Murdoch a caccia di blog e portali

La News Corporation del magnate australiano cerca di espandersi in Rete ed acquisisce Intermix, azienda leader che possiede il popolarissimo portale MySpace

Washington - Televisioni, giornali, cinema e... un preziosissimo network sociale nato dall'ingegno di un giovane americano, MySpace.com. Da oggi, l'impero mediatico del ricchissimo Rupert Murdoch si è definitivamente esteso sopra le maglie di Internet. La società del tycoon australiano, News Corporation, ha infatti acquisito un colosso nel settore dei nuovi media: Intermix, un'azienda che possiede un network di portali e servizi online che genera circa 45 milioni di visite mensili.

Un'occasione d'oro per Murdoch, già da tempo intenzionato ad accaparrarsi blog e portali per espandere ulteriormente gli orizzonti del proprio regno. Con un'OPA pari a 580 milioni di dollari, il re Mida dei mass-media è riuscito a mettere le mani su servizi del calibro di Grab, dedicato all'intrattenimento online, ma soprattutto del popolarissimo portale MySpace, utilizzato da milioni di utenti in tutto il mondo per condividere foto, creare blog e cercare nuove conoscenze.

"Intermix ci dà una base di audience praticamente incredibile", dichiara Ross Levinsohn, presidente della Fox Interactive Media - la divisione di News Corporation dedicata ad Internet. "L'arrivo di portali del calibro di MySpace ci dà un supporto tecnologico non indifferente", conclude Levinsohn nel commentare la maxi-acquisizione.
L'obiettivo di Levinsohn sembra chiaro: mirare alla monetizzazione dei milioni d'utenti MySpace - un servizio particolarmente popolare tra adolescenti e studenti universitari: attraverso i blog e la struttura tipicamente comunitaria di questo servizio, le aziende di Murdoch avranno a disposizione nuovi canali per la vendita e la promozione di prodotti. Già in passato, il noto portale è stato utilizzato con successo per il lancio degli album dei REM e degli Oasis.

Un analista di Deutsche Bank, Andrew Anagnostellis, ha commentato sul quotidiano australiano The Age che "News Corporation sta muovendo i primi passi verso la convergenza totale, perchè telegiornali ed i quotidiani sono ormai obsoleti: entro 10 o 20 anni le persone inizieranno ad utilizzare i media in maniera completamente diversa e Murdoch vuole avere le carte in regola per rimanere in gioco".

Forte di una grossa presenza online, l'impero di Murdoch potrà sperimentare nuove ibridazioni tra mezzi tradizionali ed interattivi: e forse tra gli utenti di MySpace c'è persino chi spera di poter diventare il protagonista di qualche nuovo reality show a base di blog, webcam e tv satellitare.

Tommaso Lombardi
5 Commenti alla Notizia Murdoch a caccia di blog e portali
Ordina