Quel BIOS è una cassaforte

Phoenix ha annunciato una nuova versione del proprio BIOS di nuova generazione capace di proteggere PC e altri dispositivi digitali prima dell'avvio del sistema operativo e di fornire servizi di sicurezza come la cifratura dei dati

Milpitas (USA) - Computer a prova di manomissione? A prometterlo è il gigante mondiale dei BIOS per PC, Phoenix Technologies, che ha sviluppato una nuova versione del proprio firmware capace, a suo dire, di proteggere i dispositivi x86 e i loro dati prima che il sistema operativo e le applicazioni vengano caricati.

Phoenix sostiene che il nuovo BIOS, chiamato TrustedCore SP2, fornirà ai device su cui verrà integrato, "fondamenta affidabili" su cui poggiare l'intera sicurezza del sistema. Oltre a supportare l'ultima generazione di dispositivi digitali per l'autenticazione, come lettori di impronte e smart card, il nuovo firmware implementa la specifica Trusted Platform Module (TPM) 1.2 del Trusted Computing Group - che tra le altre cose definisce meccanismi di protezione contro i virus e altri codici malevoli -, e integra un motore crittografico con cui eventualmente cifrare tutte le informazioni contenute sui dischi fissi.

TrustedCore SP2 fornisce poi un'autenticazione a livello di master boot record che, secondo il produttore, "previene la manomissione del sistema operativo o dei dati sull'hard disk" da parte di utenti non autorizzati.
"L'architettura TrustedCore consente ai produttori di PC e altri dispositivi digitali, di creare device sicuri in grado di autenticarsi alla rete in modo autonomo già in fase di pre-boot", ha spiegato Phoenix in un comunicato.

L'azienda sostiene che il suo è il primo BIOS a soddisfare tutti i requisiti tecnici richiesti dal futuro Windows Vista ed uno dei primi ad implementare in pieno la specifica standard Unified Extensible Firmware Interface (UEFI, originariamente EFI), che definisce un'interfaccia tra il firmware e il sistema operativo destinata a soppiantare l'ormai datato BIOS dei PC.

TrustedCore SP2, che sarà commercializzato ad ottobre per PC desktop, notebook, server e sistemi embedded, fa parte della piattaforma Core System Software, una serie di firmware di nuova generazione capaci di eseguire vari tipi di applicazioni, tra cui antivirus, programmi di diagnostica, tool per il recupero di partizioni o interi file-system, e una suite di piccole utility per la connessione ad Internet e la navigazione sul Web.
TAG: 
93 Commenti alla Notizia Quel BIOS è una cassaforte
Ordina
  • ..che in tanti in questo forum hanno gia' scritto di TCPA, palladium e simili, ma non posso fare a meno di chiedermi quale sia la spinta che muova i produttori verso queste nuove features.
    Il controllo per lanciare solo delle applicazioni sicure da una lista prestabilita non ha senso, non da nessun vantaggio al consumatore anzi.
    Il controllo di hardware certificato poi ha del comico, e' solo un modo per tagliare fuori alcune aziende.
    Se le "Features" di questo nuovo tipo di bios servano a qualcosa anche all'utente finale non saprei dirlo, il fatto che questo Bios consideri e consenta di lanciare come applicativo sicuro anche XP... lascia aperto uno spiraglio: forse ci sono margini di miglioramento.

  • - Scritto da: carbonio
    > ..che in tanti in questo forum hanno gia' scritto
    > di TCPA, palladium e simili,

    molto spesso per posizione di simpatia o antipatia più che per un processo logico

    > ma non posso fare a
    > meno di chiedermi quale sia la spinta che muova i
    > produttori verso queste nuove features.

    in parte il bisogno di maggior sicurezza: il bios parla di autenticazione sicure in rete e controllo dell'hd, indubbio che queste features sono rivolte ad una maggior sicurezza specie in ambito aziendale e nulla hanno a che vedere con le farneticanti fantasie sull'uomonero/palladium ne tantomeno sono features inutili come qualcuno che non vede un palmo oltre il suo naso afferma



    > Il controllo per lanciare solo delle applicazioni
    > sicure da una lista prestabilita non ha senso,

    infatti non sarà applicato/applicabile.
    è una fantasia da centro sociale dove c'è bisogno di trovare sempre nuovi complotti contro cui combattere.
    microsoft la prima non ha nessuna intenzione di fare qualcosa del genere.
    perchè dico questo?
    semplice: uno dei pacchetti di punta di ms è vs che include il famigerato vb...pensa un pò tutti gli utenti che sviluppano in vb applicativi ad uso personale che poi non possono eseguirli (perchè ms dovrebbe danneggiare il suo mercato per favorire quello di chi?); che dire poi di vba in office? si blocca anche office o si blocca la possibilità di sviluppare soluzioni integrate?
    e tutti i programmi free/oos/terze_parti? phoenix e ms sarebbero sotto accusa il giorno stesso che questo accade!
    fammi il piacere prima pensa in modo logico e solo dopo dai sfogo alla tua emotività
    palladium così come è descritto in pi non esiste ne potra esistere mai!


