Retrocomputing, il cuore oltre Amiga

Per il 2 luglio a Udine si prepara una nuova manifestazione: nata dalla passione degli amighisti si allarga ora per esplorare computer storici ed alternativi. Le foto, il quadro

Retrocomputing, il cuore oltre AmigaRoma - Informatica creativa, sistemi alternativi, un (affettuoso?) sguardo di ammirazione al retrocomputing ed un occhio di riguardo all'aspetto umano e ricreativo: questi, in sintesi, sono i connotati dell'evento denominato Codex Alpe Adria 2005, un appuntamento che avrà luogo sabato 2 luglio a Udine, dalle ore 10 alle 18, presso la sala delle conferenze dell'Università LiberEtà in Via Ippolito Nievo 16.

Per mettere da parte, anche solo per un week-end, tutte le problematiche che rappresentano la quotidiana attualità delle applicazioni informatiche moderne (la new economy, il business), ecco un'occasione per entrare in contatto con appassionati del settore in una dimensione completamente diversa. Giunta alla terza edizione, la manifestazione nata anni fa come "Amiga Alpe Adria" si è svincolata dal nome di una piattaforma specifica per dimostrare, fin dal proprio nome, la propria apertura e vivacità, qualità che contraddistinguono l'evento fin dall'esordio avvenuto nel 2003.

Un portatile Commodore"Codex Alpe Adria 2005 - chiariscono gli organizzatori a Punto Informatico - si propone come punto di incontro tra programmatori e appassionati di informatica creativa, di sistemi alternativi e retrocomputing di diverse regioni d'Europa, che potranno scambiare idee e toccare con mano presente, passato e alcuni dei futuri possibili del settore".
Il Kim-1Un incontro di vecchi e nuovi amici, in un'occasione informale e gradevolmente ambientata, che vedrà anche quest'anno la partecipazione di noti protagonisti del mondo dell'emulazione, di Amiga e di altri sistemi alternativi, della demoscene nostrana e d'oltralpe, che darà ai partecipanti l'opportunità di conoscere l'informatica vissuta in una dimensione di estro e creatività, che farà ricordare l'esistenza di altri sistemi operativi oltre a quelli tradizionalmente conosciuti (Windows, MacOS, Linux) e permetterà di rivivere sensazioni provate lavorando su computer degli anni ottanta, nel periodo pionieristico, quello degli artigiani dell'era digitale che, con il passare del tempo, hanno lasciato il posto ai grandi business degli investitori industriali.

Gli eventi "collaterali" alla manifestazione possono fornire ulteriori motivazioni per parteciparvi: dalle cene luculliane organizzate fin dal venerdì (per i primi arrivati), alle visite organizzate, per le giornate di domenica e lunedì, nella città di Udine e nel circondario (cui si aggiunge una gita in barca nella Laguna di Marano).

Altair 8800L'organizzazione della manifestazione è curata da Cloanto Italia srl, presente a Codex Alpe Adria anche con alcuni degli autori di Personal Paint, C1-Text e Amiga Forever e una nutrita collezione di computer storici e alternativi, che comprende pezzi rarissimi affiancati da numerosi cimeli, la cui esposizione è stata gentilmente concessa da utenti e appassionati.

Ulteriori informazioni sulla manifestazione, gratuita per espositori e visitatori, sono disponibili sul sito dedicato all'evento, in cui è presente una pagina per la registrazione.

Dario Bonacina
91 Commenti alla Notizia Retrocomputing, il cuore oltre Amiga
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.aros.org/
    >
    > sembra interessante...Sorride

    Sì, è molto interessante! Io ho un PC giusto con i componenti che dovrebbero funzionare lì (Scheda nvidia, audio SB Live, scheda di rete realtek), appena riattivo il PC nuovo questo lo dedicherò tutto ad Aros, e magari ci sviluppo pure qualcosina!Occhiolino

    TAD
  • Non ne posso piu' dei PC x86!

    Sono delle porcate immonde!

    Processori che consumano e scaldano come piastre elettriche per arrostire la carne. E ci vogliono ventole dalle dimensioni assurde con la conseguenza che in casa tua non puoi giocare, ascoltare musica

    Architettura arcaica e dove si usa un core RISC (AMD) ha bisogno di un traduttore x86.

