Intel spinge il Pentium M sui server

Il chipmaker intende far leva sulle potenzialità dell'architettura alla base del Pentium M per spingere i propri chip mobili anche sui server, un mercato dove le soluzioni a basso consumo sono sempre più gettonate

Santa Clara (USA) - I processori a basso consumo stanno guadagnando spazi di mercato sempre più ampi, accomunando ormai una gamma di sistemi che va dai notebook ai server blade passando per i PC small-form factor e i thin client. In attesa di migrare il suo intero parco di CPU verso l'architettura dei Pentium M, Intel si sta muovendo per spingere già ora i suoi processori mobili verso il mercato dei server x86.

Il chipmaker ha infatti annunciato di aver certificato i suoi giovani chipset E7520 ed E7320 per supportare, oltre agli Xeon, i Pentium M e i Celeron M. Questo semplifica la progettazione, da parte dei produttori, di server a singolo processore basati sui chip a basso consumo di Intel.

I chipset E7520 ed E7320 sono stati specificamente progettati per i server dual-Xeon con bus di sistema a 800 MHz e tecnologia a 64 bit EM64T. I chipset supportano le memorie DDR2-400 dual-channel con ECC, schede PCI Express x4 e x8 e controller RAID. I due modelli si differenziano unicamente per il numero di link PCIe x8 supportati: uno nel caso dell'E7320, tre nel caso dell'E7520.
C'è da notare che Intel ha a catalogo Xeon low e ultra-low voltage capaci di consumare rispettivamente un massimo di 55 e di 30 watt: quest'ultimo valore non è molto distante dai circa 25 watt dei Pentium M più veloci, tuttavia questi ultimi, grazie alla loro architettura di nuova generazione, forniscono un rapporto performance/watt inarrivabile per gli Xeon. Questo del resto spiega perché Intel abbia già pianificato la convergenza di tutte le sue CPU, incluse quelle server e desktop, verso la propria tecnologia mobile: ciò decreterà il definitivo abbandono della vecchia architettura NetBurst introdotta 5 anni or sono con il Pentium 4.
21 Commenti alla Notizia Intel spinge il Pentium M sui server
Ordina
  • VaZvnWAja2p http://www.bikearth.fr/roulette-en-ligne-petite-mi... roulette en ligne petite miseroulette en ligne paypal
    non+autenticato
  • E i computer desktop?
    come al solito l'ultima feccia del monso?

    Diavolo alla intel hanno grandi teste se non riscono a capire che non si possono tenere dei processori da 300watt (gli ultimi prescott dual core) su dei computer casalinghi...

    ma e' mai possibile che nessuno alla intel ci abbia mai pensato?
    ah, no scusate in regime di monopolio o quasi si fa di tutto per spremere gli utenti non a fornire un prodotto migliore...

  • - Scritto da: awerellwv
    > E i computer desktop?
    > come al solito l'ultima feccia del monso?
    >
    > Diavolo alla intel hanno grandi teste se non
    > riscono a capire che non si possono tenere dei
    > processori da 300watt (gli ultimi prescott dual
    > core) su dei computer casalinghi...


    Dove hai letto 300 Watt

    a me risulta 95 per il piccolo senza speedstep
    il 2.8 GigaHz

    130 di picco (a pieno carico)
    per i grandi grazie alla tecnologia speedstep

    link datasheet

    http://download.intel.com/design/Pentiumd/datashts...

    prima di scrivere inesattezze ... informatevi !!!
    non+autenticato
  • ciccio leggiti i vattaggi degli ultimi dual core extreme edition a 3,6 GHZ!!!
  • non sono ciccio ...
    semmai secco ...

    su www.intel.com
    i 3.6 extreme dual core non esistono ..

    esistono i 3.2 extreme dual core che consumano sempre max 130 W come i pentium D
    che è IMHO il limite che può dissipare quel die

    http://download.intel.com/design/PentiumXE/datasht...

    non+autenticato
  • http://users.erols.com/chare/elec.htm
    sembra confermare
    in rete si trovano prove che indicano che intel ha un po risicato sul tdp, ma al max di un 10% quindi saremmo sempre nell'ordine degli abbondantemente <150W
    btw,Deluso
    non+autenticato

  • - Scritto da: awerellwv
    > E i computer desktop?
    > come al solito l'ultima feccia del monso?
    >
    > Diavolo alla intel hanno grandi teste se non
    > riscono a capire che non si possono tenere dei
    > processori da 300watt (gli ultimi prescott dual
    > core) su dei computer casalinghi...
    >
    > ma e' mai possibile che nessuno alla intel ci
    > abbia mai pensato?
    > ah, no scusate in regime di monopolio o quasi si
    > fa di tutto per spremere gli utenti non a fornire
    > un prodotto migliore...


