Il GARR apre al Vaticano

Nella super-rete della ricerca arriva la Santa Sede: un progetto culturale fondato sulla distribuzione di contenuti evangelici ma anche su università e biblioteche cattoliche

Roma - Una delle reti più veloci ed interessanti che coinvolge numerose realtà italiane ha deciso di aprire le proprie infrastrutture dedicate alla ricerca alla Santa Sede. Ad annunciarlo è il Consorzio GARR che in una nota ha spiegato come ora il Vaticano sia connesso alla rete pan-europea GEANT2 grazie al link diretto a 100 megabit al secondo alla rete GARR.

"La Santa Sede - hanno spiegato a Punto Informatico fonti GARR - entra nel progetto anche perché potrà garantire la circolazione di materiali di grande interesse culturale, si pensi alle università o alle biblioteche vaticane". La portata dell'ingresso della Santa Sede in questa super-rete non è secondaria: basti pensare che GEANT2, una rete telematica iper-veloce di respiro europeo, interconnette le reti nazionali di tutto il continente e fornisce collegamento verso i Paesi extraeuropei attraverso l'implementazione di vari progetti internazionali di connettività.

Per il Vaticano, dunque, si tratta di una ghiotta occasione per poter diffondere con gli applicativi della super-rete, quindi anche in formato multimediale e in diretta, per esempio, grandi eventi di natura internazionale nonché una grande quantità di altri materiali, aggiungendo un tocco ecclesiale alla ricerca scientifica che rappresenta lo scopo tradizionale di questi network.
Secondo il GARR, questa partnership contribuirà "a promuovere l'apertura e l'accessibilità della gerarchia Ecclesiastica e degli Ordini Religiosi, alimentando il dialogo tra differenti confessioni, regioni e culture; dall'altro rappresenterà un importante contributo nel senso della diffusione della cultura teologica e non solo: attraverso questa connessione diretta, l'intero patrimonio spirituale, artistico, storico e culturale della Chiesa sarà infatti a disposizione di studenti, insegnanti, ricercatori di tutta Europa e del Mondo".

La partnership, inoltre, "permetterà - continua la nota - l'utilizzo di tecniche quali distant learnig e videoconferencing a supporto della infrastruttura di istruzione e comunicazione della Chiesa". "Le biblioteche vaticane - si legge in un comunicato congiunto diffuso da GARR e Santa Sede - le università e le altre strutture di documentazione saranno ora facilmente accessibili alla comunità della ricerca e della formazione".

In qualità di nuovo membro dell'ampia community delle Reti Nazionali Per la Ricerca e L'Istruzione, l'ufficio Internet della Santa Sede parteciperà all'imminente lancio di GÉANT2, che si terrà in Lussemburgo il 14 e 15 giugno prossimi. Durante l'evento, varie NRENs collegate a GÉANT2 da varie parti del mondo dimostreranno la diffusione geografica della Rete mostrando "A Day in the Life of GÉANT2", con webcam in streaming da varie location, incluso il Vaticano.
TAG: ricerca
36 Commenti alla Notizia Il GARR apre al Vaticano
Ordina
  • ANCHE SU INTERNETEEEEE
    Preparate i vostri account email, altro che il viagra
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ANCHE SU INTERNETEEEEE
    > Preparate i vostri account email, altro che il
    > viagra
    Avro' poca elasticita' mentale, scusa, ma non ho capito cosa volevi comunicare con il tuo post.
    Forse che Radio Maria trasmette via streaming anche su internet? Dacci il riferimento giusto.
    Forse temi di essere spammapto dai santini? Allora sta tranquillo: Radio Maria ha il suo dominio registrato dal 2001, e non mi risulta che abbia mai spedito SPAM.
    non+autenticato
  • Allora connettiamo anche la chiesa Ortodossa e quella Ebrea ! Anche loro hanno valanghe di documenti pubblici di grande interesse nazionaleOcchiolino

    Bè capisco che in Italia tutto ciò che non è cristiano è "moralmente sbagliato" !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora connettiamo anche la chiesa Ortodossa e
    > quella Ebrea ! Anche loro hanno valanghe di
    > documenti pubblici di grande interesse nazionale
    >Occhiolino
    >
    > Bè capisco che in Italia tutto ciò che non è
    > cristiano è "moralmente sbagliato" !

    ehi, guarda che gli ortodossi sono pure cristiani...
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > E le altre religioni ?