    I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le batterie non durano nulla.

    Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in piu'. Ma su portatili top e molto costosi.
    Se penso che il basso assorbimento e' una caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomia gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV mobile dura a malapena 2-3 ore.

    E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86 sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza globale di un computer e' molto piu' importante e un sistema RISC ben progettato e' molo piu' efficiente nel complesso e da un feedback all'utente tramite il sistema operativo che e' diverso da un PC assemblato con componenti di vario tipo, specie con un sistema operativo scadente come windows.

    Perche' i sistemi operativi alternativi sono tutti superiori a windows come infrastruttura di base e come prestazioni. Anzi come caratteristiche tecniche e coreografiche alcuni sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di Longhorn che deve ancora uscire.
    Basta guardare ai MacOSX e perfino le GUI per Linux ormai sono piu' avanti come per esempio il KDE 3.4 che e' stato alleggerito e ottimizzato ed ha funzioni che su WinXP devi aggiungere con decine di utility esterne. Per non parlare dell'architettura di BeOS e QNX.

    Il mondo wintel ci prende per il sedere da un ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti e sul monopolio del software e dei formati per continuare a mantenere questa condizione.

    L'unica speranza e' che con l'era della XBox360 Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma certamente ci sara' un passaggio ad architetture CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la diffusione di motherboard e componenti del costo simile al mondo x86 ma per PowerPC.

    non+autenticato
  • Il problema è che il mercato dell'informatica generica ci guazza felice all'interno di questo porco mondo x86 e di sicuro non si sposterà tanto facilmente su altri sistemi (probabilmente non basterebbe una crisi energetica generale a convincere uno spostamento di massa).
    Il segreto per cambiare le cose è che i sistemi alternativi si muovano a proporre un nuovo mercato da sfruttare così da attirare utenti ed investimenti cosa che però puntualmente non accade.

    Le tre sorelle del mondo unix (Sun,SGI e IBM) s'accontentano di produrre server e workstation cad limitando così il numero di chi potrebbe interessarsi ai loro sistemi.
    Apple a quanto pare s'accontenta di produrre workstation per la grafica e l'audio tralasciando enormi fette che finiscono nel mondo windows (e colpa di questo è anche lo scarso rapporto potenza/prezzo dei suoi sistemi più economici).
    La Be è fallita di brutto perchè credeva che bastava creare un os spettacolare per attirare la gente ed alla fine la sua unica fonte di software è stata bebits e Amiga le sta andando dietro ciulando però chi ha creduto in lei vendendo a prezzi spropositati un pc del 15/18 con una cpu diversa convinta che se il mondo del lavoro una volta viveva felice con i sw su amiga ora sia disposta a fare lo stesso buttando dalla finestra tutte le novità che sono uscite dopo perchè finalmente è possibile emulare il vecchio.

    Questa è all'incirca l'ottica della situazione attuale, per serie che se le cose vanno avanti così è solo perchè la concorrenza demerita.
    non+autenticato
  • i G5 sono raffreddati a liquidi e vanno al 60% della frequenza degli x86 piu' veloci
    piu' Mhz piu calore e' ovvio


    > I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla
    > CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le
    > batterie non durano nulla.
    >

    si ma un portatile g4 e' l'equvalente di un p3

    > Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in
    > piu'. Ma su portatili top e molto costosi.

    costano quanto un powerbook qualsiasi

    > Se penso che il basso assorbimento e' una
    > caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie
    > i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomia
    > gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV
    > mobile dura a malapena 2-3 ore.
    >

    un portatile pentium 3 ha una batteria progettata 5 anni fa..
    con le batterie di oggi farebbe il doppio

    > E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86
    > sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza
    > globale di un computer e' molto piu' importante e
    > un sistema RISC ben progettato e' molo piu'
    > efficiente nel complesso e da un feedback
    > all'utente tramite il sistema operativo che e'
    > diverso da un PC assemblato con componenti di
    > vario tipo, specie con un sistema operativo
    > scadente come windows.
    >

    a livello di performance pure il pc e' ancora inarrivabile a parita di prezzo da qualsiasi PPC

    > sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di
    > Longhorn che deve ancora uscire.

    era una critica a x86 o a microsoft?
    poi come fai a dire che quello che c'e' oggi e' superiore a una cosa che deve ancora uscire???????

