In Germania cellulari accesi in aereo

Dall'anno prossimo i passeggeri sui voli commerciali potranno utilizzare i propri telefonini, almeno sui velivoli predisposti

Berlino - Sarà la Germania con ogni probabilità il primo paese europeo a consentire in modo continuativo l'uso dei telefoni cellulari sui voli commerciali. Lo ha annunciato nelle scorse ore il ministero dei Trasporti, specificando che l'attuale divieto verrà cancellato a partire dall'anno prossimo.

In questi mesi la questione è stata al centro di infuocati dibattiti in diversi paesi, soprattutto negli Stati Uniti, dove non tutti sono ancora convinti della bontà della proposta della Commissione federale sulle comunicazioni, FCC, di consentire l'uso dei cellulari, compresi quelli GPRS o UMTS.

Al centro, evidentemente, la questione sicurezza e l'atteggiamento del pubblico verso questi servizi: dopo che per anni ed anni i passeggeri sono stati istruiti a spegnere il proprio telefonino in aereo, si avverte una "resistenza culturale" all'idea che possa essere nuovamente utilizzato in volo.
L'annuncio del ministero tedesco arriva a breve distanza dai risultati di un approfondito studio sulle interferenze nelle strumentazioni di bordo condotto dal Centro aerospaziale tedesco, DLR, secondo cui i telefonini non rappresentano un problema per gli impianti utilizzati sui velivoli commerciali.

La notizia è senz'altro di grande interesse per le compagnie aeree, in particolare quelle europee, che dopo aver introdotto la connettività internet da tempo accarezzano l'idea di consentire anche l'uso dei telefoni mobili. In questo senso peraltro lavorano diversi produttori, come Ericsson, che ha realizzato di recente una piattaforma tecnologica per l'uso dei cellulari in volo, "GSM on Aircraft", pensata per riprodurre le condizioni offerte a terra dalle normali stazioni base della telefonia mobile. La soluzione sembra convincente, visto che Airbus sta lavorando sull'ipotesi di integrarla su molti dei propri aeroplani impegnati nelle tratte a breve e medio raggio.
TAG: 
27 Commenti alla Notizia In Germania cellulari accesi in aereo
Ordina
  • almeno era rimasto un posto dove non si sentivano quelle oscene suonerie da minorati mentali !
    Certo che pur di spillare soldi metteranno il segnale anche nei cessi pubblici, collegando il tastino rosso con la catenella.
  • E' la prima cosa che ho pensato anch'io...dovrebbero fare allora una zona "telefonini" e "non telefonini" come all'epoca "fumatori" e "non fumatori"...
    Gia' e' un'angoscia vederli sfoderare il telefono appena atterrati...l'ultima volta che sono atterrato a Milano ho visto anche una signora estrarre ben due telefonini e iniziare a digitare furiosamente su entrambi!Deluso
  • Se succederà sugli aerei quello che succede ora sui treni qualcuno da di fuori e scoppia una mega rissa.
    Aspetto i titoloni sui giornali. Il problema non sono i cellulari ma chi li usa....
    non+autenticato
  • Forse finalmente la Siemens la smetterà di produrre cellulari che quando li accendi appare un messaggio (non disattivabile) con la richiesta di conferma dell'accensione."per sicurezza aerea".
    Siccome da quando premi il pulsante di accensione a quando appare il messaggio passano parecchi secondi, o aspetti il messaggio come un ebete e confermi, oppure accendi e te ne dimentichi, e poi tutti si lamentano perché hai il telefonino sempre spento (...ma come, lo avevo acceso...)

    Ci sarebbe il tanto di fare causa alla Siemens per "loss of business" ogni volta che si perde una chiamata di lavoro per via del loro sistema cretino.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Siccome da quando premi il pulsante di accensione
    > a quando appare il messaggio passano parecchi
    > secondi, o aspetti il messaggio come un ebete e
    > confermi, oppure accendi e te ne dimentichi, e
    > poi tutti si lamentano perché hai il telefonino
    > sempre spento (...ma come, lo avevo acceso...)
    >
    > Ci sarebbe il tanto di fare causa alla Siemens
    > per "loss of business" ogni volta che si perde
    > una chiamata di lavoro per via del loro sistema
    > cretino.

