Estonia, pochissimi votano via Internet

Si chiudono le urne in Estonia, dove i cittadini hanno votato per la prima volta grazie ad un sistema telematico. Scarsa la partecipazione online. Troppe diffidenze, commentano gli esperti

Tallin - Circa seimila cittadini della fredda Estonia sono entrati nella storia per avere utilizzato il voto elettronico nel corso d'una consultazione elettorale di rilevanza nazionale. Sono pochi, pochissimi, persino per la piccola ex repubblica sovietica, neomembro dell'Unione Europea: solo l'1% degli elettori ha utilizzato Internet per esprimersi sulla nascita di nuove amministrazioni locali, forti di una recente riforma elettorale che guarda al futuro.

Il battesimo del fuoco per questo nuovo strumento di partecipazione democratica è stato un flop? Le istituzioni estoni, pronunciatesi in una nota ufficiale rilasciata alle agenzie, sono sicure di no. I risultati sarebbero brillanti ed abbastanza incoraggianti ? dicono - da spingere ulteriormente l'uso dell'e-vote anche in altri paesi, come Francia e Stati Uniti.

Ma la diffidenza, si ammette, è grande. Avrebbe infatti tenuto alla larga molti cittadini, timorosi di una possibile scarsa affidabilità delle tecnologie informatiche dedicate al voto. Mihkel Pilving, capo della commissione elettorale del parlamento estone, rimane fiducioso e spera in un futuro fatto - dice - di meno pregiudizi. Molti, peraltro, continuano a puntare il dito sull'insicurezza dei sistemi informativi telematici: le rassicurazioni delle autorità non sono bastate a convincere gli estoni ad abbandonare le tradizionali schede di carta.
Il sistema di voto via Internet messo a punto dall'Estonia si basa sulle carte d'identità elettroniche, obbligatorie dal 2002: inserite in un apposito lettore, le tessere permettono di esprimere la propria preferenza elettorale attraverso un'interfaccia, completamente crittografica, che porta il seggio elettorale sui monitor dei computer di casa.

Per il momento, comunque, il voto telematico sembra non avere subito di alcuna manipolazione e tutto si è svolto senza intoppi. David Wagner, esperto di sicurezza dell'Università di Berkeley, suggerisce che la presunta inespugnabilità del sistema è dovuta alla sua scarsa popolarità. "L'attenzione dei malintenzionati crescerà enormemente quando sempre più votanti ricorreranno ad Internet", commenta l'esperto.

Tommaso Lombardi
TAG: sicurezza
22 Commenti alla Notizia Estonia, pochissimi votano via Internet
Ordina
  • In Italia si sono fatte tante sperimentazioni, peccato che su Internet (sito di CNIPA e Ministero) non si parli se non di generiche sperimentazioni? Come mai nessun dettaglio tecnico?

    Vi ricordo che il buon il buon Bruce Schneier dimostra che l'unico sistema di votazione elettronica con garazie serie e' computazionalmente inpraticabile... a meno che di cadere in un protocollo con un Truster... ma di chi vi fidereste voi in Italia? Sorride Io di nessuno!
    non+autenticato
  • Voto elettronico: forse tra mille anni!
    Ancora troppi troppi malintenzionati si trovano sulla Terra!!!

    P.S. Forse gli svizzeri potrebbero fare qualche piccola prova di voto elettronico, visto che sono passati circa 300 anni dall' ultima guerra svizzera.....
  • specie dopo aver visionato questo video, mi viene proprio da credere nel voto elettronico e sui vantaggi che ne ritrae chi fa politica, in special modo un certo tipo di politica...

    visionatelo perchè è veramente interessante.
    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/artic...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > specie dopo aver visionato questo video, mi viene
    > proprio da credere nel voto elettronico e sui
    > vantaggi che ne ritrae chi fa politica, in
    > special modo un certo tipo di politica...
    >
    > visionatelo perchè è veramente interessante.
    > http://www.luogocomune.net/site/modules/news/artic

    Mi spiace, io faccio parte dell' italia digital divided by troncazzo provera, mi fate un sunto veloce?
  • Nel 2000 Bush vinse le elezioni grazie alla Florida, lo stato che era rimasto in bilico fino all'ultimo, e che valeva appunto un numero sufficiente di delegati per assicurarsi la Casa Bianca. Una cosa simile si è ripetuta nel 2004, con l'Ohio a fare da ago della bilancia, finendo anch'esso per una manciata di voti - 51% a 49% - nelle tasche dei repubblicani. In ambedue i casi si è vociferato, nemmeno tanto sommessamente, di frodi elettorali.

