Internet, il nuovo spettro sono le droghe

Non solo pedoporno. Secondo uno studio ONU la rete è ormai ampiamente utilizzata da grandi e piccoli trafficanti di droga. Posta elettronica, chat room nascoste o protette, internet café sono strumenti abusati dai criminali

Internet, il nuovo spettro sono le drogheVienna - C'è allarme per l'uso della rete da parte di grandi e piccoli trafficanti di droga. Un allarme lanciato dalla "International Narcotics Control Board" (INCB), l'organismo delle Nazioni Unite dedicato proprio allo studio del fenomeno a livello internazionale.

Stando al Rapporto annuale 2001 dell'INCB, la rete viene ampiamente sfruttata dalle organizzazioni criminali ad ogni livello. "INCB - hanno dichiarato i funzionari dell'osservatorio - è particolarmente preoccupata che paesi senza una legislazione adeguata relativa ai crimini tecnologici possano diventare nuovi santuari" per i trafficanti.

Uno dei problemi centrali emersi nel Rapporto è quello di sempre: le carenze del diritto internazionale nel caso di azioni investigative che devono toccare paesi diversi, e dunque operare nell'ambito di diverse legislazioni o in paesi con i quali le polizie che investigano non hanno rapporti diretti e nei quali non è possibile contare su una fattiva collaborazione antidroga.
Gli strumenti utilizzati dalle organizzazioni criminali sono la posta elettronica, naturalmente, ma anche web e chat room private, basate su server casuali in rete che gli esperti dell'INCB descrivono come "protette da firewall inaggirabili" da parte delle forze di polizia.

Un problema a parte sono anche i molti siti "improvvisati farmacie" che vendono in rete medicinali a mezzo mondo anche quando questi richiederebbero la prescrizione medica. Una questione che da tempo è sul tappeto e al centro di iniziative di repressione negli Stati Uniti e che ha avuto due momenti di grande rilievo: nei primi tempi della diffusione del Viagra e, dopo l'11 settembre, nella diffusione di Cipro, antibiotico spacciato come "preventivo" per eventuali attacchi bioterroristici.

Il rapporto affronta anche la situazione nei singoli paesi, ognuno con le sue particolarità. Per esempio nella Repubblica Ceca si parla di contatti tra trafficanti e spacciatori che avvengono online negli internet café o attraverso telefoni cellulari. E il web verrebbe utilizzato da società olandesi per vendere semi di canapa e derivati in tutto il mondo.
TAG: cybercops
48 Commenti alla Notizia Internet, il nuovo spettro sono le droghe
Ordina
  • "FORTI EMOZIONI CAUSANO GROSSI SCOMPENSI NELLE MENTI DEBOLI"

    provate a riflettere su questo...xche` alla fine la psicologia (anche la + spicciola) si basa tutto su questo...
    partendo da questo viene logico pensare che il problema sta` nella formazione che 1ha ricevuto da bambino/ragazzo/uomo!!!

    se si ha avuto la fortuna d`avere attorno a se persone,chiamiamole positive,che han fatto si che nascesse nell`essere 1proprio senso critico,1proprio modo di ragionare del tutto privo di preconcetti,ma che si basi esclusivamente su "cio` che e`"che molti usano chiamare BUON SENSO!!!!

    tutto cio` e` applicabile in qualunque campo della vita umana xche` porta l`essere a nn temere cio` che nn conosce(xche` conscio del fatto che puo` essere male come puo` essere bene,dipende da troppi fattori)
    ma ad approffondire!l`approfondimento porta alla conoscenza,e sino a prova contraria la conoscienza e` potere(e` sempre stato cosi`)
    resta il fatto che bisogna saperla usare "a modo",o mejo in maniera positiva....

    e quindi:internet,le droghe,le leggi,le persone,la fusione atomica,e tutto cio` che c circonda,nn sono ne` bene ne` male....dipende dal loro utilizzo!!!!

    morale?nn c sono + le mezze stagioni(???)
        
    non+autenticato
  • ci passano tutti.

    E allora e' come se sul giornale scrivessero: Le strade: il nuovo spettro sono le droghe.

    Ovvio che gli sfruttatori,ladri,spacciatori utilizzano la strada, e ora anche internet... non e' cambiato assolutamente niente da prima.
    non+autenticato


  • - Scritto da: ggg

    > E allora e' come se sul giornale
    > scrivessero: Le strade: il nuovo spettro
    > sono le droghe.
    >

    Hai ragione! Chiudiamotutte le strade! A bocca aperta
    non+autenticato
  • E' come per la prostituzione: ci sono cose a cui l'uomo non rinuncera' mail, allora perche' non ammetterlo e regolarizzarlo ???
    non+autenticato


  • - Scritto da: Caine
    > E' come per la prostituzione: ci sono cose a
    > cui l'uomo non rinuncera' mail, allora
    > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo ???


    APPROVO !!
    :)))))
    non+autenticato
  • > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo ???

    perchè se una cosa è sbagliata non si legalizza. se un giorno fosse comune l'omicidio o lo stupro, lo legalizzeresti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vertigo
    > > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo
    > ???

