Netstrike contro il World Economic Forum

Da oggi per quattro giorni attacco telematico contro il WEF. Gli organizzatori dicono di sostenere una visione alternativa del mondo oggi dominato dal profitto

Web - Protestare contro gli organismi internazionali dell'economia per sostenere "una visione del mondo alternativa in cui le persone sono più importanti del profitto". Queste le parole utilizzate nel comunicato di lancio del netstrike contro il WEF, World Economic Forum. Una protesta digitale nell'ambito delle manifestazioni organizzate per il nuovo meeting internazionale del WEF.

L'azione di disturbo elettronico prenderà vita domani fino al 4 febbraio, giorni in cui il WEF - definito "World Economic Fools" - si riunirà a New York.

Secondo gli organizzatori della protesta telematica, il meeting di New York si terrà per "pianificare la continua erosione dei diritti umani, dell'ambiente, dello sviluppo sostenibile e della giustizia sociale, il tutto in nome di un sempre maggiore margine di profitto per le corporazioni. Abbiamo pietà di questa follia che crede ciecamente che la globalizzazione corporativa e l'imposizione su scala mondiale di politiche economiche neoliberiste possa sopravvivere la crescente marea dell'opposizione dal basso a questo processo".
Il sito cardine dell'azione telematica è disponibile qui. Altre informazioni sulle azioni di protesta pianificate in occasione del meeting a New York sono disponibili qui.

Va detto che non è la prima volta che si utilizza il "corteo telematico" come forma di protesta, sebbene questa sia una delle prime volte in cui l'azione internazionale elettronica avviene contestualmente e "in supporto", nella volontà degli organizzatori, ad una manifestazione di "piazza". E' peraltro difficile stimare quanti parteciperanno davvero al netstrike.
TAG: mondo
2 Commenti alla Notizia Netstrike contro il World Economic Forum
Ordina