La Formula 1 teme i... cracker

Un ingegnere della scuderia della Jordan, già 007 parigino, sostiene che le nuove tecnologie di comunicazione usate in corsa sono da considerarsi a rischio

Torino - In Formula1 si temono gli interventi di cracker assoldati da qualcuno o da hacker a caccia di nuove conoscenze. Questo almeno è quanto si evince dalle parole di un ingegnere della Jordan, celebre "scuderia" di Formula1.

Si tratta di Gilles Flaire, personaggio noto anche perché legato a suo tempo ai servizi segreti francesi e considerato un esperto in materia di telecomunicazioni avanzate, che in una intervista a "Sportautomoto" ha sostenuto come con le dovute capacità tecniche sarebbe possibile modificare l'andamento di una gara, intervenendo proprio sulle comunicazioni tra box e vettura in pista (sulle novità tecnologiche in F1 vedi anche: Speciale F1/ La corsa dei computer).

In particolare, Flaire ha spiegato che i vantaggi della telemetria bidirezionale, che consentirà alla scuderia di intervenire su elementi centrali di un'automobile direttamente e nel corso di una gara, rappresentano anche un rischio. Perché qualcuno potrebbe inserirsi in comunicazioni così importanti e impedire il corretto svolgimento delle operazioni da remoto.
Una vettura della Jordan"Spiare sarà difficile - ha spiegato Flaire - mentre sarà semplice disturbare le comunicazioni. Senza arrivare a mandare falsi segnali alla vettura, sarà facile coprire il messaggio originale per evitare che questo arrivi a destinazione".
32 Commenti alla Notizia La Formula 1 teme i... cracker
Ordina
  • Tutto questo parlare di F1 e di Ecclestone mi è venuta volgia di fumare una sigaretta, chissa come mai poi io non fumo.

    Cmq in F1 le spie ci sono sempre state...e sempre ci saranno...(anche dentro le varie scuderie)

    una volta c'era chi buttava i chiodi sulla strada...ora il rischio DoS è reale..il cracking non credo...viste le technologie di crittazione trasmissiva adottate...

    Jean ci mancherai !!!

    non+autenticato
  • > una volta c'era chi buttava i chiodi sulla
    > strada...
    oppure quelli che uscivano dai box per finta poi rientravano...
    ;-0)

    > cracking non credo...viste le technologie di
    > crittazione trasmissiva adottate...
    i dati da qualche parte si vedono in chiaro ??? e anche la macchina deve decryptare i dati ed eseguirli...
    e difficile ma non impossibile...

    > Jean ci mancherai !!!
    quello era un pirla...a me sinceramente non manchera affatto...
    non+autenticato
  • Una sola vittoria del mitico Jean vale più delle decine di vittorie e dei due mondiali di quel pallone gonfiato di Schumi.
    Viva la Ferrari numero 27, quella vera!
    non+autenticato
  • Anche Senna era un pallone gonfiato, più di Schumi: ha la media punti più bassa tra i campioni, la più alta c'è l'ha Fangio (il grande!), poi Schumi, poi Prost, poi Lauda, ...
    Segno evidente che a Senna non fregava niente dei posti dal 4° in poi; non è mai stato autore di grandi rimonte infatti al contrario degli altri campioni. A lui interessavano solo i primi posti (dubito già del 3°): un comportamento da s.....o.
    non+autenticato
  • forse è meglio che segui le imprese di varenne!!!!
    non+autenticato
  • Non si può tornare a quando erano i piloti a guidare le macchine?
    che squallore sta F1 .....

    ciauz
    non+autenticato
  • - Scritto da: gimmilione

    > Non si può tornare a quando erano i piloti a
    > guidare le macchine?
    > che squallore sta F1 .....

    Io toglierei del tutto i piloti invece.
    non+autenticato
  • > Io toglierei del tutto i piloti invece.
    a 40 milliardi all'anno di stipendio, fra un po lo fanno
    ;-0)
    vedrete che belli gli sport del futuro...
    non+autenticato
  • ti sarei reso conto perchè vince schumacher
    non+autenticato
  • Vi ricordate lo scorso campionato mondiale di F1,
    la mclaren alla partenza si spegneva sempre, senza motivo, non gli era mai successo!
    Guadacaso e' iniziato a succedere dopo che hanno liberalizzato le telemetrie e telecontrolli bidirezionali.