    Perche', in Italia ci sono altre religioni?Sorpresa

    Sarebbe una piacevole novita' per tutti quei mussulmani che crepano in ospedale col crocifisso davanti agli occhi......Triste

  • - Scritto da: DKDIB
    > Anonimo wrote:
    > > E le altre religioni ?
    >
    > Perche', in Italia ci sono altre religioni?Sorpresa
    >
    > Sarebbe una piacevole novita' per tutti quei
    > mussulmani che crepano in ospedale col crocifisso
    > davanti agli occhi......Triste
    1. Ma da quanto tempo non ci entri in un ospedale?
    Crocifissi in ospedale?
    2. Un musulmano, di solito, non e' disturbato dalla visione di un crocifisso. Sono solo una piccola minoranza i musulmani che lo vorrebbero togliere dal muro.
    3. Se mi trovo in Arabia Saudita per lavoro, mi sento male e mi portano in ospedale per curarmi, mentre sto crepando non penso al muezzin che sta invitando i fedeli alla preghiera che si sente dalla finestra e non penso al Corano che mi han messo sul comodino.
    Al contrario: una copia del Corano sul comodino mentre sto tirando le cuoia la ritengo preferibile a morire in mezzo a dottori e personale paramedico ateo.
    non+autenticato
  • Dopo tutto siamo l'unico paese europeo dove
    i preti ficcano il naso anche nel cesso (e a loro
    non fa schifo nulla). Fa parte del tanto peggio,
    tanto meglio: le migliaia di miliari di 0.0.8 e
    meccanismi vari vanno investiti in cultura, no ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Dopo tutto siamo l'unico paese europeo dove
    > i preti ficcano il naso anche nel cesso (e a loro
    > non fa schifo nulla). Fa parte del tanto peggio,
    > tanto meglio: le migliaia di miliari di 0.0.8 e
    > meccanismi vari vanno investiti in cultura, no ?

    Sei mica la stessa persona che tira fuori il "buio medioevo" per parlare della Chiesa? Che devono fare 'sti poveri preti? Aggiornarsi e stare al passo con i tempi oppure no?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Dopo tutto siamo l'unico paese europeo dove
    > > i preti ficcano il naso anche nel cesso (e a
    > loro
    > > non fa schifo nulla). Fa parte del tanto peggio,
    > > tanto meglio: le migliaia di miliari di 0.0.8 e
    > > meccanismi vari vanno investiti in cultura, no ?
    >
    > Sei mica la stessa persona che tira fuori il
    > "buio medioevo" per parlare della Chiesa? Che
    > devono fare 'sti poveri preti? Aggiornarsi e
    > stare al passo con i tempi oppure no?

    Ma si, un bel colpo di spugna e cancelliamo tutto, dalla Santa Inquisizione alla condanna di Galileo come eretico.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Dopo tutto siamo l'unico paese europeo dove
    > > > i preti ficcano il naso anche nel cesso (e a
    > > loro
    > > > non fa schifo nulla). Fa parte del tanto
    > peggio,
    > > > tanto meglio: le migliaia di miliari di 0.0.8
    > e
    > > > meccanismi vari vanno investiti in cultura,
    > no ?
    > >
    > > Sei mica la stessa persona che tira fuori il
    > > "buio medioevo" per parlare della Chiesa? Che
    > > devono fare 'sti poveri preti? Aggiornarsi e
    > > stare al passo con i tempi oppure no?
    >
    > Ma si, un bel colpo di spugna e cancelliamo
    > tutto, dalla Santa Inquisizione alla condanna di
    > Galileo come eretico.
    Quindi, vuoi dire che i preti devono restare al "buio medioevo" (gia' terminato da mo' ai tempi di Galileo) senza possibilita' di evolversi?

