Videogiochi come la droga?

Preoccupa in Oriente il fenomeno del multiplayer gaming online: in Corea i ?malati? sarebbero il due o tre per cento. Il mercato, però, non sembra preoccuparsene troppo

Seoul (Corea del Sud) - Il multi-player gaming su Internet inizia a preoccupare diversi paesi asiatici. Gli analisti del settore, nonché i mass media, sembrano confrontarsi ogni giorno sempre di più con un fenomeno che, almeno da come viene descritto, sta trasformando gli appassionati in veri e propri drogati del videogioco. La Corea del Sud è rimasta colpita da quella che viene considerata l'ultima vittima di StarCraft, videogioco strategico-spaziale dal grande successo. Un ragazzo di 28 anni è deceduto per un attacco di cuore dopo aver giocato incessantemente per 50 ore, limitandosi a lasciare la postazione di gioco solo per qualche sonnellino e il bagno.

Secondo le ultime indagini di mercato, però, solo 1 o 2 per cento dei gamer online coreani soffrirebbe di reale dipendenza. Un dato che però ha allarmato lo stesso il Governo, che ha già in progetto di finanziare cure specializzate presso alcune cliniche e attivare un confronto con gli sviluppatori per la realizzazione di alert o sistemi che contengano l'intrattenimento smisurato.

Segnali che sono stati percepiti anche dalla Hanbit Soft, il distributore di StarCraft, già intenzionata ad organizzare incontri per sensibilizzare i videogiocatori sui possibili effetti collaterali del "gaming abuse".
Va detto che non solo in Asia aumentano le preoccupazioni. Basti ricordare che già nel 2002 anche in Italia il SERT aveva messo in cura ben 12 hard-core gamer - definizione coniata per coloro che superano le 20 ore mensili di gioco. In Corea gli hard-core gamer rappresenterebbero almeno il 30 per cento degli appassionati, stando ai dati ufficiali. Le aziende del settore, comunque, hanno sempre voluto sottolienare che il campione rappresenta solo una minima parte della community, e che non si tratta di un fenomeno in espansione. Gli stessi legislatori non sembrano essere interessati ad intervenire duramente. Anche perché in Asia, secondo IDC, il mercato online dei videogiochi sta diventando economicamente sempre più strategico. Nel 2004 è stato stimato un fatturato di 1,1 miliardi di dollari; la crescita media fino al 2008 sarà di circa il 19%.

Potrebbe trasformarsi in un boomerang politico intervenire nel settore: la Corea del Sud rappresenta il più grande mercato nell'area con 397 milioni di dollari fatturati nel 2004. Al secondo posto l'arrembante Cina che, dopo aver scalzato Taiwan, ha toccato quota 298 milioni di dollari, sempre nel 2004.

Proprio il regime pechinese, apparentemente preoccupato dai possibili effetti della cosiddetta "dipendenza", ha deciso di intervenire direttamente sullo sviluppo dei nuovi giochi, proponendo alle software house di limitare nei loro titoli il sistema di evoluzione dei personaggi basato sull'esperienza. In pratica una delle principali motivazioni che spingono gli utenti a investire tanto tempo nelle sessioni di gioco: ogni azione operata dal proprio alter-ego incrementa i cosiddetti punti EXP, utili per migliorare le caratteristiche o acquisire nuovi poteri.

"Questo potrebbe bloccare i comportamenti di alcuni hard-core gamer, ma certamente non risolve tutti i problemi; si dovrebbe intervenire con misure diverse", ha dichiarato Dick Wei, analista di JP Morgan.

Taipei, proprio come Pechino, ha deciso di non rendere possibile l'apertura degli Internet Café vicino alle scuole. Inoltre, i minori di 15 anni devono essere obbligatoriamente accompagnati e le strutture disporre di appositi cartelli che ricordano i possibili effetti collaterali alla vista e alle articolazioni per le troppe ore passate seduti. In Cina è invece vietato l'ingresso in questi locali ai minori di 18 anni.

Ma ogni iniziativa, comunque, non sembra essere presa troppo sul serio, visti i fatturati in ballo. All'inizio di settembre lo stesso esercito di Singapore aveva permesso ad un uomo di ritardare il servizio militare a causa di un suo impegno in un importante competizione di videogiochi. Se l'industria di videogiochi è strategica per il paese, la regola sembra essere quella di favorire in ogni modo l'interesse diffuso.