    E' da quando è uscito il Pentium M che, parlando con i commerciali Intel, ho chiesto quando lo passeranno sui desktop...
    Non lo sanno, anche perché dovrebvbero spiegare a TANTA gente che la frequanza non da sola non basta, conta (e molto) l'architettura del processore
    non+autenticato
  • beh 130 W di quello... e hd e balle varie? arriviamo sempre a 300 ....
    non+autenticato
  • > beh 130 W di quello... e hd e balle varie?
    > arriviamo sempre a 300 ....
    che discorsi... allora il centrino, o un transmeta, con una doppia wildcat e una catena scsi dell'altro mondo consuma anche lui 300W!
    non+autenticato

  • - Scritto da: awerellwv
    > E i computer desktop?
    > come al solito l'ultima feccia del monso?
    >
    > Diavolo alla intel hanno grandi teste se non
    > riscono a capire che non si possono tenere dei
    > processori da 300watt (gli ultimi prescott dual
    > core) su dei computer casalinghi...
    >
    > ma e' mai possibile che nessuno alla intel ci
    > abbia mai pensato?
    > ah, no scusate in regime di monopolio o quasi si
    > fa di tutto per spremere gli utenti non a fornire
    > un prodotto migliore...
    Anche Chip riporta il valore di 300W.
    Comunque qualsiasi cosa oltre i 90W mi sembra un'esagerazione.
    Beh, nel mio case non entrerà mai una CPU che non possa essere raffreddata con la Spire Falconrock II o simili dissipatori con ventola silenziosa a meno di 20 euro.
    Non vedo l'ora che gli alimentatori fanless calino di prezzo per poter eliminare la ventolina più rumorosa e sostituirla con una ventola per case a bassi RPM.
    non+autenticato
  • dimostrano che nella maggio parte dei server la CPU riveste un ruolo sempre più secondario rispetto a RAM, Velocità dei dischi e della rete.

    Ovviamente continuano ad esistere applicativi cpu-inensive in cui il PentiumM non è il più indicato.


    se le becco le posto.
    non+autenticato
  • > Ovviamente continuano ad esistere applicativi
    > cpu-inensive in cui il PentiumM non è il più
    > indicato.
    Dipende.. se in un rack che ha dei limiti di dissipazione (e di spazio, quindi di dissipatori) e consumi puoi mettere due p-M anzichè un p4 consumando e scaldando meno della metà... anche nei task in cui il p4 va meglio (alcuni tipi di codifica/decodifica) sarebbe sotterrato dalle prestazioni di un doppio p-M (e perchè non di un quad, che consumerebbe comunque meno!)
    Poi le applicazioni in cui il p4 va meglio del p-M (sempre però senza considerare la potenza per Watt!) sono di pochi tipi, in genere il p-M si fa perdonare con una efficienza sufficientemente superiore tanto da controbilanciare il fattore del clock, per pochi casi accade il contrario.
    Il vero limite del p-M è che essendo stato confinato ai portatili per obbligare le masse al p4 (quelli che non sono passati ad AMD su desktop se lo meritano tutto!) ha un bus molto lento, non appena sarà portato a 1Ghz come i p4 sarà seriamente possibile vederlo come piattaforma server anche per gli usi memory intensive.
    non+autenticato
  • Ma il tanto decantato Pentium M non è di strettissima derivazione dal Pentium 3 ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma il tanto decantato Pentium M non è di
    > strettissima derivazione dal Pentium 3 ?
    Strettissima non tanto, è simile ma è stato ridisegnato in diverse cose che gli consentono sia di scalare meglio in velocità (anche i MHz servono...) e consumare di meno, mi sembra che anche la pipeline sia stata ritoccata, più l'aggiunta delle nuove istruzioni e bus più ampio.
    CMQ è infinitamente più simile al p3 che al p4, e a sua volta il core del p3 era quello del p2 con in più le sse e altre ottimizzazioni che acquisì poco per volta.
    Il P2 si conferma una gran bella architettura, riconoscendo quanto è dovuto all'esperienza del ppro!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma il tanto decantato Pentium M non è di
    > strettissima derivazione dal Pentium 3 ?