    Sei poco lungimirante.

    Direi invece che sarebbe oradi perdonare le malefatte dei secoli passati, anche perche' la Chiesa ha ammesso di avere sbagliato.
    Sarebbe anche ora che gli anticlericali preconcetti, come te, usassero argomenti piu attuali.

    Seguendo il tuo ragionamento l'Europa unita non la dovremmo fare con i tedeschi per via dei campi di concentramento, neppure con i francesi perche' Napoleone ci ha preso a calci nel didietro, l'Austria meno che mai, abbiamo dovuto fare 4 guerre per farci restituire la Lombardia e le Venezie, E gli Spagnoli? Miii hai mai letto del povero Lorenzo Tramaglino?
    OK, L'europa Unita tu la faresti con la sola contrada dell'Oca di Siena, evitando accuratamente di aggiungerci quelli della Torre, si capisce.

    Il mondo va avanti e tutti hanno fatto cazzate che devono essere perdonate, altrimenti si resta fermi al palo.
    Ti faccio un altro esempio:
    Le opere di Voltaire, che investiva i suoi soldi in navi che portavano gli schiavi dall'Africa all'America andrebbero buttate nel cesso solo per questo?
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > Direi invece che sarebbe oradi perdonare le
    > malefatte dei secoli passati, anche perche' la Chiesa
    > ha ammesso di avere sbagliato.

    Quoto in pieno.

    Il rancore e' solo fonte di logorio ed impedisce la costruzione di qualunque societa' civile, tanto piu' se protatto per cosi' lungo tempo.
    A questi livelli infatti si tende a dimenticare persino le cause che l'hanno scatenato e rimangono solo preconcetti.
  • Anonimo wrote:
    > Che devono fare 'sti poveri preti?

    Limitarsi a fare comizi dall'altare sarebbe un buon inizio (ma anche una buona fine, visto che personalmente sarei felicissimo anche solo con quest'unico cambiamento).Occhiolino
  • - Scritto da: Anonimo
    > Dopo tutto siamo l'unico paese europeo dove
    > i preti ficcano il naso anche nel cesso
    Dovrebbero mettersi in testa di essere cittadini di serie b?
    50 milioni di mister della nazionale, 50 milioni di esperti di politica, 50 milioni di esperti di finanza basta che non lo facciano dei cittadini che hanno fatto alcune scelte diverse dalle tue?

    In sto paese basta gridare al complotto contro la democrazia (terroristi, complotto comunista, preti cattivi) che hai sempre qualcuno che ti da man forte...
    non+autenticato
  • mica male come idea........ci mancava proprio....dopo le mega antenne di radio maria (apro il frigo ed e' un tripudio di ave marie e cori) il monopolio della televisione (la presenza nelle trasmissioni della tv pubblica di ecclesiastici nell'anno 2004 e' stata superiore rispetto a qualsiasi partito politico o altra confessione) adesso la mega connessione.....mah
  • Meglio su internet che su etere !!!!!
    In quanto su etere prendi lo stesso le radiazioni sia che senti radio maria che no, mentre su internet se non la vuoi vedere basta che apri un'altra paginaSorride
    Che continuino su internet cio' che fanno sull'etere e soprattutto speriamo che traslochino tutto cio' che hanno su etere verso internet cosi' sicuramente la nostra salute ne avra' sicuramente beneficio ( meno radiazioni di radio maria !!! ).
    Che ne pensate ?A bocca aperta

  • - Scritto da: Super_Treje
    > Che ne pensate ?A bocca aperta
    Se ricordo bene il problema che descrivete riguardava la Radio Vaticana, e non Radio Maria.
    Se poi per diffondere il crisianesimo usano la radio, internet o qualsiasi altro mezzo a me sta bene, basta che lo facciano rispettando la legge.
    non+autenticato
  • E bé... e se non dovessero rispettare la legge, basta modificarla! In fondo è così che si fa... o no?