Il Giappone, pioniere del comparto, non pare soffrire particolarmente il problema dell'hard core gaming online, anche perché gli appassionati di videogiochi in media preferiscono consumare le proprie sessioni, con le console, in solitudine, a casa, e senza connettersi al Web. "Ci sono stati pochi casi gravi con le console, anche perché la tipologia di giochi disponibile è diversa; quelli online procedono in tempo reale e hanno bisogno di molto tempo", ha spiegato Hirokazu Hamamura, presidente di Enterbrain, editore di una delle più importanti riviste giapponesi di videogiochi.

Square Enix, sviluppatore locale, comunque, ha deciso di inserire nelle confezioni alert cartacei per informare i clienti dei possibili effetti del troppo gioco. "E' evidente che non si tratta di un problema legato a singole realtà, ma di una questione che nei prossimi anni riguarderà sempre di più l'intera community online", ha dichiarato Yoichi Wada, alto dirigente della Compagnia. "In una società wired queste cose non potranno che succedere sempre; ma non possono essere risolte singolarmente dalle sole aziende coinvolte. Dovranno riguardare sia la società che l'intero settore".

Qualcuno ha già intuito l'importanza del fenomeno dei videogiochi nella società, come la Michigan State University, che ha inaugurato un corso di laurea specialistico in "Game design and development" o la Notthingham University, che ha portato avanti ricerche sugli effetti benefici del gaming.

Dario d'Elia
75 Commenti alla Notizia Videogiochi come la droga?
Ordina
  • ...ma io, che ho comunque non disdegno qualche partita ogni tanto, ne ho provati un po' (questo a dire il vero no), ma non sono mai stato capace di passare piu' di uno o due ore al massimo. Non e' che i personaggi in questione abbiano giocato troppo poco a carte?
    non+autenticato
  • http://www.americasarmy.com/

    È gratis, esiste per Win, Linux e Mac... è uno spasso ma le partite durano in media 10 minuti l'una... se arrivi alla fine o sei un vigliacco o sei veramente bravo.
    Agli inizi muori dopo 1 minuto di gioco senza nemmeno sapere come è successo... poi piano piano, partita dopo partita, diventi più capace, impari a nasconderti, ad appostarti, a sgusciare fra le pallottole che fischiano a destra e a sinistra (l'effetto è veramente bello)... e il gioco incomincia a durare 2 minuti... poi 3... poi 4... poi 8.
    Ci sono naturalmente missioni semplici e complesse, e c'è anche il medico che può curarti... quando non te l'ammazzano prima.

    Comunque, dicevo... è un bel gioco, difficile ma molto divertente e le partite durano poco ed è forse la cosa migliore... tu muori però puoi comunque vedere come se la cava la tua squadrà finché dura la partita. La brevità delle partite ti permette di fare una giocata veloce per rilassarti senza dover stare sempre appiccicato al monitor a difendere la tua "roba virtuale" come in Ogame... la partita dura in media 10 minuti, una volta finita non ci sono altre preoccupazioni... se vuoi fai una nuova giocata e altrimenti fai quello che ti pare... non ci sono legami.

    Un'ultima cosa... è vero che la partita dura poco... però è anche vero che ci si può giocare all'infinito perché non c'è limite al numero di partite che si può intraprendere quindi suppongo esistano casi di dipendenza anche con questo gioco... ma del resto tutto può creare dipendenza quindi è inutile incolpare i giochi.

