > programmi di update automatico delle varie
    > distribuzioni di Linux, permettono di aggiornare,
    > aggiungere, togliere qualsiasi mattoncino di
    > Linux, dal kernel all'ultima applicazione, senza
    > vedere mai un installer ne' un sorgente
    > Comodo, neh?A bocca aperta
    > Dicevate, di Windows? Troll

    E sai quanto caxxo che me ne frega del tuo linux.
    Vai a trollare da altre parti Troll
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > E sai quanto caxxo che me ne frega del tuo linux.
    > Vai a trollare da altre parti Troll

    il troll sei tu... e ti spiego
    i programmatori "hobbysti" di linux con apt-get hanno fatto un lavoro unico nel suo genere... se non sbaglio introdotto nel 1996 dai programmatori debian...

    vedendo la potenza di tale programma (piccolo leggero e dannatamente potente testato e collaudato; ho installato distribuzioni intere di debian in 4 passaggi con quel programma) tantissime altre distribuzioni hanno cercato di gmigliorarlo e introdurlo nelle loro distro, con risultati molto simili anche se non ancora a livelli dell'apt-get di debian.

    Credo che in MS ci sia un reparto dedito allo smantellamento dei sorgenti linux per attingere idee e poi reimplementarle alla maniera MS...

    un microsoft update e' (o meglio vorrebbe essere) una sorta di clone di apt-get (o meglio synaptic) solo che anziche' includerlo in un programma a parte, lo inseriscono in un server web infarcendolo di activex e installazioni remote e usabile solo con IE (evviva la sicurezza e l'interoperabilita')

    (ora vado in OT scusate ma e' doveroso)

    quando MS riuscira' a fare 5 semplici cose in vita sua tornero' a parlarne bene...

    1: separazione interfaccia grafica dal cuode del sistema operativo. se ho un server web cosa cavolo me ne faccio dell'interfaccia grafica?

    2: utilizzo di VERI standard per l'implementazione degli stack di rete (perfino apple ha dovuto integrare samba per comunicare con il mondo MS)

    3: la possiblilita' di avere una partiziopne swap separata e apposita cone nel mondo unix. in modo da avere un disco swap a se stante senza andare a introiare il c: con il triplo delle chiamate sull'hard disk

    4: l'utilizzo di un blocco note che faccia il highlight dei comandi dei vari linguaggi di programmazione (anche solo html e asp sarebbe un passo vanti enorme)

    5: una programmazione del codice fatta come Dio comanda e che si preoccupino decentemente a falle di sicurezza e a testare seriamente ogni loro codice prodotto

    ==================================
    Modificato dall'autore il 24/03/2005 12.32.34


    ==================================
    Modificato dall'autore il 24/03/2005 12.32.52
  • Mi sei piaciuto, idee chiare non opinioni a vanvera !
    Purtroppo M$ con un OS che ha (credo di ricordare) oltre 30 milioni di linee di codice è decisamente nel casino.
    Inoltre la loro preoccupazione maggiore è riuscire a sfornare aggiornamenti dell'OS per spillare soldi, sfruttare le loro stesse falle e bug per legare l'utente a IE, ecc.
    Quindi sono scientificamente perseguiti questi obiettivi oltre a :
    - copiare dal mondo Open Source tutto ciò che ha successo di pubblico, senza rinnegare i principi di cui sopra;
    - legare gli utenti a un sistema di applicazioni integrate con l'OS che configurano un business e consentono di orientare i consumi (multimediale, info-news, advertising, ecc.)