    Se sei più ricco Dio chiude un occhio.

    Lo sapete che se non firmate per l'8 per mille, di default fa comunque a rimpinguare le casse vaticane? Bello no? Che senso di giustizia prevade nelle vene, che senso di benessere dà il sapere di avere contanti Ministri di Dio. Evviva la Chiesa!

    Ahio! Non è che sapete dove si ritirano i moduli per diventare buddista? O, meglio, satanista?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E bé... e se non dovessero rispettare la legge,
    > basta modificarla! In fondo è così che si fa... o
    > no?
    Intendi l'uomo pelato e piccolo che ci troviamo a capo in italia? Guarda che le leggi per compiacere i potenti le hanno inventate prima ancora del codice di Hammurabi .

    >
    > Se sei più ricco Dio chiude un occhio.
    Vallo a dire (il piu' tardi possibile) a S. Giovanni Battista e via via fino a don Puglisi o al cardinale Romero ....

    >
    > Lo sapete che se non firmate per l'8 per mille,
    > di default fa comunque a rimpinguare le casse
    > vaticane? Bello no? Che senso di giustizia
    > prevade nelle vene, che senso di benessere dà il
    > sapere di avere contanti Ministri di Dio. Evviva
    > la Chiesa!
    l'8 per mille di chi non si esprime viene ripartito proporzionalmente alle preferenze espresse degli italiani. Dato che lo Stato ha deciso di """regalare""" questi soldi, a me sembra uno dei sistemi piu' democratici per destinare il denaro di chi non ha lasciato indicazioni.
    Se hai altre proposte che ti sembrano piu' democratiche raccontamele, che sono curioso.

    >
    > Ahio! Non è che sapete dove si ritirano i moduli
    > per diventare buddista? O, meglio, satanista?
    Fai cosa ti pare, ma diventare satanista per far dispetto ai preti e' come (cito un proverbio ligure) tagliarsi il belino per far dispetto alla moglie.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > l'8 per mille di chi non si esprime viene
    > ripartito proporzionalmente alle preferenze
    > espresse degli italiani. Dato che lo Stato ha
    > deciso di """regalare""" questi soldi, a me
    > sembra uno dei sistemi piu' democratici per
    > destinare il denaro di chi non ha lasciato
    > indicazioni.
    > Se hai altre proposte che ti sembrano piu'
    > democratiche raccontamele, che sono curioso.

    Quasi il 64% degli italiani non esprime una scelta nella dichiarazione dei redditi, per cui il loro otto per mille viene ripartito in base alle scelte degli altri. E siccome l?87% di chi firma sceglie la Chiesa cattolica, allora l?87% del tuo otto per mille finisce alla Chiesa cattolica.

    Anche se tu firmi per lo Stato, l?87% dei tuoi soldi andrà alla CEI .

    La percentuale di contribuenti che firma a favore della Chiesa cattolica è in costante crescita grazie al fatto che essa spende milioni di euro ogni anno per massicce campagne pubblicitarie sui media mentre le altre chiese non hanno un tale budget, e grazie alla rinuncia sistematica da parte del Governo italiano di informare i cittadini e fare anch?esso pubblicità.

    I fondi erogati in favore della Chiesa cattolica sono cosi quintuplicati dal 1990 ad oggi, passando da 200 milioni di euro a 1 miliardo di euro, e l?aumento è stato impiegato principalmente per scopi religiosi (nuove chiese, sostentamento del clero, attività della Conferenza episcopale italiana, ma anche per i Tribunali della Sacra Rota, promozione delle associazioni cattoliche, propaganda) anziché per scopi caritativi e per la fame nel mondo.