    Io ci ho giocato un po'... ero capace di passarci ore e di incazzarmi ed innervosirmi come una biscia quando qualche maledetto mi ammazzava a 10 secondi dall'inizio del gioco... però poi come per ogni gioco mi stanco e lo metto da parte, è successo con americasarmy, con ogame e con molti altri.
    Gli unici giochi che sono riuscito a completare perché non mi stancavano erano quei bei giochini 2D di una volta, le avventure monoutente punta e clicca come Day of The Tentacle, Monkey Island, Zack McKracken, Indiana Jones e così via... per quei giochini provavo una vera passione... anche oggi, con tutto il 3D che si spreca nei nuovi giochi, non ce né uno che mi piaccia come quei bei disegnetti quasi stilizzati di 10/15 anni fa, sono tutti divertenti e carini all'inizio... ma non so... quasi vuoti nello spirito.
    Di giochi belli che mi ricordo posso citare Ken Commander, Bash, Test Drive 3, Lotus, Stunt Driver... chissà... forse non è colpa dei nuovi giochi... forse ero semplicemente io che allora sapevo divertirmi. Di TD3 mi ricordo che era un bellissimo gioco di guida a 3D simulato, certo... in confronto a quelli di oggi è pietoso... ma allora era semplicemente magnifico... aveva persino la pioggia che picchiettava sul vetro e mi dava veramente l'impressione di guidare. Lotus... con la sua modalità multiutente (2 utenti con la stessa tastiera), giocavo io e mio fratello che immancabilmente vinceva (non sono mai stato bravo con i giochini di auto), poi Ken e Bash... uccidere mostri, evitarli... tutto in 2D... ci giocavo per ore.... e che dire di Decathlon, il mio primo gioco in assoluto su MSX... impiegava 3 minuti interi per caricarsi da quella cassetta e poi ci giocavi per ore semplicemente perché non volevi dover aspettare altri tre lunghi minuti a sentire il mangiacassette fischiare e brontolare.

    Quei bei giochini 2D continuo a tenerli e ad eseguirli di tanto in tanto sotto Linux con ScummVM (almeno quelli punta e clicca) e altri emulatori, oramai conosco la loro soluzione, ma è sempre bello rivederli e giocare un po' con loro... quasi a tornare 14enne e riuscire ancora a divertirmi con qualche cosa. Ma chissà... si è ragazzi una volta sola... forse crescendo si dimentica come si fa a divertirsi... o almeno questo vale per me... per gli altri non so.

    Gli altri giochi passano, li provi, ti diverti per una settimana forse e poi li butti... ma quei giochini vecchi no... quelli li tengo, non sono nemmeno più giochi... sono simboli... simboli di qualcosa che forse è andato perduto... il saper divertirsi con le cose semplici ed intelligenti... o forse semplicemente "il saper divertirsi".

    ==================================
    Modificato dall'autore il 17/09/2005 3.11.05
    non+autenticato
  • Cos'è? Il Libro Cuore? A bocca aperta
    non+autenticato
  • 8) Io invece ho una semi dipendenza per Quake 3.. sono quasi 3 anni che ci gioco e non riesce a stancarmi..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >Ficoso Io invece ho una semi dipendenza per Quake 3..
    > sono quasi 3 anni che ci gioco e non riesce a
    > stancarmi..

    Oh è pazzesco quake 3 lo preferisco a molti giochi attuali.
    Solo qualche gioco quake 3 based lo eguaglia.
    E dire che anni fa ero un patito di Doom 1 e quando uscì quake 1 scrissi sui forum: eh ma quake fa schifo è molto meglio il caro vecchio doom.
    non+autenticato
  • Provate nwn e non proverete altro. E' spettacolare,gratis ed ogni shard ha una storia a se.Personalmente consiglio questa

    http://ardemor.rpg-x.com

    Buon gameOcchiolino
    non+autenticato
  • Io son diventato dipendente ad un altro loro gioco, Pangya, lo gioco da mesi ormaiSorride Chissa' se qui lo conosce qualcuno? A fine agosto hanno aperto l'iscrizione al betatesting della versione americana, occasione che ovviamente non mi son lasciato sfuggireA bocca aperta

    Varthall
    non+autenticato
  • Io, cinque anni fa, ho giocato ad Half Life per 78 ore consecutive!! Mi fermavo solo per lavarmi la faccia e fare i bisognini.Al termine della sessione, ero completamente allucinato, credevo di essere a Black Mesa!! Per una settimana mi sono rinchiuso nell'armadio, perchè credevo che i militari mi venissero a prendere e mi usassero come cavia!!! Sono letteralmente impazzito, e un giorno ho aggredito uno al bar, perchè credevo che fosse il G-man.Mi hanno ricoverato in una clinica, dove mi hanno fatto riscoprire l'amore per la vita sociale, le gare in bicicletta e il profumo dell'erba.Però quasi quasi, ora faccio una partita ad Half Life 2.