    Ma tu non usi il PIN? Vedrai che loss of business se ti rubano il cellulare
    non+autenticato
  • Mai rubato un cellulare in 10 anni... se pure dovesse succedere:

    a) non sarà il PIN a salvarmelo ("azz... c'ha il PIN... ora glielo riporto!")

    b) preferisco comprarmi un cellulare nuovo ogni 20 anni che me lo rubano (tanto compro solo modelli economici, non quelli con i giochini, le musichine, e il caffé)
    non+autenticato
  • Non so per gli altri modelli ma sul mio si puo' premere la freccetta dove compare l'ok e far apparire subito la fatidica domanda e cosi' accelerare il processo
  • .....ma quando questi cakkio di cellulari non esistevano, la gente comune come faceva a campare?

    Neanche fossero tutti chirurghi in reperibilità!A bocca aperta


    Mah...... mi preoccupa tutta questa _dipendenza_ da un mezzo di comunicazione. Direi che è quasi patologica.


    non+autenticato
  • E' una gran seccatura dover sentire la gente che urla i fatti propri.

    Almeno in aereo fino ad ora si riusciva a stare in pace.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E' una gran seccatura dover sentire la gente che
    > urla i fatti propri.

    Basterebbe che migliorassero i microfoni
    non+autenticato
  • Sei uno di quelli non raggiunti dall' ADSL? Perchè potrei usare questa tua opinione, modificarmela e riproportela in altre circostanzeOcchiolino

    - Scritto da: Anonimo
    > E' una gran seccatura dover sentire la gente che
    > urla i fatti propri.
    >
    > Almeno in aereo fino ad ora si riusciva a stare
    > in pace.
    non+autenticato

  • > Neanche fossero tutti chirurghi in reperibilità!
    >A bocca aperta

    Beh, adesso i chirurghi in reperibilità, se succede qualcosa, potranno mettersi il paracadute e saltare giù!
    non+autenticato
  • dunque, prima non si poteva perchè i cellulari disturbavano l'attività delle apparecchiature di bordo.

    ora si può, quindi:
    O i cellulari non hanno mai disturbato le attività di bordo
    O prima pensavamo che lo facessero ma abbiamo scoperto che non è vero
    O non disturbano in maniera rilevante




    cmq ad ogni modo, non vedo l'utilità di tenerli accesi durante la tratta, in fondo, specialmente in 3g, non prende assolutamente a quella velocità, e ci sono evidenti problemi di roaming, visto che si cambia ripetitore in continuazione senza che ci sia il tempo di registrarsi in rete. quindi non capisco...

    questo dimostra cmq quanto fosse stupido fosse vietare l'uso di apparecchi elettronici a bordo...
  • - Scritto da: Kudos
    > ora si può, quindi:
    > O i cellulari non hanno mai disturbato le
    > attività di bordo
    > O prima pensavamo che lo facessero ma abbiamo
    > scoperto che non è vero
    > O non disturbano in maniera rilevante

    Era tutto uno scherzetto ben congeniatoSorride
    Comunque, non so tu, ma io lo spegnerei comunque... almeno in fase di partenza e di atterraggio.

    > cmq ad ogni modo, non vedo l'utilità di tenerli
    > accesi durante la tratta, in fondo, specialmente
    > in 3g, non prende assolutamente a quella
    > velocità, e ci sono evidenti problemi di roaming,

    Vero, se però tu installi una cella sull'aereo tenendolo collegato ad un satellite il problema si risolve molto facilmenteSorride
    non+autenticato
  • > Era tutto uno scherzetto ben congeniatoSorride
    > Comunque, non so tu, ma io lo spegnerei
    > comunque... almeno in fase di partenza e di
    > atterraggio.

    si però vedi, ironia della sorte, l'unico momento della tratta in cui funzionerebbe (forse) e sarebbe utile (forse) è proprio in fase di atterraggio, quando si rallenta...


