A Pechino l'ufficio antipirati americano

Storico accordo, almeno così viene presentato, tra i due paesi. La Cina promette che questa volta non la farà passar liscia ai pirati, nemmeno a quelli informatici

Pechino - Dopo una giornata di estenuanti trattative, l'alto funzionario del governo americano Carlos Gutierrez è riuscito a strappare un'importante promessa dalla bocca dei diplomatici cinesi: la Cina inizierà a perseguire pesantemente la pirateria in cambio di maggiore cooperazione economica tra le due potenze planetarie. Washington ha fatto pressione per molti mesi, già dall'entrata della Repubblica Popolare Cinese nella WTO, affinché Pechino iniziasse a frenare il mercato parallelo che interessa una incredibile quantità di prodotti americani: dai film di Hollywood fino agli applicativi Microsoft, dalla musica d'autore fino ai libri.

L'ennesima promessa impossibile? Stavolta sembra proprio di no: gli USA apriranno una sezione straordinaria del proprio braccio antipirateria proprio nell'ambasciata di Pechino - una sorta di ufficio che dovrà gestire la collaborazione tra autorità americane e cinesi per stroncare il traffico di materiale piratato.

Secondo Gutierrez, segretario per il Dipartimento del Commercio Americano, con un graduale riassorbimento dei danni provocati dalla pirateria cinese (stimati in oltre 8 miliardi di dollari all'anno), "l'economia americana potrà risollevarsi" e pareggiare finalmente il disavanzo nei confronti della Repubblica Popolare. L'obiettivo di Gutierrez è di arrivare, tramite vari accordi, ad una progressiva apertura totale del mercato informatico (ma non solo) della popolosissima Cina. Infatti, persino aziende come Google e Yahoo! hanno dovuto sottostare alle dure norme del Partito Comunista: qualsiasi azienda estera che operi sul territorio cinese deve avere una partecipazione dello stato.
Steve Ballmer, CEO di Microsoft, non è altrettanto ottimista: "Dopo questo accordo non ci saranno certamente cambiamenti drastici", ha dichiarato in una intervista ad Associated Press. Secondo il vertice di Redmond, il 90% del software sui computer cinesi è pirata: un dato che contrasta nettamente con quanto affermato, più volte, dai burocrati di Pechino. In Cina, secondo le fonti ufficiali, il governo è un accanito sostenitore di Linux sia nell'amministrazione pubblica che nelle grandissime aziende statalizzate. Ma nei negozi la quantità di software proprietario piratato e venduto a basso prezzo rimane elevatissima.

Per il momento, sembra che le tensioni tra Repubblica Popolare Cinese e Stati Uniti si siano allentate: il culmine si era avuto negli scorsi giorni, quando le Camere di Washington hanno discusso sulla controversa offerta cinese per l'acquisto di una importante azienda petrolifera americana. "La Cina dovrebbe aprire i mercati come noi stiamo facendo", conclude Gutierrez - lasciando pensare che le aziende americane sono pronte ad essere travolte dal grande Drago asiatico. Basterà la lotta alla pirateria per porre un freno all'aggressiva espansione economica mandarina?

Tommaso Lombardi
TAG: cina
12 Commenti alla Notizia A Pechino l'ufficio antipirati americano
Ordina
  • "l'economia americana potrà risollevarsi" e pareggiare finalmente il disavanzo nei confronti della Repubblica Popolare.

    Stupendo!....
    evidente basta questo a pareggiare il conto "enorme" della quota gigantesca delllo stratosferico debito pubblico americano pagato con i soldi degli "investitori istituzionali" cinesi!