    Sorride

    - Scritto da: awerellwv
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > E sai quanto caxxo che me ne frega del tuo
    > linux.
    > > Vai a trollare da altre parti Troll
    >
    > il troll sei tu... e ti spiego
    > i programmatori "hobbysti" di linux con apt-get
    > hanno fatto un lavoro unico nel suo genere... se
    > non sbaglio introdotto nel 1996 dai programmatori
    > debian...
    >
    > vedendo la potenza di tale programma (piccolo
    > leggero e dannatamente potente testato e
    > collaudato; ho installato distribuzioni intere di
    > debian in 4 passaggi con quel programma)
    > tantissime altre distribuzioni hanno cercato di
    > gmigliorarlo e introdurlo nelle loro distro, con
    > risultati molto simili anche se non ancora a
    > livelli dell'apt-get di debian.
    >
    > Credo che in MS ci sia un reparto dedito allo
    > smantellamento dei sorgenti linux per attingere
    > idee e poi reimplementarle alla maniera MS...
    >
    > un microsoft update e' (o meglio vorrebbe essere)
    > una sorta di clone di apt-get (o meglio synaptic)
    > solo che anziche' includerlo in un programma a
    > parte, lo inseriscono in un server web
    > infarcendolo di activex e installazioni remote e
    > usabile solo con IE (evviva la sicurezza e
    > l'interoperabilita')
    >
    > (ora vado in OT scusate ma e' doveroso)
    >
    > quando MS riuscira' a fare 5 semplici cose in
    > vita sua tornero' a parlarne bene...
    >
    > 1: separazione interfaccia grafica dal cuode del
    > sistema operativo. se ho un server web cosa
    > cavolo me ne faccio dell'interfaccia grafica?
    >
    > 2: utilizzo di VERI standard per
    > l'implementazione degli stack di rete (perfino
    > apple ha dovuto integrare samba per comunicare
    > con il mondo MS)
    >
    > 3: la possiblilita' di avere una partiziopne swap
    > separata e apposita cone nel mondo unix. in modo
    > da avere un disco swap a se stante senza andare a
    > introiare il c: con il triplo delle chiamate
    > sull'hard disk
    >
    > 4: l'utilizzo di un blocco note che faccia il
    > highlight dei comandi dei vari linguaggi di
    > programmazione (anche solo html e asp sarebbe un
    > passo vanti enorme)
    >
    > 5: una programmazione del codice fatta come Dio
    > comanda e che si preoccupino decentemente a falle
    > di sicurezza e a testare seriamente ogni loro
    > codice prodotto
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 24/03/2005 12.32.34
    >
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 24/03/2005 12.32.52
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi sei piaciuto, idee chiare non opinioni a
    > vanvera !
    [cut]

    grazie...
  • - Scritto da: awerellwv
    >
    > 1: separazione interfaccia grafica dal cuode del
    > sistema operativo. se ho un server web cosa
    > cavolo me ne faccio dell'interfaccia grafica?

    E il fatto che un server Windows operi tranquillamente anche senza aver fatto il login, quindi senza aver ancora caricato explorer.exe, come lo chiami?


    > 3: la possiblilita' di avere una partiziopne swap
    > separata e apposita cone nel mondo unix. in modo
    > da avere un disco swap a se stante senza andare a
    > introiare il c: con il triplo delle chiamate
    > sull'hard disk

    Vorresti dire che in Windows non c'è la possibilità di specificare una partizione per lo swap file??
    Attenzione: il fatto che tu non conosci il modo di farlo non vuol dire che non ci sia...


    > 4: l'utilizzo di un blocco note che faccia il
    > highlight dei comandi dei vari linguaggi di
    > programmazione (anche solo html e asp sarebbe un
    > passo vanti enorme)

    Tieni, è gratuito, come molti altri tool di terze parti:
    http://www.asp.net/webmatrix/download.aspx?tabinde...


    > 5: una programmazione del codice fatta come Dio
    > comanda e che si preoccupino decentemente a falle
    > di sicurezza e a testare seriamente ogni loro
    > codice prodotto

    Ecco che arriva l'esperto che senza aver mai visto una riga di codice di Windows si lancia in una critica che ha del grottesco...
    Apri securityfocus e piangi, sia che tu abbia Windows, Mac o Peracottinux... vai vai...
    1303

  • - Scritto da: Zeross
    > - Scritto da: awerellwv
    > >
    > > 1: separazione interfaccia grafica dal cuode del
    > > sistema operativo. se ho un server web cosa
    > > cavolo me ne faccio dell'interfaccia grafica?
    >
    > E il fatto che un server Windows operi
    > tranquillamente anche senza aver fatto il login,
    > quindi senza aver ancora caricato explorer.exe,
    > come lo chiami?

