Gli scout? Ora sono Open

Cosa accade se gli scout italiani scoprono l'open source? Succede che partono nuove iniziative online e una distribuzione Linux per scout. Ecco di che si tratta

Roma - Qual è la vostra immagine di scout? Un ragazzo che aiuta gli anziani ad attraversare la strada? Un gruppo di giovanotti in pantaloni corti che accendono un fuoco senza accendini o fiammiferi? Chi è rimasto ancora a questi luoghi comuni, forse non si è reso conto di vivere ormai nel terzo millennio; gli scout italiani invece sì e lo dimostrano con il progetto Openscout.

L'iniziativa, nata in origine per l'Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani), consiste in un semi-portale, che attualmente si appoggia alla comunità di Scoutlink, "open source" e aperto a tutte le forme e associazioni di scoutismo (in conformità ad un articolo della Legge Scout Agesci che afferma: "La Guida e lo Scout sono fratelli e amici di ogni altra Guida e Scout").

Lo scopo di Openscout è quello di "sensibilizzare il "popolo Scout", se così possiamo chiamarlo, all'utilizzo del software libero, partendo proprio dal parallelismo tra open source e scoutismo", ha raccontato a Punto Informatico lo scout Francesco Settembre di Taranto (Agesci Taranto 20), autore con il forlivese Marco Bartolini (Agesci Forlì 4) dell'articolo-saggio "L'altro computer degli scout" che contiene i fondamenti teorici del progetto Openscout.
"Nulla di nuovo", continuano i due educatori, "abbiamo preso come punto di partenza ed in eredità due articoli di Marco Fioretti (BitPrepared e BitPrepared II), tradotti in Italiano su Scoutnet da Gino Lucrezi e Davide Grisafi".
L'iniziativa non si limita semplicemente ad un'opera di sensibilizzazione all'open source o di introduzione alla legalità informatica (per utilizzare un software libero non serve alcun crack): sono infatti già allo studio una serie di attività importanti che caratterizzano l'evoluzione di Openscout dalla fase teorica alla fase pratica.

Tra le principali c'è la progettazione di un software di gestione di gruppi scout, rilasciato sotto licenza GPL. "L'idea principale è di realizzare una sorta di ?core?, nel quale verranno poi caricati i vari moduli associativi, a seconda dell'Associazione di cui si fa parte", riferiscono Settembre e Bartolini.

Inoltre è prevista la realizzazione di una distribuzione Linux per Scout, per la quale gli ideatori auspicano di riuscire ad aprire una sorta di "dialogo costruttivo" con le altre associazioni, e di una lista di software libero utilizzabile nella progettazione e realizzazione di attività Scout (dalla stesura di brochure al disegno di carte topografiche).

Tra le intenzioni del progetto c'è anche la volontà di allinearsi ai contenuti del campo di competenza con "Informatica e tecniche Scout" che si tiene, dal 1998, a Costigiola (Vicenza), il cui principio base è quello di "unire l'attività informatica ad una tecnica scout in modo da completare quest'ultima", per favorire l'impiego della tecnologia a fianco degli strumenti tradizionali.

I consensi finora raccolti dal progetto nel mondo dello scoutismo sono di primissimo rilievo e Eduardo Missoni, segretario generale del WOSM (The World Organisation of Scout Movements), si è definito addirittura entusiasta e disponibile, in futuro, a portare il progetto nel consiglio generale.

Dario Bonacina
TAG: italia
117 Commenti alla Notizia Gli scout? Ora sono Open
Ordina
  • - Scritto da: Anonimo
    > Oddio tutti gli scout soppratutto le
    > ragazze-scout perche si vestono come i maschi e
    > non hanno un briciolo di femminilità !!!!!!!!!!!

    >E "soppratutto" perchè non te la danno, diciamocelo

    sto ridendo da una mezz'oretta buona credo :°DD
    non+autenticato
  • Sono un "utonto winzozz" se così vi piace chiamarmi,ma non così utonto (ho cominciato a usare il pc ai tempi del dos a riga di comando e mi diletto con montaggi video,pragrammini java e siti in html..).Condivido pienamente la filosofia "open" di Linux,e ne ho già una versione su una partizione del mio pc,ma ancora non riesco a fare a meno di Microsoft.Son laureato in Scienze della Comunicazione con tesi in Interazione Uomo Macchina e apprezzo dunque moltissimo anke l'usabilità di Windows,che pur se copiata dalla Apple è indubbiamente superiore a quella del Pinguino.E così è come se avessi due anime che si combattono fra loro: filosofia "open" contro "usabilità".Entrambi i fattori sono importanti,e non sono assoltamente discordi..a quando una versione di Linux utilizzabile anche da utenti meno esperti?Se si parte col chiamarli utonti non si miglioreranno mai le interfacce,e Linux resterà paraddossalmente un sistema "open" ma "chiuso" al grande pubblico, diffuso solo fra una stretta cerchia di informatici.E allora mi chiedo:non dovremmo essere più"open"anche di mentalità,e valutare anche i pregi altrui,anche dell'odiato winzozz,magari per appropriarcene?Quando questo accadrà di certo quella partizione del mio pc non sarà più lasciata alla Microsoft,anche se spero di prendere la decisione anche prima..Un saluto a tutti,soprattutto agli scout(lo sono anch'io).Spero in qualche risposta a questo thread.Ciao!
    non+autenticato
  • ...c'è in mezzo l'utonto.
    L'iniziativa è rispettabile ma non avrà quel gran seguito, c'è gente che non sa dove mettere le mani sui sistemi windows, figurarci su linux...per carità, non propinateci più queste notizie, lasciano il tempo che trovano.
    non+autenticato
  • lèinizio è buono..specialmente l'idea...in questo mondo ci sono troppi bastardi che si vogliono far pagare per tutto...forza chievo..scusate...forza gli scout...:)
    non+autenticato
  • DOWLOAD DEL PATTO ASSOCIATIVO AGESCI, LA "COSTITUZIONE" DELL'ASSOCIAZIONE, IN MODO CHE SI EVITI DI PARLARE SENZA CONOSCERE:

    http://www.agesci.org/Download/Documenti_Ufficiali...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)