Xoom.it brucia, la rete pure

Usenet si fa ripetitore della notizia dell'incidente alla server house che ospita le macchine del servizio internet del network di Virgilio.it. Numerose le segnalazioni, ancora incerti danni e tempi di riattivazione

Xoom.it brucia, la rete pureWeb - La server house che ospita i server di Xoom.it, celebre fornitore di servizi di hosting ed altro, è andata a fuoco lasciando nel silenzio i numerosissimi siti ospitati e gli altri servizi che contano più di un milione di utenti.

Per diverse ore i motivi del brusco "stop" di Xoom.it sono rimasti ignoti, scatenando ogni sorta di ipotesi nelle discussioni su Usenet e nelle numerosissime segnalazioni pervenute a Punto Informatico. Tra queste, anche illazioni su presunti problemi di Virgilio.it, che ha recentemente acquisito Xoom.

A rendere chiaro l'accaduto è stato nella giornata di sabato un avviso apparso sulla home page di Xoom.it:
Si avvisano i gentili utenti di XOOM.it che i servizi non sono al momento disponibili, a causa di un incendio che ha colpito la server house della società dove risiedevano le nostre macchine.
Consigliamo chiunque desideri ottenere ulteriori informazioni di scrivere al seguente indirizzo email:
admin@xoom.it
Gli utenti del servizio di e-commerce possono rivolgersi al seguente indirizzo:
prodotti@xoom.it
Ci scusiamo per quanto avvenuto e per i disagi arrecati.


Al momento, Xoom.it non è in grado di prevedere con esattezza quando i servizi verranno riattivati né se cambierà qualcosa per i fruitori dell'hosting, se si dovranno uploadare nuovamente le pagine e via dicendo. Mentre scriviamo, il sito e il network risultano ancora down e Xoom risponde alle email di richiesta informazioni spiegando che alcuni dei server non sono più utilizzabili e che non è ancora possibile precisare eventuali danni ai materiali presenti sui server.

In situazioni come queste, è evidente che l'incidente può costringere offline un nodo di questa importanza anche per diversi giorni.

Un periodo sfortunato per la rete italiana se si pensa che solo due settimane fa l'ASCA, un'agenzia di stampa, aveva annunciato che il proprio notiziario online non era disponibile per un'intera giornata a causa di un temporale.
TAG: italia
48 Commenti alla Notizia Xoom.it brucia, la rete pure
Ordina
  • E credo che dovreste farlo anche voi.In piu' non vi riempiono i siti di pubblicita' e vi garantiscono un ottimo servizio.Scegli Digiland,fallo oggi.
    non+autenticato
  • Vallo a spiegare a quelli che ti telefonano e ti dicono che i tuoi servizi di hosting sono carissimi, che in giro c'e' chi ti promette mari e monti per 50 euro l'anno (che non bastano neanche per un supporto telefonico decente) o addirittura gratis.

    Spiegaglielo quanto costa un data center costituito da quattro bunker separati con i server ridondati, livelli multipli di backup, presidio di tecnici di alto livello 24/7, riserve di carburante in grado di coprire giorni interi di blackout elettrico, fibre ridondate con uscite differenti dall'edificio che non si sa mai che qualcuno scavando con una ruspa la faccia veramente grossa, e tutto quello che ti puo' venire in mente, per quanto poco probabile, in grado di creare un vero disastro: decine o centinaia di migliaia di siti oscurati o addirittura persi.

    Mi spiace per quello che e' successo, ma ora avro' un argomento in piu' per far capire quali possono essere i rischi connessi alla decisione di utilizzare un 'provider' da 1 dollaro al mese quando decidi dove ospitare i dati della tua azienda.
    non+autenticato
  • Io aveo un sito con Xoom e adesso...

    mi dispiace davvero tanto perchè era un sito che cambatteva ogni giorno per essere sempre totalmente gratuito...

    Non so perchè proprio a xoom doveva succedere!

    MI DISPIACE VERAMENTE!!
    non+autenticato
  • Pensavo anche io che tra tanti siti o portali a cui si poteva augurare di "bruciare", Xoom è uno di quelli che se lo merita meno...
    non+autenticato
  • Mi sembra interessante notare il periodo di silenzio tra il fattaccio e il comunicato di Xoom, durante il quale saranno state pensate le ipotesi più disparate, ognuna senza riscontro.

    Ecco, questo mi riporta ad un problema a cui pensavo tempo fa:

    Cosa succede quando il titolare di un account email muore?

    Come faranno i suoi net-friends a saperlo?

    Questo problema per ora non si è fatto sentire perchè la rete è ancra molto giovane, ma in futuro...

    Pensate a queste domande e alle implicazioni connesse. Magari se vi viene in mente qualcosa scrivete, che mi semba un problema non da poco...

    Ciao

                                   el_Takx
    non+autenticato
  • Purtroppo e' gia' successo:
    un anno e mezzo fa moriva nel mezzo della vita (33 anni) Red mio caro amico.
    Avendo creato e gestito diversi newsgroups e newsletter e volendo noi mantenerli anche in suo ricordo, abbiamo cercato di contattare i provider per spiegare la situazione.... nulla da fare! Solo una telefonata del diretto interessato che dimostri chi e' consente l'accesso alla sua casella di posta.... Triste
    Dopo un anno siamo riusciti a "crackare" degli indirizzi email per avere accesso agli altri servizi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)