Gli USA varano la gogna nazionale

L'amministrazione Bush ha deciso: entro due o tre mesi sarà reso disponibile un sito che linkerà i dati di tutti coloro che negli Stati Uniti hanno scontato condanne per reati di natura sessuale. Per prevenire, dicono

Washington (USA) - Le leggi federali americane impediscono al Dipartimento di Giustizia di unificare in un solo database tutti i dati già conservati, e spesso pubblicati online dai singoli stati, su persone che abbiano scontato pene per reati a sfondo sessuale. Ciò nonostante, Washington ha ora deciso di dar vita ad un sito web nazionale che guidi facilmente ai siti delle gogne elettroniche già attive sul territorio.

Le gogne, che spesso presentano la foto e i dati personali di ex detenuti, potranno così essere consultate da un unico punto di accesso ma non sarà possibile navigare facilmente tra i dati: per visualizzare gli elenchi di "sex offenders" nella propria zona di residenza, infatti, bisognerà inserire in un apposito form il proprio codice di avviamento postale. In alternativa si potrà inserire il cognome della persona "ricercata".

Questo, in altre parole, significa che almeno per il momento è scongiurata l'ipotesi di un unico database federale sui sex offenders, un'ipotesi che aveva già attirato l'attenzione dei gruppi che difendono la privacy, quelle mosche bianche secondo cui nella condanna per reati sessuali già scontata da quegli individui non è mai stata compresa anche la successiva pubblicazione dei propri dati su Internet.
"Con queste tecnologie - ha spiegato il procuratore generale Alberto Gonzales - ogni cittadino e ogni funzionario delle forze dell'ordine potrà ricercare le ultime informazioni disponibili sull'identità e il luogo di residenza di sex offenders riconosciuti come tali". Va detto che, da sempre, per gli americani è sufficiente recarsi in un qualsiasi commissariato di zona per ottenere indicazioni su eventuali condannati per reati sessuali residenti nella stessa area.

Gonzales ha spiegato che il nuovo sito federale dovrebbe essere online entro un paio di mesi, sebbene non è detto che da subito offra indicazioni per accedere ai database di tutti gli stati: le autorità dei singoli stati in molti casi devono ancora sottoscrivere l'accordo necessario.

Secondo il Dipartimento di Giustizia la nuova "directory" delle gogne non rappresenta alcun rischio di divulgazione selvaggia di dati in quanto tutte le informazioni che saranno recuperabili dal sito saranno comunque gestite dai singoli stati aderenti al nuovo giochino.

Di interesse anche il fatto che i funzionari del Dipartimento, nel presentare il progetto, si siano spinti a ricordare che non si può utilizzare questo strumento per discriminare i candidati ad un posto di lavoro perché ciò viola la legge: toccherà ricordarlo a tutti i datori di lavoro che, inserendo semplicemente il nome del candidato, potranno verificare le sue eventuali condanne per crimini a sfondo sessuale.
TAG: privacy
131 Commenti alla Notizia Gli USA varano la gogna nazionale
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://punto-informatico.it/p.asp?i=52968
    >
    > non era successo a maggio?

    Se leggi c'e' scritto che ci sarebbero voluti un par di mesi.. Fammi contare... maggio + 2 = luglio. Se leggevi meglio ti evitavi il post
    non+autenticato
  • Ci vorrebbe la gogna anche per gli psichiatri

    leggette http://www.anipsychiatry.org
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ci vorrebbe la gogna anche per gli psichiatri
    >
    > leggette http://www.anipsychiatry.org

    E perchè ?

    Prova a dire qualche cosa di tuo, senza riportare discorsi preconfezionati da altri... tra l'altro tramite un link che non funziona...
    non+autenticato
  • Gli USA hanno la piu' vasta popolazione carceraria del mondo (cina compresa)
    Delle 2 una o il sistema giudiziario e quello di prevenzione non sono molto efficienti (nonostante la apparente severita')
    Oppure la maggioranza dei criminali (che sfiga!) ha deciso di abitare negli USA....