    Il sistema dell?8 per 1000 non garantisce la libertà religiosa dei cittadini, in quanto:

    1) il versamento di denaro a favore delle confessioni religiose è obbligatorio per tutti i contribuenti, indipendentemente dalla loro volontà;
    2) le preferenze religiose degli altri cittadini prevalgono sulle proprie scelte religiose, essendo peraltro previsto che anche i soldi di chi non firma per nessuno o firma per altri vadano distribuiti tra tutte le chiese.

    È un sistema che viene tenuto nascosto ai cittadini perché troppo impresentabile per consentire che sia conosciuto. Ma finché esiste, meglio decidere da soli a chi dare i soldi, o no?

    Per ulteriori informazioni vedi su http://www.anticlericale.net
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > l'8 per mille di chi non si esprime viene
    > > ripartito proporzionalmente alle preferenze
    > > espresse degli italiani. Dato che lo Stato ha
    > > deciso di """regalare""" questi soldi, a me
    > > sembra uno dei sistemi piu' democratici per
    > > destinare il denaro di chi non ha lasciato
    > > indicazioni.
    > > Se hai altre proposte che ti sembrano piu'
    > > democratiche raccontamele, che sono curioso.
    >
    > Quasi il 64% degli italiani non esprime una
    > scelta nella dichiarazione dei redditi, per cui
    > il loro otto per mille viene ripartito in base
    > alle scelte degli altri. E siccome l?87% di chi
    > firma sceglie la Chiesa cattolica, allora l?87%
    > del tuo otto per mille finisce alla Chiesa
    > cattolica.
    >
    > Anche se tu firmi per lo Stato, l?87% dei tuoi
    > soldi andrà alla CEI .
    >
    > La percentuale di contribuenti che firma a favore
    > della Chiesa cattolica è in costante crescita
    > grazie al fatto che essa spende milioni di euro
    > ogni anno per massicce campagne pubblicitarie sui
    > media mentre le altre chiese non hanno un tale
    > budget, e grazie alla rinuncia sistematica da
    > parte del Governo italiano di informare i
    > cittadini e fare anch?esso pubblicità.
    >
    > I fondi erogati in favore della Chiesa cattolica
    > sono cosi quintuplicati dal 1990 ad oggi,
    > passando da 200 milioni di euro a 1 miliardo di
    > euro, e l?aumento è stato impiegato
    > principalmente per scopi religiosi (nuove chiese,
    > sostentamento del clero, attività della
    > Conferenza episcopale italiana, ma anche per i
    > Tribunali della Sacra Rota, promozione delle
    > associazioni cattoliche, propaganda) anziché per
    > scopi caritativi e per la fame nel mondo.
    >
    > Il sistema dell?8 per 1000 non garantisce la
    > libertà religiosa dei cittadini, in quanto:
    >
    > 1) il versamento di denaro a favore delle
    > confessioni religiose è obbligatorio per tutti i
    > contribuenti, indipendentemente dalla loro
    > volontà;
    > 2) le preferenze religiose degli altri cittadini
    > prevalgono sulle proprie scelte religiose,
    > essendo peraltro previsto che anche i soldi di
    > chi non firma per nessuno o firma per altri
    > vadano distribuiti tra tutte le chiese.
    >
    > È un sistema che viene tenuto nascosto ai
    > cittadini perché troppo impresentabile per
    > consentire che sia conosciuto. Ma finché esiste,
    > meglio decidere da soli a chi dare i soldi, o no?
    >
    > Per ulteriori informazioni vedi su
    > http://www.anticlericale.net

    una fonte imparziale come Radio Maria Occhiolino

    Scherzi a parte, avevo chiesto una proposta sulla ripartizione dell'8per mille e mi ritrovo la descrizione di una delle tante fregature alla quale si sono assuefatti gli italiani.
    Sono d'accordo con te che lo stato deve informare meglio sui meccanismi con il quale vengono ripartiti i soldi, posso convenire che dovrebbe diventare una ripartizione "personale" (nel senso che il MIO 8per mille vada a chi ho deciso IO), ma se poi quasi due terzi degli italiani non si esprime, questi soldi a chi li diamo?
    A chi si sforza di trovare le prove della non esistenza storica di Gesu'?
    Preferirei un po' per uno in base a qualche criterio condivisibile.
    non+autenticato
  • Ciao,

    tanto per aggiungere qualche altra informazione, la Chiesa Valdese devolve il 100% del ricavato dell'8x1000, come da Report del 15 Maggio 2005