    "minimo della decenza"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Zeross
    > - Scritto da: awerellwv
    > >
    > > 1: separazione interfaccia grafica dal cuode del
    > > sistema operativo. se ho un server web cosa
    > > cavolo me ne faccio dell'interfaccia grafica?
    >
    > E il fatto che un server Windows operi
    > tranquillamente anche senza aver fatto il login,
    > quindi senza aver ancora caricato explorer.exe,
    > come lo chiami?

    carica lo stesso l'interfaccia grafica che e' inutile e succhia potenza su un server...
    >
    >
    > > 3: la possiblilita' di avere una partiziopne
    > swap
    > > separata e apposita cone nel mondo unix. in modo
    > > da avere un disco swap a se stante senza andare
    > a
    > > introiare il c: con il triplo delle chiamate
    > > sull'hard disk
    >
    > Vorresti dire che in Windows non c'è la
    > possibilità di specificare una partizione per lo
    > swap file??
    > Attenzione: il fatto che tu non conosci il modo
    > di farlo non vuol dire che non ci sia...

    non ho detto che non lo so fare, io lo faccio solo che ho scoperto che non posso creare una partizione di 1 Gb e usare 1 Gb di file di swap perche' il fetentone di windows me lo impedisce e devo lasciare almeno 256 - 300 mega liberi (inuzilizzati) per fare fare a windows le chiamate al file di swap..

    in breve
    linux -> partizione swap 1GB -> swap disponibile 1GB
    windows partizione swap 1GB -> swap disponibile ~800 MB
    e perche' devo buttare 200 Mb nel cesso???
    ma soprattutto perche' devo essere un esperto di partizionamento per avere un sistema che fa le chiamate al disco fisso in maniera cristiana?
    >
    >
    > > 4: l'utilizzo di un blocco note che faccia il
    > > highlight dei comandi dei vari linguaggi di
    > > programmazione (anche solo html e asp sarebbe un
    > > passo vanti enorme)
    >
    > Tieni, è gratuito, come molti altri tool di terze
    > parti:
    > http://www.asp.net/webmatrix/download.aspx?tabinde

    non e' questione di tool, e' una questione che Windows si porta dietro dei tool integrati che sono puperati da anni...
    Blocco note potrebbe fare molto di piu' che scrivere semplici appuntini e file readme; applicando il higlight a livello di programma non a livello di file si potrebbe usare come un ministrument di sviluppo per applicare modifiche rapide ad un file web non perfettamente a posto.
    >
    >
    > > 5: una programmazione del codice fatta come Dio
    > > comanda e che si preoccupino decentemente a
    > falle
    > > di sicurezza e a testare seriamente ogni loro
    > > codice prodotto
    >
    > Ecco che arriva l'esperto che senza aver mai
    > visto una riga di codice di Windows si lancia in
    > una critica che ha del grottesco...
    > Apri securityfocus e piangi, sia che tu abbia
    > Windows, Mac o Peracottinux... vai vai...

    mi basta guardare il numero di falle di IE per incavolarmi riguardo a MS... dietro a IE c'erano la bellezza di 500.000 sviluppatori in tutto il mondo e ancora non si sono trovate tutte le falle di IE nelle sue varie versioni...

    o vogliamo parlare di outlook express?

    lo so che qualunque sistema non e' sicuro al 100% ma un conto e' fare un programma senza pretese e lo usi per conto tuo... e se vuoi lo redistribuisci... e un conto e' pagare una azienda che dice di essere leader nel mercato desktop e ancora si fa fregare da ragazzini di 19 anni che con 15Kyte mettono in ginocchio tutte le reti basate si windows?

    scusami, tu non ti incavoli sapendo che pagi circa 200 euro per un OS che colleziona Falle su falle e che perfino nel SP2 di xp hanno trovato 10 falle nel primo giorno della sua pubblicazione?

    siceramente per un client windows lo posso anche accettare, ma per un server assolutamente no. L'os non e' determinante in se (linux non e' sempre una scelta vantaggiosa) ma il fatto che sia attaccabile da virus... se uso architetture che ne sono immuni a priori vari cloni unix e mac scelgo loro... a priori avr' meno problemi da risolvere...

    non e' talebanismo informatico e' buon senso...

    il 90% delle falle a mio parere e' causato dal fatto che windows si porta dietro spezzoni di codice che risalgono ancora al 3.11 (quasi preisoria informatica) e mai + riarrangiate per essere adattate in chiave moderna... e questo lo si e' visto anche quando parte del codice di win 2000 e' stato rubato e diffuso in rete...

  • > in breve
    > linux -> partizione swap 1GB -> swap disponibile
    > 1GB
    > windows partizione swap 1GB -> swap disponibile
    > ~800 MB
    > e perche' devo buttare 200 Mb nel cesso???

    Con gli HD di adesso che hanno 400 GB non mi sembra importante...