    Ma se la soluzione e' cosi' semplice bastava dirlo prima!
    Che diamine!
    Let's go tutti ad aprire un ufficio a Pechino!A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "l'economia americana potrà risollevarsi" e
    > pareggiare finalmente il disavanzo nei confronti
    > della Repubblica Popolare.
    >
    > Stupendo!....
    > evidente basta questo a pareggiare il conto
    > "enorme" della quota gigantesca delllo
    > stratosferico debito pubblico americano pagato
    > con i soldi degli "investitori istituzionali"
    > cinesi!
    >
    > Ma se la soluzione e' cosi' semplice bastava
    > dirlo prima!
    > Che diamine!
    > Let's go tutti ad aprire un ufficio a Pechino!A bocca aperta


    Gli americani sono troppo ottimisti.... purtroppo!
    non+autenticato
  • fa il bello e il cattivo tempo:
    - come dica anche un altro post, l'america fa affari col regime comunista cinese,
    - tutti i grandi di Internet accettano le forche caudine e le barbare limitazioni pur di esserci
    - ci beviamo queste panzane anti-pirateria
    - accettiamo supinamente che questi trattino i loro sudditi (si sudditi, anzi servi della gleba) come bestie, e nessuno propone embarghi, ritorsioni etc

    io sono cresciuto a film americani, mia figlia sta crescendo a cartoni giapponesi, come saranno i teatrini cinesi con cui crescerà mio nipote?

  • - Scritto da: ishitawa
    > fa il bello e il cattivo tempo:
    > - come dica anche un altro post, l'america fa
    > affari col regime comunista cinese,

    se non gli ha fatto schifo fare affari con pinochet, perchè dovrebbero fare un'eccezione ?

    > - tutti i grandi di Internet accettano le forche
    > caudine e le barbare limitazioni pur di esserci
    > - ci beviamo queste panzane anti-pirateria

    ci siamo bevuti quelle sulle armi di distruzione di massa in iraq ma si vede abbiamo ancora sete

    > - accettiamo supinamente che questi trattino i
    > loro sudditi (si sudditi, anzi servi della gleba)
    > come bestie, e nessuno propone embarghi,
    > ritorsioni etc

    tutti gli stati tendono a trattare i sudditi come bestie, alcuni come bestie da macello, altri come bestie da compagnia ed é più difficile accorgersene

    > io sono cresciuto a film americani[...]

    si vede
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: ishitawa
    > > fa il bello e il cattivo tempo:
    > > - come dica anche un altro post, l'america fa
    > > affari col regime comunista cinese,
    >
    > se non gli ha fatto schifo fare affari con
    > pinochet, perchè dovrebbero fare un'eccezione ?
    >

    Ed il bello è che gli affari li hanno fatti anche con Saddam e Bin Laden ed il frutto dei loro sporchi affari ora lo pagano gli altri!!!!!
    Arrabbiato Arrabbiato Arrabbiato

    > > - tutti i grandi di Internet accettano le forche
    > > caudine e le barbare limitazioni pur di esserci
    > > - ci beviamo queste panzane anti-pirateria
    >
    > ci siamo bevuti quelle sulle armi di distruzione
    > di massa in iraq ma si vede abbiamo ancora sete
    >
    > > - accettiamo supinamente che questi trattino i
    > > loro sudditi (si sudditi, anzi servi della
    > gleba)
    > > come bestie, e nessuno propone embarghi,
    > > ritorsioni etc
    >
    > tutti gli stati tendono a trattare i sudditi come
    > bestie, alcuni come bestie da macello, altri come
    > bestie da compagnia ed é più difficile
    > accorgersene
    >
    > > io sono cresciuto a film americani[...]
    >
    > si vede
    non+autenticato

  • > > - come dica anche un altro post, l'america fa
    > > affari col regime comunista cinese,
    >
    > se non gli ha fatto schifo fare affari con
    > pinochet, perchè dovrebbero fare un'eccezione ?
    >

    perchè per motivi ideologici per gli USA il comunismo è molto peggio del peggior dittatore.
    anzi per loro essere idttatore di destra (a meno di non avere del petrolio a cui loro ambiscono) è un peccato veniale

    > > io sono cresciuto a film americani[...]
    >
    > si vede

    doveva essere un offesa? era un dato di fatto: chiunque   abbia meno di 80 anni è cresciuto vedendo al cinema e in tv film americani, sentendo musica "born in USA", vestendo jeans, vedendo pubblicità di prodotti anglofoni.
    il condizionamento, volenti o nolenti c'è stato, anche chi ha vissuto in un centro sociale non ha potuto farne a meno

    Un esempio: possibile che prima degli anni 70 nessuno, per quasi un secolo, si sia mai chiesto se "i cattivi, selvaggi pellirossa" del west forse un po di ragioni ad essere sul piede di guerra ce l'avevano
    Niente, tutti li ad applaudire l'"arrivano i nostri" che difendono i pacifici agricoltori
  • - Scritto da: ishitawa
    > > > - come dica anche un altro post,
    > > > l'america fa affari col regime
    > > > comunista cinese,

    > > se non gli ha fatto schifo fare affari con
    > > pinochet, perchè dovrebbero fare
    > > un'eccezione ?