    > non da nessun vantaggio al consumatore anzi.

    dici? forse fai meglio a leggerti la parte che riguarda il controllo dei buffer overflow

    > Il controllo di hardware certificato poi ha del
    > comico,

    a si?
    perchè mai?
    fornire una certificazione che attesti l'hw di qualità (quello che soddisfa tutti i requisiti) è comico?
    a casa tua magari!


    > e' solo un modo per tagliare fuori alcune
    > aziende.

    se le aziende rispettano le specifiche nessuno le può tagliare fuori da niente (basta vedere complotti pure nella tazza del c...!)...il meccanismo che descrivi si può sviluppare in solo 2 modi:
    1) il controllo sull'hw è una featires disabilitabile e quindi nessuno è tagliato fuori (semplicemente si può scegliere di far partire solo l'hw le cui aziende sicure della qualità del prodotto si sono sottoposte al controllo)
    2) il controllo non sarà by-passabile e quindi le certificazioni saranno rilasciati da organi autonomi tipo ISO

    > Se le "Features" di questo nuovo tipo di bios
    > servano a qualcosa anche all'utente finale non
    > saprei dirlo, il fatto che questo Bios consideri
    > e consenta di lanciare come applicativo sicuro
    > anche XP...

    il fatto che scrivi certe cretinate la racconta già lunga sulla tua obiettività

    > lascia aperto uno spiraglio: forse ci
    > sono margini di miglioramento.

    forse lo spiraglio è aperto sul vuoto siderale della tua testa....chiudilo e riprova a postare
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > palladium così come è descritto in pi non esiste

    Concordo

    > ne potra esistere mai!

    Beh, mai dire mai! diciamo che per esistere dovrebbero accadere svariati sconvolgimenti di tipo economico e sociale prima ancora che di tipo tecnico, sconvolgimenti che mal si conciliano con la teoria del "ce lo infileranno senza che ce ne accorgiamo"

    > > non da nessun vantaggio al consumatore anzi.
    >
    > dici? forse fai meglio a leggerti la parte che
    > riguarda il controllo dei buffer overflow

    Direi che questo non c'entra niente con ciò che si prefigge TCPA

    > perchè mai?
    > fornire una certificazione che attesti l'hw di
    > qualità (quello che soddisfa tutti i requisiti) è
    > comico?

    La certificazione in contesto TCPA non ha nulla a che vedere con la qualità di un prodotto, bensì semplicemente con la conformità di quel prodotto alle specifiche TCPA e a determinate caratteristiche

  • - Scritto da: Quasar
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > palladium così come è descritto in pi non esiste
    >
    > Concordo
    >
    > > ne potra esistere mai!
    >
    > Beh, mai dire mai! diciamo che per esistere
    > dovrebbero accadere svariati sconvolgimenti di
    > tipo economico e sociale prima ancora che di tipo
    > tecnico, sconvolgimenti che mal si conciliano con
    > la teoria del "ce lo infileranno senza che ce ne
    > accorgiamo"
    >
    > > > non da nessun vantaggio al consumatore anzi.
    > >
    > > dici? forse fai meglio a leggerti la parte che
    > > riguarda il controllo dei buffer overflow
    >
    > Direi che questo non c'entra niente con ciò che
    > si prefigge TCPA

    con tcpa no ma visto che si faceva un enorme confusione tra tcpa e palladium, anzi no si confondevano le 2 tecnologie come la stessa cosa con nomi diversi, pi pare invece di ricordare che palladium si prefigge proprio questo come uno degli obiettivi.
    se vogliamo restare a tcpa sicuramente i maggiori benefici saranno legati cmq alla sicurezza: autenticazione, controllo acesso etc..