    > non e' questione di tool, e' una questione che
    > Windows si porta dietro dei tool integrati che
    > sono puperati da anni...
    > Blocco note potrebbe fare molto di piu' che
    > scrivere semplici appuntini e file readme;
    > applicando il higlight a livello di programma non
    > a livello di file si potrebbe usare come un
    > ministrument di sviluppo per applicare modifiche
    > rapide ad un file web non perfettamente a posto.

    Ripetiamo: Scaricati uno dei tanti software disponibili, anche questo NON E' un vero problema...

    > >
    > > > 5: una programmazione del codice fatta come
    > Dio
    > > > comanda e che si preoccupino decentemente a
    > > falle
    > > > di sicurezza e a testare seriamente ogni loro
    > > > codice prodotto

    Ma perchè 250.000 tester sono pochi? I pacchetti di linux vengono integrati nelle distribuzioni senza testarli: solamente sulla fiducia (DEV di Dicembre04). Questa invece è serietà e affidabilità?

    > mi basta guardare il numero di falle di IE per
    > incavolarmi riguardo a MS... dietro a IE c'erano
    > la bellezza di 500.000 sviluppatori in tutto il
    > mondo e ancora non si sono trovate tutte le falle
    > di IE nelle sue varie versioni...

    E le falle di FireFox? http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=...
    http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=...

    ...e stiamo parlando di un Browser usato da pochi..


    > lo so che qualunque sistema non e' sicuro al 100%
    > ma un conto e' fare un programma senza pretese e
    > lo usi per conto tuo... e se vuoi lo
    > redistribuisci... e un conto e' pagare una
    > azienda che dice di essere leader nel mercato
    > desktop e ancora si fa fregare da ragazzini di 19
    > anni che con 15Kyte mettono in ginocchio tutte le
    > reti basate si windows?
    >
    > scusami, tu non ti incavoli sapendo che pagi
    > circa 200 euro per un OS che colleziona Falle su
    > falle e che perfino nel SP2 di xp hanno trovato
    > 10 falle nel primo giorno della sua
    > pubblicazione?

    Le falle sono presenti in tutti i software. L'importante è sistemarle mano mano che si trovano. Mi sembra che il servizio WU lo faccia...

    > siceramente per un client windows lo posso anche
    > accettare, ma per un server assolutamente no.
    > L'os non e' determinante in se (linux non e'
    > sempre una scelta vantaggiosa)

    Finalmente un minimo di obiettività...

    > ma il fatto che
    > sia attaccabile da virus... se uso architetture
    > che ne sono immuni a priori vari cloni unix e mac
    > scelgo loro... a priori avr' meno problemi da
    > risolvere...

    > non e' talebanismo informatico e' buon senso...
    >
    > il 90% delle falle a mio parere e' causato dal
    > fatto che windows si porta dietro spezzoni di
    > codice che risalgono ancora al 3.11 (quasi
    > preisoria informatica) e mai + riarrangiate per
    > essere adattate in chiave moderna... e questo lo
    > si e' visto anche quando parte del codice di win
    > 2000 e' stato rubato e diffuso in rete...

    Ma lo vuoi capire che MS deve farlo per la sua clientela? Non può fare come Linux che non si preoccupa granchè se gli aggiornamenti sono compatibili all'indietro perchè tanto a caval donato...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Prozac2000
    >
    > Con gli HD di adesso che hanno 400 GB non mi
    > sembra importante...

    e' spazio sprecato in ogni caso e sono 200 Mb a installazione.
    p.s. per alcune macchine "obsolete" 200 Mb sono preziosissimi...

    >
    >
    > Ripetiamo: Scaricati uno dei tanti software
    > disponibili, anche questo NON E' un vero
    > problema...

    si, potrei stare ore a spiegarti il mio punto di vista ma non e' un vero problema e' solo una limitazione per chi si sposta molto...
    se sei interessato si continua in pvt... non stressiamo il resto del mondo...

    >
    >
    > Ma perchè 250.000 tester sono pochi? I pacchetti
    > di linux vengono integrati nelle distribuzioni
    > senza testarli: solamente sulla fiducia (DEV di
    > Dicembre04). Questa invece è serietà e
    > affidabilità?

    dipende dalla distribuzione... Debian e' divisa in e segmenti stable testing e unstable...

    stable usa solo pacchetti ritenuti e certificati "stabili e collaudati" e ancora una stable non mi si e' ancora mai piantata in nessun modo...

    certo fare un server con i pacchetto denominato unstable e' da pazzi furiosi ma non e' vero che qualunque pacchetto venga dato cosi' senza essere testato..

