AMD: Intel ha corrotto il mercato

Accuse gravissime quelle portate dal chipmaker contro il più noto rivale: Intel avrebbe fatto un gioco sporco con i suoi clienti in mezzo mondo per ostacolare l'adozione di processori alternativi. In ballo un mercato miliardario

Roma - Sono 38 le imprese fin qui individuate da AMD che, a suo dire, sono state vittime di coercizione da parte della grande rivale Intel che tutto avrebbe fatto per cercare di ostacolare l'ascesa di AMD sul mercato dei microprocessori, ricorrendo a metodi illegali.

Questa, in estrema sintesi, la denuncia alle autorità antitrust americane formalizzata ieri da AMD presso la Corte Federale Distrettuale del Delaware.

In 48 pagine AMD presenta il suo atto d'accusa con cui rafforza le denunce già presentate all'antitrust europeo, che indaga sulla posizione di Intel, che ha già incassato una condanna in Giappone.
Nel ricorso, AMD parla di attività illegali a tutto campo per Intel, che avrebbe vessato con contratti spregiudicati tanto i grandi produttori di computers quanto i piccoli assemblatori, i distributori all'ingrosso e i rivenditori. In questo senso AMD ha individuato 7 tipologie di comportamento che Intel avrebbe attivato in tre continenti, tutti ugualmente illegali.

Non c'è da scherzare. "Ovunque nel mondo i clienti hanno diritto alla libertà di scelta ed ai benefici dell'innovazione - dichiara Hector Ruiz, chairman of the board, presidente e chief executive officer di AMD - questi diritti sono negati nel mercato dei microprocessori". E, andando nel dettaglio, insiste Ruiz: "Che sia attraverso prezzi più elevati dovuti a profitti monopolistici, oppure ad una minore scelta sul mercato ed a barriere all'innovazione, la gente da Osaka a Francoforte a Chicago paga ogni giorno in denaro contante per gli abusi monopolistici di Intel".

Secondo AMD, oggi Intel detiene nel mercato mondiale dei microprocessori una quota dell'80 per cento in termini di volumi e del 90 in termini di fatturato: posizione che, a detta del chipmaker, attribuisce alla rivale "una radicata posizione monopolistica ed una forza di mercato super-dominante".

La pronunzia giapponese, sottolinea AMD, dimostra "che Intel ha deliberatamente messo in atto pratiche commerciali illegali al fine di bloccare la crescita della quota di mercato di AMD imponendo limitazioni ai produttori giapponesi di PC". "Intel - fa rilevare AMD - non ha contestato queste accuse".

Gli avvocati di AMD che hanno steso l'atto d'accusa ci vanno giù pesantissimi e parlano di "uno schema globale pervasivo finalizzato a impedire ai clienti di Intel di trattare liberamente con AMD a discapito dei clienti e consumatori mondiali". Molti gli esempi dei metodi con cui, secondo AMD, Intel ha "illegittimamente mantenuto il suo monopolio". Di seguito alcuni di quelli più significativi.
TAG: 
183 Commenti alla Notizia AMD: Intel ha corrotto il mercato
Ordina
  • Credo che letto cio da oggi in poi comprero soltanto computer basati su processori AMD o alternativi che forse arriveranno dalla Cina !
    Questo è quello che succede quando ce il monopolio,meditate gente meditate gente anche in altri campi esistono e sono sotto gli occhi di tutti e senza andare lontano ESEMPI :Mediaset,Telecom,Microsoft,Sky............
    non+autenticato
  • ...ma in un rendering di 3dsmax il mio acer centrino 1.6 è un pelino più veloce dell'athlon64 3200 che ho a casa.

    devo essere entusiasta del centrino o deluso dell'ath64 ?

  • - Scritto da: Numero28
    > ...ma in un rendering di 3dsmax il mio acer
    > centrino 1.6 è un pelino più veloce dell'athlon64
    > 3200 che ho a casa.
    >
    > devo essere entusiasta del centrino o deluso
    > dell'ath64 ?

    E tu giudichi un processore in base al risultato di una sola applicazione? Lo sanno ormai anche i gatti che in alcuni benchmark i processori Intel hanno la meglio su quelli di AMD, ma in altri benchmark accade l'esatto opposto.

    Se hai comprato l'Athlon64 solo per 3dsmax allora hai scelto male, si sa che è un programma pesantemente ottimizzato per il Pentium4.
    non+autenticato
  • Probabilmente i produttori di 3dsmax hanno ricevuto da Intel pressioni per non rendere ottimizzato il codice anche per processori AMD!;)
    Cmq la realtà drammatica è che la gente che acquista prodotti Intel si rende praticamente complice di questi malfattori. E' la stessa gente che comprerebbe una casa in Sicilia realizzata dalla mafia solo perchè la casa si trova in riva al mare (la mafia costruisce lì), non pensando al male che fa a tutta la gente onesta.
    Spero che se l'accusa su Intel viene confermata, Punto Informatico si rifiuti di pubblicare recensioni sui prodotti Intel. Sarebbe anche questa una cosa vergognosa e Punto Informatico ne sarebbe complice! La mafia (di qualunque tipo) va boicottata!
    Spero che siate tutti d'accordo con me!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > E tu giudichi un processore in base al risultato
    > di una sola applicazione? Lo sanno ormai anche i
    > gatti che in alcuni benchmark i processori Intel
    > hanno la meglio su quelli di AMD, ma in altri
    > benchmark accade l'esatto opposto.

    beh, in questo caso il bench di rendering è ottimo per verificare le prestazioni PURE di una CPU...