    > Il mondo wintel ci prende per il sedere da un
    > ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti
    > e sul monopolio del software e dei formati per
    > continuare a mantenere questa condizione.
    >

    ma costa poco
    guarda una ps3 o una xbox 360
    mostruosamente piu' potenti di un g5, vendute a un prezzo che oscillera fra 3-400 dollari
    un g5 costa 10 volte tanto
    Anche Jobs lucra sulla stupidita di quelli che vogliono sentirsi di nicchia a tutti i costi

    > L'unica speranza e' che con l'era della XBox360
    > Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per
    > il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma
    > certamente ci sara' un passaggio ad architetture
    > CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che
    > esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la
    > diffusione di motherboard e componenti del costo
    > simile al mondo x86 ma per PowerPC.
    >

    A ms non frega niente di PPC
    se lo facesse sarebbero solo problemi legali per lei..
    sai quanti fan apple inaserebbero i forum dicendo che MS sta contaminando la "loro" bellissima architettura?
    e sai che fine farebbe OSX?
    MS su ppc sarebbe la morte di Apple
    Il fattore costo non lo fa la diffusione
    ma il venditore
    e Jobs e' uno che non ha a cuoire il bene dei suoi utenti
    perche' per definizione PPC costa meno ed e' piu' semplice da produrre
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non ne posso piu' dei PC x86!

    non che ne sia proprio entusiasta

    >
    > Sono delle porcate immonde!

    ma tu esaggeri

    >
    > Processori che consumano e scaldano come piastre
    > elettriche per arrostire la carne. E ci vogliono
    > ventole dalle dimensioni assurde con la
    > conseguenza che in casa tua non puoi giocare,
    > ascoltare musica


    >
    > Architettura arcaica e dove si usa un core RISC
    > (AMD) ha bisogno di un traduttore x86.
    >
    > I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla
    > CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le
    > batterie non durano nulla.

    portatili recenti durano anche 5/7 ore in pieno utilizzo

    >
    > Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in
    > piu'. Ma su portatili top e molto costosi.

    come i portatile mac

    > Se penso che il basso assorbimento e' una
    > caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie
    > i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomia

    vedi sopra

    > gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV
    > mobile dura a malapena 2-3 ore.
    >
    > E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86
    > sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza
    > globale di un computer e' molto piu' importante e
    > un sistema RISC ben progettato e' molo piu'
    > efficiente nel complesso e da un feedback
    > all'utente tramite il sistema operativo che e'
    > diverso da un PC assemblato con componenti di
    > vario tipo, specie con un sistema operativo
    > scadente come windows.

    e adesso cosa c'entra ms?
    era un attacco (per altro patetico agli x86 o a ms)

    >
    > Perche' i sistemi operativi alternativi sono
    > tutti superiori a windows come infrastruttura di
    > base e come prestazioni.

    ?????

    Anzi come
    > caratteristiche tecniche e coreografiche

    coreografiche?
    l'hai scambiato per un baletto?

    alcuni
    > sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di
    > Longhorn che deve ancora uscire.

    e tu come fai a saperlo?
    hai la macchina del tempo?

    > Basta guardare ai MacOSX

    guarda caso....

    e perfino le GUI per
    > Linux ormai sono piu' avanti come per esempio il
    > KDE 3.4 che e' stato alleggerito e ottimizzato ed
    > ha funzioni che su WinXP devi aggiungere con
    > decine di utility esterne. Per non parlare
    > dell'architettura di BeOS e QNX.
    >
    > Il mondo wintel ci prende per il sedere da un
    > ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti
    > e sul monopolio del software e dei formati per
    > continuare a mantenere questa condizione.

    be vedi un pò che post producono gli utenti mac (tu) e capirai che il mondo mac non è messo poi tanto meglio

    >
    > L'unica speranza e' che con l'era della XBox360
    > Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per
    > il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma
    > certamente ci sara' un passaggio ad architetture
    > CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che
    > esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la
    > diffusione di motherboard e componenti del costo
    > simile al mondo x86 ma per PowerPC.