    > > cmq ad ogni modo, non vedo l'utilità di tenerli
    > > accesi durante la tratta, in fondo, specialmente
    > > in 3g, non prende assolutamente a quella
    > > velocità, e ci sono evidenti problemi di
    > roaming,
    >
    > Vero, se però tu installi una cella sull'aereo
    > tenendolo collegato ad un satellite il problema
    > si risolve molto facilmenteSorride

    beh allora a sto punto perchè non inserire un programma di diffusione interna del segnale senza ricorrere a ripetitori e senza appoggiarsi alle compagnìe telefoniche? in fondo a quanto mi sembra di capire, il problema nasce per chi vuole navigare in internet durante il volo, e da qui l'esigenza dell'umts... allora inseriamo una connessione wi-fi e via... tantopiù che si potrebbe tarare il sistema ad Hoc e avere sempre sotto controllo le emissioni potenzialmente dannose per gli strumenti....
  • Facciamo chiarezza:
    il cellulare crea disturbi, si, ma e' necessario capire SE hanno la capacità di interferire con le aparecchiature di bordo.
    La "tecnologia elettronica" della maggior parte degli aerei che ci portano in giro e' VECCHISSIMA
    SI parla di segnali analogici, 1 filo per ogni sensore/attuatore, schede enormi con integrati discreti

    Rinnovare costa e alla compagnie, fin ora, non fregava una mazza.
    Anzi, preciso, questa tecnologia, pure vecchia garantiva un buon "risultato", era ampiamente capita e "debuggata", era basata su sistemi che portano nel campo dell'elettronica (e non della programmazione) i problemi permettendo simulazione e controllo.

    Ora sempre piu aerei stanno "virando" decisamente verso un'approccio digitale. Bus dati, pochi fili gestiscono molti cose, reti etc etc
    La paura da "baco non scoperto" resta (e non potrà scomparire vista la complessità del sistema aereo) ma i vantaggi sono tali che non ci si puo' opporre
    e poi diventa sempre piu difficile trovare i pezzi (questa la butto li, non saprei con certezza/link)

    Tronando ai cellulari e' evidente che, agli inizi, le compagnie hanno non se la sono sentita di prendersi il rischio.
    Nessuna prova indicava che un cellulare potesse influire sull'avionica/ tresmissione di segnali, ma certo capisco i responsabili che dovevano GARANTIRE che non ci sarebbero stati incidenti.
    Il casino, infatti, e' che un cellulare messo su un'aereo lavora nelle peggiori condizioni possibili:
    - le basi sono lontane, quindi lui si mette sul modo "madonna, vaqi a tutta potenza" e si sa che piu e' la potenza emessa piu sono forti i disturbi non solo sulla frequenza base ma su tutte le frequenze
    - l'aereo vola veloce quindi il cellulare contiinua a chiamare la base che "lo prende meglio", si registra, dopo un tot infinitesimo questa e' lontana, ne sente meglio un'altra, sio registra li... 3 ore di volo 3 ore di trasmissione ininterrotta!!!
    Moltiplicato per i paseggieri, aggiunto alla trasmissione dati (che cra piu interferenze), ragionato che "tutto quello che non c'e' non si rompe o tutto quello che non aggiungiamo non crea nuovi casini" va da se che il divieto era inevitabile.
    Ci si puo' aggiungere che avere 200 persone che "telefonano" in volo, con squilli, musichette, no, non ti sento, parla piu forte, compra vendi, signore scusi la pianta di frullarmi gli zebedei con quel cell? ok, allaora la caccio giu e evidente che non e' "gestibile"

    Cosa e' cambiato allora?
    Che la gente si rompe in aereo.
    Che TUTTI vogliono vedere il film.
    Ok, allora metti gli schermini.
    Ma io voglio vedere questo tu quello.
    Ok, metti un server che gestisce i contenuti suill'aereo.
    Oh, cazzen, piace!
    oh, cazzen, la gente si sballa con ste robe!!!!