    Se mi si permette qualche dubbio sulle "loro" proposte diventa quantomeno legittimo!
    non+autenticato
  • Gli usa, una volta esempio di democrazia e rispetto di diritti umani, precipita sempre più verso la totale abiura dei suoi principi fondatori e fose il nazismo e la dittatura.
    Gente che magari a dodici anni ha fatto un pò il guardone che viene bollata a vita.
    Se poi pensiamo a quanti casi di errori giudiziali ci sono solo perchè non si è potuto pagare un buon avvocato c'è da piangere.Pensate che secondo uno studio dell'università del Massachusets, facoltà di legge ovviamente, oltre un terzo dei processi sarebbe da rifare per patenti violazioni legge (che non vuol dire che siano tutti innocenti),oltre un decimo delle condanne a morte sono state comminate a soggetti innocenti, in molti dei casi esaminati adirittura l'avvocato non era presente o dormiva.
    Ciò è possibile perchè nel sistema americano quasi mai i giudici sono dei laureati in legge che hanno fatto un concorso ma sono di nomina politica(dei governatori) per cui spesso sono semplici laureati in filosofia, storia, letteratura e talvolta neanche in quello.
    Una volta ho partecipato ad un congresso di giuristi italo- americani sponsarizzato dalla potente NIAF (ASSOCIAZIONE DI IMMIGRATI ITALIANI IN AMERICA) e ne è risultato un quadro deprimente, altro che film !
    E poi vogliono la gogna elettronica?
    Michele
    non+autenticato
  • CHE SCHIFO!!! Se una persona ha commesso degli errori fa prima a suicidarsi già a livello attuale uno con la fedina penale sporca rischia di morire di fame con nessuno disposto a dargli una possibilità immaginiamoci cosi anche quei pochi disposti a dare una seconda possibilità non lo faranno + per paura di ritorsioni...
  • ci pensano prima
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ci pensano prima

    A volte è impossibile
    non+autenticato
  • ma cosa??? pensare alle conseguenze? allora è meglio che stiano dentro
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma cosa??? pensare alle conseguenze? allora è
    > meglio che stiano dentro

    Spesso le persone si comportano come dei semplici automi. Non vedo perché allora tirare fuori "potevano pensarci prima". Uno sbaglia (capita a tutti di sbagliare, soltanto i morti non sbagliano più), paga il danno con la società e capisce i suoi errori, ed in seguito viene reintrodotto nella società. E' questo l'unico sistema civile di carcerazione.
    non+autenticato
  • ah si. Anche i tre che hanno ucciso Silvestro hanno sbagliato. E cosa facciamo allora? Lasciamo perdere?Il tuo ragionamentoè corretto. MA DEVONO PAGARE LE CONSEGUENZE.

    Posso capire chi cerca di recuperare chi ruba, chi fa truffe, chi fa rapine. Chi uccide bambini no. Non c'è niente da recuperare...lasciateli in carcere.
    non+autenticato
  • la gigna parla di reati a sfondo sessuale. immagino che in quella cloaca di nazione chiamata usa crimine sessuale passibile di gogna elettronica sia anche dare una pacca sul sedere: e poi magari ti scambiano anche per pedofilo dopo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ah si. Anche i tre che hanno ucciso Silvestro
    > hanno sbagliato. E cosa facciamo allora? Lasciamo
    > perdere?Il tuo ragionamentoè corretto. MA DEVONO
    > PAGARE LE CONSEGUENZE.

    Quì vedo che ci sono dei campioni per menar il can per l'aia.
    Quì stiamo parlando di gente che ha già scontato la pena , che ha già pagato il suo debito sia con la giustizia che con la società. (faccio notare che le pene americane non sono certo quelle italiane)
    Quelli di silvestro invece , la pena non l'hanno affatto scontata , se non in minima parte.

    > Posso capire chi cerca di recuperare chi ruba,
    > chi fa truffe, chi fa rapine. Chi uccide bambini
    > no. Non c'è niente da recuperare...lasciateli in
    > carcere.
    non+autenticato
  • Non sono assolutamnte daccordo ricorda una persona senza aspettative senza futuro e senza nulla diventa un seggetto impazzito e pericoloso...
    oltre a non essere comunque giusta come cosa!!!!

  • - Scritto da: Anonimo
    > ci pensano prima

    Allora; visto che tu sei così perfetto, ti auguro di non dover mai sbagliare nella vita e di non dover dire: potevo pensarci prima.
    non+autenticato
  • Da un punto di vista puramente morale ti dò ragione, però forse dimentichi che chi commette un "delitto" di natura sessuale è purtroppo portato a ricommetterlo nella maggioranza dei casi.
    Non lo dico io ovviamente ma studi decennali in materia.
    Chi subisce una distorsione mentale di natura sessuale non la ripristina più e rimane una potenziale minaccia, anche per se stesso.
    Troppi casi lo dimostrano, particolarmente in USA, dove le deviazioni di varia natura raggiungono spesso, troppo spesso, i limiti dell'accettabile (oserei dire umano).
    Pensaci.
    Personalmente sono contro qualsiasi forma di censura, così come sono contro a qualsiasi ingerenza nella privacy ma...ci sono sempre dei distinguo da fare. E' + importante il rispetto della privacy o la salvaguardia dell'incolumità e del rispetto degli altri?
    Domanda difficile.....
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)