    >
    > > perchè mai?
    > > fornire una certificazione che attesti l'hw di
    > > qualità (quello che soddisfa tutti i requisiti)
    > è
    > > comico?
    >
    > La certificazione in contesto TCPA non ha nulla a
    > che vedere con la qualità di un prodotto,
    > bensì semplicemente con la conformità di
    > quel prodotto alle specifiche TCPA e a
    > determinate caratteristiche

    infatti avevo ben specificato tra parentesi.
    per qualità intento dire certificazione di perfetta conformati (che in un qual modo indica che il prodotto è di qualità anche se solo in quel ambito e non il prodotto pincopallo parzialmente compatibile e parzialmente no)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ...cut
    > il fatto che scrivi certe cretinate la racconta
    > già lunga sulla tua obiettività
    >
    > forse lo spiraglio è aperto sul vuoto siderale
    > della tua testa....chiudilo e riprova a postare

    Mio caro amico anonimo, il vuoto siderale che avvolge la mia testa a volte e' talmente esteso che non riesco nemmeno a descriverlo.
    Altresi' non voglio di certo addentrarmi nel tentativo di descrivere quello che invece risiede nella tua di testa, perche' mai ti scaldi tanto per tre frasi che ho scritto?
    Ti senti spaventato per le mie vaghe allusioni sul fatto che i nuovi bios tenteranno di "chiudere" i sistemi informatici che verranno?
    Che fai nella vita vendi sistemi chiusi ed hai paura che i clienti capiscano l'aria che tira?
    Ho solo scritto che non mi fido un granche' di sicurezze imposte da aziende che fino ad oggi non hanno mai dato prova di esserne degne di fiducia, da aziende che muovendosi per il loro interesse stringono accordi fra di loro, facendo passare quello che propinano come "Standard" che tutti dovranno seguire, quando i primi a infischarsene degli standard sono sempre stati loro.
    Quello che scrivo io lo penso, quello che scrivi tu?

    magari se proprio vuoi capire:
    http://www.complessita.it/tcpa/tcpa-faq-1.0-it.htm...
  • Scusa se mi intrometto, concordo che l'anonimo abbia dimostrato scarsissima civiltà (per usare un eufemismo!), ma venendo al merito dell'argomento

    > Quello che scrivo io lo penso,
    >
    > magari se proprio vuoi capire:
    > http://www.complessita.it/tcpa/tcpa-faq-1.0-it.htm

    Quello che scrivi lo pensi, ok, ma anche pensi quello che scrivi? Sei sicuro di stare riportando il tuo pensiero? Non è che invece stai riportando il pensiero di altri? http://www.complessita.it/tcpa/tcpa-faq-1.0-it.htm
    Hai fatto tuo il pensiero di un altro, ok, niente di male, capita a tutti a volte, ma sei sicuro che quel pensiero sia corretto? Lo hai verificato di persona?

    In questo tuo ultimo post hai scritto alcune sottili inesattezze che sono figlie di quel pensiero di altri che hai fatto tuo...

    magari se proprio vuoi capire:
    https://www.trustedcomputinggroup.org/downloads/


    ==================================
    Modificato dall'autore il 31/08/2005 0.06.13

  • - Scritto da: Quasar
    > Quello che scrivi lo pensi, ok, ma anche pensi
    > quello che scrivi? Sei sicuro di stare riportando
    > il tuo pensiero? Non è che invece stai riportando
    > il pensiero di altri?
    > http://www.complessita.it/tcpa/tcpa-faq-1.0-it.htm
    > Hai fatto tuo il pensiero di un altro, ok, niente
    > di male, capita a tutti a volte, ma sei sicuro
    > che quel pensiero sia corretto? Lo hai verificato
    > di persona?
    >
    > In questo tuo ultimo post hai scritto alcune
    > sottili inesattezze che sono figlie di quel
    > pensiero di altri che hai fatto tuo...
    >
    > magari se proprio vuoi capire:
    > https://www.trustedcomputinggroup.org/downloads/

    Il mio pensiero non e' quello del link, quella e' una pagina scritta probabilmente da un "fan" anti palladium, cio' non toglie che in molte parti quello che descrive sia esattamente la direzione che molte aziende cercano di dare, ovviamente per interssi loro (ovvero l'unico interesse degno di nota per una azienda e' il denaro), i dettagli tecnici degni di nota e i potenziali utilizzi positivi sono e probabilmente saranno maggiori dei risvolti negativi, per me in questo momento il "Lato Oscuro" copre i benefici.
    Io non sono depositario di nessuna verita' anzi spero sempre che quello che sto "toccando" sia solo fumo che, condito da letture sbagliate e sviste clamorose mi fa vedere un futuro poco rassicurante, il tempo in cui per ogni argomento avevo una certezza' ed una verita' e' finito da un pezzo, ma stranamente il presente assomiglia sempre di piu' ad un mondo di P.K Dick

    Scusa se non accetto il fatto che il mio pensiero non mi appartenga, io non metto in dubbio che quello che scrivi sia il tuo.

