Il Fisco francese passa ad OpenOffice

A partire dal prossimo anno l'agenzia delle imposte francese attuerà un piano che prevede la progressiva migrazione di tutti i propri PC desktop alla suite per l'ufficio OpenOffice. A farne le spese sarà MS Office. E in Australia...

Parigi - Dalla vicina Francia arrivano buone notizie per il movimento open source, decisamente meno belle per Microsoft. L'omologa francese della nostra Agenzia delle Entrate, che amministra le tasse di tutte le città e le regioni della Francia, ha annunciato l'intenzione di installare la suite per l'ufficio OpenOffice su diverse migliaia di PC.

Jean-Marie Lapeyre, chief technical officer dell'ente pubblico parigino, ha spiegato a ZDNet UK che la sua agenzia è pronta a sostituire MS Office 97 con OpenOffice in circa 80.000 computer desktop. La migrazione dovrebbe iniziare all'inizio del prossimo anno ed arrivare a compimento nell'arco di 6 mesi.

Lapeyre ha affermato che, rispetto all'aggiornamento a Office XP, l'adozione della suite open source permetterà alla propria agenzia di risparmiare quasi 30 milioni di euro: una cifra che diventerebbe ancor più consistente nel caso si considerassero i costi di aggiornamento al più recente Office 2003.
Il fisco francese ha intenzione di rimpiazzare MS Office con la sua alternativa open source in tutti i suoi PC: un'impresa che Lapeyre conta di portare a termine nell'arco di "tre anni uomo".

L'ufficio di Lapeyre sta anche considerando la possibilità di migrare i propri PC desktop a Linux: un tale progetto, come dimostra l'esperimento di Monaco di Baviera, necessita però di una pianificazione ben più lunga e accurata.

È interessante notare come il fisco d'oltralpe potrebbe anche divenire uno dei primi enti amministrativi europei ad abbracciare il nuovo formato dei documenti OpenDocument, già per altro benedetto dalla Commissione Europea.

Proprio in questi giorni un altro ente finanziario, l'Australian Taxation Office, ha annunciato l'intenzione di mettere a disposizione dei propri utenti una versione per Linux dell'Electronic Commerce Interface (ECI) Client, un'applicazione che permette a professionisti e imprese di comunicare con l'agenzia. La mossa è stata a lungo sollecitata dal Linux Users of Victoria, la più nota e attiva comunità open source australiana.
TAG: linux
118 Commenti alla Notizia Il Fisco francese passa ad OpenOffice
Ordina
  • Leggo dal testo:

    >Parigi - Dalla vicina Francia arrivano buone
    >notizie per il movimento open source,
    >decisamente meno belle per Microsoft.

    se sono brutte per MS, lo sono anche per Corel Word Perfect e altre suite per office che sono sconosciute ai piu'


    >Jean-Marie Lapeyre, chief technical officer dell'
    >ente pubblico parigino, ha spiegato a ZDNet UK
    >che la sua agenzia è pronta a sostituire MS
    > Office 97 con OpenOffice in circa 80.000
    > computer desktop.

    Lui e' pronto a installare OO, ma gli uffici sono pronti a cambiare programma.

    Molte volte assieme ad office, si usano programmi che si appoggiano a questo, molte volte passando per Access.
    questi programmi sono sviluppati da enti locali i quali non lavorano gratis, quanto costerebbe la loro conversione.

    Perche' bisogna togliere anche quello che funziona per cambiare, questo e' uno spreco (allo stesso modo dell'aggiornamento annuale di tutti i programmi quando non necessario).

    Chi di voi per una tegola rotta cambia tutto il tetto.