    Qui trovi un'articolo molto ben fatto.
    http://www.tomshw.it/cpu.php?guide=20050525
  • si sapeva da un pezzo che pentium M
    era molto meglio del P4
    :D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si sapeva da un pezzo che pentium M
    > era molto meglio del P4
    >A bocca aperta
    Anche fossero alla pari, veniva da pensare che a intel e i suoi fanboyz la bolletta le pagasse qualcun altro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > si sapeva da un pezzo che pentium M
    > > era molto meglio del P4
    > >A bocca aperta
    > Anche fossero alla pari, veniva da pensare che a
    > intel e i suoi fanboyz la bolletta le pagasse
    > qualcun altro.

    Io ho un Fisso con P4 a 2.8G

    un Centrino a 1.5Ghz

    il centrino mi sembra più efficente nell'uso normale

    solo quando si tratta di elaborare file grandi (conversione wav mp3)
    il P4 si prende la rivincita ...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > si sapeva da un pezzo che pentium M
    > > > era molto meglio del P4
    > > >A bocca aperta
    > > Anche fossero alla pari, veniva da pensare che a
    > > intel e i suoi fanboyz la bolletta le pagasse
    > > qualcun altro.
    >
    > Io ho un Fisso con P4 a 2.8G
    >
    > un Centrino a 1.5Ghz
    >
    > il centrino mi sembra più efficente nell'uso
    > normale
    >
    > solo quando si tratta di elaborare file grandi
    > (conversione wav mp3)
    > il P4 si prende la rivincita ...
    >

    Appunto, ma se il P4 non fosse stato progettato con lo scopo primario di raggiungere clock elevati, anche a scapito dell'efficienza, pur di usare il clock come arma propagandistica contro AMD, a quest'ora avresti un P4 magari solo a 2.4GHz, ma più veloce del 2.8 e più veloce in tutti i campi del Centrino 1.5GHz.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > solo quando si tratta di elaborare file grandi
    > > (conversione wav mp3)
    > > il P4 si prende la rivincita ...
    > >
    >
    > Appunto, ma se il P4 non fosse stato progettato
    > con lo scopo primario di raggiungere clock
    > elevati, anche a scapito dell'efficienza, pur di
    > usare il clock come arma propagandistica contro
    > AMD, a quest'ora avresti un P4 magari solo a
    > 2.4GHz, ma più veloce del 2.8 e più veloce in
    > tutti i campi del Centrino 1.5GHz.

    Forse Intel si aspettava che gli utenti si mettessero a manipolare video e audio a gogo con il P4

    quando la maggior parte degli utonti continua ad usare il PC per le solite 4 stupidaggini ...
    quindi l'architettura del P4 risulta sprecata per queste applicazioni

    IMHO con il P4 hanno immaginato un mercato che non esiste ...
    solo pochi lavori creativi ne hanno giovato videoamatori,fotografi ,audiofili


    non+autenticato
  • > IMHO con il P4 hanno immaginato un mercato che
    > non esiste ...
    > solo pochi lavori creativi ne hanno giovato
    > videoamatori,fotografi ,audiofili
    Imho no, dando un bus decente al centrino (800M o 1G) per tempo questo le avrebbe date di santa ragione al p4 anche in quei campi, tranne in pochi tipi di encoding in cui il p4 non era tanto più inefficiente da appianare la differenza di bus.
    Ma in ogni caso un dual centrino a un terzo del consumo gliele avrebbe date di santa ragione su tutto.
    Il fatto è che continuano ad aumentare la cache con aumenti marginali di prestazioni (è utile solo per certe cose) ma con poco più spazio sull'integrato avrebbero potuto fare un centrino dual core con 1MB di cache per core, bus a 1Ghz ed estensioni a 64 bit invece che gli ultimi centrino con bus 533, il fatto è che solo nell'ultimo anno hanno smesso di trattarlo come il figlio della serva, erano troppo occupati a portare i 64 bit e il multicore su una architettura, la netburst, ormai a fine vita. Hanno accumulato un paio di anni *reali* di svantaggio sulla roadmap che avrebbero potuto avere ascoltandomi fino dall'inizio, pretendo di diventare il nuovo ceo di Intel! (ok, ok...)
    non+autenticato