    Nella Florida soprattutto, sono ancora in corso decine di cause intentate da interi quartieri di neri che, vuoi perchè la scheda non gli è mai arrivata, ...

    ... vuoi perchè i loro seggi obbligavano a disagi di ogni tipo, non sono riusciti a votare (contro Bush, ovviamente).

    In Ohio invece la vox-populi ha parlato di macchinette truccate, visto che si era passati al sistema computerizzato, ed in effetti il distacco negli exit-poll, che davano Kerry ormai sicuro vincitore, con quel miracoloso sorpasso all'ultimo minuto da parte di Bush, non è mai stato spiegato da nessuno. Almeno non fino ad oggi.

    Massimo Mazzucco

    Scarica qui il filmato.

    nel filmato si vede il programmatore che sotto giuramento dichiara alla corte di aver costruito un programma che ribalta, ovviamente a favore del candidato Bush, i voti destinati a Kerry.

    °*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
    Da notare invece che da noi, in caso di voti destinati a prodi poi convertiti per berlusconi, in qualsiasi caso se non ci si da una vigorosa svegliata unanime, si riamalgama la merda che già da 5 anni puzza...
    non+autenticato
  • > °*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
    > Da notare invece che da noi, in caso di voti
    > destinati a prodi poi convertiti per berlusconi,
    > in qualsiasi caso se non ci si da una vigorosa
    > svegliata unanime, si riamalgama la merda che già
    > da 5 anni puzza...

    Cosa cambierebbe: tu voti per uno str0nz0 ed il software lo converte a favore di un p3zz0 di m3rd4....e secondo te un tale software sbaglierebbe?
    Io dico che a sbagliare sono quei 4 c0gli0n1 che sono andati a votare per mortazza alle primarie: che popolo di buoi siamo!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > °*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
    > > Da notare invece che da noi, in caso di voti
    > > destinati a prodi poi convertiti per berlusconi,
    > > in qualsiasi caso se non ci si da una vigorosa
    > > svegliata unanime, si riamalgama la merda che
    > già
    > > da 5 anni puzza...
    >
    > Cosa cambierebbe: tu voti per uno str0nz0 ed il
    > software lo converte a favore di un p3zz0 di
    > m3rd4....e secondo te un tale software
    > sbaglierebbe?
    > Io dico che a sbagliare sono quei 4 c0gli0n1 che
    > sono andati a votare per mortazza alle primarie:
    > che popolo di buoi siamo!

    guarda che erano convinti di scegliere chi buttare fuori dalla casa del grande bordello...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Nel 2000 Bush vinse le elezioni grazie alla
    > Florida, lo stato che era rimasto in bilico fino
    > all'ultimo, e che valeva appunto un numero
    > sufficiente di delegati per assicurarsi la Casa
    > Bianca. Una cosa simile si è ripetuta nel 2004,
    > con l'Ohio a fare da ago della bilancia, finendo
    > anch'esso per una manciata di voti - 51% a 49% -
    > nelle tasche dei repubblicani. In ambedue i casi
    > si è vociferato, nemmeno tanto sommessamente, di
    > frodi elettorali.
    >
    > Nella Florida soprattutto, sono ancora in corso
    > decine di cause intentate da interi quartieri di
    > neri che, vuoi perchè la scheda non gli è mai
    > arrivata, ...
    >
    > ... vuoi perchè i loro seggi obbligavano a disagi
    > di ogni tipo, non sono riusciti a votare (contro
    > Bush, ovviamente).
    >
    > In Ohio invece la vox-populi ha parlato di
    > macchinette truccate, visto che si era passati al
    > sistema computerizzato, ed in effetti il distacco
    > negli exit-poll, che davano Kerry ormai sicuro
    > vincitore, con quel miracoloso sorpasso
    > all'ultimo minuto da parte di Bush, non è mai
    > stato spiegato da nessuno. Almeno non fino ad
    > oggi.
    >
    > Massimo Mazzucco
    >
    > Scarica qui il filmato.
    >
    > nel filmato si vede il programmatore che sotto
    > giuramento dichiara alla corte di aver costruito
    > un programma che ribalta, ovviamente a favore del
    > candidato Bush, i voti destinati a Kerry.

    Thanks

    >
    > °*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
    > Da notare invece che da noi, in caso di voti
    > destinati a prodi poi convertiti per berlusconi,
    > in qualsiasi caso se non ci si da una vigorosa
    > svegliata unanime, si riamalgama la merda che già
    > da 5 anni puzza...

