Bruxelles vuole siti multilingua

Il commissario Erkki Liikanen insiste sulla necessità per le imprese europee di creare siti accessibili in più lingue, per ampliare lo spazio d'azione, aumentare i contenuti non-inglesi disponibili online e dar filo da torcere agli USA

Bruxelles - Siti pluri-linguistici, accessibili da persone che parlano le diverse lingue d'Europa: questo è l'auspicio-richiesta indirizzato in queste ore dalla Commissione europea alle imprese del Vecchio Continente.

Secondo il sempre più attivo commissario alla società dell'informazione Erkki Liikanen, è necessario spingere su questo fronte perché significa "incoraggiare l'uso di contenuti digitali europei sulle reti nel Mondo e promuovere la diversità linguistica", sinonimo di crescita di contenuti specializzati fondamentali per l'ampliamento dei mercati di riferimento per le aziende.

Liikanen, che guida il Consiglio europeo delle telecomunicazioni, si è rifatto allo studio dell'osservatorio Jupiter secondo cui alla fine dell'anno il 40 per cento degli utenti Internet nel mondo si troverà in Europa. E il Vecchio Continente si trova, come noto, in prima fila nel settore wireless, un dato determinante secondo Liikanen nel momento in cui esplode il commercio elettronico mobile. Uno studio del Gartner Group citato da Liikanen, stima che alla fine del 2003 in Europa vi saranno 285 milioni di utenti di telefonia mobile che utilizzeranno servizi WAP e derivati contro i 150,5 milioni di utenti americani.
TAG: mondo
6 Commenti alla Notizia Bruxelles vuole siti multilingua
Ordina
  • La proposta del commissario è certamente una buona proposta, ma vorrei sottolineare come il plurilinguismo va a pervadere un po' tutti i campi di azione della UE. Pensate alle ultime decisioni in termini di brevetti a livello comunitario; le tre lingue ufficiali in cui si potranno pubblicare brevetti sono: inglese, francese, tedesco. Per le altre comunque si dovrà presentare traduzione in queste lingue.
    Questo ad esempio viola la concorrenza fra imprese. Ma ci sono tanti altri esempi. Sono certo che le sorti della nostra cultura e lingua dipenderanno anche da quanto riusciremo a tenere alto il significato del plurilinguismo.
    non+autenticato
  • Vorrei dire che sono favorevole alla opinione sui siti multilingua. Anche perche dopo il 1991, dopo il disfacimento dell'URSS sono nati i stati indipendenti europei. Questi stati adesso hanno intenzione di entrare nella Communita Europea e cosi nasce la necesita della communicazione con i stati membri della Communita Europea. Io sono madrelingua azerbaigiana e russa e vorrei segnalare il mio sito che offre i servizi di traduzioni proprio con le lingue sopraindicate - www.adrias.net
    Distinti saluti
    Imran Nazirov
    non+autenticato
  • In qualità di traduttrice esprimo un parere ESTREMAMENTE favorevole...e MOLTO interessato!
    non+autenticato
  • Sono assolutamente d'accordo! E' importante che non ci si appiattisca tutti sulla lingua inglese che va conosciuta, ma non assorbita acriticamente da noi italiani. Siamo ormai arrivati al punto che quando si parla o si legge un giornale, se non si conosce approfonditamente l'inglese o l'argomento oggetto della discussione, non si ha alcuna possibilità nemmeno di intuire ciò di cui si tratta...
    non+autenticato
  • Condivido l'idea nel titolo.

    Anche perche' assorbire una lingua significa assorbire una cultura. E la nostra (che come minimo ha pari dignita') dove va a finire?


    - Scritto da: Paola
    > Sono assolutamente d'accordo! E' importante
    > che non ci si appiattisca tutti sulla lingua
    > inglese che va conosciuta, ma non assorbita
    > acriticamente da noi italiani.
    non+autenticato
  • ci sarà il boom dei traduttori... quelli umani però!



    - Scritto da: Manuel
    > Condivido l'idea nel titolo.
    >
    > Anche perche' assorbire una lingua significa
    > assorbire una cultura. E la nostra (che come
    > minimo ha pari dignita') dove va a finire?
    >
    >
    > - Scritto da: Paola
    > > Sono assolutamente d'accordo! E'
    > importante
    > > che non ci si appiattisca tutti sulla
    > lingua
    > > inglese che va conosciuta, ma non
    > assorbita
    > > acriticamente da noi italiani.
    non+autenticato