    Debian stessa li rilascia senza garanzia, ma passa almeno un anno di testing ont the real world prima di essere dichiarato stabile...
    >
    > > mi basta guardare il numero di falle di IE per
    > > incavolarmi riguardo a MS... dietro a IE c'erano
    > > la bellezza di 500.000 sviluppatori in tutto il
    > > mondo e ancora non si sono trovate tutte le
    > falle
    > > di IE nelle sue varie versioni...
    >
    > E le falle di FireFox?
    > http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=
    > http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=
    >
    > ...e stiamo parlando di un Browser usato da
    > pochi..
    >
    mai detto che Firefox sia perfetto per carita', anche lui ha le sue falle... Ma IE da quanto tempo e' sul mercato come prodotto ufficiale? e da quanto lo e' FF ? altra domanda (scusami se sono volutamente aggressivo in questo modo ma sono 2 prodotti diversi con un grado di maturita' nel mondo diverso, e' solo per sottolineare le differenze, poi a ognuno le sue scelte) tendenziosa di quanti sviluppatori e tester dispone la mozilla foundation? se va bene saranno un centesimo di quelli di IE...

    > Le falle sono presenti in tutti i software.
    > L'importante è sistemarle mano mano che si
    > trovano. Mi sembra che il servizio WU lo
    > faccia...

    a volte anche troppo invasivamente...

    >
    > > siceramente per un client windows lo posso anche
    > > accettare, ma per un server assolutamente no.
    > > L'os non e' determinante in se (linux non e'
    > > sempre una scelta vantaggiosa)
    >
    > Finalmente un minimo di obiettività...

    cerco di esserlo il + possibile ma sono umano e ho anche fatto le mie scelte (che spero mi premieranno in futuro).

    Ovvio che se si d ad un ragazzo un pc windows e uno linux il bimbo sceglie windows perche' e' + colorato e ci vede i filmatini con 3 click in croce... una semplicita' cosi' nel mondo linux non c'e' ancora (eccetto alcuni casi: synaptic yast et simila) pero' il risultato non e' malaccio...

    > Ma lo vuoi capire che MS deve farlo per la sua
    > clientela? Non può fare come Linux che non si
    > preoccupa granchè se gli aggiornamenti sono
    > compatibili all'indietro perchè tanto a caval
    > donato...

    se vuoi mantenere la retrocompatibilita' crei un ambiente in emulazione (a mo di macchina virtuale) dove fare girare il codice a 16 e 8 bit progettato per calcolatori e per versioni di windows precedenti. ma lo fai in un programma separato in modo che chi ne ha bisogno lo sfrutta, chi non ne ha bisogno non se ne trascina dietro i pezzi...

    Con linux non posso mantenere un grado di retrocompatibilita' come ho con windows (almeno non posso mantenere un salto intero di 10 anni) ma nulla mi vieta ancora di scaricarmi ancora una distribuzione vecchia (ad esempio una debian potato) oppure una delle prime slackware, mantenerle su macchine datate e mantenerle su macchine datate, oppure con Bochs o con altri emulatori ricreare in macchine virtuali ambienti di lavoro precedenti alle ultime novita' usando anche kernel di generazione 1... (disponibili ancora sull'ftp di kernel.org)

  • > p.s. per alcune macchine "obsolete" 200 Mb sono
    > preziosissimi...

    Le macchine obsolete non usano certo le ultime versioni di Windows e comunque un HD un pò più grande lo vedono anche... quindi mi spiace ma ribadisco che NON E' un vero problema.

    > dipende dalla distribuzione... Debian e' divisa
    > in e segmenti stable testing e unstable...
    >
    > stable usa solo pacchetti ritenuti e certificati
    > "stabili e collaudati" e ancora una stable non mi
    > si e' ancora mai piantata in nessun modo...
    >
    > certo fare un server con i pacchetto denominato
    > unstable e' da pazzi furiosi ma non e' vero che
    > qualunque pacchetto venga dato cosi' senza essere
    > testato..
    >
    > Debian stessa li rilascia senza garanzia, ma
    > passa almeno un anno di testing ont the real
    > world prima di essere dichiarato stabile...

    Attenzione che stable e unstable non indicano se il software è affidabile ma se è una versione sperimentale o meno... L'affidabilità è tutta un'altra cosa...


