UK: registrate tutto il traffico

La pressione sulle autorità inglesi in questi giorni è enorme. La loro proposta? L'Europa conservi per anni i dati del traffico telefonico e delle comunicazioni internet. In nome della Sicurezza

Roma - Cinque anni, questo è il periodo di tempo che il Governo inglese ritiene sia necessario adottare in Europa per la conservazione dei dati relativi alle comunicazioni telefoniche ed internet: si parla dei numeri telefonici di chi chiama e chi riceve, del mittente e del destinatario di ogni singola email e di tutti i dati di contorno, come l'ora e il luogo in cui si trova chi chiama con un telefono cellulare.

Ieri il ministro dell'Interno britannico Charles Clarke si è limitato a parlare su The Observer di un periodo "considerevole" spiegando che la richiesta dell'amministrazione Blair verrà formalizzata mercoledì, nel corso della riunione dei ministri dell'Interno della UE.

Alla BBC, Clarke ha dichiarato di ritenere che "i dati delle telecomunicazioni, telefonici o email, che registrano quali chiamate sono state fatte, da quale numero, a chi e quando, siano di grande importanza per l'intelligence. Non parlo dei contenuti delle chiamate, ma del fatto che una chiamata sia stata fatta. Crediamo che sia importante garantire la conservazione dei dati per un periodo considerevole".
La proposta nasce dal fatto che nei diversi paesi europei vigono normative molto diverse sulla cosiddetta data retention. Sebbene una proposta di direttiva, per il momento ferma, vada incontro alle richieste degli inglesi, i Garanti europei hanno già messo le mani avanti, definendo la conservazione dei dati come intercettazione, e quindi come provvedimento straordinario che va regolato con gli stessi severi limiti dell'intercettazione.

Inutile dire che gli attentati dei giorni scorsi a Londra giochino però a favore della visione inglese. Fino ad oggi solo alcuni paesi europei, e tra questi l'Italia, hanno lavorato per portare la data retention ad un anno, ma la situazione rimane ancora tutta da definire. Quel che succede normalmente, infatti, è che gli operatori conservino quei dati per il solo tempo necessario alla fatturazione dopodiché, in genere tre mesi dopo, quelle informazioni vengono cancellate, divenendo quindi inutilizzabili per i servizi di sicurezza.

Molti i problemi sulla strada della proposta di Clarke anche sotto il profilo gestionale. Operatori telefonici e provider hanno sempre osservato che misure di data retention comporterebbero oneri straordinari per l'archiviazione delle informazioni, nonché notevoli complessità tecniche legate all'eccezionale volume di questo genere di dati.

Queste non sono le uniche proposte che Clarke presenterà al Consiglio, ci sono anche quelle relative alle carte di identità europee, al rafforzamento di Europol nonché allo scambio di informazioni tra i diversi paesi relativi ai passeggeri in transito negli aeroporti europei.
TAG: privacy
110 Commenti alla Notizia UK: registrate tutto il traffico
Ordina


  • Ad ogni atto di terrorismo corrisponde una nuova stretta sulle limitazioni dei diritti civili e sulle libertà in genere.

    E' aberrante quello che si sta consumando ai danni dell'Umanità.

    Chiunque siano gli autori di tali misfatti siano essi mente o braccia è sicuro che puntano spediti alla guerra tra religioni e tra civiltà.

    Con questo vecchio sistema mentis consiglio di acquistare una bella scorta di tappi di sughero, cosi almeno non ce la perderemo per strada...

    Ironia a parte è veramente un bel casino, siamo messi sempre più gli uni contro gli altri e questo volutamente a nostra insaputa

    E se cercassimo di usare l'Amore, la speranza, la comprensione, il dialogo e di provare a sentire le ragioni dell'Altro elargendo loro tutte quelle concessioni a più non posso che noi usufruiamo già da molto tempo e che gli altri si sognano soltanto di avere?

    Comportiamoci in modo fraterno come in una grande famiglia in quanto questo noi siamo e facciamolo in modo sostanziale ma che sia veramente fatto.