    vabbe dai la tua sparata pro mac l'hai fatta!
    ti fermi mai ha riflettere sul fatto che la gente sceglie x86 o windows (visto che sei sconfinato anche negli o.s.) come pure mac ed osx per esigenze e non per fanatismo?
    non+autenticato
  • Ho scritto tanti pensieri, con i quali mi schiero contro la SIAE ? contro la RIAA e tutti i poteri monopolistici. Tra questi c?è anche lo Stato che, con le sue forze in campo ha la capacità di portare alla ragione i suoi sudditi. Tra le repliche (tutte in mio favore) c?è ne una che mi ha colpito, recita:

    (?.?Non quoto. Credo nella tua buona fede, appoggio i tuoi concetti, mi piacerebbe credere, come te, nell'unisono. Ti faccio una domanda semplice semplice: la finanza mi multa, diciamo una fesseria, 5000 euro. la presunta comunità di computer all'unisono è disposta a coprire la multa che io dovrò pagare? Credo proprio di no. Quello sarebbe un modo coerente di gestire una comunità. In realtà siamo cani sciolti chiusi a chiave nelle nostre casette. Loro, dall'altro lato, sono uniti come una loggia massonica, anche quando non si conoscono tra loro.??.).

    E? vero che, il Potere è unito (nella prepotenza) come in una loggia massonica. La forza del popolo di Internet non sta nell?unione organizzata come può essere un qualsiasi Potere ?costituito?. La forza della Rete sta nel numero elevato di naviganti, tra i quali una grande numero di elementi ha una competenza molto ? molto superiore alla competenza globale delle forze costituire. Di fatto dobbiamo considerare una rapporto di 50-100/1 a favore del popolo di Internet. Quello che succede è che, ogni giorno vengono inventati centinaia di sistemi per: aggirare i controlli (ingiusti) con i quali il Potere si illude di proteggere un gruppo di Lobby. Dobbiamo considerare che, le industrie sono sempre di più sollecitare a sfornare apparecchiature sempre più sofisticate; sistemi di ?salvataggio? sempre più microscopici, con i quali tra 3-5anni, qualsiasi tipo di dato potrà essere archiviato in supporti esterni al Computer. Memorie esterne grandi quanto un chicco di riso, capaci di contenere 10.000 brani musicali o per chi vuole essere un grande ?Pirata?, centinaia di film. Detti supporti esterni al PC, si potranno portare appresso come un ciondolo ? addosso appeso ai testicoli o in qualsiasi parte del corpo per cui nessuna forza di polizia avrà il diritto di intervenire. Quantunque, l?Agente di turno avesse la baldanza di prelevare l?apparecchio, il possessore con un battito di mano o un qualsiasi comando vocale (programmato in precedenza), potrà cancellare il contenuto della memoria in un decimo di secondo ?e così fare sparire di colpo il Reato. Il ?Pirata? altamente tecnico, avrà provveduto a ?salvare? i suoi Files in un secondo supporto che naturalmente, potrà essere fuori di casa sua e che, dopo il controllo potrà sempre recuperare. Una tecnica che non sarà il singolo a mettere a punto ma? le industrie che avranno tutto l?interesse a costruire apparecchi sempre più miniaturizzati e? a prova di controlli a pro di pochi presuntosi e ignoranti monopolisti!!! Quanto scritto finora è solo quello che, io da ignorante riesco a capire. La realtà di domani sarà ancora più fantascientifica.
    Dunque, Internet rappresenta l?unione delle conoscenze e la solidarietà dei singoli che, come risultato darà le possibilità. Non è chimera pensare che domani ci si potrà coagulare e formare un fondo internazionale di solidarietà, per pagare i 5000? o contravvenzione, un buon Avvocato e tutto ciò che potrà servire a smontare i ?Luridi? brevetti che soffocano la ?conoscenza?. In ultimo voglio dire che, si sta troppo enfatizzando il fenomeno repressivo che, in tutte le nazioni si sono approntati ad hoc in favore delle Lobby musicali ed altro. Io dico che, non bisogna credere che le leggi fasulle debbano essere temute e? noi dobbiamo farci la CACCA addosso. E? vero che, qualsiasi legge E? DISCUTIBILE!!! Se non fosse così non ci sarebbero le aule di Giustizia. Nessuno si potrebbe difendere e di colpo piomberemo in uno stato DITTATORIALE!!!
    Cari fratelli, io vi dico di essere onesti e ritengo ?ONESTO? chi copia uno ? dieci ? cento brani musicali per proprio uso, non appoggio di certo chi produce migliaia di CD per metterli in commercio, ma? dico: ?Un CD dovrebbe costare massimo 5??. Perché le Major della musica non abbassano i prezzi ed entrano in una sana concorrenza??