    >Lapeyre ha affermato che, rispetto all'aggiornamento >a Office XP, l'adozione della suite open source

    invece un aggiornamento ad openoffice graduale e quando serve costerebbe ancora meno


    >È interessante notare come il fisco d'oltralpe
    >potrebbe anche divenire uno dei primi enti
    >amministrativi europei ad abbracciare il
    >nuovo formato dei documenti OpenDocument,
    >già per altro benedetto dalla Commissione Europea.

    non conosco il fisco d'oltralpe, spero che non sia come quello italiano, altrimenti l'office e' l'ultimo problema.

    non+autenticato
  • quindi voglio Microsoft Office.
    OO2 è solamente un programma di videoscrittura degno successore del vetusto ma quantomai rimpianto dai linari Wordstar.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > quindi voglio Microsoft Office.
    > OO2 è solamente un programma di videoscrittura
    > degno successore del vetusto ma quantomai
    > rimpianto dai linari Wordstar.

    Bhe, buon office 2003... Per quanto mi riguarda openoffice fa proprio quello che mi serve A bocca aperta
    non+autenticato
  • qualità ! ahahahahaha!!!

    i vermi migliori in circolazione te li lasciamo
    tutti a te ! forse anche tu sei un animaletto che striscia, dopotutto.

    haahahahahaha!!!!
    non+autenticato
  • > rimpianto dai linari Wordstar.

    Wordstar? Mai esistito su Linux.

    Sbari balle su cose semplici come questa?
    Mi immagino il valore (nullo) della tua affermazione sula "qualità"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > rimpianto dai linari Wordstar.
    >
    > Wordstar? Mai esistito su Linux.
    >
    > Sbari balle su cose semplici come questa?
    > Mi immagino il valore (nullo) della tua
    > affermazione sula "qualità"
    Il tapino evidentemente si confonde con Wordperfect.
    Che ho avuto, WP Suite 8 per Windows, costava molto meno di Office e non lo faceva assolutamente rimpiangere.
    non+autenticato
  • ...hanno deciso di fare l'upgrade di MS Office 97, proprio come gli suggerivano le tue pubblicità, zio Guglielmino.

    No, tu non sei stato invitato, zietto.

    Sì, il Maalox è nella credenza accanto al frigo.
    non+autenticato
  • Ora il fisco potrà rubare con maggiore efficienza.
  • Al di là della storia OpenOffice vs Office, è da notare che questi utilizzano ancora Office 97, mi viene da chiedermi quanti uffici italiani usino ancora una versione di office di 8 anni fa, e quanti invece spendano milioni ogni anno per avere l'ultima versione
  • Penso che alla fine, ogni azienda valuti:
    - il costo delle licenze
    - il costo dell'eventuale aggiornamento delle macchine
    - il costo dell'eventuale formazione delle persone
    da una parte
    - i vantaggi dati dalle nuove funzioni
    - i vantaggi dati dalla "sicurezza" di un nuovo software (penso che Office 97 non fosse più supportato).
    dall'altra.

    Quando i vantaggi superano gli svantaggi, agiscono.


    Madder


  • - Scritto da: pikappa
    > Al di là della storia OpenOffice vs Office, è da
    > notare che questi utilizzano ancora Office 97, mi
    > viene da chiedermi quanti uffici italiani usino
    > ancora una versione di office di 8 anni fa, e
    > quanti invece spendano milioni ogni anno per
    > avere l'ultima versione

    a me viene da chiedermi perchè te lo chiedi, invece.
    non per prendere in giro.

    cioé intendi che secondo te fan bene quelli che cambiano (pagando profumatamente) o gli altri?

    perchè io - personalmente - sto benissimo con office97.
    il prezzo che pago aggirando i bug è ampiamente ripagato da anni e anni di servizio di una quantità incredibile di funzioni e di modularità, programmabilità, flessibilità.

    e non ho MAI visto un pareggio tra word e il suo "equivalente".
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > perchè io - personalmente - sto benissimo con
    > office97.
    > il prezzo che pago aggirando i bug è ampiamente
    > ripagato da anni e anni di servizio di una
    > quantità incredibile di funzioni e di modularità,
    > programmabilità, flessibilità.
    >
    > e non ho MAI visto un pareggio tra word e il suo
    > "equivalente".

    Puoi farmi qualche esempio pratico di quello che si può fare con Word e non con OOo Writer oppure che si può fare ma con dispendio esorbitante di risorse?

