Stallman: aprite i vostri driver

Da Taiwan il padre del progetto GNU ha invitato i produttori di hardware a rilasciare il codice dei propri driver o, quanto meno, le informazioni necessarie a supportare i loro prodotti su altre piattaforme

Taipei (Taiwan) - Richard Stallman, il celebre guru e ideologo del movimento Free Software, sta calcando in questi giorni il suolo taiwanese per rilanciare uno dei problemi oggi più sentiti dalla comunità open source: la riluttanza di molti produttori di hardware a rilasciare il codice sorgente o i dettagli tecnici dei propri driver.

"Spesso l'unica cosa di cui abbiamo bisogno è conoscere il modo in cui funziona un driver", ha detto Stallman durante un discorso tenuto presso la National Taiwan University di Taipei. "Una volta a conoscenza dei dettagli tecnici, gli sviluppatori di software GNU possono scriversi da sé i driver di cui hanno bisogno".

Il fondatore della Free Software Foundation ha però detto che molti produttori non solo si rifiutano di rilasciare driver con licenza GPL, ma non intendono neppure fornire agli sviluppatori di software libero le informazioni necessarie al supporto dei loro prodotti all'interno di Linux e altri sistemi operativi.
Fanno eccezione, in questo senso, chipmaker come VIA e XGI, che proprio di recente hanno distribuito il codice dei driver di alcuni loro prodotti, principalmente chip grafici. Il loro intento è quello di mettere la comunità di sviluppatori open source nelle condizioni di utilizzare i loro prodotti anche su quelle piattaforme per cui attualmente non esiste alcun tipo di supporto ufficiale. Questa strada è stata seguita anche da altre società, soprattutto nel settore delle schede grafiche, delle stampanti e dei dispositivi di rete.

Stallman ha applaudito l'iniziativa delle due aziende taiwanesi e ha aggiunto che la comunità GNU "promuove solo l'hardware dei produttori che forniscono liberamente le informazioni sui loro driver".

In questi giorni Stallman terrà discorsi e dibattiti in diverse altre università e centri di ricerca taiwanesi.
124 Commenti alla Notizia Stallman: aprite i vostri driver
Ordina
  • ho contattato più vole in passato fuji italia ed europa per il rilascio di un driver che permetta a linux di utilizzare la fotocamera come webcam.

    Nessuna risposta.

    Quindi il problema è ancora più grave, alcuni produttori si rifiutano di sviluppare drivers linux.
    non+autenticato
  • > Quindi il problema è ancora più grave, alcuni
    > produttori si rifiutano di sviluppare drivers
    > linux.

    no, e' peggio, tanti si rifiutano di lasciartene scrivere uno da solo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ho contattato più vole in passato fuji italia ed
    > europa per il rilascio di un driver che permetta
    > a linux di utilizzare la fotocamera come webcam.
    >
    > Nessuna risposta.
    >
    > Quindi il problema è ancora più grave, alcuni
    > produttori si rifiutano di sviluppare drivers
    > linux.

    Scusa compra una cam ethernet e buonanotte. Su linux funzionano tutte.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Scusa compra una cam ethernet e buonanotte. Su
    > linux funzionano tutte.

    ah ok leggo ora che è una fotocamera, come non detto
    non+autenticato
  • Quello che viene chiesto non è di svelare come si producono i componenti, altrimenti si sarebbe come regalare tutto alla concorrenza. Ma di dare solo le definizioni di inferfaccia.
    non+autenticato
  • Poscript per le stampanti ...

    OpenGL per il video 3D(API implementate nella Rom della scheda )

    DVD+Mpeg direttamente in Rom pure queste

    Manca uno standard per l'audio IMHO servirebbe
    uno standard implementato su ethernet

    (immaginate di collegare l'HiFi direttamente al pc o ai Pc)

    direttamente via ethernet

    Sarebbe fantastico ...


    L'Ottimismo....

    costerebbero qualche euro in più ma sarebbero veramente Plug&Play
    non+autenticato
  • la abit, quella delle schede madri ,mi pare lo faccia da tempo
    non+autenticato
  • Sentite ma per programmare multipiattaforma senza spendere un soldo e poter creare programmi anche closed source.

    Conviene tra queste soluzioni usare:
    Glade e Anjuta e le Gtk+
    wxWidgets+wxGlade
    Java
    Oppure Mono ?
    (L'ultimo mi tenta molto, Java zero)

    Cioè vorrei un qualcosa con un IDE, un Gui designer e delle librerie sotto Lgpl.

    Kdevelop e le Qt designer gli ho esclusi perché permettono solo di scrivere software GPL, se vuoi farlo closed source devi pagare 3000 dollari per sviluppatore e 1000 dollari ogni anno.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Sentite ma per programmare multipiattaforma senza
    > spendere un soldo e poter creare programmi anche
    > closed source.
    >
    > Conviene tra queste soluzioni usare:
    > Glade e Anjuta e le Gtk+

    Questo, + python
    Cosi` funziona anche su Mac OS X (con X installato) oltre che su Linux/Unix e Windows.

    Bye.
    Shu
    1232

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sentite ma per programmare multipiattaforma senza
    > spendere un soldo e poter creare programmi anche
    > closed source.