    Saluto tutti Gian Pietro Bomboi.

    Per dimostrare che agisco a viso scoperto, fornisco nome e cognome e indirizzo di posta.

    Bomboi45@hotmail.com


  • - Scritto da: gianpietrone

    > ?Pirata?, centinaia di film. Detti supporti
    > esterni al PC, si potranno portare appresso come
    > un ciondolo ? addosso appeso ai testicoli o in
    > qualsiasi parte del corpo per cui nessuna forza
    > di polizia avrà il diritto di intervenire.

    Il mio serverino su motherboard mini-itx senza ventola e' nascosto fuori dal mio appartamento, e' piccolissimo, prende i suoi 20w di corrente dalla luce del condominio, e' collegato in wireless e contiene tutti i miei segreti e ci accedo via VNC ed ssh.

    Poi ho un fido piccolo HD 2,5" con case minuscolo su USB che al volo si stacca e sparisce sopra la caldaia a gas

    non+autenticato
  • mah ...Deluso
    non+autenticato
  • credo che col progresso tecnologico si potrà temporaneamente sfuggire ai controlli delle autorità

    ma non che si arriverà a creare un fondo addirittura internazionale per pagare Avvocati

    e nemmeno credo che qualche produttore farà mai beneficienza rinunciando ai suoi guadagni

    non+autenticato
  • Bisogna andarci perchè vedere gli amighisti di oggi è interessante e amiga dal 1985 ne ha fatta di strada.
    L'hardware innovativo non c'è più sostituito da un pc di cinque anni fa con gli stessi difetti hardware dei pc di cinque anni fa con e lo stesso prezzo dei pc di cinque anni fa.
    Il sistema operativo evoluto è lo stesso di dieci anni fa ma ora si chiama os/4 ha qualche abbellimento in più ma è senza multiutenza, memoria protetta, programmi utili ecc ecc.
    Il software è sempre quello molto non è più aggiornato e a parte i port da linux è quasi solo shareware compresa l'interfaccia grafica fatta da terze parti che usano quasi tutti i programmi e che si personalizza solo comprando un serial.
    Sono in quattro gatti e hanno due sistemi operativi amiga su due hardware diversi e costosi ma entrambi gli schieramenti giurano che il loro è il solo vero erede di amiga e gli altri sono dei criminali e pure ladri.
    Se gli parli di software libero storcono il naso però sognano di avere open office e firefox perchè i loro browser e programmi da ufficio sono fermi al 1996 e sono a pagamento.
    Scrivono appassionati appelli e fanno petizioni affinchè produttori software e hardware supportino amiga.
    Hanno sistemi operativi scritti nel tempo libero da appassionati e venduti a peso d'oro.
    Gli sviluppatori sono osannati come semidei e poco importa se recentemente uno di loro si è bruciato la scheda madre da mille euro scrivendo un flasher che da os/4 permette di aggiornare il bios (le schede madri amiga non hanno il safe bios update, toglie il brivido) per loro resta un eroe attorno a cui aggregarsi.
    I loro computer costano un migliaio di euro e se ci sono difetti di progettazione bisogna spedirli per posta a una ditta che li ripara altrimenti niente dma e problemi con le pendrive.
    Hanno siti web di fantainformatica dove scrivono che i pc sono finiti e il vero futuro è amiga, che windows e linux sono orribili sono scomodi e che i veri informatici lavorano bene anche con l'amiga1200 e c1text.
    Bisogna per forza andare a conoscerli perchè sono personaggi pittoreschi e siccome il produttore degli amigaone è sempre
    sull'orlo del baratro rischiamo che si estinguano troppo presto!
    Ci vediamo alla fiera!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo


    Troll di tutti i coloriTroll occhi di fuoriTroll chiacchieroneTroll occhiolinoTroll
    11237
  • Bella sta panoramica della situazione dell'Amiga di oggi.
    Però oltre a quelle cose non hai detto che l'amiga attorno a sè è piena di flammoni incalliti perditempo!!!!
    come mai questa mancanza? Sorride