  • - Scritto da: carbonio
    > Il mio pensiero non e' quello del link, quella e'
    > una pagina scritta probabilmente da un "fan" anti
    > palladium, cio' non toglie che in molte parti
    > quello che descrive sia esattamente la direzione
    > che molte aziende cercano di dare, ovviamente
    > per interssi loro (ovvero l'unico interesse degno
    > di nota per una azienda e' il denaro), i dettagli
    > tecnici degni di nota e i potenziali utilizzi
    > positivi sono e probabilmente saranno maggiori
    > dei risvolti negativi, per me in questo momento
    > il "Lato Oscuro" copre i benefici.
    > Io non sono depositario di nessuna verita' anzi
    > spero sempre che quello che sto "toccando" sia
    > solo fumo che, condito da letture sbagliate e
    > sviste clamorose mi fa vedere un futuro poco
    > rassicurante, il tempo in cui per ogni argomento
    > avevo una certezza' ed una verita' e' finito da
    > un pezzo, ma stranamente il presente assomiglia
    > sempre di piu' ad un mondo di P.K Dick
    >
    > Scusa se non accetto il fatto che il mio pensiero
    > non mi appartenga, io non metto in dubbio che
    > quello che scrivi sia il tuo.

    Figurati, non hai nessun motivo di scusarti, anzi semmai devo scusarmi io che forse ho presunto troppo nell'ipotizzareSorride

    Il mio unico scopo in questa storia è quello di cercare di mettere un pò d'ordine nelle fandonie che sono state raccontate, anche in quelle faq. Non mi interessa che la gente sia favorevole a TCPA, pure io ho un pò di perplessità oggettive per via di alcuni dettagli importanti, vorrei solo che la gente decidesse basandosi su informazioni vere e mi sembra che ne circolino piuttosto poche e quelle poche vengono spesso storpiate ad arte. Tutto qua. SalutiSorride

  • - Scritto da: carbonio
    > ..che in tanti in questo forum hanno gia' scritto
    > di TCPA, palladium e simili, ma non posso fare a
    > meno di chiedermi quale sia la spinta che muova i
    > produttori verso queste nuove features.

    In ambiti aziendali, la necessità di avere maggiore controllo sull'hardware, il suo stato, il software che ci gira sopra, il tipo di informazioni che possono esservi memorizzate e tante altre cose, specialmente in determinati tipi di aziende. Questo, a mio avviso, è il "motore" principale che spinge tutto il movimento TCPA/TCG e saranno (anzi sono già da qualche tempo) le prime applicazioni.

    In ambito consumer, probabilmente, tanto per cominciare, la "necessità" delle varie major di imporre DRM sempre più difficili da aggirare. La diffusione di hardware TCPA darebbe una bella mano a costoro... se prima non fermiamo l'attuale abuso del concetto di diritto d'autore che ormai è diventato una scusa per qualsiasi sopruso nei confronti dei consumatori

    > Il controllo per lanciare solo delle applicazioni
    > sicure da una lista prestabilita non ha senso,
    > non da nessun vantaggio al consumatore anzi.

    Infatti queste sono voci che non hanno alcun fondamento tecnico reale

    > Se le "Features" di questo nuovo tipo di bios
    > servano a qualcosa anche all'utente finale non
    > saprei dirlo,

    Dipende da a quale "utente finale" ti riferisci. Ci sono tanti tipi di "utenti finali": ci sono le aziende, ci sono i professionisti, ci sono gli utenti casalinghi, ci sono ...
  • Questo e` il BIOS Palladium, bellissimo, se un singolo pezzo di tutto l'Hardware del PC non e` approvato dal TCPA group... non c'e` storia al mondo che il Computer si accenda... questo e` il principio chiave del TCP:

    "
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101...
    "

    ==================================
    Modificato dall'autore il 30/08/2005 13.37.50
    Crazy
    1945
  • Come si fa a boicottare un BIOS?
    Posso boicottare un sistema operativo palladium, posso boicottare una scheda madre palladium, ma come faccio a boicottare un bios?
    Quello viene con la scheda madre e non mi pare ci sia scritto da nessuna parte che bios include una scheda madre prima di comprarla... o sbaglio?
    non+autenticato
  • sulla scatola della scheda madre c'è stampato il logo di chi produce il bios, tipo phoenix, awards, ecc..