    Non è più possibile che i pochi del mondo usufruiscano di ogni ben di DIO mentre il resto della famiglia umana soffre miseria e restrizioni di ogni genere.

    I foruncoli e i bubboni della pelle vanno curati dolcemente dall'Interno del corpo umano...

    Muro contro muro, uguale, annientamento delle parti...

    Dare voce alle ragioni degli opposti e portarsi ad una trattativa che ci consegni un reciproco accordo di pacificazione mondiale tra le religioni e tra le civiltà.

    Trattative che dovranno essere impostate oltre il giudizio, oltre l'avere ragione o l'avere torto e oltre l'espressione e sentimento di odio e abbandonando il senso di condanna verso chi che sia.

    Le azioni degli altri sono sempre le nostre stesse azioni che abbiamo purtroppo richiamate a noi.

    La nuova regola di salvezza sta nella non colpevolizzazione e non punibilità degli altri ne di noi stessi e fare simbolicamente quel salto quantico necessario verso quelle comprensioni che al momento ci sono precluse.

    Ricordiamoci di appartenere ed essere UNA SOLA UNICA FAMIGLIA UMANA.

    L'Ultima scialuppa a nostra disposizione potrebbe partire senza di noi...

    Ammettiamolo, questa è l?attuale danza della vita...

    Sprovvisti di bacchetta magica e di palla di vetro quale siamo, possiamo solo cercare di usare l?ingegno e la creatività che non è cosa da poco

    Dal punto critico di non ritorno in cui noi umanità ci troviamo impantanati bisogna sortire una genialità alternativa capace della svolta riparatrice

    Io provo ad esporre la mia personale indicazione da un punto di vista che parte dal mio pensiero filosofico e si allaccia chiaramente anche a quanto indicato nel mio precedente articolo de Sulla Lama del Terrore Infinito

    Penso che mettere d?accordo una opinione pubblica originata dal basso possa costituire la chiave di svolta per una trattativa mondiale di pacificazione tra le religioni e tra le civiltà.

    La stessa opinione pubblica mondiale originata dal basso una volta trovata l?intesa dovrà fare pressione
    marcata spiccata inesorabile sui propri governi e portarli alla trattativa aperta.

    I quali governi saranno affiancati da una cospicua rappresentanza mondiale di saggi originati dal basso non conniventi con i governi in carica.

    Sarà il comitato mondiale dei saggi stessi a stipulare l?accordo tra tutte le parti in causa apponendo anche le loro firme in calce e facendo rispettare a pieno gli accordi raggiunti.

    Dallo stesso momento in poi le decisioni politiche dei governi dipenderanno e dovranno tener conto del comitato di saggi mondiale che avranno sempre l?ultima parola in causa.

    Per il momento fermiamoci a questo, se la cosa si metterà in moto avremo modo di mettere sul tavolo una alla volta anche le altre carte

    Signori miei non è più il momento di apporre sul cammino dell?innovazione lo scudo bloccante della negazione dell?Altro nel disperato tentativo di auto-riaffermare il proprio schema imposto ed ormai del tutto obsoleto?

    Ormai si gira un altro Film, prendiamone cosciente consapevolezza.

    1 Mi preme puntualizzare che la mia non è la soluzione al problema ben si è l?idea di una proposta alla soluzione del problema.

    2 Approntare una mondiale sensibilizzazione che parta dal basso ed approdi ai più alti vertici istituzionali.

    3 Formare un nucleo-comitato indipendente di Saggi della terra.

    4 Fare pressioni sui governi anche con frequenti manifestazioni di massa.

    5 Creare l?Appoggio dei media indipendenti, ce ne sono?

    6 Creazione di un Forum trattativa in video conferenza via Internet per il raggiungimento di una pacificazione mondiale tra le Religioni e le Civiltà.

    7 Se indispensabile, proclamare in EXTREMIS uno sciopero mondiale ad oltranza fino al raggiungimento degli accordi stessi...

    8????????????????????????????????????????????????????
    9???????????????????????????????????????????????????...

    10??????????????????????????????????????????????????.....

    11???????????????????????????????????????????????????.