    Turrican^
    non+autenticato
  • Ok, ti sei sfogato allora? Come va ora, meglio?Occhiolino

    Varthall
    non+autenticato
  • Complimeti per aver distorto la realtà dei fatti! Per correggere tutte le inesattezze che hai detto ci sarebbe da riscrivere tutto il post... dunque evito. Spargi pure FUD, Amiga non è morta fino ad ora e non penso che tu possa far troppi danni. Divertiti, se questo ti fa star meglio, siamo tutti contenti! Significa che noi amighisti serviamo ancora a qualcosa Sorride

    ==================================
    Modificato dall'autore il 20/05/2005 16.03.42
  • peccato che chi sha scritto questo messaggio è uno che perde il tempo della sua vita a scrivere su tutti i forum amiga.. e basta..Deluso

    forse perchè nel mondo pc è il nulla..
    non+autenticato
  • ....Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Bisogna andarci perchè vedere gli amighisti di
    > oggi è interessante e amiga dal 1985 ne ha fatta
    > di strada.
    > L'hardware innovativo non c'è più sostituito da
    > un pc di cinque anni fa con gli stessi difetti
    > hardware dei pc di cinque anni fa con e lo stesso
    > prezzo dei pc di cinque anni fa.
    > Il sistema operativo evoluto è lo stesso di
    > dieci anni fa ma ora si chiama os/4 ha qualche
    > abbellimento in più ma è senza multiutenza,
    > memoria protetta, programmi utili ecc ecc.
    > Il software è sempre quello molto non è più
    > aggiornato e a parte i port da linux è quasi solo
    > shareware compresa l'interfaccia grafica fatta da
    > terze parti che usano quasi tutti i programmi e
    > che si personalizza solo comprando un serial.
    > Sono in quattro gatti e hanno due sistemi
    > operativi amiga su due hardware diversi e costosi
    > ma entrambi gli schieramenti giurano che il loro
    > è il solo vero erede di amiga e gli altri sono
    > dei criminali e pure ladri.
    > Se gli parli di software libero storcono il naso
    > però sognano di avere open office e firefox
    > perchè i loro browser e programmi da ufficio sono
    > fermi al 1996 e sono a pagamento.
    > Scrivono appassionati appelli e fanno petizioni
    > affinchè produttori software e hardware
    > supportino amiga.
    > Hanno sistemi operativi scritti nel tempo libero
    > da appassionati e venduti a peso d'oro.
    > Gli sviluppatori sono osannati come semidei e
    > poco importa se recentemente uno di loro si è
    > bruciato la scheda madre da mille euro scrivendo
    > un flasher che da os/4 permette di aggiornare il
    > bios (le schede madri amiga non hanno il safe
    > bios update, toglie il brivido) per loro resta un
    > eroe attorno a cui aggregarsi.
    > I loro computer costano un migliaio di euro e se
    > ci sono difetti di progettazione bisogna spedirli
    > per posta a una ditta che li ripara altrimenti
    > niente dma e problemi con le pendrive.
    > Hanno siti web di fantainformatica dove scrivono
    > che i pc sono finiti e il vero futuro è amiga,
    > che windows e linux sono orribili sono scomodi e
    > che i veri informatici lavorano bene anche con
    > l'amiga1200 e c1text.
    > Bisogna per forza andare a conoscerli perchè sono
    > personaggi pittoreschi e siccome il produttore
    > degli amigaone è sempre
    > sull'orlo del baratro rischiamo che si estinguano
    > troppo presto!
    > Ci vediamo alla fiera!


    Il commento anonimo è stato redatto per caso da un noto tizio che ha un nick di 5 lettere la cui prima lettera è la 19esima dell'alfabeto inglese ? A bocca aperta

    ==================================
    Modificato dall'autore il 20/05/2005 21.00.39


    ==================================
    Modificato dall'autore il 20/05/2005 21.01.06
  • Gentile anonimo,
    la prossima volta che vorrai commentare la situazione Amiga
    ti prego di firmarti, inserendo inoltre una fotocopia
    scannerizzata della tua carta di identita' affinche' taluni
    "amighisti" non pensino che si tratti di qualcun altro,
    viste certe loro ossessioni...

