A giorni il superspam sui telefonini

Con l'arrivo del Reverse Billing si prevede un'onda di spam-truffa che pescherà nel portafogli degli utenti meno attenti. Interviene Rodotà: investighiamo

Roma - Si chiama Reverse Billing il nuovo incubo degli utenti di telefonia mobile italiani sul quale, fortunatamente, pare interessato a lavorare il Garante della Privacy Stefano Rodotà dopo gli allarmi che si sono diffusi in queste settimane.

Tra pochi giorni, il primo marzo, diventa infatti operativo anche in Italia, come già in Gran Bretagna, un sistema pensato per la fornitura di servizi "a valore aggiunto" via SMS, noto perché facile veicolo di attività truffaldine a basso rischio.

Nel dettaglio, il Reverse Billing non è altro che la possibilità per un'azienda di allestire servizi di trasmissione "push" di notizie, contenuti, giochi e altro ancora attraverso gli SMS. L'utente riceve dall'azienda fornitrice un SMS al quale viene invitato a rispondere ed è tutto quello che deve fare per "abbonarsi" a servizi che possono costare dai pochi centesimi di euro per ogni messaggio fino, in casi particolari, con il "premium rate SMS", anche a dieci euro per ogni SMS.
Al di fuori delle aziende che lavorano onestamente e in trasparenza, il problema è però tutto in questa modalità di attivazione. Perché per ritrovarsi iscritti è sufficiente rispondere ad un certo numero sul quale sia attivato un servizio del genere. Se si risponde senza pensarci troppo a SMS fatti apposta per suscitare una reazione, si rischia di ritrovarsi iscritti e, prima di rendersene conto, di veder salire le proprie bollette.

L'esperienza in Gran Bretagna, come si evince anche da una Usenet colma di messaggi sull'argomento, è stata durissima. Sono infatti moltissime le vittime di società senza scrupoli capaci di iscrivere migliaia di utenti e pescare dai loro portafogli con servizi fittizi.

E il problema per gli utenti di telefonia mobile non è soltanto quello di doversi rivolgere al proprio operatore per cercare di "uscire" da un servizio SMS truffaldino, ma anche di dover osservare con attenzione gli SMS in arrivo, con molta più attenzione che in passato, e verificare il mittente prima di rispondere.

Come se non bastasse, basandosi sull'esperienza britannica sono in molti a ritenere che vi saranno numerosi soggetti che invieranno spam via SMS a migliaia di utenti tentando di farli iscrivere ai propri sistemi. Chi cadrà nel tranello pagherà salato per ricevere di continuo SMS che non ha mai chiesto.

In attesa di capire come andrà, Stefano Rodotà, Garante per la privacy, ha annunciato che il suo ufficio investigherà i casi di servizi attivati senza che vi sia stata una esplicita richiesta da parte dell'utente. Rodotà ha spiegato che l'indagine coprirà non solo servizi di telefonia mobile ma anche di telefonia fissa. La speranza degli utenti, naturalmente, è che venga impedito che un rischio si trasformi effettivamente in una spesa o che l'uso degli SMS, diffusissimo in Italia, debba cambiare...
21 Commenti alla Notizia A giorni il superspam sui telefonini
Ordina
  • Penso che siano dei gran bastardi perché non si rendono conto che in alcune situazioni un cell. può essere utile anche ad un minorenne, ancora ingenuo e facile preda della truffa.
    Penso che anche i nostri fornitori, invece di rendersi complici di una simile truffa fornendo i nostri numeri di telefono e l'appoggio informatico/tecnologico a queste strutture, dovrebbero, invece, mettere a disposizione strumenti per filtrare e tutelare la nostra attività telefonica e la nostra privacy.
    Vorrei che qualcuno fosse in grado di ritorgere una simile truffa contro di loro.
    non+autenticato
  • Si parla nella notizia di probabili trufe,di spam,inganni e cosi via.Mi vengono in mente le parole di un grande trufatore.
    "Non esiste la gente furba.Esistono gli stupidi.Senza di loro non potrei trufare nessuno"
    Qualcuno di voi ha parlato di servizi utili e inutili.Sinceramente non riesco ad immaginare tale ENORME utilita di questi servizi cosi indispensabili che ora finalmente avremo.Se ci guardiamo intorno ci renderemo conto che forse 80% delle cose che compriamo e riempiono le nostre case sono di dubia utilita.
    Non credo a cio che dice The Maty.Tutta questa gente non andrebbe a casa.Puo lavorare facendo qualcosa di utile pero e molto meno faticoso inventare una robaccia spaciarla per utile e buona che impegnarsi sul serio.Pero cosi orniamo al discorso degli imbecili.Sono loro che rendona la robaccia utile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MadMax
    > Si parla nella notizia di probabili trufe,di
    > spam,inganni e cosi via.Mi vengono in mente
    > le parole di un grande trufatore.
    > "Non esiste la gente furba.Esistono gli
    > stupidi.Senza di loro non potrei trufare
    > nessuno"
    E qui hai ragione. Però, perdonami, io non dico di truffare, ma esiste anche un limite alla tutela della gente idiota....
    Se pensi di comprare a 200.000 un anello d'oro a 18K dato per valore di 5.000.000 non so se sono più io che truffo o tu che sei idiota a crderci.... (è un esempio estremo, penso che il concetto sia chiaro...)

