Apple ferma Microsoft

L'azienda non riesce a far passare un accordo antitrust sulle scuole

Baltimora (USA) - Il giudice distrettuale J. Frederick Motz ha bocciato la proposta con cui Microsoft contava di chiudere decine di cause antitrust. Un accordo che prevedeva donazioni di computer e software alle scuole pubbliche americane più povere.

Motz ha accolto esplicitamente le tesi espresse da Apple sostenendo che proprio il mercato della Mela sarebbe messo a rischio dalla "soluzione" proposta da Microsoft. "L'accordo - ha scritto il giudice - solleva domande legittime dal momento che appare come un modo per invadere una parte delle scuole, da quelle inferiori a quelle superiori, mercato nel quale Microsoft non è stato tradizionalmente il più importante fornitore (in particolare se paragonato ad Apple), con software Microsoft e personal computer".
TAG: apple
28 Commenti alla Notizia Apple ferma Microsoft
Ordina
  • questa e' la vera grandezza di zio Billy: avere la faccia come il cu...ore! c'e' un giudice cattivone che vuole fargli totto' al culetto? non solo gli ride in faccia ma appena quello si gira gli infila un Altan-iano ombrello... be' lui ci prova sempre, un po come i super-riccastri di casa nostra insomma, niente di nuovo...
    non+autenticato
  • Evviva siamo alle solite.
    Una notizia che se letta nella sua reale forma poteva far scaturire una interessante discussione sulle vicende del futuro dei SO e del software si e' come sempre arenata su una infinita' di luoghi comuni nella stupida guerra tra utenti su quale e' la piattaforma migliore.
    non+autenticato
  • Perchè le scuole (per fortuna non quella che io ho frequentato ai tempi) continuano a comprare Mac? E' una buona piattaforma per la grafica, ma poi? Meglio fargli conoscere i PC e magari Linux oltre che Ms, comunque bene o male facendo vedere i prodotti Ms si istruiscono gli studenti su uno standard di mercato a breve e medio termine, e magari con un Linux gratuito gli si poù insegnare che un elaboratore non è solo una TV interattiva. Ma il Mac che c'entra in tutto questo? Ha un OS che ha + - stesso valore pedagogico dei Windows e un HW più costoso dei PC... che alternativa sarebbe? Non ha nessun senso dal punto di vista dell'istruzione ed è antieconomico!
    non+autenticato
  • Per la grafica? ...ma allora sei un esperto!!! Bisogna subito avvisare il prof. Ukmar (famosissimo aziendalista) che non può usare più Apple!
    Il fatto che l'OS sia su kernel Unix ti dice niente?
    Il fatto che la CPU PPC (G4 etc) sia utilizzata sui IBM AS400 (che, se non sbaglio, non si occupano di grafica).
    Il fatto che costi quanto un Wintel di buo livello (se andassi a vedere i prezzi da due anni a questa parte)?
    I pareri personali sono il concime del sapere. Se documentati, altrimenti sono solo concime organico.
    p.s.: L'altra sera ho upgradato un Apple di un consigliere del ministro delle finanze... che non si occupa di grafica.
    non+autenticato
  • Guarda che un x86 di "buon livello" con Linux o BSD o anche un NT4 settato per bene può anche essere un P100 che trovi dal rigattiere per 500.000 £, nel senso che ci puoi fare tutto ciò che una scuola ci farebbe, se entro da un rivenditore di mac con quella cifra lo faccio morire dal ridere!Sorride
    Giorgio
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio
    > Guarda che un x86 di "buon livello" con
    > Linux o BSD o anche un NT4 settato per bene
    > può anche essere un P100 che trovi dal
    > rigattiere per 500.000 £, nel senso che ci
    > puoi fare tutto ciò che una scuola ci
    > farebbe, se entro da un rivenditore di mac
    > con quella cifra lo faccio morire dal
    > ridere!Sorride
    > Giorgio

