DVD, i prezzi si impenneranno

Lecito attendersi un aumento di almeno il 10 per cento sui supporti registrabili: più costose le materie prime

Taipei - Arrivano da Taiwan le prime conferme dei rumors circolati in questo periodo con l'aumento ulteriore dei prezzi di alcuni derivati del petrolio, come il Benzene, utilizzati per produrre tra le altre cose anche i dischi ottici, in particolare i DVD+R/-R.

I produttori taiwanesi di settore, tra i maggiori del Mondo e le cui esportazioni raggiungono tutti i principali mercati, hanno infatti annunciato che nel corso del prossimo trimestre è lecito attendersi un aumento dei prezzi pari almeno al 10 per cento.

Ciò non si deve - a sentir loro - al desiderio di incrementare i margini di profitto quanto invece, come accennato, al fatto che i materiali di qualità utilizzati per la produzione dei dischi stanno subendo dei rialzi.
In realtà i prezzi ormai da diversi mesi sono sull'altalena, sebbene solo adesso i produttori sembrino legare esplicitamente l'aumento alla questione Benzene.

In molti paesi, Italia compresa, i supporti ottici vergini sono gravati alla vendita di una tassa suppletiva denominata "equo compenso" e pensata come remunerazione "a monte" di autori e produttori di contenuti commerciali le cui opere potrebbero essere riprodotte su quei supporti.
TAG: storage
67 Commenti alla Notizia DVD, i prezzi si impenneranno
Ordina
  • Il greggio si paga in $$ al barile...
    noi abbiamo l'Euro... l'euro e' circa il 30% piu' forte del dollaro rispetto a qualche anno fa.
    ma i prezzi continuano ad aumentare.....
    l'equazione e' semplice :

    - il costo del greggio aumenta.. i prezzi aumentano...
    - l'euro si indebolisce i prezzi aumentano....
    - l'euro si rafforza il prezzo NON cala!
    - il greggio costa meno   il prezzo NON cala!

    IL 90% DEL MERCATO ORIENTALE HA PREZZI IN $$ (da dove proviene quesa e tanta altra roba ) questo si sarebbe dovuto tradurre in una diminuzione dei prezzi .... Chi l'ha vista ?

    la realta' e' che il DVD e' come il caffe'.... uno al giorno che voi che sia un ?uro.... ci lamentiamo dell' adsl cara rispetto al resto d'europa (giustissimo per carita') .. quando alla fine del mese di caffe' abbiamo speso probabilmente il doppio. il caffe' e' solo un esempio... il fatto e' che come ti giri ti giri qua te lo mettono sotto la coda dappertutto.

    ***

    scuste gli errori non ho volgia di rileggere.. mi girano le balle
    non+autenticato
  • Dato che in Italia incide più la "tassa antipirateria" rispetto a quello che è il valore effettivo del supporto

    anche se il costi di produzione aumentano sono una briciola rispetto al furto di quasi 2000lire per ogni dvd a favore della SIAE
    non+autenticato
  • Mi sono sempre chiesto perche' la gente si preoccupa del fatto che se dovesse terminare il petrolio non potrebbe piu' andare in macchina, dimenticandosi che con il petrolio si fa anche la plastica...

    Tra 20 anni potremmo avere la benzina a 5 euro al litro e gli ovetti Kinder a 10...
    3518
  • Dimentichi che il petrolio serve per la produzione della maggior parte dell'energia elettrica non nucleare....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Dimentichi che il petrolio serve per la
    > produzione della maggior parte dell'energia
    > elettrica non nucleare....

    Certamente (noi in Italia pero' siamo furbi e l'Enel si vuole buttare sul carbone...)

    Quello su cui volevo porre l'accento e' che si parla del petrolio solo dal punto di vista energetico e non si cita quasi mai l'utilizzo nella produzione di materie plastiche.
    3518
  • - Scritto da: TPK
    > Quello su cui volevo porre l'accento e' che si
    > parla del petrolio solo dal punto di vista
    > energetico e non si cita quasi mai l'utilizzo
    > nella produzione di materie plastiche.