    Python + wxPython + BOA Constructor e hai un RAD simile al Visual Basic con cui fare programmi anche di una certa complessita' che puoi distribuire su tutte le piattaforme, e con Py2Exe puoi anche fare il *.exe e distribuirlo come closed source, ma ci sono tool simili anche per unix.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Sentite ma per programmare multipiattaforma
    > senza
    > > spendere un soldo e poter creare programmi anche
    > > closed source.
    >
    > Python + wxPython + BOA Constructor e hai un RAD
    > simile al Visual Basic con cui fare programmi
    > anche di una certa complessita' che puoi
    > distribuire su tutte le piattaforme, e con Py2Exe
    > puoi anche fare il *.exe e distribuirlo come
    > closed source, ma ci sono tool simili anche per
    > unix.
    >
    >



    Bello, bello, tutto molto bello...
    Ma se compri una scheda grafica nuova (o una stampante, o un nuovo tipo di modem), di cui nessuno ha mai sentito parlare delle specifiche, e di come andare a fare il sistema di I/O, e questo esiste magari solo per Windows...

    Mi spiegate come partite per creare un nuovo driver?

    E non sto parlando solo di OS come GNU/Linux (ci sono anche Solaris, AmigaOS, BeOS, MacOSX, eccetera). Il programmatore dovrà pure venire a conoscenza in qualche modo di come fare ad utilizzare la scheda per creare i driver, per evitare di bruciare tutto, quello che non capite voi.

    La programmazione multiplatform viene DOPO che è stato creato il driver per quella piattaforma in quel determinato ambiente SO.

    E' per questo che Stallman è un genio. Combatte per far sì che i programmatori abbiano ANCHE le armi per poter costruire i driver.

    Samba ad esempio che è semplicemente un modo di interfacciare protocolli, al giorno d'oggi col divieto di fare reverse engineering sarebbe impossibile da realizzare.

    Per questo i driver dell'hardware devono essere liberi, così come anche la lotta per avere dei BIOS aperti e Open Source ( vedi www.fsf.org )

    Ogni cosa viene in seguito. Compreso lo sviluppo multiplatform.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Bello, bello, tutto molto bello...
    > Ma se compri una scheda grafica nuova (o una
    > stampante, o un nuovo tipo di modem), di cui
    > nessuno ha mai sentito parlare delle specifiche,
    > e di come andare a fare il sistema di I/O, e
    > questo esiste magari solo per Windows...
    > Mi spiegate come partite per creare un nuovo
    > driver?

    Calma calma. Fai un bel respiro, concentrati, ok?

    Ti riporto cosa ha scritto l'iniziatore del thread:

    "Sentite ma per programmare multipiattaforma senza spendere un soldo e poter creare programmi anche closed source."

    _PROGRAMMI_ parlava di sviluppare programmi e non driver.

    Per i driver la documentazione parte dalle specifiche del chip riportate sul sito del produttore.
    Si programma in C o C++ e ovviamente nessun driver puo' essere multipiattaforma, eccetto per NDISWrapper di Linux che e' un progetto eccezionale che riesce a sfruttare i driver di Winzozz quando quelli Linux non sono ancora pronti o non funzionano bene.

    __
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Bello, bello, tutto molto bello...
    > > Ma se compri una scheda grafica nuova (o una
    > > stampante, o un nuovo tipo di modem), di cui
    > > nessuno ha mai sentito parlare delle specifiche,
    > > e di come andare a fare il sistema di I/O, e
    > > questo esiste magari solo per Windows...
    > > Mi spiegate come partite per creare un nuovo
    > > driver?
    >
    > Calma calma. Fai un bel respiro, concentrati, ok?
    >
    > Ti riporto cosa ha scritto l'iniziatore del
    > thread:
    >
    > "Sentite ma per programmare multipiattaforma
    > senza spendere un soldo e poter creare programmi
    > anche closed source."
    >
    > _PROGRAMMI_ parlava di sviluppare programmi e non
    > driver.

    Sì, questo è chiaro.
    Ma perché in un Topic che riguarda i Driver, lui se ne parte per la tangente e inizia un Thread sui programmi e su quanto è facile crearli multipiattaforma? BOH! Perplesso

    Per essere coerente avrebbe dovuto creare un Thread su come, una volta avute le specifiche e il modo con cui si interfaccia l'hardware, sia poi facile creare driver per ogni piattaforma, partendo dai tool di sviluppo esistenti.Imbarazzato
    non+autenticato
  • Ha semplicemente fatto una domanda... mi sembra più che lecito...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Thread su come, una volta avute le specifiche e
    > il modo con cui si interfaccia l'hardware, sia
    > poi facile creare driver per ogni piattaforma,
    > partendo dai tool di sviluppo esistenti.Imbarazzato

    Ma questa dove l'hai letta? Chiede solo dei tool per fare programmi multipiattaforma, il discorso della facilità del creare driver non c'è.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sentite ma per programmare multipiattaforma senza
    > spendere un soldo e poter creare programmi anche
    > closed source.
    >
    > Conviene tra queste soluzioni usare:
    > Glade e Anjuta e le Gtk+
    > wxWidgets+wxGlade
    > Java
    > Oppure Mono ?
    > (L'ultimo mi tenta molto, Java zero)
    >
    > Cioè vorrei un qualcosa con un IDE, un Gui
    > designer e delle librerie sotto Lgpl.
    >
    > Kdevelop e le Qt designer gli ho esclusi perché
    > permettono solo di scrivere software GPL, se vuoi
    > farlo closed source devi pagare 3000 dollari per
    > sviluppatore e 1000 dollari ogni anno
    Beh se ti può interessare le Qt 4 saranno rilasciate sotto windows con le solite licenze di quelle per linux, ovvero gpl qpl e commerciale.
  • Java, con mono ci combini proprio poco
    non+autenticato

  • > Kdevelop e le Qt designer gli ho esclusi perché


    hai escluso anche la conoscenza della lingua italiana.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)