    Già
  • No, grazie. Non sono scemo.
    Credo che la democrazia debba essere
    considerata ancora una cosa seria.
    Voto digitale solo se fatto con sistemi aperti,
    trasparenti, sicuri, tutte cose che non
    appartengono al dizionario della microsoft.

    Piuttosto di votare col sw di mr gates
    faccio mille km e torno al paesello.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > No, grazie. Non sono scemo.
    > Credo che la democrazia debba essere
    > considerata ancora una cosa seria.
    > Voto digitale solo se fatto con sistemi aperti,
    > trasparenti, sicuri, tutte cose che non
    > appartengono al dizionario della microsoft.
    >
    > Piuttosto di votare col sw di mr gates
    > faccio mille km e torno al paesello.
    >

    Anche se in maniera trollosa, hai espresso comunque un comune sentire. Se sapessi che il sistema bancario, ad esempio, si reggesse su piattaforme Windows, mi tremerebbero le ginocchia. E se sapessi che la democrazia e affidata agli stessi sistemi che si craccano con un grissino, smetterei di dormire la notte.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo

    > smetterei di dormire la notte.


    Per così poco? Proprio adesso che fra qualche mese cambiamo Baffino con Baffone?

    non+autenticato
  • > Se sapessi che il
    > sistema bancario, ad esempio, si reggesse su
    > piattaforme Windows, mi tremerebbero le
    > ginocchia.

    Spesso è così A bocca aperta
    In molte banche è rimasto solo il mainframe centrale non microsoft, il resto (sportelli bancomat inclusi) sono Windows. In qualche banca addirittura il datacenter è tutto Microsoft... Tanto per ricarare la dose, ci sono anche banche in cui, pur usando Unix, è quello di mamma Microsoft, Xenix.

    Naturalmente praticamente ogni istituto di credito fa storia a sè, ne troverai anche alcuni in cui Windows o Microsoft proprio non ci sono, a parte forse qualche PC con Office o con un'emulazione di terminale su mainframe.

    Linux cmq in questi ambienti non l'ho mai visto A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Se sapessi che il
    > > sistema bancario, ad esempio, si reggesse su
    > > piattaforme Windows, mi tremerebbero le
    > > ginocchia.
    >
    > Spesso è così A bocca aperta
    > In molte banche è rimasto solo il mainframe
    > centrale non microsoft, il resto (sportelli
    > bancomat inclusi) sono Windows. In qualche banca
    > addirittura il datacenter è tutto Microsoft...
    > Tanto per ricarare la dose, ci sono anche banche
    > in cui, pur usando Unix, è quello di mamma
    > Microsoft, Xenix.
    >
    > Naturalmente praticamente ogni istituto di
    > credito fa storia a sè, ne troverai anche alcuni
    > in cui Windows o Microsoft proprio non ci sono, a
    > parte forse qualche PC con Office o con
    > un'emulazione di terminale su mainframe.
    >
    > Linux cmq in questi ambienti non l'ho mai visto
    >A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta

    non so dove lavori tu...
    ma qui i bancomat sono Linux embedded,
    come è freeBSD il datacenter (anche il data-annex)
    ci sono poche copie di window2000 xkè dobbiamo mantenere la compatibilità con gli altri, ma a parte quelle...OpenOffice è ovunque...

    per quello che ci riguarda, ovviamente.
    non+autenticato
  • > parte quelle...OpenOffice è ovunque...
    >
    > per quello che ci riguarda, ovviamente.

    E bravo l'illuminato cantinaro che diffonde il cancro (open offis) anche nella P.A.
    non+autenticato
  • > sistemi che si craccano con
    > un grissino, smetterei di dormire la notte.

    e' tua? bellissima.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > sistemi che si craccano con
    > > un grissino, smetterei di dormire la notte.
    >
    > e' tua? bellissima.

    Grazie, grazie (inchino) A bocca aperta

    Dallo stesso autore delle ripassate alle pubblicità MS.

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1153...
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1164...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > [..] agli stessi sistemi che si craccano con
    > un grissino, [..]

    Questa è ottima... Rio Acaro?

  • - Scritto da: Anonimo
    > No, grazie. Non sono scemo.
    > Credo che la democrazia debba essere
    > considerata ancora una cosa seria.
    > Voto digitale solo se fatto con sistemi aperti,
    > trasparenti, sicuri, tutte cose che non
    > appartengono al dizionario della microsoft.
    >
    > Piuttosto di votare col sw di mr gates
    > faccio mille km e torno al paesello.

    Il backend e' basato su Linux:

    http://www.statesman.com/business/content/business...
    11237