    E se mettessimo una cella sull'aereo, collegata via satellite, che quindi "frega"i cell e li fa smettere di fare il roaming e CI FA GUADAGNARE SUL TRAFFICO VOCE/INTERNET?
    Cacchio, diventiamo operatori telefonici!!!

    Cacchio ci paghimo l'ammodernamento di sti mastodonti, che solo a stringere una vite o cambiare una lampadina costa come la mia macchina!

    Ecco li che cadono le pregiudiziali.
    Soldi

    P.S. Mi pare che un volo sia caduto per "errato dimensionamento" del sistema di intrattenimento
    Incendio a bordo causato dall'alimentazione dei monitor lcd dove ti fanno vedere i film...
    Forse ci sarà un'incidente anche per i cellulari, ma ormai la scelta e' styata fatta e le compagnie non possono rinunciare a quei soldi.

    Quello che intristisce e' che altre cose piu importanti, tipo il sistema che gestisce in automatico "lo scappare" da uno scontro in volo imminente non vengono "montatio" perche non ci sono i soldi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Facciamo chiarezza:
    > (cut)
    >
    > Cosa e' cambiato allora?
    > Che la gente si rompe in aereo.
    > Che TUTTI vogliono vedere il film.
    > Ok, allora metti gli schermini.
    > Ma io voglio vedere questo tu quello.
    > Ok, metti un server che gestisce i contenuti
    > suill'aereo.
    > Oh, cazzen, piace!
    > oh, cazzen, la gente si sballa con ste robe!!!!
    >
    > E se mettessimo una cella sull'aereo, collegata
    > via satellite, che quindi "frega"i cell e li fa
    > smettere di fare il roaming e CI FA GUADAGNARE
    > SUL TRAFFICO VOCE/INTERNET?
    > Cacchio, diventiamo operatori telefonici!!!
    >
    >(cut)
    >

    io aumenterei il numero delle hostess e le selezionerei in base alla loro "disponibilità" ad accontentare i clientiCon la lingua fuori
    altroché!



    (mi giungono voci sul fatto che siano già abbastanza selezionate, prima o poi verificherò!Occhiolino )



    ==================================
    Modificato dall'autore il 06/07/2005 1.41.47
  • - Scritto da: Kudos
    > si però vedi, ironia della sorte, l'unico momento
    > della tratta in cui funzionerebbe (forse) e
    > sarebbe utile (forse) è proprio in fase di
    > atterraggio, quando si rallenta...

    Mah io ho utilizzato tranquillamente il gprs una volta
    fin quando non mi sono accorto di quello che stavo facendo...
    non+autenticato
  • >
    > Mah io ho utilizzato tranquillamente il gprs una
    > volta
    > fin quando non mi sono accorto di quello che
    > stavo facendo...

    Ci sono le storielle che dicono che telefonando dall'aereo non si pagano le telefonate:) sara' per questo che è vietato!:))
    non+autenticato

  • > beh allora a sto punto perchè non inserire un
    > programma di diffusione interna del segnale senza
    > ricorrere a ripetitori e senza appoggiarsi alle
    > compagnìe telefoniche? in fondo a quanto mi
    > sembra di capire, il problema nasce per chi vuole
    > navigare in internet durante il volo, e da qui
    > l'esigenza dell'umts... allora inseriamo una
    > connessione wi-fi e via... tantopiù che si
    > potrebbe tarare il sistema ad Hoc e avere sempre
    > sotto controllo le emissioni potenzialmente
    > dannose per gli strumenti....

    Hai appena inventato Conexion di Boeing.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)