Wikipedia supera l'esame boicottaggio

L'enciclopedia libera è affidabile? Funziona? Un noto giornalista statunitense mette alla prova le dinamiche della cosiddetta intelligenza collettiva. Risultati eccellenti

New York (USA) - Il modello di enciclopedia libera creata dagli utenti, reso celebre da Wikipedia, è stato messo sul banco di prova da A.J. Jacobs, saggista di fama ed esperto di cultura popolare per quotidiani come il New York Times. L'idea di Jacobs era di verificare l'attendibilità di Wikipedia, messa in dubbio dalla possibilità che qualsiasi persona possa modificarne i contenuti.

Il risultato è stato più che soddisfacente: Jacobs ha dimostrato che una pubblicazione, volutamente sbagliata, è stata corretta in pochissimo tempo. Una magia? No, è una dimostrazione che nella sua semplicità conferma l'attuale status dei processi di intelligenza collettiva: le nuove forme d'interazione, di creazione del consenso e di comunicazione sbloccate dalle tecnologie digitali sembrano funzionare.

Jacobs ha lasciato che la fervida comunità di Wikipedia elaborasse e rivedesse una bozza di testo ricca d'inesattezze. In breve tempo, l'articolo in questione è stato completato ed arricchito di uno stile di scrittura incalzante e fluido. Nel giro di 48 ore dalla sua prima apparizione, il brano è stato modificato quasi 400 volte.
Gli innumerevoli autori di Wikipedia, sostiene Jacobs, non sono soltanto eterogenei ed innovativi, ma anche assolutamente veloci e precisi nella creazione di informazioni corrette. Il wiki-articolo di Jacobs verrà pubblicato, così com'è nella sua forma finale, su Esquire, pubblicazione cartacea specializzata in costume, moda e società contemporanea.

Jim Wales, fondatore di Wikipedia, pensa che si tratti di "una dimostrazione grandiosa" delle potenzialità della sua creatura. "Guardiamo le statistiche: gli errori fattuali vengono corretti nel giro di pochi minuti", esulta Wales. Il problema più grande che rende potenzialmente inattendibili le informazioni divulgate dalle piattaforme digitali collaborative è proprio quello dell'affidabilità. Lo stesso problema che molti attribuiscono al software open-source, altro esempio di processo creativo collettivo.

Sebbene la libertà di poter intervenire sui contenuti di Wikipedia apra le porte ad una quantità infinita di dettagli e contributi, il punto di forza di questo progetto scopre il fianco ad ogni tipo di revisionismo, disinformazione e propaganda politica. "L'importante è avere una comunità di utenti abbastanza grande, varia ed attiva", spiega Wales. Solo questa àncora di salvataggio permette a Wikipedia di contare su un buon grado d'autorevolezza.

Per il momento Wikipedia, disponibile anche nella versione italiana, tiene testa alla concorrenza della prestigiosa Encyclopaedia Britannica e di Microsoft Encarta: l'enciclopedia digitale gratuita, autosussistente ed autogestita, è riuscita a produrre oltre due milioni d'articoli tradotti in oltre 100 idiomi - un vero record.

Tommaso Lombardi

Sulla storia e lo sviluppo di Wikipedia vedi anche l'intervista a Wales di recente pubblicata da Punto Informatico
93 Commenti alla Notizia Wikipedia supera l'esame boicottaggio
Ordina
  • In Conclusion http://www.gamblinggames877.com/ gambling sites previous lawsuits http://www.gamblingonlineodf.com/ online gambling sites although it is a fool who http://www.gamblingsitesitt.com/ gamble online guys. You may be http://www.internetgambling884.com/ online gambling sites for real money company added the sam's town http://www.slotroulettetgb.com/ roulette online chinese astrology, the dragon .
    non+autenticato
  • Wikipedia è di proprietà di un miliardario che ha tutti i diritti sugli articoli pubblicati. Un giorno, quando Wikipedia sarà diventata un prodotto valido a tutti gli effetti, questo individuo la metterà a pagamento ringraziando con chicchiere i migliaia di autori che l'hanno fatta crescere e lucrando sul bisogno di sapere dell'uomo contemporaneo.