    > mai detto che Firefox sia perfetto per carita',
    > anche lui ha le sue falle... Ma IE da quanto
    > tempo e' sul mercato come prodotto ufficiale? e
    > da quanto lo e' FF ? altra domanda (scusami se
    > sono volutamente aggressivo in questo modo ma
    > sono 2 prodotti diversi con un grado di maturita'
    > nel mondo diverso, e' solo per sottolineare le
    > differenze, poi a ognuno le sue scelte)
    > tendenziosa di quanti sviluppatori e tester
    > dispone la mozilla foundation? se va bene saranno
    > un centesimo di quelli di IE...

    FireFox è un derivato di Mozilla che a sua volta è un derivato di Netscape che a sua volta deriva da Mosaic che..... va bè, insomma esiste fin da prima di Explorer. Inoltre in FireFox (come nei suoi paesani) sono assenti TOTALMENTE le funzionalità estese per chi sviluppa Intranet application...

    > cerco di esserlo il + possibile ma sono umano e
    > ho anche fatto le mie scelte (che spero mi
    > premieranno in futuro).

    La quantità di competenze Win + LIN + MAC + SOL etc.. premia sempre. Ma niente schieramenti da Stadio...

    > Ovvio che se si d ad un ragazzo un pc windows e
    > uno linux il bimbo sceglie windows perche' e' +
    > colorato e ci vede i filmatini con 3 click in
    > croce... una semplicita' cosi' nel mondo linux
    > non c'e' ancora (eccetto alcuni casi: synaptic
    > yast et simila) pero' il risultato non e'
    > malaccio...

    Scherzi? Ma se apri un desktop KDE o Gnome a voglia a finestrelle colorate, animazioni, applet e compagnia bella... è una delle poche cose in cui Linux è superiore a Windows...

    > se vuoi mantenere la retrocompatibilita' crei un
    > ambiente in emulazione (a mo di macchina
    > virtuale) dove fare girare il codice a 16 e 8 bit
    > progettato per calcolatori e per versioni di
    > windows precedenti. ma lo fai in un programma
    > separato in modo che chi ne ha bisogno lo
    > sfrutta, chi non ne ha bisogno non se ne trascina
    > dietro i pezzi...

    Da mò che MS ha acquistato Virtual PC per eseguire in emulazione i vecchi software (con longhorn credo sarà disponibile), ma la cosa più strana è che una volta ho litigato con un linuzzaro che diceva che la MS faceva schifo perchè aveva deciso di comprare un emulatore per far girare i vecchi software. A questo punto bisogna che i pinguini si mettano d'accordo quando cercano scuse per attaccare MS, almeno per mantenere una versione ufficiale...

    > Con linux non posso mantenere un grado di
    > retrocompatibilita' come ho con windows (almeno
    > non posso mantenere un salto intero di 10 anni)
    > ma nulla mi vieta ancora di scaricarmi ancora una
    > distribuzione vecchia (ad esempio una debian
    > potato) oppure una delle prime slackware,
    > mantenerle su macchine datate e mantenerle su
    > macchine datate, oppure con Bochs o con altri
    > emulatori ricreare in macchine virtuali ambienti
    > di lavoro precedenti alle ultime novita' usando
    > anche kernel di generazione 1... (disponibili
    > ancora sull'ftp di kernel.org)

    Il problema sorge se ti servono le nuove funzionalità dei nuovi Kernel e far girare le vecchie applicazioni (quando ce ne saranno per linuz).

    Comunque non sarà Linux ad affamare noi Programmatori ma la GPL di cui Linux e molti altri sono ormai prigionieri... Ma questa è un'altra storia...
    non+autenticato
  • Oh, che STRACIPPA centra FIrefox?????????????????
    non so, manco piu l'update non si puo' fare con Explorer?
    Usate Linux e non rompete i marroni.
    Se usate Windows PIEGATEVI e basta
    non+autenticato
  • Centra che se io volessi usare un browser QUALUNQUE come sostituto totale di IE non potrei e di fatto non posso.
    Visto che l'aggiornamento del sistema operativo e' possibile solo se uso il LORO browser.
    Ti sembra normale ?
    Io voglio usare windows e voglio che gli aggiornamenti di sicurezza mi vengano recapitati da un controllo stand-alone.

    Che cippa centra il browser internet ???
    non+autenticato
  • in realtà non c'é nessuna ragione perché sia legato a doppio filo a IE, la parte sostanziosa non la fa l'active-x

    spero che ci pensino su seriamente
    non+autenticato
  • Ma non diciamo baggianate.
    Mi pare ovvio che durante le operazioni di update dei prodotti Microsoft, si usino gli strumenti Microsoft.