    (non dare retta ai vaneggiamenti di Crazy, è solo un troll che fa il gioco di qualcuno)
    non+autenticato
  • Conosci il vecchio adagio "La verità vi renderà liberi"? se quell'adagio è valido allora tu stai imprigionando tutti coloro ti hanno dato retta fin qui, li stai imprigionando con le falsità e la disinformazione totale che propini. Ma la cosa più triste è che stai facendo tutto questo nella massima buona fede poichè, in fondo, tu sei solo l'ennesimo prigioniero.
  • Bel discorso, ma non è che tu stia liberando gente a tutto spiano.

    Ciao,
    Matteo

  • - Scritto da: KrecKer
    > Bel discorso, ma non è che tu stia liberando
    > gente a tutto spiano.

    Come disse Morpheus a Neo in Matrix: "io posso solo indicarti la via, ma sei tu che devi imboccarla, se vuoi". Non trovi che sarebbe incoerente da parte mia se io pretendessi che le persone credessero a me invece che a Crazy? (nonchè a molti luminari di fama mondiale a cui Crazy e tanti altri hanno creduto ciecamente). Non mi interessa che la gente creda a me, mi farebbe piacere che la gente andasse il più possibile per conto proprio a cercarsi la verità, invece che credere a quella degli altri.

    Ecco la via che spero vorrai imboccare:
    https://www.trustedcomputinggroup.org/downloads/

    C'è anche una nuova sezione "Best practices and principles", adatta anche a chi non mastica il tecnichese

    Se poi ti piacesse confrontarti per approfondire, io sono a disposizione.... da un paio d'anni a questa parte ormai (come Crazy sa beneOcchiolino). Di più non posso fare.
  • Hai capito quello che volevo dire, anche se fai finta di filosofeggiare.
    Non ha senso venire su un forum, e postare un paio di frasi ad effetto dando del peracottaro ad uno che ha espresso la propria opinione (giusta o sbagliata che sia) senza motivare, aggiungere link o appoggiarsi a qualche conoscenza tecnica (sempre giusta o sbagliata che sia). Il forum e' un posto di confronto, non una vetrina!

    Matrix e' l'osannazione dell'atteggiarsi senza motivazione cogliendo a piene mani da quindicimila filosofie, culture e credenza. Insomma, un milkshake bello in apparenza, ma decisamente vuoto in significati. Per fare l'impegnato e' meglio se ti ispiri ad altre pellicole e magari, di tanto in tanto, ci metti qualcosa di tuo.

    Ciao,
    Matteo

  • - Scritto da: KrecKer
    > Hai capito quello che volevo dire,

    Beh, onestamente, da un frase tipo "non è che stai liberando gente a tutto spiano" credevo di aver capito che volevi, giustamente, le maggiori info proclamate dal titolo del thread ma a questo punto mi viene il dubbio di aver capito male

    > anche se fai
    > finta di filosofeggiare.

    Ah, beh, vabbè. Se la metti su questo piano stiamo freschi

    > Non ha senso venire su un forum, e postare un
    > paio di frasi ad effetto dando del peracottaro ad
    > uno che ha espresso la propria opinione (giusta o
    > sbagliata che sia) senza motivare, aggiungere
    > link o appoggiarsi a qualche conoscenza tecnica
    > (sempre giusta o sbagliata che sia).

    Ti parrà incredibile ma io sono davvero sinceramente rattristato per come un sacco di gente, apparentemente, si sia fatta infinocchiare da un sacco di ben altre "frasi ad effetto" ben infiocchettate. Da lì quel mio commento scorato.

    Riguardo ai link e all'appoggiarsi a qualche conoscenza tecnica, potrei facilmente indicarti i miei numerosi interventi passati (per quanto sia già facile trovarli cercando nell'elenco dei miei post su PI), ma il punto principale è che di link rilevanti, secondo la mia "filosofia", ce n'è solo uno, che ripeto nuovamente: https://www.trustedcomputinggroup.org/downloads/

    > Il forum e' un posto di confronto, non una vetrina!