    E' che se lo facessero dovrebbero dar ragione agli ecologisti, e i petrolieri rischierebbero di non guadagnare fino all'ultima goccia di petrolio...
    non+autenticato

  • > Quello su cui volevo porre l'accento e' che si
    > parla del petrolio solo dal punto di vista
    > energetico e non si cita quasi mai l'utilizzo
    > nella produzione di materie plastiche.

    questo è secondo me il motivo principale per cui non si cerca una valida alternativa alla benzina e gasolio per autotrazione

    dal petrolio si estraggono vari derivati, visto che la richiesta di plastica è enorme, ridurre la richiesta di benzina è perfettamente inutile
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Quello su cui volevo porre l'accento e' che si
    > > parla del petrolio solo dal punto di vista
    > > energetico e non si cita quasi mai l'utilizzo
    > > nella produzione di materie plastiche.
    >
    > questo è secondo me il motivo principale per cui
    > non si cerca una valida alternativa alla benzina
    > e gasolio per autotrazione
    >
    > dal petrolio si estraggono vari derivati, visto
    > che la richiesta di plastica è enorme, ridurre la
    > richiesta di benzina è perfettamente inutile

    Non ti credere: è facile che tu arrivi a consumare due o più litri di benza al giorno, ma per fortuna di plastica vergine, non riciclata, ne consumi molto meno ed è quasi tutta riciclabile, ormai, basta volerlo (stupide aziende di nettezza urbana e comuni permettendo, che aumentano le tariffe e diminuiscono i cassonetti differenziati, bel modo di incentivare il riciclo, per il cassonetto della plastica devo farmi mezzo km a piedi coi sacchi della rumenta, per le lattine dovrei prendere l'auto o il mezzo pubblico, ammesso che mi lascino salire con la spazzatura, vicino a casa ho solo quello del vetro).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > > Quello su cui volevo porre l'accento e' che si
    > > > parla del petrolio solo dal punto di vista
    > > > energetico e non si cita quasi mai l'utilizzo
    > > > nella produzione di materie plastiche.
    > >
    > > questo è secondo me il motivo principale per cui
    > > non si cerca una valida alternativa alla benzina
    > > e gasolio per autotrazione
    > >
    > > dal petrolio si estraggono vari derivati, visto
    > > che la richiesta di plastica è enorme, ridurre
    > la
    > > richiesta di benzina è perfettamente inutile
    >
    > Non ti credere: è facile che tu arrivi a
    > consumare due o più litri di benza al giorno, ma
    > per fortuna di plastica vergine, non riciclata,
    > ne consumi molto meno ed è quasi tutta
    > riciclabile, ormai, basta volerlo (stupide
    > aziende di nettezza urbana e comuni permettendo,
    > che aumentano le tariffe e diminuiscono i
    > cassonetti differenziati, bel modo di incentivare
    > il riciclo, per il cassonetto della plastica devo
    > farmi mezzo km a piedi coi sacchi della rumenta,
    > per le lattine dovrei prendere l'auto o il mezzo
    > pubblico, ammesso che mi lascino salire con la
    > spazzatura, vicino a casa ho solo quello del
    > vetro).


    mah, non saprei, bisognerebbe ragionare con dati alla mano

    una considerazione semplice e banale è però questa : dei derivati del petrolio non viene buttato niente

    per cui a differenza di quello che dici sia la benzina che tutto il resto viene utilizzato, anche se a te non sembra di consumare così tanto (pensa solo agli imballaggi industriali, agli olii, all'asfalto ecc. ecc.)
    non+autenticato
  • In italia costano già il 70% in più rispetto allo standard di mercato....
    Quindi qui aumenteranno di forse un 5% scarso....

    VIVA L'ITALIA! Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • sono già aumentati

    al mediaw____ 10 giorni fa ho pagato S_ny -R 16x 1,90
    Questo Sabato costavano 2,00

    da pcci___ 10 giorni fa ho comprato So_y -R 8x a 1,99...questo sabato erano a 2,39
    non+autenticato
  • anche se è scontato lo dico:

    1) se è vero che il prezzo delle materie prime per cd e dvd "deve" aumentare perchè il prezzo del petrolio è aumentato, allora mi aspetto che quando (speriamo) il prezzo del petrolio scenda, sia trovino "costretti" ad abbassare i prezzi ....