    Qui ci sono i dati della loro pagina:

    http://www.chiesavaldese.org/pages/finanze/otto_mi...

    Per inciso non voglio fare pubblicità a nessuna confessione relegiosa in quanto sono ateo.

    Ciao, Carlo.
    non+autenticato
  • > Ahio! Non è che sapete dove si ritirano i moduli
    > per diventare buddista? O, meglio, satanista?

    No, però questo è più utile

    http://www.uaar.it/
    non+autenticato
  • Così dopo il referendum, faranno fallire anche la ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100 MbpsArrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Così dopo il referendum, faranno fallire anche la
    > ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100 Mbps
    >Arrabbiato
    si, e come fanno, con un esorcismo alla backbone? Ma per piacere...
  • > > Così dopo il referendum, faranno fallire anche
    > la
    > > ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100
    > Mbps
    > >Arrabbiato
    > si, e come fanno, con un esorcismo alla backbone?
    > Ma per piacere...

    se fosse una battuta prima dell'esito del referendum ... con un esorcismo al cervello della gente ...
    Ma per piacere, studiate e capite basta con i misteri oscurantisti, viva chi vi pare ma cercate di comprenderlo non di subirlo... bohSorrideTristeSorride
    non+autenticato
  • Se chi gestisce radio maria un giorno mi dicesse : togliamo tutte le antenne e passiamo tutto su web che ci costa meno in gestione e raggiungiamo ancora + persone, beh signori una connessione da 1 gbit gliela pagherei di tasca mia con beneficio di tutti !!!
    Poi vedete un po' voi!
    Se questi signori togliessero le antenne e si spostassero su internet, quasi quasi, il governo dovrebbe dargliela a gratis la banda che cosi' inquinano di meno i cittadini!.
    Ciao.

  • - Scritto da: Super_Treje
    > Se chi gestisce radio maria un giorno mi dicesse
    > : togliamo tutte le antenne e passiamo tutto su
    > web che ci costa meno in gestione e raggiungiamo
    > ancora + persone, beh signori una connessione da
    > 1 gbit gliela pagherei di tasca mia con beneficio
    > di tutti !!!
    > Poi vedete un po' voi!
    > Se questi signori togliessero le antenne e si
    > spostassero su internet, quasi quasi, il governo
    > dovrebbe dargliela a gratis la banda che cosi'
    > inquinano di meno i cittadini!.
    > Ciao.
    Perche', nell'etere esiste solo Radio Maria? Hai mai girato la manopola della radio ultimamente?
    Mi dai l'impressione che parli cosi' solo perche' non ti sta bene quello che dicono a Radio Maria, e non per i mezzi che usano.
    Per inciso a me Radio Maria piace, comunque fai come me: quando ascolto Radio Radicale e mi accorgo che le stanno sparando troppo grosse cambio la sintonia del mio ricevitore. Una operazione molto piu' comoda e democratica che andare in giro per i monti a spegnerene i ripetitori.
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > [...]
    > Una operazione molto piu' comoda e democratica
    > che andare in giro per i monti a spegnerene i
    > ripetitori.

    Quoto in pieno quello che hai scritto... pero' Treje stava facendo riferimento ad un fatto di cronaca giudiziaria ben preciso.Occhiolino

    Tempo fa, infatti, Radio Maria era stata denunciata perche' usava ripetitori troppo potenti, in aperta violazione con la legge sull'elettrosmog.

