La Cina s'inventa le Notizie Sane

Pechino impone ulteriori restrizioni agli utenti Internet, mentre si accinge ad erigere l'ennesimo muro telematico: i giornali online potranno pubblicare solo notizie approvate dal Governo

Pechino - Il governo cinese attua l'ennesimo giro di vite contro la libertà di stampa. Cosa resterà dell'Internet cinese, sempre più controllata e limitata ora che gli alti funzionari della burocrazia pechinese hanno annunciato la nascita di una piattaforma telematica nazionale per coordinare la copertura giornalistica dei fatti d'attualità?

Le testate online, così come i loro collaboratori, dovranno chinarsi all'imperativo dell'interesse nazionale: qualsiasi intervento giornalistico verrà filtrato secondo questo unico criterio: "Non sarà possibile pubblicare notizie ed informazioni che vadano contro l'interesse pubblico", dichiarano gli addetti stampa di Xinhua, braccio informativo del governo cinese. La funzione della stampa telematica verrà ridotta alla circolazione di "notizie sane e civilizzate, benefiche per il progresso della nazione e per lo sviluppo economico-sociale", conclude il comunicato ufficiale.

La manovra varata dal ministero per l'informazione di Pechino è solo l'ultimo passaggio di una arcinota politica liberticida nei confronti dei nuovi media. Mentre un altro pezzo dell'Internet cinese si scioglie in un labirinto di sofisticate tecnologie censorie, le grandi aziende occidentali continuano imperterrite ad investire nel mercato dell'informazione del colosso asiatico: il caso più esemplare è dato dallo scandalo che ha coinvolto Yahoo!, trascinando l'azienda in un turbine di polemiche.
Negli ultimi mesi persino il magnate dell'informazione Rupert Murdoch è stato costretto a "scremare" l'offerta televisiva satellitare destinata alla Cina: tutti i canali di BBC, emittente pubblica britannica, sono stati messi al bando per aver trasmesso uno speciale sulle carceri cinesi.

"Fare affari in Cina e sviluppare Internet per democratizzarla? Mi spiace, ma non è così che funziona", sostiene Julien Pain, portavoce di Reporters Sans Frontieres. Ed è proprio RSF ad essersi proiettata in prima linea per sostenere blogger e cyberdissidenti in tutto il mondo, con la pubblicazione di un manuale pratico per scrittori "scomodi".

Il timore più grande e più diffuso è che il binomio tra tecnologia occidentale ed ideologia cinese possa partorire un inquietante futuro per le telecomunicazioni mondiali: con oltre 100 milioni di utenti Internet, la Repubblica Popolare Cinese conterà al più presto su una quota di mercato gigantesca, capace di schiacciare Europa ed America.

Le particolarissime politiche di controllo sociale vigenti in Cina potranno così influenzare lo sviluppo dell'Internet del futuro: il Taipei Times, pubblicazione di Taiwan che segue da vicino l'evoluzione della new economy cinese, conferma ad alta voce questo rammarico. "Internet cambierà la Cina? No, la Cina cambierà Internet", si legge nel titolo di un articolo riguardo il caso Yahoo!. E mentre la Commissaria Europea per la Società dell'Informazione, Vivianne Reding, sostiene di "non avere alcuna intenzione di regolamentare Internet", il virus della censura sistematica continua a crescere indisturbato dall'altra parte del mondo.

E' troppo presto per un "allarme pandemia"? Auguriamoci di si.

Tommaso Lombardi
TAG: censura
52 Commenti alla Notizia La Cina s'inventa le Notizie Sane
Ordina
  • "La funzione della stampa telematica verrà ridotta alla circolazione di notizie sane e civilizzate, benefiche per il progresso della nazione e per lo sviluppo economico-sociale".


    Giustissimo! Così le telecamere lavoreranno a servizio delle persone migliori e non dei delinquenti, dei ladri, dei pedofili, dei recchioni, etc... etc...

    Speriamo che presto si avveri anche qui da noi, ne guadagneremo tutti in salute!

    non+autenticato
  • Andate a vedere Vivazapatero al cinema, in quei pochi non boicottati che lo danno..
    Poi ricordate che con la nuova legge sulla pedofilia ...i filtri messi nei provider per gestire le Blacklist riguardanti i siti "pedofili" e fate conto che il nostro governo si sta già attrezzando tecnicamente...

    Come si dice prove tecniche di regime.

    Comprate materiale Wireless, presto avremmo la rete istituzionale di regime e la rete del popolo... fin quando la "legge mammi" non regolerà le frequenze... come successe dopo le radio libere.
    non+autenticato
  • secondo me, è impossibile che sul lungo periodo l a cina riesca a mantenere il controllo sulle libertà
    ogni giorno un numero crescente di "nuovi ricchi" cinesi fa affari con l'estero
    e afacendo affari si conoscono altri modi di vivere e la domanda spontanea è "io adesso ho i soldi, voglio anch'io in patria poter...."

    solo che non so se:
    1) i buro-patriarchi cinesi stanno cercando di mantenere la presa su una situazione ormai inarrestabile, cercando di ritardare l'inevitabile
    2) gli stessi sono molto cinici ma abili (o viceversa come si preferisce) e stanno cercando di evitare l'effetto-Russia ovvero la cadita del comunismo senza prima l'istaurazione del capitalismo

    quello che temo è un aumentare della tensione interna che porterà a rivolte violente, e/o a crisi di rigetto nel "nostro" mondo di tutto quello che è cinese con fenomeni di razzismo, appoggio a politici xenofobi e aumento della tensione tra mondo occidentale e cinese.
    ci siamo scampati la terza guerra mondiale tra USA e URSS per siudicio di questo. Ci toccherà quest'altra possibilità?