    Giorgio il tuo problema, mi pare sia poca conoscenza del mondo mac, e poca conoscenza di quello che dici.
    Sfatiamo subito un mito, Linux NON è più così leggero come si pensa, per cui anche per Linux bisogna avere una buona configurazione.
    Con Linux non puoi fare facilmente tutto quello che potresti fare con il software Mac ed in parte(minore) con il software Win.
    Non esistono tutte le applicazioni necessarie ad una scuola sotto Linux, per cui sarebbe in parte inutilizzabile agli scopi.
    Concordo su chi sostiene che sarebbe bene informare i ragazzi delle possibilità e delle alternative a Win, per cui ben venga Linux e ben venga Macintosh.
    Il tuo esempio è completamente sballato, perchè ammesso che su un Pentium 100tu possa far girare una versione degan di Linx ed una di Win NT ( già ti vedo, come no) se Linux lo puoi avere gratis dalla rete, WinNT come hai intenzione di averlo? hai idea di quanto costi una versione di NT?
    Se ti informassi meglio su quello che dici non faresti una lira...pardon un Euro di danno..Sorride
    Credo che tu non conosca il mondo Mac, se non marginalmente e per i soliti luoghi comuni...
    Mickey
    non+autenticato


  • > Giorgio il tuo problema, mi pare sia poca
    > conoscenza del mondo mac, e poca conoscenza
    > di quello che dici.
    > Sfatiamo subito un mito, Linux NON è più
    > così leggero come si pensa, per cui anche
    > per Linux bisogna avere una buona
    > configurazione.
    Sfatiamo subito un mito, Linux non e' tutto il sistema ma solo il kernel, ed esso e' piu' o meno pesante a seconda di quello che decidi in fase di compilazione.
    > Con Linux non puoi fare facilmente tutto
    > quello che potresti fare con il software Mac
    > ed in parte(minore) con il software Win.
    per esempio?
    > Non esistono tutte le applicazioni
    > necessarie ad una scuola sotto Linux, per
    > cui sarebbe in parte inutilizzabile agli
    > scopi.
    esempio di suddette applicazioni?
    > Concordo su chi sostiene che sarebbe bene
    > informare i ragazzi delle possibilità e
    > delle alternative a Win, per cui ben venga
    > Linux e ben venga Macintosh.
    > Il tuo esempio è completamente sballato,
    > perchè ammesso che su un Pentium 100tu possa
    > far girare una versione degan di Linx ed una
    > di Win NT ( già ti vedo, come no) se Linux
    > lo puoi avere gratis dalla rete, WinNT come
    > hai intenzione di averlo? hai idea di quanto
    > costi una versione di NT?
    > Se ti informassi meglio su quello che dici
    > non faresti una lira...pardon un Euro di
    > danno..Sorride
    > Credo che tu non conosca il mondo Mac, se
    > non marginalmente e per i soliti luoghi
    > comuni...
    > Mickey
    lo credo anche io, come credo (per lo meno dalle tue affermazioni) che tu non conosca a fondo il mondo GNU/Linux.
    non+autenticato
  • Son d'accordo solo su un punto: insegnare e fare usare Linux nelle scuole.

    Il problema è chi lo insegna agli insegnanti?
    non+autenticato
  • > Meglio fargli conoscere i PC e magari Linux oltre che Ms, comunque bene o male facendo vedere i prodotti Ms si istruiscono gli studenti su uno standard di mercato a breve e medio termine, e magari con un Linux gratuito gli si poù insegnare che un elaboratore non è solo una TV interattiva.
    ---> ma cosa c'entra? al limite con lo standard per di documenti scritti diventa .doc di MS word...che poi word giri su mac, win o altro che importa? l'importante è che si riesca ad aprire il documento....

    >Ma il Mac che c'entra in tutto questo? Ha un OS che ha + - stesso valore pedagogico dei Windows e un HW più costoso dei PC... che alternativa sarebbe? Non ha nessun senso dal punto di vista dell'istruzione ed è antieconomico!

    -->ma che c'entra questo con l'istruzione? mi pare che l'importante sia ad esempio insegnare ad un allievo a scrivere una lettera o a fare una ricerca su internet...che poi la lettera venga scritta con word per mac o winword, rispettivamente che la ricerca su internet venga eseguita con netscape/IE/opera per win, macos solaris che differenza fa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio
    > Perchè le scuole (per fortuna non quella che
    > io ho frequentato ai tempi) continuano a
    > comprare Mac? E' una buona piattaforma per
    > la grafica, ma poi? Meglio fargli conoscere
    > i PC e magari Linux oltre che Ms, comunque
    > bene o male facendo vedere i prodotti Ms si
    > istruiscono gli studenti su uno standard di
    > mercato a breve e medio termine, e magari
    > con un Linux gratuito gli si poù insegnare
    > che un elaboratore non è solo una TV
    > interattiva. Ma il Mac che c'entra in tutto
    > questo? Ha un OS che ha + - stesso valore
    > pedagogico dei Windows e un HW più costoso
    > dei PC... che alternativa sarebbe? Non ha
    > nessun senso dal punto di vista
    > dell'istruzione ed è antieconomico!
    Cosa? Apple è ottimo in ogni campo basta avere i programmi NON-M$.
    Windows è solo fonte di virus e nulla di più. Ai bambini bisogna far capire che la qualità non sta nel computer più usato (solo perché si pirateggia di più) ma in quello che funziona meglio.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hydra