    2) è da decenni che la plastica si può fare anche utilizzando prodotti vegetali (mais, canapa o quant'altro) speriamo che se ne rendano conto

    e per finire una ultimissima nota: è dai primo anni 80 che esistono i cd, il mio primo masterizzatore l'ho comprato nel 1999, e in tutto questo tempo nessun produttore di cd (e dico nessuno) ha mai nemmeno provato a creare un supporto (cd e dvd) antigraffio?

    avete mai fatto caso di quanto siano delicati i supporti? possibile che non è in alcun modo possibile renderli un minimo più resistenti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    Cut
    > avete mai fatto caso di quanto siano delicati i
    > supporti? possibile che non è in alcun modo
    > possibile renderli un minimo più resistenti?
    Bravo, se sono antigraffio quando ricompri a peso d'oro il CD/DVD cui tenevi tanto? Le logiche di chi vende NON coincidono con quelle di chi compra....:(
  • Un vero supporto anti graffio non esiste, e su questo bisogna darti atto:@.
    E' innegabilmente vero pero' che esistono anche supporti, decisamente non economici, che fanno immpallidire la resistenza al graffio di molti concorrenti.;)
    Io, i miei dati, vorrei che, con una discreta probabilità, durassero almeno UNA decina d'anni (nessun produttore garantisce di +, anzi, ho parecchi supporti che sono, alla distanza di 3-4 anni illeggibili:@, per non parlare dei DVD...., stendiamo un velo "peloso")
    Se poi uno vuole la migliore qualità al minor prezzo....
    non+autenticato
  • Vorrei far notare che il prezzo del petrolio tendera ineluttabilmente ad aumentare perche ormai si sono messi in testa di raccontarci la balla che non possono piu garantirci questi ritmi di estrazione con un fabbisogno in continua stra-crescita.
    Siamo condannati ad una continua inflazione che se non lo avete capito è solo un esproprio di ricchezza che subiamo. Da quando la moneta è svincolata all'oro possono gonfiarla o sgonfiarla come gli pare (quando mai si è visto un dvd che vale piu dell'oro in termini di peso?) e l'esproprio del vostro lavoro un gioco da ragazzi da parte di banchieri e petrolieri.....L'inflazione altro non è che il fatto che voi lavorate uguale ma potete comprare di meno....i grandi banchieri sono geniali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Vorrei far notare che il prezzo del petrolio
    > tendera ineluttabilmente ad aumentare perche
    > ormai si sono messi in testa di raccontarci la
    > balla che non possono piu garantirci questi ritmi
    > di estrazione con un fabbisogno in continua
    > stra-crescita.
    Hai mai sentito dire che il petrolio NON è una risorsa rinnovabile e quindi un bel giorno finirà ? O più semplicemente, dato che le riserve diminuiranno sempre di più, il suo costo si alzerà ?
    Mai sentito del picco di Hubbert?

    > Siamo condannati ad una continua inflazione che
    > se non lo avete capito è solo un esproprio di
    > ricchezza che subiamo. Da quando la moneta è
    > svincolata all'oro possono gonfiarla o sgonfiarla
    > come gli pare (quando mai si è visto un dvd che
    > vale piu dell'oro in termini di peso?) e
    > l'esproprio del vostro lavoro un gioco da ragazzi
    > da parte di banchieri e
    > petrolieri.....L'inflazione altro non è che il
    > fatto che voi lavorate uguale ma potete comprare
    > di meno....i grandi banchieri sono geniali.
    In questo periodo tutti si stanno incazzando contro i banchieri. Una volta ci si arrabbbiava con gli ebrei.
    Il prossimo capro espiatorio quale sarà ?
  • Riguardo all'antigraffio bhè se ci vai con la chiave a tirare una riga penso che neanche in acciaio funzionerebbero.

    Tuttavia se ci stai un po' attento ti dico che Verbatim ha già fatto qualcosa del genere e pare che vedano abbastanza bene come resistenza rispetto alla concorrenza. Inutile dire che costano di più.

