Ora l'auricolare per cellulari fa bene

Ennesima ricerca sull'efficacia degli auricolari per i cellulari: la distribuzione delle onde sul corpo provocherebbe un indebolimento delle emissioni

Roma - Una storia quasi infinita quella della tossicità dei cellulari: nell'alternarsi di dichiarazioni e ricerche secondo cui cellulare è male o è bene anche l'auricolare per i telefonini ha avuto i suoi bei momenti. Se alcuni ricercatori britannici lo ritengono Male, perché destinato a veicolare al cervello le onde elettromagnetiche, ora un nuovo rapporto di una certa rilevanza afferma che l'auricolare riduce di molto l'incidenza delle onde elettromagnetiche sul cervello.

L'ultimo Rapporto Sartest sostiene infatti che l'auricolare applicato al telefonino diminuisce l'assorbimento delle energia elettromagnetica generata dalle radiofrequenze emesse dal telefonino; secondo gli studiosi della Sartest la misurazione effettuata su fantocci prototipo ha seguito le ultimissime indicazioni scientifiche in materia comprendendo, per la prima volta in assoluto, non solo la testa ma anche il torace. Ciò sarebbe di fondamentale importanza per comprendere che le onde si ripartirebbero su tutto il corpo e non resterebbero confinate alla testa: l'auricolare dunque sarebbe il veicolo per permettere alle onde elettromagnetiche, e all'energia negativa da loro sprigionata, di diffondersi su tutto il corpo diventando così meno dannosa perché attutita.

E se solo un mese fa dagli Stati Uniti sono arrivate nuove denunce a carico di produttori di cellulari (l'accusa è di aver favorito l'insorgenza di pericolose patologie in alcuni clienti), è inevitabile che i consumatori rimangano nel dubbio, assediati come sono da ricerche e studi che affermano tutto e il contrario di tutto.
Per avere comunque una panoramica generale sul vivace dibattito intorno all?impatto sulla salute dei telefonini clicca qui.
TAG: tim
23 Commenti alla Notizia Ora l'auricolare per cellulari fa bene
Ordina
  • ... tornate a vivere il contatto umano ...

    Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore homine habitat verum; si te ipsum mutabilem inveneris, trascendet te"

    Non uscire fuori, ritorna in te stesso, la verità abita nell?uomo interiore; se ti scoprirai contingente, ti trascenderai.

    S. Agostino.
    non+autenticato
  • e se il contatto è a 20 km di distanza?

    magari con i segnali di fumo, però sai dopo quanto inquinamento atmosterico?

    Ah, il latino non impressiona proprio nessuno, tantomeno se è S.Agostino...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... tornate a vivere il contatto umano ...
    >
    > Noli foras ire, in te ipsum redi, in interiore
    > homine habitat verum; si te ipsum mutabilem
    > inveneris, trascendet te"
    >
    > Non uscire fuori, ritorna in te stesso, la verità
    > abita nell?uomo interiore; se ti scoprirai
    > contingente, ti trascenderai.
    >
    > S. Agostino.

    Ma S Agostino, non aveva mai un cacchi da fare se non dire ovvietà e solenni stronzate?

    (S Agostini è molto citato da LinusSorride )
  • Non ho capito in base a quale principio fisico l'auricolare dovrebbe veicolare fino alla testa le onde del cellulare.
    non+autenticato
  • Nemmeno io ..

    In effetti seguendo il ragionamento probabilmente i produttori ci usano come "messa a terra" per l'impianto !!
    :)

    Onestamente mi sembra molto strano e sopratutto credo sia risolvibile !

    Inoltre i nuovi auricolari BT migliorano la situazione o le onde che emettono sono a loro volta dannose ??!
    non+autenticato
  • Uno usa l'auricolare per non essere inondato dalle onde elettromagnetiche....l'auricolare BT è sempre una fonte di onde radio! è comodo perchè senza fili ma proprio per questo non risolve il problema!
    non+autenticato
  • BT non risolve il problema ma probabilmente lo attenua.
    una connessione radio BT è progettata per avere un raggio di azione di pochi metri quindi ha una potenza nettamente minore di un telefono appoggiato ad un orecchio.
  • Me lo sono SEMPRE chiesto anche io, secondo me è una BOIATA galattica.
    Il problema è che, se ammettono che con l'auricolare l'esposizione alle onde è minore, implicitamente ammettono che portando il cell all'orecchio si viene (ovviamente) colpiti da un'intensità di onde MAGGIORE.
    non+autenticato
  • > Me lo sono SEMPRE chiesto anche io, secondo me è
    > una BOIATA galattica.
    > Il problema è che, se ammettono che con
    > l'auricolare l'esposizione alle onde è minore,
    > implicitamente ammettono che portando il cell
    > all'orecchio si viene (ovviamente) colpiti da
    > un'intensità di onde MAGGIORE.

    Ma questo e' appurato dalle misurazioni, ma la realta' dei fatti e' che il cellulare e' comodo e poco importa che faccia male alla saute, un po' come le sigarette, il grasso negli alimenti ecc...

    Vi ricordate? si diceva di fare i buchi nel filtro per respirare meno nicotina, oppure comprare la sigaretta "leggera", tutti alibi per scaricarsi la coscienza.

    Pero' poter vicere una causa e farsi regalare qualche miglione di dollarini fa diventare tutti povere vittime incosapevoli.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Me lo sono SEMPRE chiesto anche io, secondo me è
    > una BOIATA galattica.
    > Il problema è che, se ammettono che con
    > l'auricolare l'esposizione alle onde è minore,
    > implicitamente ammettono che portando il cell
    > all'orecchio si viene (ovviamente) colpiti da
    > un'intensità di onde MAGGIORE.

    siete un pò scarsini in fisica, direi....
    filo percorso da corrente (l'auricolare) immerso in 1 campo elettromagnetico (le onde ricevute dal cellulare)...si chiama induzione elettromagnetica...
    non+autenticato
  • Sì, sono ignorante.

    E leggendo il tuo post interrotto a metà, la mia domanda è la seguente: e quindi?

    Finiscilo, grazie
  • un filo percorso da corrente elettrica è sottoposto al fenomeno di induzione mangetica. crea un campo magnetico.
    e vale pure il contrario, un campo elettromagnetico fa scorrere corrente su un filo elettrico ( altriementi le antenne non funzionerebbero)

    c'è però qualcsa che mi sfugge e che potreste spiegarmi.
    un campo elettromangetico che incide sui fili dell'auricolare induce una corrente elettrica. questa al max può provocare fruscii nell'auricolare.. ( ma è un esagerazione) non capisco come un campo magnetico possa essere aumentato o ingigantito da un filo.
    l'unica spiegazione chem i viene in mente è che tutto il complesso telefonino ,auricolare con filo faccia fa antenna
    boh

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > siete un pò scarsini in fisica, direi....
    > filo percorso da corrente (l'auricolare) immerso
    > in 1 campo elettromagnetico (le onde ricevute dal
    > cellulare)...si chiama induzione
    > elettromagnetica...

    Mi sa che sei anche tu un tantino scarsino. Hai messo in fila alcuni termini senza sapere quel che staiaddì.
    non+autenticato
  • non solo in fisica anche in Italiano!! Anzi in itagliano!
    ehhehehehheheheeheh
    non+autenticato