P2P, major bloccate in Francia

Storica decisione quella del Garante francese: i produttori non potranno utilizzare sul P2P strumenti automatici di identificazione dei pirati. Le major - dice il Garante - non possono sostituirsi all'autorità giudiziaria

P2P, major bloccate in FranciaParigi - Ha l'aria di una decisione storica quella assunta dalla Commission Nationale de l'Informatique et de la Liberté (CNIL), decisione secondo cui la privacy degli utenti internet vale ancora qualcosa, quantomeno più delle preoccupazioni delle major dell'audiovisivo e, in particolare della "Société des Auteurs, Compositeurs et Editeurs de Musique" (SACEM), della "Société pour l'administration du Droit de Reproduction Mécanique" (SDRM), della "Société Civile des Producteurs Phonographiques" (SCPP) e della "Société civile des Producteurs de Phonogrammes en France" (SPPF). Non a caso della questione in queste ore stanno parlando molto blog e forum transalpini.

In sostanza, la CNIL ha negato ai detentori dei diritti la possibilità di inviare un avvertimento automatico personalizzato agli utenti peer-to-peer coinvolti in operazioni che l'industria considera illegali. Un giochino che contava sul coinvolgimento dei provider affinché questi inoltrassero via email il "warning" all'utente individuato grazie al suo IP.

Secondo CNIL, i produttori non possono rivolgersi ai provider per chiedere loro di associare IP e nome-utente per due diverse ragioni.
La prima è che al provider non può essere richiesto di inviare messaggi "didattici" ai propri utenti, laddove lo stesso provider non dovrebbe conoscere nemmeno cosa gli utenti fanno sulle proprie reti né è tenuto a conservare i dati di accesso ad internet, ovvero i log necessari al funzionamento del giochino.
La seconda è che la Corte Costituzionale francese già nel 2004 ha determinato che l'unica a poter associare IP e nome-utente è, in caso di bisogno, l'autorità giudiziaria.

Ma non è tutto qui: come rilevano alcuni siti francesi in queste ore, CNIL ha anche negato all'industria la legittimità dell'utilizzo di dispositivi-spia sulle reti del peer-to-peer, pensati per ricercare e conservare i dati delle operazioni condotte online dagli utenti, associando veri e propri log a numeri IP. Misure che secondo CNIL non sono affatto proporzionate alle finalità, quelle cioè di denunciare utenti coinvolti in attività di condivisione illegale.

Secondo la CNIL, infatti, non sono strumenti che hanno come scopo la realizzazione di azioni legali limitate alla lotta antipirateria ma dispositivi che possono portare "alla raccolta massiva di dati sulle singole persone" e, ancor peggio, "permettere il monitoraggio continuo e completo delle reti di scambio-file peer-to-peer.

Il Garante ha negato l'autorizzazione all'attivazione di questi strumenti anche perché non si limitano a sondare gli utilizzi eventualmente illeciti degli strumenti informatici per la condivisione di file protetti ma monitorano tutti gli utilizzi, compresi quelli che riguardano altri file.
87 Commenti alla Notizia P2P, major bloccate in Francia
Ordina
  • Continuate a condividere tutto il possibile tramite p2p e lasciate perdere le polemiche... l'importante è avere sempre più fonti da cui scaricare!!!
    non+autenticato
  • Non ci sono primi ministri padroni indiscussi di
    assicurazioni, finanziarie, reti televisive, distribuzione
    cinematografica e musicale, testate giornalistiche...
    E non ci sono politici-giullari servili che sono capaci
    di svendere la mamma per un seggio...
    E non ci sono caste sacerdotali dalla "mente" ottusa
    che vivono a sbafo coi soldi dei lavoratori.
    Del resto quel paese "funziona" con un settimo delle
    leggi che sono in vigore qui in Italia.
    I francesi erano già una grande potenza quando noi
    eravamo un patchwork di ridicoli nobilotti da strapazzo
    che si fregavano a vicenda per 10 metri di terreno.
    Fate un po' voi...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I francesi erano già una grande potenza quando
    > noi
    > eravamo un patchwork di ridicoli nobilotti da
    > strapazzo
    > che si fregavano a vicenda per 10 metri di
    > terreno.
    > Fate un po' voi...