    Riguardo alla durata che dire, il prezzo pesa molto.
    I that's write di cui ho molto letto in vari forum per il basso costo in realtà sono princo rimarchiati e sebbene vadano bene in scrittura non sono affatto durevoli.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > anche se è scontato lo dico:
    >
    > 1) se è vero che il prezzo delle materie prime
    > per cd e dvd "deve" aumentare perchè il prezzo
    > del petrolio è aumentato, allora mi aspetto che
    > quando (speriamo) il prezzo del petrolio scenda,
    > sia trovino "costretti" ad abbassare i prezzi
    > ....


    il prezzo del petrolio non potrà mai scendere, smeplicemente perchè è un bene esauribile quindi diventerà sempre più raro e prezioso... e non ti dico cosa succederà appena i cinesi vorranno, non dico l'auto, ma l'energia eletrica... e poi vorranno l'auto...e lo scooter... e il condizionatore ...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > anche se è scontato lo dico:
    >

    > 2) è da decenni che la plastica si può fare anche
    > utilizzando prodotti vegetali (mais, canapa o
    > quant'altro) speriamo che se ne rendano conto
    Mi dispiace ma i materiali che intendi non hanno quasi niente a che vedere con le plastiche utilizzate per i supporti dvd: sono misceloni più o meno instabili di prodotti sintetici e derivati naturali progettati in particolare per avere un certo indice di degradabilità nell'ambiente.
    Quelli derivati dalla canapa mi sfuggono totalmente, dopo si fumano?:)
    Per inciso i policarbonati che si utilizzano per i   supporti, sono le plastiche che hanno maggiore resistenza al graffio e onestamente non so quanto possa essere migliorabile.

    petrus
    1628

  • > Quelli derivati dalla canapa mi sfuggono
    > totalmente, dopo si fumano?:)

    Con l'etanolo di canapa (non sono sicuro del nome, ma comunque e' un derivato della canapa) puoi far andare un motore... Le prime macchine erano alimentate cosi'. E' anche spiegato in un famoso documentario che gira per la rete, in cui tra l'altro si riportavano le dichiarazioni fatte all'epoca: "...perche' violentare la natura tagliando la canapa, quando si puo' usare il petrolio !?!" A bocca aperta
    E poi sappiamo tutti che fine ha fatto, in termini di legge, la pianta in questione.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Quelli derivati dalla canapa mi sfuggono
    > > totalmente, dopo si fumano?:)
    >
    > Con l'etanolo di canapa (non sono sicuro del
    > nome, ma comunque e' un derivato della canapa)
    > puoi far andare un motore... Le prime macchine
    > erano alimentate cosi'. E' anche spiegato in un
    > famoso documentario che gira per la rete, in cui
    > tra l'altro si riportavano le dichiarazioni fatte
    > all'epoca: "...perche' violentare la natura
    > tagliando la canapa, quando si puo' usare il
    > petrolio !?!" A bocca aperta
    > E poi sappiamo tutti che fine ha fatto, in
    > termini di legge, la pianta in questione.
    Tutto giusto, in teoria, in pratica, usando petrolio, gas e carbone, usiamo energia accumulata da piante e microorganismi in milioni di anni, se passiamo alle fonti rinnovabili vegetali, ogni anno possiamo consumare quello che piante e batteri hanno accumulato l'anno precedenti.
    Secondo me è fattibile, ma non banale, ci vogliono almeno otto interventi e nessuno può sostitutire gli altri:
    1) generatori e veicoli ad alto rendimento termodinamico, il minimo accettabile è quello dei migliori diesel attuali, nessun quattro tempi non diesel attualmente ha rendimento energetico anche minimamente accettabile, il più efficiente benzina o GPL spreca il 75% dell'energia.
    2) e 3) recuperare le aree incolte, le "wasteland" e contrastare la desertificazione, si può fare naturalmente selezionando piante con apparato radicale superficiale che aiuti a consolidare lo strato fertile dove esso è a rischio. Se non sbaglio la jojoba si presta alla coltivazione in zone aride e produce un olio molto adatto a sostituire il petrolio.
    Anche la canapa va molto bene in terreni che sarebbero a dir poco inospitali per altre coltivazioni.
    4) ogni stato deve incentivare fortemente la coibentazione delle abitazioni.
    5) incentivare la piantagione di nuove foreste gestite razionalmente e rinnovate per la carta e per tornare al legno in qualsiasi utilizzo sia meglio della plastica.
    6) riciclaggio maggiore dei rifiuti, anche agricoli, per produrre anche energia e concimi naturali.
    7) aiutare i paesi emergenti a svilupparsi con uno sfruttamento responsabile delle risorse, che purtroppo i nostri predecessori non hanno avuto.
    8) far capire agli USA che se il resto del mondo potrà contenere le proprie richieste energetiche e loro continuano a sprecarle, si ritroveranno a dover chiedere per piacere e col cappello in mano al resto del mondo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)