    Un ferrarista sportivo.
    non+autenticato
  • anche prima avevano alcuni "problemi"...
    vi ricordate che la mclaren accuso pubblicamente la ferrari di sabotare le sue macchine (cosa poi naturalmente ritirata, ecc) ???
    ;-0)

    - Scritto da: WirelessHacker
    > Vi ricordate lo scorso campionato mondiale
    > di F1,
    > la mclaren alla partenza si spegneva sempre,
    > senza motivo, non gli era mai successo!
    > Guadacaso e' iniziato a succedere dopo che
    > hanno liberalizzato le telemetrie e
    > telecontrolli bidirezionali.
    >
    > Un ferrarista sportivo.
    non+autenticato
  • e ieri per irpicca in Spagna la McLaren ha piratato le 2 ferrari buttandole fuori pista....guerra tecnologica anche in F1.. Sorride
    non+autenticato
  • guarda che di bidirezionale c'era soltanto il cellulare...
    non+autenticato
  • Se il livello degli ingegneri della jordan è questo, è meglio che risparmiano i soldi del prossimo campionato e li usano per acquistare macchine agricole !

    La trasmissione avviene in modo crittato da almeno TRE ANNI (almeno nei team seri -e sicuramente in quello in cui lavoravo io-). Ci sono un tot di sistemi di controllo sulla validità dei dati ricevuti sia al muretto che sull'auto. Ogni scuderia ha una propria banda di frequenza e con uno scanner + radiogoniometro beccheresti in due minuti l' eventuale fonte del disturbo
    non+autenticato

  • per spegnere un auto bastano 2 microsecondi
    in due minuti ti ci incastra anche una birra e un panino con porchetta...
    e non serve decryptare, come dice l'articolo basta non far arrivare il pacchetto di dati a destinazione... e questo mi pare anche abbastanza semplice da fare.

    astalavista

    - Scritto da: Sirswatch
    > Se il livello degli ingegneri della jordan è
    > questo, è meglio che risparmiano i soldi del
    > prossimo campionato e li usano per
    > acquistare macchine agricole !
    >
    > La trasmissione avviene in modo crittato da
    > almeno TRE ANNI (almeno nei team seri -e
    > sicuramente in quello in cui lavoravo io-).
    > Ci sono un tot di sistemi di controllo sulla
    > validità dei dati ricevuti sia al muretto
    > che sull'auto. Ogni scuderia ha una propria
    > banda di frequenza e con uno scanner +
    > radiogoniometro beccheresti in due minuti l'
    > eventuale fonte del disturbo
    non+autenticato

  • - Scritto da: astalavista
    >
    > e non serve decryptare, come dice l'articolo
    > basta non far arrivare il pacchetto di dati
    > a destinazione... e questo mi pare anche
    > abbastanza semplice da fare.
    Certo, certo, è proprio semplicissimo: basta avere un trasmettitore che offra una densità spettrale di potenza pari ad almeno dieci volte quella del tramettitore al muretto, misurata nel punto più lontano del campo di ricezione, poichè non puoi certo prevedere a priori in quale punto si troverà l'auto nel momento in cui il box trasmette proprio il pacchetto che vuoi abbuiare. Il che, a spanne, su un circuito come Imola, fa una potenza di circa 2kW, che stanno comodamente in tasca... fai meglio ad andare solo a farti il panino e la birra. Per la cronaca, con un radiogoniometro decente bastano un paio di secondi di emissione per beccare lo scarafaggio...
    non+autenticato
  • Viva la liberta'!
    e' giusto che tutti esprimano la loro opinione,
    ma un minimo di cervello forse e' meglio mettercelo, entriamo nel dettaglio:
    potenza massima autorizzabile per usi di telecomando e teleassistenza in europa
    10Watt = +40dbm
    guadagno antenna (direttiva) = +20dbm
    attenuazione massima dai box 3km = -105dbm
    quindi il segnale che viene ricevuto da una distanza di 3 km sara' 40+20-105= -45dbm
    ottimissimo segnale!
    Un segnale di -45dbm e' interferito (secondo le norme CCIRR) se un segnale isofrequenza non e' almeno 20 db inferiore.