    E hanno un vero Inno Nazionale e non una marcetta
    che parla di aquile spennate e di sangue polacco...
    non+autenticato
  • Soprattutto loro non sono una colonia USA.
    non+autenticato
  • La Privacy è solo una bella parola. Siamo spiati anche dai vicini che lavorano o hanno un amico che lavora nelle Telco (WIND, TELECOM e via dicendo). E' successo a me altro che autorità giudiziaria; per non parlare degli abusi che commettono certe persone che lavorano nelle forse dell'ordine. Non dovrebbero perchè non ci sono indagini ed invece vanno a ficcare il naso per vedere gli amici ed i vicini dove navigano e cosa fanno con internet.
    Scordatevi la Privacy, i vostri vicini se hanno amici o parenti che lavorano nelle forze dell'ordine o in banca sanno anche quanto avete sui conticorrente e come li gestite; un altro caso che è succeso ad una mia amica che si è sentita dire dal vicino vita morte e miracoli del suo conto corrente ed alla fine è saltato fuori che l'indagine spia era stata fatta da un parente che lavora nelle forze dell'ordine.
    Certo non è sempre così e non si può dire che siano tutti così quelli che lavorano per le forze dell'ordine ed in banca, ma state certi che se possono spiano!!!
    Certe volte lo fanno solo per passare il tempo e per divertimento per sapere i fatti dei vicini e degli amici!
    Questa è la verità: Privacy zero!!!! Siamo in Italia!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La Privacy è solo una bella parola. Siamo spiati
    > anche dai vicini che lavorano o hanno un amico
    > che lavora nelle Telco (WIND, TELECOM e via
    > dicendo). E' successo a me altro che autorità
    > giudiziaria; per non parlare degli abusi che
    > commettono certe persone che lavorano nelle forse
    > dell'ordine. Non dovrebbero perchè non ci sono
    > indagini ed invece vanno a ficcare il naso per
    > vedere gli amici ed i vicini dove navigano e cosa
    > fanno con internet.
    > Scordatevi la Privacy, i vostri vicini se hanno
    > amici o parenti che lavorano nelle forze
    > dell'ordine o in banca sanno anche quanto avete
    > sui conticorrente e come li gestite; un altro
    > caso che è succeso ad una mia amica che si è
    > sentita dire dal vicino vita morte e miracoli del
    > suo conto corrente ed alla fine è saltato fuori
    > che l'indagine spia era stata fatta da un parente
    > che lavora nelle forze dell'ordine.
    > Certo non è sempre così e non si può dire che
    > siano tutti così quelli che lavorano per le forze
    > dell'ordine ed in banca, ma state certi che se
    > possono spiano!!!
    > Certe volte lo fanno solo per passare il tempo e
    > per divertimento per sapere i fatti dei vicini e
    > degli amici!
    > Questa è la verità: Privacy zero!!!! Siamo in
    > Italia!!!

    vicino a casa mia abita un finanziere... ogni sera torna a casa con scatoloni vari nella macchina

    ps : non sto postando da casa...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > La Privacy è solo una bella parola. Siamo spiati
    > > anche dai vicini che lavorano o hanno un amico
    > > che lavora nelle Telco (WIND, TELECOM e via
    > > dicendo). E' successo a me altro che autorità
    > > giudiziaria; per non parlare degli abusi che
    > > commettono certe persone che lavorano nelle
    > forse
    > > dell'ordine. Non dovrebbero perchè non ci sono
    > > indagini ed invece vanno a ficcare il naso per
    > > vedere gli amici ed i vicini dove navigano e
    > cosa
    > > fanno con internet.
    > > Scordatevi la Privacy, i vostri vicini se hanno
    > > amici o parenti che lavorano nelle forze
    > > dell'ordine o in banca sanno anche quanto avete
    > > sui conticorrente e come li gestite; un altro
    > > caso che è succeso ad una mia amica che si è
    > > sentita dire dal vicino vita morte e miracoli
    > del
    > > suo conto corrente ed alla fine è saltato fuori
    > > che l'indagine spia era stata fatta da un
    > parente
    > > che lavora nelle forze dell'ordine.
    > > Certo non è sempre così e non si può dire che
    > > siano tutti così quelli che lavorano per le
    > forze
    > > dell'ordine ed in banca, ma state certi che se
    > > possono spiano!!!
    > > Certe volte lo fanno solo per passare il tempo e
    > > per divertimento per sapere i fatti dei vicini e
    > > degli amici!
    > > Questa è la verità: Privacy zero!!!! Siamo in
    > > Italia!!!
    >
    > vicino a casa mia abita un finanziere... ogni
    > sera torna a casa con scatoloni vari nella
    > macchina
    >
    > ps : non sto postando da casa...

    Saranno i pornazzi copiati che sequestrano.