    Wikipedia è un progetto che deve essere fermato. Ma non per la validità del progetto in sè, ma per l'individuo che c'è dietro.
    non+autenticato
  • Be... bella minchiata che hai scrittoSorride

    Peccato che ogni articolo sia sotto la Gnu Free Documentation License:

    http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Be... bella minchiata che hai scrittoSorride
    >
    > Peccato che ogni articolo sia sotto la Gnu Free
    > Documentation License:
    >
    > http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html

    e cosa credi che sia la Gnu Free Documentation License? Te lo dico io... fumo!

    ricorda amico, in nessunissima parte del mondo puoi vincere una causa portando un documento senza firma classica o digitale

    ma avete mai notato su sourgeforce che fine fanno il 90% dei progetti appena raggiungono la versione 1.0? Te lo dico sempre io... diventano commerciali!!!

    poveri ingenui Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Wikipedia è di proprietà di un miliardario che ha
    > tutti i diritti sugli articoli pubblicati.

    AHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHAHAH GRANDE! RIDICOLO! AHAHAHAHAHAH

    Bene, anche oggi due risate alle spalle del troll di turno.
    non+autenticato
  • Si certo, infatti sto pagando fior di quattrini per navigare con Opera 8.5 e Firefox 1.0.7, nonchè per OpenOffice DUE BETA!

    Tutti progetti che dopo la versione 1.0 sono diventati.. COMMERCIALI!
    non+autenticato

  • > Wikipedia è un progetto che deve essere fermato.
    > Ma non per la validità del progetto in sè, ma per
    > l'individuo che c'è dietro.

    certo certo, non sei tu che sei paranoico, sono gli altri che tramano contro di te
    non+autenticato
  • c'è un altro interessante test fatto da IBM qui
    http://researchweb.watson.ibm.com/history/index.ht...
    che arriva alle stessa conclusioni dell'articolo.
    non+autenticato
  • mi chiedevo...

    esiste una versione scaricabile in modo da poterla usare anche quando non posso collegarmi ad internet?

    ho cercato su wikipedia, ma non ho trovato nulla..

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > mi chiedevo...
    >
    > esiste una versione scaricabile in modo da
    > poterla usare anche quando non posso collegarmi ad internet?
    >
    > ho cercato su wikipedia, ma non ho trovato nulla..

    Basta scaricarla con uno spider, ma mi pare che la versione inglese abbia qualche terabyte...
    non+autenticato
  • la versione tedesca è stata distribuita su CD (+ di 1, suppongo)
    non ho i riferimenti; l'ho letto in http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia
    non+autenticato
  • Per la versione offline è necessario scaricare un po' di programmi:
    *Mediawiki
    *MySQL
    *Apache
    *PHP
    Le istruzioni per l'installazione e l'uso le puoi trovare qui:
    http://meta.wikimedia.org/wiki/Help:Installation

    Per il momento questo è l'unico modo per avere una versione offline equivalente a quella online. In futuro verranno sicuramente distribuiti, anche in Italia, versioni in DVD (in Germania sono già in distribuzione) supportotate da un semplice wiki-reader.

    non+autenticato
  • NON USARE SPIDER se non vuoi che la proverbiale lentezza dei server aumenti a dismisura...

    il dump del database è disponibile su http://download.wikimedia.org
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > NON USARE SPIDER se non vuoi che la proverbiale
    > lentezza dei server aumenti a dismisura...
    >
    > il dump del database è disponibile su
    > http://download.wikimedia.org