  • - Scritto da: DKDIB
    > Tempo fa, infatti, Radio Maria era stata
    > denunciata perche' usava ripetitori troppo
    > potenti, in aperta violazione con la legge
    > sull'elettrosmog.

    Avevate ragione, p.es. ho trovato questo:
    http://www.codacons.it/articolo.asp?id=355

    E' giusto che abbiano "zittito" Radio Maria, cosi' come sarebbe stato altrettanto giusto che avessero zittito qualsiasi altra radio, indipendentemente dal "colore" della emittente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Così dopo il referendum, faranno fallire anche la
    > ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100 Mbps
    >Arrabbiato
    Secondo te tre quarti degli italiani sono stati radiocomandati dai preti? Non ci credo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Così dopo il referendum, faranno fallire anche
    > la
    > > ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100
    > Mbps
    > >Arrabbiato
    > Secondo te tre quarti degli italiani sono stati
    > radiocomandati dai preti? Non ci credo.

    Infatti non è credibile, però il Vaticano ha giocato sporco entrando in politica a tutti gli effetti. Una cosa è dare indicazioni di carattere morale (es: l'embrione è una persona, non fategli del male!), un'altra è invitare la gente a non recarsi alle urne. Quindi tra astensione fisiologica del 30%, scarsa cultura scientifica degli italiani, scarsa informazione, cittadini italiani all'estero che hanno più che altro fatto salire il quorum, non poteva che andare così. Io dico che se siamo ancora nel medioevo ce lo meritiamo. Ognuno pensa ai fatti suoi, c'è poca coscienza civile e molto qualunquismo e menefreghismo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Così dopo il referendum, faranno fallire anche
    > > la
    > > > ricerca tramite l'accesso privilegiato a 100
    > > Mbps
    > > >Arrabbiato
    > > Secondo te tre quarti degli italiani sono stati
    > > radiocomandati dai preti? Non ci credo.
    >
    > Infatti non è credibile, però il Vaticano ha
    > giocato sporco entrando in politica a tutti gli
    > effetti. Una cosa è dare indicazioni di carattere
    > morale (es: l'embrione è una persona, non fategli
    > del male!), un'altra è invitare la gente a non
    > recarsi alle urne.
    Se vedi un abuso hai il dovere morale di intervenire.
    La morale io la intendo con ricadute immediate sul mio comportamento, altrimenti potrei dire che e' immorale rubare e poi andare a rubare lo stesso....

    > Quindi tra astensione
    > fisiologica del 30%, scarsa cultura scientifica
    > degli italiani, scarsa informazione, cittadini
    > italiani all'estero che hanno più che altro fatto
    > salire il quorum, non poteva che andare così. Io
    > dico che se siamo ancora nel medioevo ce lo
    > meritiamo.
    > Ognuno pensa ai fatti suoi, c'è poca
    > coscienza civile e molto qualunquismo e
    > menefreghismo.
    Vedi che la coscienza civile impone di alzare le chiappe dalla sedia e di operare? La Morale idem.
    Qualunquismo e menefreghismo, quelli si' che sono dei problemi, non i preti.
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > La morale io la intendo [...]

    Io invece la morale la intendo come una cagata supersonica, di quelle che ti sentono fino a Citta' del Capo e che emanano un fetore di morte da far rivoltare tuo nonno nella bara.

    ___


    La morale e' un gioiello da tirare in ballo solo quando si e' certi di farlo correttamente.

    In questo caso hanno vinto solo il disperezzo verso la vita degli altri e l'ignoranza.

    Sarei felice se si dimostrasse che le cellule staminali embrionali sono migliori delle staminali adulte e chi avrebbe voluto votare no, ma si e' astenuto per timore del quorum, si prendesse un tumore o avesse bisogno d'un trapianto d'organo.
    Me la riderei dalla mattina alla sera e lo manderei a curarsi dal prete.

    Cio' che temo e' semmai di prendermi un tumore o di aver bisogno d'un trapianto prima di lui.