    > Cosa? Apple è ottimo in ogni campo basta
    > avere i programmi NON-M$.
    > Windows è solo fonte di virus e nulla di
    > più.

    Smettila di scrivere stupidaggini per favore.

    > Ai bambini bisogna far capire che la
    > qualità non sta nel computer più usato (solo
    > perché si pirateggia di più) ma in quello
    > che funziona meglio.

    Se Mac fosse il computer piu' usato sarebbe quest'ultimo quello su cui si pirateggia di piu'. I soldi sono gli stessi, le opportunita' di copiare anche.

    Saluti.
    non+autenticato
  • Quello che volevo dire è che Mac è un mondo chiuso come Ms almeno a livello di OS (solo con Mac OS X si sta muovendo verso Unix), poi non voglio questionare sul numero o qualità delle applicazioni e la validità dell'archite, il fatto è che al mercato non servono 2 3 4 100 standard, glie ne serve uno (e non è un opinione) o almeno uno per settore o nicchia che dir si voglia. Per motivi magari discutibili (pirateria, alleanze commerciali ecc...) Ms è lo standard della nicchia più grossa, principianti, uffici con utenti con poco addestramento e molta fretta e un tecnico dietro a recuperare i crash di sistema. Lo è e basta al momento e la manovra Mac mi sembra voler ricalcare il modo in cui dal basso si diffusero i prodotti Ms 15/20 anni fa. Ma secondo me per le scuole non ci si può accontentare di insegnare a usare quello che vuole imporre il Bill o Steve di turno, se si fosse insegnato 20 anni fa sarei stato contrario che si insegnasse su OS proprietari come sono contrario oggi.
    I ragazzini devono saper che non è il drag'n drop con uno o due bottoni a tenere su la rete e la borsa, che dietro le finestre c'è qualcosa e infine che ci sono realtà di OS gratuiti come gli Unix like con cui puoi fare un sacco di cose e non ti costringono a piratare quello che vuoi perchè la paghetta è troppo bassa... tutto qui.Sorride
    Giorgio
    non+autenticato
  • Non sono d'accordo. Fare conoscere Linux nelle scuole (almeno quelle medie inferiori e superiori) equivale a non prepararli alla realtà che troveranno nel mondo esterno. E nel mondo esterno Linux è molto meno diffuso di Mac.

    Linux può andare bene all'università dove si spiega come è fatto un SO. Ma solo lì.

    Dove il computer viene usato come strumento per insegnare ad utilizzare le applicazioni (office, navigazione internet, strumenti di grafica etc.) è meglio un SO come Mac o PC. Insegneresti ad un bambino ad utilizzare un telefono a gettoni? No, perché nel mondo reale non se ne trovano praticamente più.



    - Scritto da: Giorgio
    > Perchè le scuole (per fortuna non quella che
    > io ho frequentato ai tempi) continuano a
    > comprare Mac? E' una buona piattaforma per
    > la grafica, ma poi? Meglio fargli conoscere
    > i PC e magari Linux oltre che Ms,
    non+autenticato
  • Non è il rpimo segno, non è il primo scricchiolio che si sente dal gigante di Redmon...
    Speriamo solo che possa portare reali vantaggi agli utenti.
    Mickey
    non+autenticato
  • Almeno in questa occasione.

    Ovvero Motx non si è fatto comprare.

    O almeno, non da Microsoft.
    non+autenticato
  • Ho ancora troppo sonno.

    Il titolo doveva essere

    "Hanno evitato di scadere nel ridicolo"
    non+autenticato
  • LOL!!!
    > Ovvero Motx non si è fatto comprare.
    >
    > O almeno, non da Microsoft.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)