    Non è un tentativo di flame, è semplicemente che non ho praticamente mai bisogno di funzioni avanzate, se c'è qualcosa per scrivere formule matematiche avanzate sono felice - e infatti sto masochisticamente progettando di darmi completamente a LaTeX.

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: pikappa
    > > Al di là della storia OpenOffice vs Office, è da
    > > notare che questi utilizzano ancora Office 97,
    > mi
    > > viene da chiedermi quanti uffici italiani usino
    > > ancora una versione di office di 8 anni fa, e
    > > quanti invece spendano milioni ogni anno per
    > > avere l'ultima versione
    >
    > a me viene da chiedermi perchè te lo chiedi,
    > invece.
    > non per prendere in giro.
    >
    > cioé intendi che secondo te fan bene quelli che
    > cambiano (pagando profumatamente) o gli altri?
    >
    > perchè io - personalmente - sto benissimo con
    > office97.
    > il prezzo che pago aggirando i bug è ampiamente
    > ripagato da anni e anni di servizio di una
    > quantità incredibile di funzioni e di modularità,
    > programmabilità, flessibilità.
    Esattamente questo, quanti soldi pubblici vengono sperperati ogni anno in italia per aggiornare office all'ultima versione con fiturs indispensabili per il lavoro
    >
    > e non ho MAI visto un pareggio tra word e il suo
    > "equivalente".
    Questo è da discutere, ma esula dal mio commento
  • > e non ho MAI visto un pareggio tra word e il suo
    > "equivalente".

    Beh, se si parla di Excel bisogna riconoscere che e' un bel software (infatti non nasce in casa ms ma e' stato comprato) ma che cmq l'utente medio lo usa come fosse una tabellina, quindi non vedo alcuna utilita' nell'avere (e pagare) un milione di features se non le si utilizza.
    Ma se parli di word no, non posso essere daccordo. esistono mille programmi che non hanno nulla da invidiare. Certo, manca la fusione con il S.O., ma li c'e' poco da fare...

    e comunque consiglio di provare il nuovo OOo 2.0, che non ha nulla a che fare con la vecchia versione.
  • Io lo uso a casa, sopra Windows XP ... mi chiedo cos'abbia che non vada ... devo solo scriverci qualche documento e farci quattro cavolate con Excel ...

    Saluti,
    Piwi
    non+autenticato

  • - Scritto da: pikappa
    > Al di là della storia OpenOffice vs Office, è da
    > notare che questi utilizzano ancora Office 97, mi
    > viene da chiedermi quanti uffici italiani usino
    > ancora una versione di office di 8 anni fa, e
    > quanti invece spendano milioni ogni anno per
    > avere l'ultima versione

    Quello che dovreste chiedervi un po' tutti in questo thread, è invece quante delle copie di Office XP sono state realmente acquistate? Eh già perché è prassi comune nelle PA (e nelle scuole) come nelle PMI, installare software copiato qua e la, oppure acquistare Office 97 e poi installarci su Office XP pirata. Stessa cosa vale per il SO.
    Chi ha avuto a che fare con le PA, le scuole o ha lavorato un po' per/con qualche PMI, non potrà che confermare.
    Il problema dell'Italia è che crede di essere furba piratando il software fino a percentuali che sfiorano o superano il 50% di tutto l'installato, ma non capisce che si fa solo del male, e che questo male lo paga oggi, ma continuerà a pagarlo anche domani, per tutti quei motivi che anche qui sui forum di PI sono stati discussi fino alla nausea (mancanza di innovazione, dipendenza da prodotti proprietari, mancato sviluppo, ...).
    non+autenticato

  • - Scritto da: pikappa
    > Al di là della storia OpenOffice vs Office, è da
    > notare che questi utilizzano ancora Office 97, mi
    > viene da chiedermi quanti uffici italiani usino
    > ancora una versione di office di 8 anni fa, e
    > quanti invece spendano milioni ogni anno per
    > avere l'ultima versione

    MSoffice 97 NON è più supportato come documento dalla Microsoft, ovvero se arriva un documento .doc in MSoffice 2000 o XP non riesce nella lettura esatta (casi anche di non lettura).

    ciao
    mda
    783
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)