    quindi se arrivo al ricevitore con un segnale di
    -65 dbm questo e' sicuramente interferito anzi sicuramente annullato

    con un tx in tasca di 0,6w
    distante 3 km dai box ma molto vicino alla macchina che ti passa davanti riesce ad annullare nel tratto di diverse centinaia di metri il segnale.

    piu' persone con un tx da 0,6w disposte sul circuito riuscirebbero ad annullare completamente
    il segnale trasmesso dai box.

    Antonio prima di sparare bischerate,
    la prossima volta pensaci, prenditi un buon libro di elettrotecnica e studia...

    astalavista

    - Scritto da: Antonio
    >
    > - Scritto da: astalavista
    > >
    > > e non serve decryptare, come dice
    > l'articolo
    > > basta non far arrivare il pacchetto di
    > dati
    > > a destinazione... e questo mi pare anche
    > > abbastanza semplice da fare.
    > Certo, certo, è proprio semplicissimo: basta
    > avere un trasmettitore che offra una densità
    > spettrale di potenza pari ad almeno dieci
    > volte quella del tramettitore al muretto,
    > misurata nel punto più lontano del campo di
    > ricezione, poichè non puoi certo prevedere a
    > priori in quale punto si troverà l'auto nel
    > momento in cui il box trasmette proprio il
    > pacchetto che vuoi abbuiare. Il che, a
    > spanne, su un circuito come Imola, fa una
    > potenza di circa 2kW, che stanno comodamente
    > in tasca... fai meglio ad andare solo a
    > farti il panino e la birra. Per la cronaca,
    > con un radiogoniometro decente bastano un
    > paio di secondi di emissione per beccare lo
    > scarafaggio...
    non+autenticato

  • - Scritto da: astalavista
    > piu' persone con un tx da 0,6w disposte sul
    > circuito riuscirebbero ad annullare
    > completamente
    > il segnale trasmesso dai box.
    Mh, troppi complici... il rischio è alto, meglio non fidarsi di nessuno.
    Ma tu, sei sicuro che quelli usino trasmettitori omologati ? Il tizio sopra l'ha sparata grossa maforse era solo una battuta da mona...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    >
    > - Scritto da: astalavista
    > > piu' persone con un tx da 0,6w disposte
    > sul
    > > circuito riuscirebbero ad annullare
    > > completamente
    > > il segnale trasmesso dai box.
    > Mh, troppi complici... il rischio è alto,

    non ti dimenticare che l'11 settembre 2001
    sono stati tirati giu' 2 grattacieli, quindi figurati se non riescono ad avere la complicita' di una 20 di persone (se volessero) per boicottare una gara, vista in mondovisione!
    quell'ingegnere della jordan ha riferito una preoccupazione seria fidati...

    > meglio non fidarsi di nessuno.
    > Ma tu, sei sicuro che quelli usino
    > trasmettitori omologati ? Il tizio sopra
    > l'ha sparata grossa maforse era solo una
    > battuta da mona...

    Ma scusa, quale club rischierebbe in un controllo di farsi sputt..are al mondo (pubblicita' negativa) perche' non e' in regola?
    io penso nessuno, come del resto nessuno fino ad oggi ha mai pensato ad un simile rischio di wirelesshacker.
    non+autenticato


  • - Scritto da: astalavista
    >
    > per spegnere un auto bastano 2 microsecondi
    > in due minuti ti ci incastra anche una birra
    > e un panino con porchetta...
    > e non serve decryptare, come dice l'articolo
    > basta non far arrivare il pacchetto di dati
    > a destinazione... e questo mi pare anche
    > abbastanza semplice da fare.

    Secondo me non sono cosi` coglioni da aver progettato un sistema che spegne la macchina se perde un pacchetto di dati.. Molto probabilmente la macchina va comunque anche se le trasmissioni dal muretto vengono troncate completamente.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)