    Che si può usare, volendo, anche senza installare i software legati al progetto (a parte le dimensioni del relativo file XML).
    non+autenticato
  • al di la' del fatto che wikipedia imho contiene molte inesattezze, incompletezze e faziosità, credo che concentrare il sapere nel mondo nella creatura di Jim Wales rappresenterebbe l'ennesima dimostrazione che centinaia di anni di storia non ci hanno insegnato niente
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > al di la' del fatto che wikipedia imho contiene
    > molte inesattezze, incompletezze e faziosità,
    > credo che concentrare il sapere nel mondo nella
    > creatura di Jim Wales rappresenterebbe l'ennesima
    > dimostrazione che centinaia di anni di storia non
    > ci hanno insegnato niente

    un'affermazione basata sul nullaSorride

    affidabilissimoSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > al di la' del fatto che wikipedia imho
    > contiene molte inesattezze, incompletezze
    > e faziosità, credo che concentrare il sapere
    > nel mondo nella creatura di Jim Wales
    > rappresenterebbe l'ennesima dimostrazione
    > che centinaia di anni di storia non
    > ci hanno insegnato niente

    Ok, se domani chiudono improvvisamente tutte le case editrici che fanno enciclopedie, smettono di produrre libri di testo scolastico e tutti si mettono a scrivere e leggere o scrivere su wikipedia mi preoccupo anche io.
    Fino ad allora mi sembra solo che chi fa affermazioni come le tue sia un estremista delirante.
    non+autenticato
  • A parte che dicendo "comunismo" e "mostro" ti sei assicurato dei sostenitori gratis.

    Mi spieghi che cosa hai detto? Magari con qualche ragione.
    Sennò il gioco non funziona appena uno accende il cervello.

  • - Scritto da: Anonimo
    > al di la' del fatto che wikipedia imho contiene
    > molte inesattezze, incompletezze e faziosità,
    > credo che concentrare il sapere nel mondo nella
    > creatura di Jim Wales rappresenterebbe l'ennesima
    > dimostrazione che centinaia di anni di storia non
    > ci hanno insegnato niente


    se è vero allora viva il comunismo... grazie marx che ci hai portato wikipedia!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > se è vero allora viva il comunismo... grazie marx
    > che ci hai portato wikipedia!


    ah dimenticavo... ora vado subito ad aggiornare la pagina di marx specificando che è lui l'ideatore di wikipedia... i capitoli mancanti del capitale erano certamente dedicati alla nostra enciclopedia preferita.
    non+autenticato
  • E' una affermazione assurda!
    Poveretto,i mass media ti hanno fatto del male!!!
    Se fosse anche vero(cosa che non riesco a concepire perchè priva di senso) è sempre meglio che un totalitarismo unilaterale della cultura da parte della destra!
    Se non lo sai ai tempi di mussolini si erano addirittura inventati un modo di parlare al popolo,allora viva Dio se la cultra è comunista!!!
    non+autenticato
  • "Mostro del comunismo"...A bocca apertaA bocca aperta ah, ah, ah!!

    Certa gente è peggio dei cani di Pavlov in quanto a riflessi condizionati.

    Te lo dico da amico (o da genitore, se preferisci): fatti curare perchè, imho, potresti diventare pericoloso.Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > al di la' del fatto che wikipedia imho contiene
    > molte inesattezze, incompletezze e faziosità,
    > credo che concentrare il sapere nel mondo nella
    > creatura di Jim Wales rappresenterebbe l'ennesima
    > dimostrazione che centinaia di anni di storia non
    > ci hanno insegnato niente

    che dire ad un commento del genere? .... povero a te...
    non+autenticato
  • tutto ciò che gira intorno al mondo Wiki-Linux-Open Source-firefox è comunista. Il succo sta tutto qui.
    In fondo usare un software o un altro diventerà una scelta di campo nei prossimi mesi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > tutto ciò che gira intorno al mondo
    > Wiki-Linux-Open Source-firefox è comunista. Il
    > succo sta tutto qui.
    > In fondo usare un software o un altro diventerà
    > una scelta di campo nei prossimi mesi.

    Ma scusa QNX secondo te che "bandiera politica Rotola dal ridere" ha .... E Beos ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)