    Girolamo
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Io, cinque anni fa, ho giocato ad Half Life per
    > 78 ore consecutive!! Mi fermavo solo per lavarmi
    > la faccia e fare i bisognini.Al termine della
    > sessione, ero completamente allucinato, credevo
    > di essere a Black Mesa!! Per una settimana mi
    > sono rinchiuso nell'armadio, perchè credevo che i
    > militari mi venissero a prendere e mi usassero
    > come cavia!!! Sono letteralmente impazzito, e un
    > giorno ho aggredito uno al bar, perchè credevo
    > che fosse il G-man.Mi hanno ricoverato in una
    > clinica, dove mi hanno fatto riscoprire l'amore
    > per la vita sociale, le gare in bicicletta e il
    > profumo dell'erba.Però quasi quasi, ora faccio
    > una partita ad Half Life 2.
    >
    > Girolamo

    Che sadicoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Che ne dite di OGame? www.ogame.it

    Personalmente gioco dal 27 luglio e ritengo che abbia influenzato di parecchio la mia vita. Ora ho iniziato a lavorare e sono riuscito a ridurne l'abuso... ma é costantemente nei miei pensieri, é un gioco che va avanti anche se sei offline... se non mandi a spasso la tua flotta di navi stellari e le tue risorse e non controlli il tuo account ogni mezz'ora rischi che quando ti logghi dopo qualche ora, il tuo pianeta sia stato razziato e la flotta distrutta. E' un gioco di pianificazione pura, se non pianifichi i tuoi pianeti e i movimenti delle tue flotte (per non lasciarle "parcheggiate sul pianeta, alla mercé di flotte nemiche) per la notte, durante le tue assenze, weekend e uscite varie rischi veramente di subire di brutto attacchi nemici...

    Certo, é un gioco ma in molti mi hanno attaccato alle 04:30 del mattino... c'é gente che sei sveglia apposta o che sta sveglia di notte x questo gioco...

    personalmente lo ritengo una droga e sto cercando di moderarne l'uso. Ma penso sia difficile per molti riuscire a controllarsi.

    La cura migliore é troncarne l'uso. Infatti prima o poi farò un attacco suicida e distruggerò tutta la mia flotta, che ho costruito in così tanto tempo... é l'unico modo per disintossicarmi completamente.

    I giochi di ruolo sono sempre stati pericolosi -a mio avviso- per questo motivo... E poi ci sono giochi migliori...

    Half Life 2, Counterstrike, Battlefield ecc. bene o male ti spari 2 orette di fila di pura azione e poi non ti preoccupi più...

    OGame invece crea una vera e propria preoccupazione, come se fosse una "creatura" alla quale prestare seria attenzione...

    Sconsiglio a chiunque d'iniziare a giocare. Ho già convinto una dozzina di persone ad iniziare, che ora sono nella mia allaenza. Certo sono amici reali coi quali mi diverto a parlare del gioco, ma mi ritengo parzialmente responssabile della loro dipendenza... Triste

    -DaDude
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che ne dite di OGame? www.ogame.it

    ma è gratuito?
    non+autenticato
  • Se ti senti così colpevole non potevi dire la stessa cosa evitando di citare il gioco, di commentarlo nel gameplay e ti piazzare anche l'url in cima al messaggio ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Se ti senti così colpevole non potevi dire la
    > stessa cosa evitando di citare il gioco, di
    > commentarlo nel gameplay e ti piazzare anche
    > l'url in cima al messaggio ?

    ma poi cosa diceva, scusa?

    state lontani da quel gioco, ma non posso dirvi il nome, nè commentare il gameplayA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Che ne dite di OGame? www.ogame.it

    Se programma come scrive dico male
    non+autenticato
  • bha io gioco da luglio e ogni 2 giorni ci sono i nerdazzi che mi attaccano alle 5 del mattino...io li compatisco porelli, fancazzisti e/o frustrati...e' un gioco, mi distruggono la flotta? amen la rifaccio...io non faccio mai fleetsaving... ^_^
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > bha io gioco da luglio e ogni 2 giorni ci sono i
    > nerdazzi che mi attaccano alle 5 del mattino...io
    > li compatisco porelli, fancazzisti e/o
    > frustrati...e' un gioco, mi distruggono la
    > flotta? amen la rifaccio...io non faccio mai
    > fleetsaving... ^_^

    Io sono anche peggio di te Sorride Ho fatto che non farne di astronavi.... Imbarazzato

    Il mio pianeta e' una piccola istrice di cannoni e lanciamissili, aspetto che le flotte delle 5 di mattina a forza di schiantarsi contro le mie difese mi permetta di fare la luna A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)