    Ecco, io intitolerei questo post "quando i bambini fanno
    'troll'!" perche' sono sinceramente senza parole di fronte
    al comportamento di persone che leggendo
    delle critiche al loro computer invece di
    controbattere con argomenti (e si che di spazio ce n'era,
    visto che l'anonimo ha commesso alcuni macroscopici errori)
    hanno ben pensato che in Internet puo' esserci una sola
    persona che critica Amiga. Mi sembra di leggere la posta di
    ZZap!

    Ebbene, l'anonimo non sono io e trovo altresi' vergognoso
    essere coinvolto in una discussione senza nemmeno saperlo ma
    gia' che ci siamo faccio la mia parte per offrire al
    pubblico di PI una verita' piu' obiettiva sulla storia
    Amiga. Piu' obiettiva di quella proposta dall'anonimo e piu'
    obiettiva di quella di chi conosce solo il vocabolo "troll"
    in risposta a qualunque commento (a proposito, non ho
    scritto io neppure il commento nell'altro thread...).

    Sul sito Amiga.it (di cui sono onorato webmaster e host) e'
    disponibile, sotto Creative Commons, un'edizione da molte
    parti ritenuta fra le piu' complete e documentate della
    storia Amiga dal 1985 a oggi. Sebbene un po' troppo
    ottimista in certi passaggi, il documento propone successi e
    insuccessi, problemi e pregi. Mi pare la risposta migliore
    tanto all'anonimo quanto a chi ha cercato di trolleggiare,
    forse perche' gli mancano gli argomenti per dialogare.

    http://www.amiga.it/storia/

    La storia arriva all'autunno 2004 ma presto pubblicheremo un
    aggiornamento con le novita' degli ultimi mesi, sia quelle
    liete sia quelle meno liete.

    Spero con questo contributo di aver offerto un servizio
    utile a chi ci legge e vuole farsi un'idea obiettiva della
    situazione Amiga nel 2005. Io ho scritto firmandomi con nome
    e cognome, perche' questo e' il mio stile e chi mi conosce
    lo sa.

  • [sbadiglio] Ficoso
    non+autenticato
  • Infatti almeno io ho detto la 19esima lettera, non era il tuo stile infatti Occhiolino

    Davvero pensi che argomentare servirebbe con chi apre un post da anonimo con questi toni ?
  • La manifestazione si propone principalmente di presentare NUOVE tecnologie alternative, il retrocomputing e' solo una parte aggiuntiva della fiera:

    "Codex Alpe Adria 2005 will cover the latest alternative computing news, add a glimpse of the past, and let people show and see hardware and software."

    Non mi dispiacerebbe veder presentate in fiera gli annunciati moduli cpu per AmigaOne con G4 a 1.4 GHzOcchiolino

    Varthall
    non+autenticato
  • Sinceramente non mi spiacerebbe vedere un AmigaOne aggiornato al 2005 a prezzi concorrenziali (1000 euro l'A1 attuale non li merita, è carrozzato peggio di un pc d'ufficio) ed un rappresentante di Amiga Inc che illustri una volta in maniera chiara quali sono gli obbiettivi e progetti futuri del mondo amiga oltre a fare giochi per palmari e progettare una "nuova" piattaforma solo per farla girare con l'emulatore del 68k.
    non+autenticato
  • la pianti di trollare? A bocca storta
    non+autenticato
  • Non sono questo favrin e non trollo, semplicemente chiedo chiarezza visto che non mi spiacerebbe un giorno comprarlo un nuovo Amiga e visto che costa (capito ? costa, vuol dire che bisogna sborsare pecunia, danaro, soldi) mi farebbe piacere conoscerne il motivo augurandomi che non sia solo una motivazione da illuso integralista.
    Visto che nessuna piattaforma al mondo sopravvive senza un mercato sarebbe interessante conoscere quello amiga per il presente e soprattutto il futuro. E se questa curiosità, sacrosanta, toglie i puntelli alla traballante dreamland amighista che tutt'ora deve mendicare un browser web decente (figuriamoci quindi programmi professionali o similtali aggiornati) causando le ire di qualche illuso integralista allora si spiegano molte cose sui perchè il mondo amiga è rimasto isolato dall'universo dell'informatica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non sono questo favrin e non trollo,

    Allora sei seyia?A bocca aperta

    > semplicemente chiedo chiarezza visto che non mi
    > spiacerebbe un giorno comprarlo un nuovo Amiga e
    > visto che costa (capito ? costa, vuol dire che
    > bisogna sborsare pecunia, danaro, soldi) mi
    > farebbe piacere conoscerne il motivo augurandomi
    > che non sia solo una motivazione da illuso
    > integralista.

