Liber Liber: quando Internet significa cultura

Intervista a Marco Calvo, presidente dell'associazione che da anni rende gratuitamente disponibili online centinaia di testi della letteratura italiana. Per parlare di una delle più longeve e interessanti iniziative culturali in rete

Liber Liber: quando Internet significa culturaWeb - Liber Liber rappresenta forse meglio di tante altre esperienze sul web, Internet com'era agli inizi e contemporaneamente Internet come potrebbe essere. Non è un caso che il suo sito web sia cambiato molto poco negli anni e sia oggi molto simile a com'era nel 1995. Per tante persone giunte in rete negli ultimi anni può forse essere utile spiegare cos'è Liber Liber, cos'è il progetto Manuzio e di cosa si occupa.

Marco Calvo, presidente di Liber Liber: Il progetto Manuzio è nato sul finire del 1993 sulla scia di un'altra iniziativa simile, il progetto Gutenberg. Il nostro scopo è fondare una biblioteca accessibile gratuitamente via Internet, con libri da scaricare e leggere sul proprio computer. A differenza dei libri in carta, quelli in formato elettronico sono utili anche ai non vedenti (che possono leggerli tramite sintesi vocale o display braille) e ai portatori di handicap che non possono sfogliare un libro normale, ma possono impartire comandi a un computer (con leve speciali, pomelli o anche con comandi vocali).

Stand By: In tempi in cui tutti su Internet cercano di "fare affari" voi continuate ad inseguire l'idea di una biblioteca di testi elettronici di libera consultazione e distribuzione su Internet. Come mai?
Marco Calvo: Perché ci regala molte soddisfazioni, perché molti ci scrivono incoraggiandoci a continuare. E perché non crediamo che ogni cosa abbia il cartellino del prezzo attaccato sopra. Una convinzione che ci chiede un po ' di fatica e di tempo libero, ma vogliamo provare a dimostrarne la fondatezza in modo concreto.
SB: Quali sono stati in questi anni i riscontri che la vostra biblioteca digitale ha ottenuto in termini numerici e di gradimento?
MC: Non siamo in grado di fornire cifre esatte perché il sito Web di Liber Liber è ospitato gratuitamente (e generosamente) da uno dei principali Internet provider italiani. Così non abbiamo diretto accesso ai log del server. Abbiamo inserito comunque un piccolo contatore che ci fa ritenere che il sito sia visitato da un po ' più di 35.000 utenti/mese.
TAG: italia
5 Commenti alla Notizia Liber Liber: quando Internet significa cultura
Ordina
  • Dimenticavo di fare i complimenti a Liber Liber che seguo ormai da parecchi anni. Conservo ancora a casa i 4 floppy "adattati" a 1,44 MByte con le punzonatrici che allora raccoglievano tutti i testi messi in rete.

    Auguri e continuate così, basta che lasciate perdere le inutili battaglie contro Telecom.
    non+autenticato
  • Basta con Telecom Italia, questa è disinformazione e terrorismo. Non ce la faccio più a sentire accuse e accuse e accuse contro il monopolio e tutte le stronz*** che si dicono in giro sul conto di Telecom. Il monopolio lo vede ancora solo chi non sa più che battaglia combattere e allora torna alla questione che tiene banco da 5, 6 anni, sempre con le solite cretinate e riflessioni facili.

    E poi TI ha costruito l'intera rete telefonica italiana, una delle migliori reti del mondo, ha finanziato la ricerca (avete mai visto il CSELT?), è una delle economie trainanti del paese e voi volete che vi regali tutto, ma proprio tutto? Magari per fare cosa? Per dare ad altri ISP il diritto di spillare quattrini alla gente come è accaduto con le tariffe flat ecc. ecc.

    Mah.

    Poi, giusto per chiarire, il costo dell'affito della linea telefonica ad utente (telefonica, non ADSL) è di 13 euro in Spagna, 16 euro in Inghilterra, 13 euro in Germania e in Italia e 17 euro in Francia. Se poi andiamo sulle linee ADSL il prezzo di TI è sempre uno dei più bassi d'Europa.
    non+autenticato
  • E' una cosa bellissima, desidero saper quando , come e dove poterne usufruire.
    NB. io ho installato MS Reader, sarà possibile utilizzare questoi SW per leggere i vs. libri?
    Saluti.
    non+autenticato
  • La cultura non ha prezzo... in tutti i sensi.
    L'unico vero potere è la conoscenza non il denaro,
    ed io non posso che elogiare l'operato coerente del dott. Marco Calvo: finalmente un sito intelligente, costruttivo e profondamente utile.
    Pensiamo per esempio agli studenti oberati da zaini pieni di libri pesanti: studiando al p.c. questo problema dannoso alla salute verrebbe risolto. Inoltre tutti i professionisti che viaggiano carichi di cartelle, libri e documenti... con Liber possono consultare velocemente e subito i testi necessari economizzando il tempo e le energie.
    Congratulations!
    non+autenticato
  • grazie punto informatico! mi hai fatto conoscere dei siti e delle iniziative fantastiche; queste sono le cose che rendono grande e importante la rete, è più di un'ora che sto girando per il siti sia di laterza, che di liber liber, mi sono poi scaricato gratis due libri, e poi subito dopo deciso di iscrivermi.
    Però devo fare due considerazioni:
    1)non è vero che l'ADSL in Italia costa 10 volte l'America perchè la telecom italia la fornisce a £. 220.000 al mese con un IP statico e addirittura la concorrenza (anche se con banda garantita inferiore)la vende a meno prezzo.
    2)io credo veramente che l'iniziativa farà vendere di più i libri in formato cartaceo(infatti comprerò subito i libri che mi sono scaricati gratis)chi ama leggere può capire che significa avere sempre sottomano un libro che vuole leggere, poi nel caso del bisogno può sempre consultarlo in formato elettronico come Ipertesto.
    non+autenticato