    > Qualcuno di voi ha parlato di servizi utili
    > e inutili.Sinceramente non riesco ad
    > immaginare tale ENORME utilita di questi
    > servizi cosi indispensabili che ora
    > finalmente avremo.Se ci guardiamo intorno ci
    > renderemo conto che forse 80% delle cose che
    > compriamo e riempiono le nostre case sono di
    > dubia utilita.

    Qui, purtroppo, hai perfettamente ragione...

    > Non credo a cio che dice The Maty.Tutta
    > questa gente non andrebbe a casa.Puo
    > lavorare facendo qualcosa di utile pero e
    > molto meno faticoso inventare una robaccia
    > spaciarla per utile e buona che impegnarsi
    > sul serio.Pero cosi orniamo al discorso
    > degli imbecili.Sono loro che rendona la
    > robaccia utile.

    Infatti, ma chi ci vuoi fare, se la gente preferisce avre il super-mega impianto stereo o il telefonino dell'ultima generazione per chattare e salta un pasto al giorno ? Perdonami, ma se sono un imprenditore, vado dove ho più business....
    ...più business vuol dire più soldi, più gente che lavora, che ha più soldi da spendere....e la spirale continua....
    non+autenticato
  • .... è possibile impostare come numero di provenienza una stringa qualsiasi.....
    Se ciò che fa fede è il numero di telefono e non il PIN number della scheda che ha mandato l'SMS di risposta.... prevedo una serie di belli scherzetti che qualcuno potrebbe avere in mente di fare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: l<MCfc>
    > .... è possibile impostare come numero di
    > provenienza una stringa qualsiasi.....

    questa e' roba da hacker e probabilmente linux lo fa gia' ora guardo nella woody!!!
    non+autenticato
  • Ha-ha. Fai proprio ridere.

    Cmq non è roba da "accher", quel che voleva dire il tipo sopra (non ricordo il nik!!) è che basta inviare un messaggio da quei siti che permettono di impostare il numero del mittente (con un nome ma naturalmente anche con un numero) per inviare messaggi spam che rimandano ai servizi di cui si parla nell'articolo.
    non+autenticato
  • Anche grazie alle dritte di Punto Informatico, ci difenderemo bene da questi nuovi rischi.

    Se useremo il passaparola ci salveremo da queste truffe telematiche.
    non+autenticato
  • C'è gente pagata per trovare queste nuove forme di business, si mira al fatto di creare nuove esigenze a chi di problemi ne ha già. Tra l'altro si basa sull'inganno tipo i banner con la finestra di Windows!! Ma vi rendete conto che siamo tutti imbecilli secondo questa gente. Ma non si possono pagare persone che creino servizi veramente utili?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    > C'è gente pagata per trovare queste nuove
    > forme di business, si mira al fatto di
    > creare nuove esigenze a chi di problemi ne
    > ha già. Tra l'altro si basa sull'inganno
    > tipo i banner con la finestra di Windows!!
    > Ma vi rendete conto che siamo tutti
    > imbecilli secondo questa gente. Ma non si
    > possono pagare persone che creino servizi
    > veramente utili?