    Se hai mai usato un amiga hai gia' una motivazione per comprarne un altro..

    > Visto che nessuna piattaforma al mondo sopravvive
    > senza un mercato

    Freebsd non ha mercato eppure sopravvive.

    > E se questa curiosità, sacrosanta, toglie
    > i puntelli alla traballante dreamland amighista
    > che tutt'ora deve mendicare un browser web
    > decente (figuriamoci quindi programmi
    > professionali o similtali aggiornati) causando le
    > ire di qualche illuso integralista allora si
    > spiegano molte cose sui perchè il mondo amiga

    5 anni fa dicevano la stessa cosa di linux, poi s'e' visto quel che s'e' visto.

    Comprati il pegasos che e' meglio.;)
    non+autenticato
  • Il fatto è proprio questo, a suo tempo non ho avuto un amiga quindi sono più libero da sentimentalismi e più pratico nel sapere cosa volere da un sistema. E cmq anche l'avessi avuto non starei ora a sbavare per un pc scassato con una cpu diversa, mi saprebbe solo di presa in giro e di commercialata.

    ps non sono seyia ?
    non+autenticato
  • azz "?" malefico cmmq non sono sto qui
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Il fatto è proprio questo, a suo tempo non ho
    > avuto un amiga quindi sono più libero da
    > sentimentalismi e più pratico nel sapere cosa
    > volere da un sistema. E cmq anche l'avessi avuto
    > non starei ora a sbavare per un pc scassato con
    > una cpu diversa, mi saprebbe solo di presa in
    > giro e di commercialata.

    Indubbiamente anche io preferirei provarlo prima, la sensazione di presa in giro e di commercialata cel'ho praticamente con tutti i SO moderni, dopo aver provato quello che poteva fare un Amiga quasi 20 anni fa.

    > ps non sono seyia ?

    Fan Amiga
    non+autenticato
  • > Comprati il pegasos che e' meglio.;)

    I Pegasos I e II sono già belle macchine con DDR e AGP, e il prossimo Pegasos 3 sta per colmare il Gap hardware col PC.

    Finalmente PCI-X DDR2 e SATA su una macchina Amiga A bocca aperta Occhiolino

    http://www.morphos-news.de/index.php?lg=en&nid=107...

    Seguono immagini della piattaforma Freeserve, nata dalla collaborazione fra Freescale e bPlan, chiamata anche in codice Pegasos 2.5, che servirà agli sviluppatori per realizzare il Pegasos 3 (Notate il connettore SerialATA dell'HD), e un link a un forum sullo stesso argomento.

    http://www.pegasosppc.com/image.php?id=1499
    http://www.pegasosppc.com/image.php?id=1487

    http://www.morphzone.org/modules/newbb_plus/viewto...
    non+autenticato
  • innanzitutto, non è carino chiamarmi in causa o spacciarsi per me!!!

    A differenza di certi fanatici anonimi per A1 o OS4, che temono dal farsi riconoscere, io come vedete mi firmo, come mi firmo su altri forum.!

    La prossima volta cercate di essere più seri e invece di far firnta di essere altri, siate voi stessi, che non c'è nulla di male ad usare un nick.

    Cmq potete confrontare il mio ip per vedere chi è il vero Seiya quiA bocca aperta

    Per il resto della discussione:

    Roftl

    ==================================
    Modificato dall'autore il 27/05/2005 10.15.05
  • ah aggiungo che questo Seiya (io) è Cristiano Cherchi che appartiene al gruppo di Notizie Amiga e di AmigaPage (www.amigapage.it) dove per chi non lo sapesse portiamo in italiano tutte le news Amiga che ci sono in giro.

    Seyia è il nick che uso solo sulla chat ircnet #amigaita



    ==================================
    Modificato dall'autore il 27/05/2005 10.20.37
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)