    > Se hai comprato l'Athlon64 solo per 3dsmax allora
    > hai scelto male, si sa che è un programma
    > pesantemente ottimizzato per il Pentium4.

    NO. Anche se max sfrutta le SSE2, il P4 non vola.
    Un dual 1800MP è di un pelo più lento di un DualXeon 2.4HT secondo dei test reali...
    non+autenticato
  • "No One Ever Gets Fired For Buying IBM."

    E' un vecchio assioma degli anni 80 ma purtroppo è ancora abbastanza valido.
    Se sei responsabile IT e devi procedere a scegliere un fornitore, se scegli un piccolo/medio nome e non raggiungi gli obiettivi puoi cominciare a cercarti un altro lavoro, se scegli un grosso nome (meglio se un colosso, come Accenture, HP, ecc ecc) e non raggiungi gli obiettivi hai le spalle più coperte, perchè "è stato scelto il migliore fornitore sul mercato... bla bla"...

    E' vero comunque. Quando sei di fronte al top managment è il fornitore piripicchio ha fatto la cazzata... sono guai grossi. QUando la cazzata è stata fatta da un colosso.. sono sempre guai, ma per qualche perverso meccanismo psicologico nel primo caso la responsabilità è tua al 100% a causa della scelta azzardata, nel secondo caso si ragiona come per dire "non si poteva far meglio"....

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "No One Ever Gets Fired For Buying IBM."
    >
    > E' un vecchio assioma degli anni 80 ma purtroppo
    > è ancora abbastanza valido.
    > Se sei responsabile IT e devi procedere a
    > scegliere un fornitore, se scegli un
    > piccolo/medio nome e non raggiungi gli obiettivi
    > puoi cominciare a cercarti un altro lavoro, se
    > scegli un grosso nome (meglio se un colosso, come
    > Accenture, HP, ecc ecc) e non raggiungi gli
    > obiettivi hai le spalle più coperte, perchè "è
    > stato scelto il migliore fornitore sul mercato...
    > bla bla"...
    >
    > E' vero comunque. Quando sei di fronte al top
    > managment è il fornitore piripicchio ha fatto la
    > cazzata... sono guai grossi. QUando la cazzata è
    > stata fatta da un colosso.. sono sempre guai, ma
    > per qualche perverso meccanismo psicologico nel
    > primo caso la responsabilità è tua al 100% a
    > causa della scelta azzardata, nel secondo caso si
    > ragiona come per dire "non si poteva far
    > meglio"....
    >

    quindi nell'ambiente IT vi è una fortissima inerzia per i new comer
    non+autenticato
  • il migliore? semplicemente il più grosso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > il migliore? semplicemente il più grosso...

    correzione:
    il migliore? semplicemente che elargisce le bustarelle più grosse...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > il migliore? semplicemente il più grosso...

    come disse Cicciolina
    non+autenticato
  • "Ecco, tratteggiati nell'atto d'accusa di AMD, alcuni degli esempi di comportamenti illegali che Intel avrebbe adottato:
    - ha forzato i maggiori clienti quali Dell, Sony, Toshiba, Gateway e Hitachi a concludere accordi di esclusiva in cambio del pagamento di somme di denaro, di prezzi discriminatori o sussidi alla vendita condizionati all'esclusione di AMD;

    - secondo rapporti di settore, e come confermato dal JFTC in Giappone, Intel ha pagato a Dell ed a Toshiba ingenti somme di denaro per non fare affari con AMD;

    - Intel ha pagato a Sony milioni di dollari per l'esclusiva. La quota di AMD dei prodotti Sony è passata dal 23% nel 2002 all'8% nel 2003, allo 0% fisso dove è oggi;

    - ha forzato altri grandi clienti quali NEC, Acer e Fujitsu a concludere accordi di esclusiva parziale condizionando ribassi, disponibilità e market development funds (MDF) all'accordo del cliente di limitare drasticamente o rinunciare del tutto ad acquisti da AMD;

    - ha minacciato ritorsioni contro clienti per l'introduzione di computers basati su tecnologia AMD, in particolare in segmenti di mercato strategici come quello dei desktop per il settore delle imprese;

    - l'allora CEO di Compaq, Michael Capellas, disse nel 2000 cha a causa del volume d'affari dato ad AMD, Intel aveva annullato la fornitura di cruciali microprocessori per server. Dicendo che "aveva una pistola puntata alla testa" comunicò ad AMD che era costretto a smettere di comprare da loro;"
    A me pare che le accuse siano abbastanza pesanti !
    Spero bene per l' Amd che non siano accuse infondate per giustificare la sua politica di marketing !
    Dall'altro lato se sono vere le accuse , Intel deve pagarne le conseguenze!
    Staremo a vedere ! Indiavolato
    non+autenticato
  • l' Intel non mi è mai piaciuta!!!!!
    (esempio: l' invenzione del serial number dei processori)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)