  • - Scritto da: ishitawa
    > secondo me, è impossibile che sul lungo periodo l
    > a cina riesca a mantenere il controllo sulle
    > libertà
    > ogni giorno un numero crescente di "nuovi ricchi"
    > cinesi fa affari con l'estero
    > e afacendo affari si conoscono altri modi di
    > vivere e la domanda spontanea è "io adesso ho i
    > soldi, voglio anch'io in patria poter...."
    >
    > solo che non so se:
    > 1) i buro-patriarchi cinesi stanno cercando di
    > mantenere la presa su una situazione ormai
    > inarrestabile, cercando di ritardare
    > l'inevitabile
    > 2) gli stessi sono molto cinici ma abili (o
    > viceversa come si preferisce) e stanno cercando
    > di evitare l'effetto-Russia ovvero la cadita del
    > comunismo senza prima l'istaurazione del
    > capitalismo
    >
    > quello che temo è un aumentare della tensione
    > interna che porterà a rivolte violente, e/o a
    > crisi di rigetto nel "nostro" mondo di tutto
    > quello che è cinese con fenomeni di razzismo,
    > appoggio a politici xenofobi e aumento della
    > tensione tra mondo occidentale e cinese.
    > ci siamo scampati la terza guerra mondiale tra
    > USA e URSS per siudicio di questo. Ci toccherà
    > quest'altra possibilità?

    Forse la terza guerra mondiale servirebbe davvero, una guerra e' un po' come rimescolare il sacchetto della tombola o come rimescolare il mazzo, escono sempre numeri migliori.
    non+autenticato

  • > Forse la terza guerra mondiale servirebbe
    > davvero, una guerra e' un po' come rimescolare il
    > sacchetto della tombola o come rimescolare il
    > mazzo, escono sempre numeri migliori.

    Il problema è questo: con le armi che abbiamo adesso, dubito che usciranno ancora dei numeri......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Forse la terza guerra mondiale servirebbe
    > > davvero, una guerra e' un po' come rimescolare
    > il
    > > sacchetto della tombola o come rimescolare il
    > > mazzo, escono sempre numeri migliori.
    >
    > Il problema è questo: con le armi che abbiamo
    > adesso, dubito che usciranno ancora dei
    > numeri......

    6...
    6...
    6...

    Indiavolato
    non+autenticato
  • "Non sarà possibile pubblicare notizie ed informazioni che vadano contro l'interesse pubblico"

    Per fortuna qui in Italia va meglio: i nostri governanti mostrano che è possibilissimo agire contro l'interesse pubblico e senza essere perseguitati.

    Viva l'Itaglia In lacrime

    Mic
    non+autenticato
  • questo forum dimostra che Italia checchè se ne dica si può comunque smepre dire ciò che si pensa, ma in Cina no. In goni caso filosofi del passato dissero, Se vuoi la pace preparati alla guerra.

    Oggia diamo troppe cose per scontate solo perchè acquisite ma non è così.

    La libertà è una bene che deve essere voluto da tutti e non solo da alcuni, in molti paesi non esiste, da noi in molti sono morti per la libertà e altri muoiono tutti i giorni per essa. pensare che esisterà sempre come la pace è pura illusione. La pace unilaterale non esiste, pretenderla in quanto oggi ci si illude di averla e non essere realisti e viaggiare con il paraocchi.

    Eliminiamo gli USA e non avremmo la pace.
    Eliminiamo Berlusconi e Blair e non avremmo la pace.

    Apriamo gli occhi. il problema del mondo è l'uomo, tutto, non solo alcuni. L'Italia è al dimsotrazione di come le cose non vadano in ogni settore, enti pubblici spreconi, dipendenti assenteisti, o anche nel settore privato che non lavorano ma chattano per 6 ore su 8, poi si lamentano dello stipendio basso, delle aziende che chiudono di qaunto guadagnano gli altri, ma mai di quanto gli altri lavorano, di come siamo intolleranti, maleducati anche sulla strada, prepotenti, pretenziosi, VIZIATI, mia figlia lavora troppo, è pagata poco, non deve fare questo o quello....

    un ragazzo di 18 anni che mi dice: io per meno di 1500 euro al mese netti manco mi alzo dal letto....

    risposta: che sai fare?

    risposta del ragazzo: di questo lavoro niente ma sono qui per imparare.

    risposta: impara a lavorare e poi chiedi quello che vuoi.

    Così viziati che chi è morto per la pace e la libertà oggi si rigirerà nella tomba nel vedere cosa siamo diventati.

    DECADENTI
    non+autenticato
  • Ragazzi, che fine ha fatto www.tmcrew.org?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)