    > perchè se una cosa è sbagliata non si
    > legalizza. se un giorno fosse comune
    > l'omicidio o lo stupro, lo legalizzeresti?

    Vogliamo essere coerenti ???

    Va bene: allora rendiamo illegali anche caffe', the, alcolici, psicofarmaci, sciroppi (alcuni),
    cioccolato e tutte le altre sostanze che possono indurre dipendenza psicologica o provocare alterazioni nel sistema neuro vegetativo.
    non+autenticato
  • > Va bene: allora rendiamo illegali anche
    > caffe', the, alcolici, psicofarmaci,
    > sciroppi (alcuni),
    > cioccolato e tutte le altre sostanze che
    > possono indurre dipendenza psicologica o
    > provocare alterazioni nel sistema neuro
    > vegetativo.

    caffè, thè e cioccolato? ma cosa hai fumato per dire 'ste cose?

    Per quanto riguarda gli psicofarmaci si dovrebbe rendere illegale il consumo non autorizzato dal medico.
    Alcolici? nessuno ti dice che ti devi ubriacare, e gli esperti dicono che un bicchiere di vino fa bene. il discorso droghe è diverso. la sigaretta, come la maria o l'eroina, fa male sempre e comunque, qualunque sia la dose. s'è una certa differenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: vertigo

    Scusa se non ti rispondo in dettaglio, ma ne stiamo parlando anche due righe piu' sotto e non mi va di ripetere tutto; ti andrebbe, eventualmente, di rispondermi li'.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Caine
    > - Scritto da: Vertigo
    > > > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo
    > > ???
    >    
    > > perchè se una cosa è sbagliata non si
    > > legalizza. se un giorno fosse comune
    > > l'omicidio o lo stupro, lo legalizzeresti?
    >
    > Vogliamo essere coerenti ???
    >
    > Va bene: allora rendiamo illegali anche
    > caffe', the, alcolici, psicofarmaci,
    > sciroppi (alcuni),
    > cioccolato e tutte le altre sostanze che
    > possono indurre dipendenza psicologica o
    > provocare alterazioni nel sistema neuro
    > vegetativo.

    Mi dispiaci ma le possibilità sono solo 2:
    - o sei un fattone e quindi vuoi la droga legalizzata
    - oppure non hai la minima idea di cosa sia la droga... Cristo, non è come il cioccolato, e nemmeno come l'alcool... Chiaro, anche l'alcool fa danni, ma con la droga è una merda assurda... Tiri 1 grammo di cocaina e ne vuoi 2, ne tiri 2 e ne vuoi 4, 4 e ne vuoi 10... Ti prende, è buona la droga!!! Non vuoi più smettere!!! Almeno con l'alcool a un certo punto ti fermi di sicuro... E non puoi paragonare gli effetti di una sbronza agli effetti della mescalina o dell'lsd!!! Dai... Basta...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Vertigo
    > > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo
    > ???
    >
    > perchè se una cosa è sbagliata non si
    > legalizza. se un giorno fosse comune
    > l'omicidio o lo stupro, lo legalizzeresti?
    Omicidio e stupro sono atti di violenza verso un'altra persona.
    Agendo, limiti la libertà altrui.
    Se uno si vuole drogare, invece, non lede nessun diritto di un'altro.
    Gli unici diritti che ledono i drogati, sono i danni che provocano con la microcriminalità dovuta non alla droga, ma al proibizionismo, e i soldi illeciti con cui foraggiano le organizzazioni criminali, anche questi frutto non della droga in se, ma del proibizionismo che la circonda.
    IMHO, hai fatto un'esempio che non stà nè in cielo, nè in terra
    non+autenticato
  • - Scritto da: l<MCfc>
    ?
    > Omicidio e stupro sono atti di violenza
    > verso un'altra persona.
    > Agendo, limiti la libertà altrui.
    > Se uno si vuole drogare, invece, non lede
    > nessun diritto di un'altro.
    > Gli unici diritti che ledono i drogati, sono
    > i danni che provocano con la
    > microcriminalità dovuta non alla droga, ma
    > al proibizionismo, e i soldi illeciti con
    > cui foraggiano le organizzazioni criminali,
    > anche questi frutto non della droga in se,
    > ma del proibizionismo che la circonda.

    I tossico dipendenti alla stessa stregua degli
    al colizzati non debbano possedere
    patente di guida e
    porto d'armi

    saluti
    pino pallino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino Pallino
    > - Scritto da: l<MCfc>

    > I tossico dipendenti alla stessa stregua
    > degli
    > al colizzati non debbano possedere
    > patente di guida e
    > porto d'armi

    Tossico Dipendenti... Quindi solo gli eroinomani !
    non+autenticato


  • - Scritto da: Caine
    > E' come per la prostituzione: ci sono cose a
    > cui l'uomo non rinuncera' mail,

    > allora
    > perche' non ammetterlo e regolarizzarlo ???

    Io la vedo diversamente.
    Non ci rinuncerà mai? Allora cerchiamodi arginare il fenomeno, anzichè cercare di eliminarlo.


    Invece di condannarlo, cerchiamo di disincentivarlo.

    Es. tasse del 200% sulla marjuana. Licenza di spararea vista sui contrabbandieri ^__^

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)