    > perchè per motivi ideologici per gli USA il
    > comunismo è molto peggio del peggior
    > dittatore.
    > anzi per loro essere idttatore di destra (a
    > meno di non avere del petrolio a cui loro
    > ambiscono) è un peccato veniale

    > > > io sono cresciuto a film americani[...]
    > > si vede
    > doveva essere un offesa? era un dato di fatto:
    > chiunque   abbia meno di 80 anni è cresciuto
    > vedendo al cinema e in tv film americani,
    > sentendo musica "born in USA", vestendo
    > jeans, vedendo pubblicità di prodotti
    > anglofoni.
    > il condizionamento, volenti o nolenti c'è stato,
    > anche chi ha vissuto in un centro sociale non
    > ha potuto farne a meno

    Si chiama Piano Marshall : http://it.wikipedia.org/wiki/Piano_Marshall

    > Un esempio: possibile che prima degli
    > anni 70 nessuno, per quasi un secolo, si
    > sia mai chiesto se "i cattivi, selvaggi
    > pellirossa" del west forse un po di ragioni
    > ad essere sul piede di guerra ce l'avevano
    > Niente, tutti li ad applaudire l'"arrivano i
    > nostri" che difendono i pacifici agricoltori

    Non solo, ma sai perche' i pellirossa prendevano lo scalpo ....    ???







    Copiavano i bianchi, perche' lo facevano i bianchi quando andavano a caccia di rossi, infatti lo scalpo di un indiano, i cui capelli corvini erano facilmente riconoscibili, erano ben pagati ai cacciatori di taglie.
    Loro ci hanno copiato e per questo gli davano dei selvaggi A bocca aperta
    non+autenticato
  • che barzelletta, ma se è proprio la Cina che è tutta una pirateria!!!
    non c'è oggetto prodotto da questo paese che non sia un clone di prodotti fatti all'estero, hanno clonato tutti i prodotti di qualità dagli orologi svizzeri ai prodotti di stilisti italiani, da piccoli si son fatti grandi riproducendo e ora dovrebbero combattere la pirateria?
    ennesima presa per i fondelli di un regime, da notare invece l'incoerenza americana che non tollera il comunismo ed al contempo ci fa affari.
    Fermate il mondo voglio scendereeeeeeeee
    non+autenticato

  • > notare invece l'incoerenza americana che non
    > tollera il comunismo ed al contempo ci fa affari.
    > Fermate il mondo voglio scendereeeeeeeee

    incoerenza ?

    tutti gli stati e le istituzioni anche commerciali agiscono secondo il precetto: se non puoi batterli tratta
    non+autenticato
  • > Secondo il vertice di Redmond, il 90% del software sui
    > computer cinesi è pirata:

    Per M$ qualsiasi apparato elettronico che non abbia appiccicata una licenza di Windows deve per forza utilizzare software piratato. Ma Red Flag dove lo mettiamo?

    Forse sarebbe l'ora che questi aprissero gli occhi e vedessero che al mondo non esistono solo finestre!!!

  • - Scritto da: THe_ZiPMaN

    > Forse sarebbe l'ora che questi aprissero gli
    > occhi e vedessero che al mondo non esistono solo
    > finestre!!!

    Per vedere il mondo dovrebbero mettere la testa fuori dalla finestra.Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: THe_ZiPMaN
    >
    > > Forse sarebbe l'ora che questi aprissero gli
    > > occhi e vedessero che al mondo non esistono solo
    > > finestre!!!
    >
    > Per vedere il mondo dovrebbero mettere la testa
    > fuori dalla finestra.Occhiolino

    speriamo che in quel momento passi il treno...
    non+autenticato