    Non è un problema di utilità, ma di redditività. Ti viene in mente che tanti servizi di fatto inutili nascono (post induzione del loro bisogno) per creare business (molto + redditizio ), che genera altro business e così via ?
    In mezzo a tutto questo business, quanta gente ci lavora (e porta a casa la pappa, per intendersi...)
    In fondo, sono centinaia di posti di lavoro.
    Certo, sarebbe più semplice azzerare tanti servizi inutili e demolire tutto il castello. Quanta gente va a casa ?
    E' un po' come chi paga per andare in palestra a "muoversi" e va a lavorare in motorino. Andasse a lavorare in bicicletta risparmierebbe.....
    ...o no ?
    non+autenticato
  • > Non è un problema di utilità, ma di
    > redditività. Ti viene in mente che tanti
    > servizi di fatto inutili nascono (post
    > induzione del loro bisogno) per creare
    > business (molto + redditizio ), che genera
    > altro business e così via ?
    > In mezzo a tutto questo business, quanta
    > gente ci lavora (e porta a casa la pappa,
    > per intendersi...)
    > In fondo, sono centinaia di posti di lavoro.
    > Certo, sarebbe più semplice azzerare tanti
    > servizi inutili e demolire tutto il
    > castello. Quanta gente va a casa ?
    > E' un po' come chi paga per andare in
    > palestra a "muoversi" e va a lavorare in
    > motorino. Andasse a lavorare in bicicletta
    > risparmierebbe.....
    > ...o no ?
    l'economia di mercato non si fonda proprio su questo ??? una grandissima "illussione" che STRANAMENTE funziona...
    mahhh...
    ;-0)

    non+autenticato
  • - Scritto da: blah
    ]zac[
    > l'economia di mercato non si fonda proprio
    > su questo ??? una grandissima "illussione"
    > che STRANAMENTE funziona...
    > mahhh...
    > ;-0)

    Sul funziona c'e' molto da discutere, funziona anche perche' i costi di certe operazioni ricadono verso altri o vengono nascosti.
    Per esempio immaginiamo che tutti quelli che producono e consumano un bene paghino completamente i costi nascosti.
    Ad esempio il mercato dell'auto e l'inquinamento, la rottamazione, utilitarie a 50mila euro, benzina a 5 euro .... invece adesso i costi vengono pagati da altri, nel futuro magari ...
    non+autenticato
  • > Sul funziona c'e' molto da discutere,
    > funziona anche perche' i costi di certe
    > operazioni ricadono verso altri o vengono
    > nascosti.
    ovviamente...
    ;-0)
    specialmente ci sono alcuni costi che SEMBRANO ricadere su qualcuno, mentre REALMENTE ricade su qualcun'altro...
    ;-0)

    > Per esempio immaginiamo che tutti quelli che
    > producono e consumano un bene paghino
    > completamente i costi nascosti.
    hai voglia...

    > Ad esempio il mercato dell'auto e
    > l'inquinamento, la rottamazione, utilitarie
    > a 50mila euro, benzina a 5 euro .... invece
    > adesso i costi vengono pagati da altri, nel
    > futuro magari ...
    tanto peggio di adesso non puo andare no ??? il futuro non puo essere peggiore o si ???
    ;-0)
    non+autenticato
  • - Scritto da: blah
    ]zac[
    > > Per esempio immaginiamo che tutti quelli
    > che
    > > producono e consumano un bene paghino
    > > completamente i costi nascosti.
    ]zac[
    > tanto peggio di adesso non puo andare no ???
    > il futuro non puo essere peggiore o si ???
    > ;-0)

    Puo' e di molto, l'economia dei paesi industriali e' pesantemente legata al consumismo, allo spreco, ad andare sempre al massimo, allo scaricare i costi su altri.
    E' come cercare di disintossicare un drogato, se non e' venuto il momento, se non c'e' il modo e la motivazione giusta e' molto probabilmente meglio lasciare che si droghi.
    non+autenticato
  • >> tanto peggio di adesso non puo andare no ???
    >> il futuro non puo essere peggiore o si ???
    >> ;-0)
    > Puo' e di molto, l'economia dei paesi
    > industriali e' pesantemente legata al
    > consumismo, allo spreco, ad andare sempre al
    > massimo, allo scaricare i costi su altri.
    e fino a quando questo andra avanti ???...no, io credo che non manca molto al limite estremo (fra 50 anni circa) superiore...e poi probabilmente si assistera ad una discesa alla grande...almeno inzialmente...

    > E' come cercare di disintossicare un
    > drogato, se non e' venuto il momento, se non
    > c'e' il modo e la motivazione giusta e'
    > molto probabilmente meglio lasciare che si
    > droghi.
    ;-0)
    prima o poi dovra smettere no ??? altrimenti si uccidera da solo no ???
    ;-0)
    non+autenticato


  • - Scritto da: blah
    >
    > e fino a quando questo andra avanti
    > ???...no, io credo che non manca molto al
    > limite estremo (fra 50 anni circa)
    > superiore...

    50 anni?! Io pensavo parecchio meno...
    non+autenticato
  • > l'economia di mercato non si fonda proprio
    > su questo ??? una grandissima "illussione"
    > che STRANAMENTE funziona...
    > mahhh...
    > ;-0)
    >
    E allora ?
    Scusamo, ma non ti ho capito.... davvero !
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)