  • - Scritto da: Anonimo
    > La Privacy è solo una bella parola. Siamo spiati
    > anche dai vicini che lavorano o hanno un amico
    > che lavora nelle Telco (WIND, TELECOM e via
    > dicendo). .E' successo a me altro che autorità
    > giudiziaria; per non parlare degli abusi che
    > commettono certe persone che lavorano nelle forse
    > dell'ordine. Non dovrebbero perchè non ci sono
    > indagini ed invece vanno a ficcare il naso per
    > vedere gli amici ed i vicini dove navigano e cosa
    > fanno con internet.
    > Scordatevi la Privacy, i vostri vicini se hanno
    > amici o parenti che lavorano nelle forze
    > dell'ordine o in banca sanno anche quanto avete
    > sui conticorrente e come li gestite; un altro
    > caso che è succeso ad una mia amica che si è
    > sentita dire dal vicino vita morte e miracoli del
    > suo conto corrente ed alla fine è saltato fuori
    > che l'indagine spia era stata fatta da un parente
    > che lavora nelle forze dell'ordine.
    > Certo non è sempre così e non si può dire che
    > siano tutti così quelli che lavorano per le forze
    > dell'ordine ed in banca, ma state certi che se
    > possono spiano!!!
    > Certe volte lo fanno solo per passare il tempo e
    > per divertimento per sapere i fatti dei vicini e
    > degli amici!
    > Questa è la verità: Privacy zero!!!! Siamo in
    > Italia!!!

    Dico che questa gente dovrebbero espropriarla da ogni bene e buttarli in strada, cosi' hanno qualche problema a cui pensare (il posto di lavoro glielo lascio, asd).
  • Il "peggio" di tutti è il banchiere. Un banchiere che svoge ruolo di valutazione di rischio ha a disposizione un terminale con funzioni *raccapriccianti*. Lo so perché ho un amico in quella situazione. Non gli ho chiesto mai niente e anzi gli abbiamo detto di non dire una parola a nessuno di ciò che trova nel terminale. Allora... dato un nome e un cognome, ha accesso immediato senza alcuna autorizzazione all'intera vita documentale di una persona. Basta indicare il nominativo. Le informazioni a disposizione sono condivise fra tutte le banche e a quanto ho capito lì dentro arriva di tutto: i dettagli dei conti correnti posseduti, operazioni sui conti, scoperti, motivazioni, assegni, carte, mutui pagati o in corso, ecc. ecc. Ripeto: di qualsiasi banca. Di accesso immediato e senza alcuna autorizzazione da chiedere.

  • - Scritto da: jameskirk
    > Il "peggio" di tutti è il banchiere. Un banchiere
    > che svoge ruolo di valutazione di rischio ha a
    > disposizione un terminale con funzioni
    > *raccapriccianti*. Lo so perché ho un amico in
    > quella situazione. Non gli ho chiesto mai niente
    > e anzi gli abbiamo detto di non dire una parola a
    > nessuno di ciò che trova nel terminale. Allora...
    > dato un nome e un cognome, ha accesso immediato
    > senza alcuna autorizzazione all'intera vita
    > documentale di una persona. Basta indicare il
    > nominativo. Le informazioni a disposizione sono
    > condivise fra tutte le banche e a quanto ho
    > capito lì dentro arriva di tutto: i dettagli dei
    > conti correnti posseduti, operazioni sui conti,
    > scoperti, motivazioni, assegni, carte, mutui
    > pagati o in corso, ecc. ecc. Ripeto: di qualsiasi
    > banca. Di accesso immediato e senza alcuna
    > autorizzazione da chiedere.


    La banca dati si chiama CERVED
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > La Privacy è solo una bella parola. Siamo spiati
    > anche dai vicini che lavorano o hanno un amico
    > che lavora nelle Telco (WIND, TELECOM e via
    > dicendo). E' successo a me altro che autorità
    > giudiziaria;

    Bella scoperta.
    Tu quando lasci i tuoi dati ad un gestore degli stessi (compagnia telefonica, banca, supermercato...) li autorizzi al trattamento degli stessi.
    Di fatto loro hanno una banca dati con tutti i dati che hai fornito loro, ai quali aggiungono quelli che tu generi nel rapporto commerciale con loro.

    C'e' un immenso pentolone di dati.
    Io che lavoro in un posto di questi ho accesso al pentolone di dati.
    Non posso curiosare sul tuo record perche' non so chi sei, ma posso farlo per qualcuno di cui conosco il nome o il codice. Fa parte del mio lavoro gestire questi dati.

    Pero' c'e' il vincolo della riservatezza.
    Io non posso diffondere queste informazioni.

    O tu credevi che tutte le informazioni che ti riguardano stiano su un database criptato accessibile solo a dei programmi applicativi senza che vi sia possibilita' di leggere i log?

    Privacy vuol dire che le persone autorizzate a gestire i tuoi dati non li possono diffondere, non che non li possono leggere.
    non+autenticato
  • ... come godo!    p)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Santos-Dumont
    > BEN FATTO!
    >Sorride

    VIVE LA FRANCE!
    non+autenticato
  • E ancora!
    HIP HIP HURRA', CONGRATULAZIONI !
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)