    Proprio per questo motivo, di tanto in tanto da un paio d'anni a questa parte, quando ho tempo e voglia mi prodigo un pò per cercare di dare il mio contributo a migliorare la situazione di caos che si è creato su questo argomento, e per questo motivo mi rendo disponibile ad approfondire la discussione. Tra l'altro Crazy in particolare lo sa bene ma lui, così come tanti altri, non ne ha mai approfittato. Come detto, io sono disponibile, di più non posso nè mi interessa fare

    > Matrix e' l'osannazione dell'atteggiarsi senza
    > motivazione [...]

    Allora, se vogliamo fare i pignoli: Matrix è solo un film, la mia era solo una citazione semplice, comprensibile da tutti, e di cui tutti possono capire il senso ed il nesso con il concetto che volevo esprimere, mentre questa tua di adesso è solo una puntualizzazione OT.

    Casomai non si fosse capito, il concetto a cui mi riferisco è: leggete le specifiche. Io vi suggerisco che la verità è diversa da quella che si racconta in giro ma vi esorto anche a non credere a me come a non credere a Crazy e vi "indico la via" per reperire le informazioni vere. Si può essere benissimo contrari a TCPA, magari per pure questioni di principio o di opportunità (anche io ho qualche perplessità), ma il punto a cui io dò importanza è che se forse "non ha senso venire su un forum e postare un paio di frasi ad effetto ecc." come dici te, di sicuro ha ancora meno senso (per usare un eufemismo!) venire su un forum e iniziare un thread dal titolo "Per chi volesse maggiori info su TCPA" mettendoci poi come fonte di queste maggiori info un'insieme di opinioni personali elaborate sul sentito-dire da altre opinioni personali a loro volta basate su congetture belle e buone, intortandole come se fossero la realtà dei fatti.

    Uff, che faticata! machimelofafare....A bocca storta
  • Ciao a tutti.

    Qui si paventa Palladium, ecc...

    Bene, è facile controllare. Nell'articolo viene riportato

        ...il nuovo firmware implementa la specifica Trusted
        Platform Module (TPM) 1.2 del Trusted Computing
        Group...

    ora, andiamo a leggere la notizia originale sul sito
    della Phoenix:

        http://investor.phoenix.com/en/about+phoenix/inves...

    e poi controlliamo cosa dicono quelli del TCG:

        https://www.trustedcomputinggroup.org/home
        https://www.trustedcomputinggroup.org/downloads/sp.../


    A voi le conclusioni.

    non+autenticato
  • Gli cambiano nome tipo una volta al mese...
    non+autenticato
  • ancora nessuno l'ha provato, se ne sta solo parlando e gia' tutti a dire "palladium di qua, palladium di la"

    Personalmente finche' non vedo i primi sample preferisco stare zitto. L'unica cosa che mi da fastidio e' che vadano a implementare via hardware cose per sistemi proprietari. Io non me ne faccio una mazza della protezione virus con il SP2 di winicspi che offre l'A64 (sebbene sia molto soddisfatto del mio 3000+ 939). Fatto sta che io, quella feature del tutto intuile sul mio pc su cui gira linux, l'ho pagata e non posso usarla. Stessa cosa per quel bios: se e' studiata apposta per window svista , io utente linux perche' devo pagare una cosa che non potro' usare?Triste

    (astenersi flame grazie)

    Andrea
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ancora nessuno l'ha provato, se ne sta solo
    > parlando e gia' tutti a dire "palladium di qua,
    > palladium di la"

    credo proprio che ci sia la mania di prevedere palladium ogni volta che esce qualcosa di nuovo nel campo informatico

    >
    > Personalmente finche' non vedo i primi sample
    > preferisco stare zitto. L'unica cosa che mi da
    > fastidio e' che vadano a implementare via
    > hardware cose per sistemi proprietari.

    si direbbe invece che esiste uno standard per l'intercomunicabilità tra bios e os, al quale aderiscono sia viista che il bios phoenix

    > Io non me
    > ne faccio una mazza della protezione virus con il
    > SP2 di winicspi

    TrustedCore SP2 fornisce poi un'autenticazione a livello di master boot record che, secondo il produttore, "previene la manomissione del sistema operativo o dei dati sull'hard disk" da parte di utenti non autorizzati.

    hai capito di che si parla o pur di sparlare di xp sei disposto a parlare a vanvera?