    12??????????????????????????????????????????????????.....

    Licenza di sciopero mondiale dove sta per
    Licenza di ammutinamento Mondiale dove sta per
    Licenza di pace Mondiale dove sta per
    Licenza di non punibilità ma di rimozione dove sta per
    Licenza di libertà dove sta per
    Licenza di antischiavitù dove sta per
    Licenza di antirazzismo dove sta per
    Licenza di riapproprio individuale dove sta per
    Licenza di AMORE UNIVERSALE dove sta per
    Licenza di riconoscenza verso l?umanità ed il mondo dove sta per
    Licenza di riconoscenza verso i nostri sacri avi dove sta per
    Licenza di responsabilità verso nostre sacre generazioni presenti e future

    BASTA SOLO VOLERLO E ATTIVARSI...







                     










    non+autenticato
  • ESPLOSIONI A LONDRA - Chi ci guadagna?
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?...

    ...."Scotland Yard afferma di aver ricevuto una segnalazione prima dell'attacco e di aver avvertito Israele.
    “L'ambasciata Israeliana a Londra è stata avvertita in anticipo, e come risultato il Ministro delle Finanze Binyamin Netanyahu è rimasto nella sua stanza d'albergo piuttosto che recarsi nell'hotel adiacente al sito della prima esplosione, una stazione metropolitana di Liverpool Street, dove doveva parlare ad un summit economico."....
    non+autenticato
  • ... sia un progetto governativo, ideato a tavolino per instaurare, in tutto il mondo, politiche di controllo globale sui cittadini (vedi War Act negli U.S.A. dopo la tragedia delle torri). I terroristi islamici sono quindi un paravento per ottenere leggi sempre più costrittive nei confronti dei liberi cittadini. le date, i luoghi e le circostanze, provano che tutto questo è fondato e reale. Non abbassate lo sguardo e non distogliete l'attenzione! Rischiamo tutti molto grosso!

    http://www.reopen911.org/

    http://xoomer.virgilio.it/paaccom/la7_11settembre/

    http://www.disinformazione.it/biochip.htm

    http://www.disinformazione.it/volo77.htm

    http://www.nexusitalia.com/nexus_new/index.php?opt...

    http://www.edicolaweb.net/edic027a.htm
    non+autenticato
  • Il terrorismo non esiste
    gli attentati vengono studiati a tavolino e realizzati da un'organizzazione para-militare al servizio dei potenti di turno. Ne abbiamo avuto la conferma nel corso degli anni.

    Quello che i veri terroristi hanno sempre fatto:
    1. attaccare una particolare persona o istituzione per contestarne l'operato sulla linea di principi.
    2. rivendicare l'azione nella maniera più chiara possibile.
    3. tentare di avvicinare la gente al proprio credo.


    Quello che fanno i FALSI terroristi:
    1. attaccare e uccidere quante più persone possibile senza motivo.
    2. non rivendicare mai gli attentati. I forum usati sono solo depistaggio perchè chiunque vede l'ip di chi ha lasciato il msg e può denunciare l'admin.
    3. terrorizzare la popolazione per farsi odiare il più possibile.


    Cosa dicono i politici al potere: "C'è il terrorismo!! dobbiamo difenderci invadendo quella terra ricca di petrolio.
    Cari cittadini dovrete far a meno delle vostre libertà sino a quando il terrorismo non sarà estirpato."

    E allora chi non è fesso inizia ad avere qualche dubbio...
    Va sulla rete, controlla qui e li e capisce cosa sta succedendo: Stanno tentando di imporre uno stato di polizia anche in Europa. Negli USA c'è già, anche se da noi non arriva niente.

    Da domani il cittadino che voterà contro il governo o denuncierà il potente di turno, sarà prelevato direttamente da casa sua e imprigionato e torturato in qualche gabbia ai "tropici".
    non+autenticato
  • HHHHhhahahhahaahhaah: i terroristi mica sono scemi!!!!!!!
    La proposta di registrare tutto il traffico SERVE SOLO A FARE UNA GRANDE OPERAZIONE DI SCHEDATURA DI MASSA!!!!!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)