    Se usi il tuo Mozillone e poi durante l'update va male qualcosa, di chi sarebbe la colpa? Di Microsoft o dell'opensorciaro che ha fatto Mozilla++ ?

    Mava, va va...
    Michele
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma non diciamo baggianate.
    > Mi pare ovvio che durante le operazioni di update
    > dei prodotti Microsoft, si usino gli strumenti
    > Microsoft.

    si' ma non ho bisogno di safari per fare l'update di MacOSX.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma non diciamo baggianate.
    > Mi pare ovvio che durante le operazioni di update
    > dei prodotti Microsoft, si usino gli strumenti
    > Microsoft.

    si ok, ma secondo le stesse politiche MS di "impostazioni di accesso ai programmi" ho il diritto di potere disinstallare IE completamente dal mio sistema e di visualizzare gli aggiornamenti con un browser qualunque...

    sono d'accordo che pe aggiornare MS servano strumenti MS ma allore perche' non fare un programma che ha la funzione di fare gli aggiornamenti (E NON SOLO IN AUTOMATICO) in modo che possa vederlo in maniera tranquilla e pacata???
    >
    > Se usi il tuo Mozillone e poi durante l'update va
    > male qualcosa, di chi sarebbe la colpa? Di
    > Microsoft o dell'opensorciaro che ha fatto
    > Mozilla++ ?

    se usi un programma apposta il problema non si pone...

    e in ogni caso se qualche cosa va male e' molto + probabile che sia un errore di trasmissione dati che non di programma dato che si usano regole comuni...

    >
    > Mava, va va...
    > Michele

    vado vado... io ho migrato a linux e sono felice e contento... anzi sto studiando da sistemista linux e vedo di norma sono + pagati dei sistemisti MS...
  • > Ma non diciamo baggianate.

    ti rispondo io per quanto riguarda:

    > Mi pare ovvio che durante le operazioni di update
    > dei prodotti Microsoft, si usino gli strumenti
    > Microsoft.

    guarda che lo strumento Microsoft che usi è la parte client di software update mica il browser e non c'é alcuna ragione di legarsi ad explorer

    > Se usi il tuo Mozillone e poi durante l'update va
    > male qualcosa, di chi sarebbe la colpa? Di
    > Microsoft o dell'opensorciaro che ha fatto
    > Mozilla++ ?

    guarda che l'activex di windows update mi pare sia solo un wrapperone per farti vedere quattro dati dati, chi si occupa di eseguire l'installazione è un'altro pezzo che non è legato ad IE

    in ogni caso c'é una separazione tra il download (e qui usi il browser) e l'installazione, se qualche cosa va male durante l'installazione non c'é IE o FF che ti salvi

    o la patch è in grado di rimuoversi, o devi pregare che il system restore funzioni

    > Mava, va va...
    > Michele

    ehm....
    non+autenticato
  • Ma difatti gli update, ora come ora, ti vengono inviati tramite il client di Windows Update installato sulla macchina in automatico. Non serve andare sul sito di Windows Update.

    E comunque non ci sono grandi alternative agli ActiveX per questo tipo di attività. Tu come lo faresti? Applet Java (che la JVM non è più nemmeno inclusa per default nel sistema)?
    non+autenticato


  • -
    > ActiveX per questo tipo di attività. Tu come lo
    > faresti? Applet Java (che la JVM non è più
    > nemmeno inclusa per default nel sistema)?
    APT? Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > (che la JVM non è più
    > nemmeno inclusa per default nel sistema)?

    E meno male!A bocca aperta

  • > E comunque non ci sono grandi alternative agli
    > ActiveX per questo tipo di attività. Tu come lo
    > faresti?

    Un semplice programmino (anche in VB se non conoscono altri linguaggi) che recuperi ed interpreti semplici file xml e sappia fare un ftp con resume oppure usi il servizio "Intelligent Backgroud Download Service".
    Ci sono decine di software (anche windows) che hanno l'aggiornamento automatico e non usano per forza IE come contenitore.

    Non capisco questa ostinazione a inglobare tutto in IE. Se usano programmazione ad oggetti e librerie standard non è difficile fare un programma che abbia la stessa interfaccia ed intuitività di IE.
    non+autenticato