    > che offre l'A64 (sebbene sia
    > molto soddisfatto del mio 3000+ 939). Fatto sta
    > che io, quella feature del tutto intuile

    del tutto inutile?
    sta vanegiando

    > sul mio
    > pc su cui gira linux,

    forse linux dovrebbe aderire allo standard è permettere così il supporto della features.
    linux non supporta neanche l'HT di intel questo non significa che l'HT è una features inutile

    > l'ho pagata e non posso
    > usarla.

    compra una scheda con un bios diverso allora.
    anche perchè credo che questo tipo di bios sia più destinato alla aziende che non al mercato consumer

    > Stessa cosa per quel bios: se e' studiata
    > apposta per window svista , io utente linux
    > perche' devo pagare una cosa che non potro'
    > usare?Triste

    gia risposto

    >
    > (astenersi flame grazie)
    >
    > Andrea
    non+autenticato

  • > hai capito di che si parla o pur di sparlare di
    > xp sei disposto a parlare a vanvera?
    >

    non e' sparlare. Semplicemente ho i miei forti dubbi dato l'annuncio (in cui si parla di vista) che tale controllo sul mbr funzioni a dovere su grub o lilo o qualunque altro boot loader. Se pensi che certi bios riconoscono grub/lilo come virus...

    saro' felice di essere smentitoSorride

    > > che offre l'A64 (sebbene sia
    > > molto soddisfatto del mio 3000+ 939). Fatto sta
    > > che io, quella feature del tutto intuile
    >
    > del tutto inutile?
    > sta vanegiando

    su linux quella protezione non serve, per il semplice motivo che su linux di virus neanche l'ombra. Ed e' un dato di fatto!

    per quanto riguarda l'HT di intel mi sa che non sei aggiornato, il kernel 2.6 lo supporta pienamente. (tanto che il multithreading a volte crea problemi perche' i P4 cambiano il thread attivo un po' come gli pare a loro, cosa che il kernel non gradisce moltissimo)

    > compra una scheda con un bios diverso allora.
    > anche perchè credo che questo tipo di bios sia
    > più destinato alla aziende che non al mercato
    > consumer
    >

    bhe non ho mai messo in dubbio l'alternativa ^_^

    Pero' a me per esempio piacciono molto le MSI. Se MSI monta su tutte le sue schede quel bios che faccio?Triste

    Andrea
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non e' sparlare. Semplicemente ho i miei forti
    > dubbi dato l'annuncio (in cui si parla di vista)
    > che tale controllo sul mbr funzioni a dovere su
    > grub o lilo o qualunque altro boot loader.

    Beh, i datasheet di Phoenix menzionano l'esplicito supporto a varie distro Linux....

    D'altro canto, visto l'argomento generale di cui si parla, una lista di SO supportati esplicitamente mi fa sospettare che il BIOS di Phoenix, attualmente, avvierà solo quei SO, quelle distro Linux, e non altre, magari dotate di kernel personalizzato o addirittura di boot-loader personalizzato. Se così fosse allora sarebbe un no-no, anche perchè non ci vorrebbe niente a Phoenix prevedere delle entry vuote in cui il proprietario del computer possa inserire la firma del boot-loader che desidera avviare. I datasheet che ho trovato io non entrano in questi dettagli percui dovremo attendere altri comunicati o meglio ancora attendere di avere un BIOS di questi sotto mano per provarlo e, eventualmente, protestare

  • > forse linux dovrebbe aderire allo standard è
    > permettere così il supporto della features.
    > linux non supporta neanche l'HT di intel questo
    > non significa che l'HT è una features inutile

    qui ti sei giocato tutto... è la classica tattica :

    1 - introduco 'features' inutili ma suportate solo da me
    2 - impongo ai costruttori hw di introdurre le 'features'
    3 - oooooh, guarda, linux non supporta questo e quello... bene! allora che sparisca dal mercato...

    puoi convincere 1000 buoi ma non 1 volpe.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... è la classica tattica
    > :
    >
    > 1 - introduco 'features' inutili ma suportate
    > solo da me
    > 2 - impongo ai costruttori hw di introdurre le
    > 'features'
    > 3 - oooooh, guarda, linux non supporta questo e
    > quello... bene! allora che sparisca dal
    > mercato...

    Ragazzi, basta con queste cazzate: le features introdotte, a prescindere da che siano utili o inutili, sono ampiamente e pubblicamente documentate, libere, aperte a tutti coloro le vogliano leggere ed implementare per il proprio s.o.

