Compra su internet, inquini di meno

Questo il senso di una ricerca svolta dal sito dello shopping volendo.com insieme al Politecnico di Torino. Diminuiscono i chilometri, ergo l'inquinamento

Torino - Potrà sembrare un'ovvietà ma in tempi così difficili per l'inquinamento atmosferico è utile ripeterlo: compiere acquisti online può non solo velocizzare le operazioni di acquisto ma anche ridurre l'inquinamento.

Quello che può apparire come un luogo comune o uno slogan è ora anche il risultato di una indagine che il sito dello shopping volendo.com ha condotto assieme al Consorzio Politecnico di Torino che ha studiato le abitudini dei clienti del sito.

In particolare, stando ad una nota diffusa ieri, è stato possibile verificare che nell'ambito dell'area urbana di Milano, per raggiungere il supermercato più vicino un campione statisticamente significativo composto da mille clienti dovrebbe percorrere in media km. 9,1 ogni settimana, per un totale di 149.367 km annui. Un veicolo di volendo.com addetto alle consegne percorre invece mediamente km 5,9 per ogni ordine, per un totale annuale di 96.842 km.
Secondo gli autori dell'indagine, effettuate per il Master in Trasporti e Mobilità Sostenibile del Politecnico, il conto è presto fatto: i chilometri risparmiati sono convertibili in minor numero di auto circolanti (circa -6.965 al mese), di conseguenza in minori emissioni di gas nocivi e di polveri sottili, traducibili anche nella diminuzione del flusso del traffico, del numero di incidenti e dell'occupazione del suolo.
18 Commenti alla Notizia Compra su internet, inquini di meno
Ordina
  • Non so come vi è arrivata la notizia della ricerca, ma vorrei sottolineare che, non ostante la cura e la serietà con cui è stata condotta, essa non è che un primo passo nello studio di una realtà così complessa come l'e-commerce.
    Pertanto sarei più prudente nel saltare immediatamente alle conclusioni. Non è vero che la ricerca dimostra che con il commercio on-line si inquina meno. Sembra (ma è ancora da appurare con indagini più ampie) che possa esserci una lieve diminuzione del traffico, ma occorrerà valutare con maggior precisione l'impatto del traffico commerciale che viene generato. Inoltre non tutte le Società on-line sono organizzate allo stesso modo.
    Insomma, è un problema complesso che abbiamo iniziato solo ora ad indagare: c'è ancora molto da fare e noi ci stiamo lavorando. E' bello comunque che se ne discuta in un Forum.

    Marco Dellasette
    Coordinatore didattico del Master
    Trasporti e Mobilità Sostenibile
    COREP - Torino
    E per chi ne vuole sapere di più:
    www.corep.it/matras
    non+autenticato
  • "i chilometri risparmiati sono convertibili in minor numero di auto circolanti (circa -6.965 al mese), di conseguenza in minori emissioni di gas nocivi e di polveri sottili, traducibili anche nella diminuzione del flusso del traffico, del numero di incidenti e dell'occupazione del suolo."

    6.965 auto circolanti al mese in meno??????

    Ragazzi, siamo in Italia: da una parte Agnelli non permettera' mai una cosa simile, dall'altra i sindacati saranno d'accordo con lui perche' produrre meno auto significa licenziare operai; i Verdi, a questo punto, indignati, sciorineranno i dati sulla qualita' dell'ambiente e del livello di vita. Questo provochera' una rottura nell'opposizione, rafforzando quindi la destra al governo, proprio quello che tutta la sinistra (Verdi compresi) non vogliono, quindi non se ne fara' nulla.

    Ragazzi, devo mettermi a scrivere romanzi di fantapolitica... ambientarli in Italia riescono sempre bene, pero' bisogna venderli all'estero, senno' qui la stampa (di destra o di sinistra, a seconda dei casi) ti stronchera'.

    non+autenticato
  • - Scritto da: zyxwo

    > Ragazzi, devo mettermi a scrivere romanzi di
    > fantapolitica... ambientarli in Italia
    > riescono sempre bene, pero' bisogna venderli
    > all'estero, senno' qui la stampa (di destra
    > o di sinistra, a seconda dei casi) ti
    > stronchera'.
    >

    Be', puoi sempre pubblicarli su internet, no?
    non+autenticato
  • E pensate che ci sono ancora dei negozianti che non vogliono dirti al telefono il costo di un articolo e ti costringono a prendere la macchina solo per andare in negozio a sapere il prezzo!!!!!
    non+autenticato
  • utili per ridurre l'inquinamento, ma credo che il problema alla radice sia un altro.
    Bisogna che cacciamo nella zucca che l'era industriale è finita. Viviamo in un paese dove la popolazione è concentrata in pochi chilometri quadrati e fa a botte ogni giorno per raggiungere una scrivania e rispondere al telefono.
    Tutto ciò è assurdo, stupido.. e inquinante.
    non+autenticato
  • Sagge parole

    - Scritto da: dan
    > utili per ridurre l'inquinamento, ma credo
    > che il problema alla radice sia un altro.
    > Bisogna che cacciamo nella zucca che l'era
    > industriale è finita. Viviamo in un paese
    > dove la popolazione è concentrata in pochi
    > chilometri quadrati e fa a botte ogni giorno
    > per raggiungere una scrivania e rispondere
    > al telefono.
    > Tutto ciò è assurdo, stupido.. e inquinante.
    non+autenticato
  • ...sono i semafori e i sensi unici/divieto di svolta a dx/sx.
    Una macchina resta ferma 5 minuti al semaforo, quello e' inquinamento! Inoltre per andare a 100 metri di distanza, mi tocca fare tutto un altro giro, magari di 3 km. Questo e' il vero motivo. Segnali senza senso, sensi unici, semafori ovunque, anche dove non servirebbero. E fortuna che io lavoro in una citta' piccola come Trento, non oso pensare a Milano, Roma, Napoli...
    E poi incentivano i mezzi pubblici... se dal mio paese ci sono due corriere al giorno, e quelle 2 sono sempre in ritardo, che non pretendano di farlmele usare, per non parlare del prezzo del biglietto... con qui mi prendo benissimo gasolio a sufficienza per fare il tragitto...
    non+autenticato
  • > Inoltre
    > per andare a 100 metri di distanza, mi tocca
    > fare tutto un altro giro, magari di 3 km.

    scusami, ma per andare a 100 metri di distanza non potresti usare i piedi?
    ;)
    non+autenticato


  • - Scritto da: GGG
    > ...sono i semafori e i sensi unici/divieto
    > di svolta a dx/sx.
    > Una macchina resta ferma 5 minuti al
    > semaforo, quello e' inquinamento! Inoltre
    > per andare a 100 metri di distanza, mi tocca
    > fare tutto un altro giro, magari di 3 km.
    > Questo e' il vero motivo. Segnali senza
    > senso, sensi unici, semafori ovunque, anche
    > dove non servirebbero.
    Il vero problema dell'inquinamento sono le persone come te che non sanno rinunciare al calduccio dell'abitacolo di una macchina
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)