    Per la serie: RTFM (Read The F..king Manual)

  • - Scritto da: Quasar
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ... è la classica tattica
    > > :
    > >
    > > 1 - introduco 'features' inutili ma suportate
    > > solo da me
    > > 2 - impongo ai costruttori hw di introdurre le
    > > 'features'
    > > 3 - oooooh, guarda, linux non supporta questo e
    > > quello... bene! allora che sparisca dal
    > > mercato...
    >
    > Ragazzi, basta con queste cazzate: le features
    > introdotte, a prescindere da che siano utili o
    > inutili, sono ampiamente e
    > pubblicamente documentate, libere, aperte
    > a tutti coloro le vogliano leggere ed
    > implementare per il proprio s.o.
    >
    > Per la serie: RTFM (Read The F..king Manual)


    non credo che sia così semplice... tutto questo 'macello' relativo al trusted computing ha come fine ultimo quello di creare una piattaforma integrata hw/sw (come i cellulari), viste le condizioni del mercato home, essa sarà win+intel... qualunque cosa differente verrà buttata fuori, non si spiega altrimenti questo accanimento per la 'sicurezza'... chi vorrà usare un SO diverso da win DOVRA' cambiare piattaforma hw...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Quasar

    [...]

    >
    >
    > non credo che sia così semplice... tutto questo
    > 'macello' relativo al trusted computing ha come
    > fine ultimo quello di creare una piattaforma
    > integrata hw/sw (come i cellulari), viste le
    > condizioni del mercato home, essa sarà
    > win+intel... qualunque cosa differente verrà
    > buttata fuori, non si spiega altrimenti questo
    > accanimento per la 'sicurezza'... chi vorrà usare
    > un SO diverso da win DOVRA' cambiare piattaforma
    > hw...

    Io lo vedo come un sistema per imporre il DRM...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io lo vedo come un sistema per imporre il DRM...

    Questo è probabile!Deluso

  • - Scritto da: Anonimo
    > non credo che sia così semplice... tutto questo
    > 'macello' relativo al trusted computing ha come
    > fine ultimo quello di creare una piattaforma
    > integrata hw/sw (come i cellulari), viste le
    > condizioni del mercato home, essa sarà
    > win+intel... qualunque cosa differente verrà
    > buttata fuori, chi vorrà usare
    > un SO diverso da win DOVRA' cambiare piattaforma
    > hw...

    Per quale motivo fior di aziende promotrici di TCPA tanto quanto microsoft ma sue concorrenti e talvolta acerrime nemiche (IBM in testa, ma anche HP, SUN) nonchè AMD (in contrapposizione ad Intel) dovrebbero accettare di buon grado quanto suggerisci?

    > non si spiega altrimenti questo
    > accanimento per la 'sicurezza'...

    L'accanimento per la sicurezza per cui è stato fondato il consorzio TCPA/TCG non ha nulla a che vedere con l'imposizione nè di un qualsivoglia s.o. nè di un qualsivoglia processore. TCPA può funzionare perfettamente e al massimo delle sue funzionalità anche con Linux o FreeBSD o QNX o BeOS e qualunque altro s.o. che voglia supportarlo

  • - Scritto da: Quasar
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > non credo che sia così semplice... tutto questo
    > > 'macello' relativo al trusted computing ha come
    > > fine ultimo quello di creare una piattaforma
    > > integrata hw/sw (come i cellulari), viste le
    > > condizioni del mercato home, essa sarà
    > > win+intel... qualunque cosa differente verrà
    > > buttata fuori, chi vorrà usare
    > > un SO diverso da win DOVRA' cambiare piattaforma
    > > hw...
    >
    > Per quale motivo fior di aziende
    > promotrici di TCPA tanto quanto microsoft
    > ma sue concorrenti e talvolta acerrime nemiche
    > (IBM in testa, ma anche HP, SUN) nonchè AMD (in
    > contrapposizione ad Intel) dovrebbero accettare
    > di buon grado quanto suggerisci?
    >

    è tutto vero per quanto riguarda il TCPA, all'IBM usano Linux con un modulo kernel che attiva il tcpa; tale modulo è OS in GPL... il problema è palladium, cioè la versione malefica di tcpa di M$...
    non+autenticato
  • Ho capito male?
    Voi di PI
    state PUBBLICIZZANDO un prodotto che supporta
    via HARDWARD il TCPA senza nemmeno scrivere
    "Messaggio Promozionale"?

    Ma non e` quel sistema che poi mi puo' impedire
    di leggere i MIEI documenti se non pago
    le royalties alla Microsoft?

    Oppure che mi impedisce di farmi una copia
    dei miei cd e dvd regolarmente acquistati?

    Vi chiedo una smentita...
    VIP
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)