Arthur C. Clarke premiato nello Sri Lanka

Il celeberrimo autore di molti libri di fantascienza, scienziato e visionario, ottiene il più alto riconoscimento pubblico nel paese in cui vive dagli anni '50

Colombo (Sri Lanka) - Una giornata campale quella di ieri per l'89enne Arthur C. Clarke, uno dei più celebrati scrittori di fantascienza nonché scienziato capace di prevedere l'evoluzione di diverse tecnologie e il raggiungimento di alcune conquiste umane fondamentali: Clarke è stato infatti insignito con la massima onorificenza del paese che lo ospita da tanti anni, lo Sri Lanka, un riconoscimento che molto di rado è stato dato a stranieri.

Il capo di gabinetto del Presidente, Eric Fernando, ha dichiarato che Clarke è stato premiato sia per i contributi unici che ha fornito al progresso della scienza e della tecnologia sia per la dedizione e l'impegno civile con cui si è prodigato negli anni di permanenza nello Sri Lanka. "E' un cittadino onorario dello Sri Lanka" - ha dichiarato Fernando.

Clarke, uno dei teorizzatori, nel 1945, dei satelliti geostazionari e dell'ascensore spaziale, che potrebbe rivoluzionare l'approccio umano allo spazio, è stato anche vittima nel 2000 di un tentativo di speculazione sul suo nome: il "Clarke Omniputer", nelle idee di uno squinternato imprenditore che ha approfittato del suo nome, avrebbe dovuto imporsi come "computer definitivo" in "tutta la galassia".
Un'immagine del film: 2001, Odissea nello SpazioIl grande scrittore, che ha anche dato vita ad una importante fondazione che porta il suo nome, è famoso per molti suoi romanzi, ne ha scritti un'ottantina, ma il più celebre è senza dubbio "2001: A Space Odissey", un volume dal quale assieme al celeberrimo regista Stanley Kubrik tirò fuori un film, nel 1968, che viene tutt'oggi considerato da molti la massima espressione della cinematografia fantascientifica (la fotografia qui riprodotta proviene dalla "Cineteca di Bologna").

A Clarke la NASA, quando il primo uomo nel 1969 mise piede sulla Luna, diede credito per la sua visione: lo aveva previsto fin dagli anni '40 e, dichiarò la NASA, "Clarke ha fornito quella spinta intellettuale essenziale che ci ha portato sulla Luna".
10 Commenti alla Notizia Arthur C. Clarke premiato nello Sri Lanka
Ordina
  • Visto che siamo su PI, dove normalmente ogni vago sentore di pedofilia scatena thread disumani...

    Come la mettiamo col fatto che Clarke (mente eccelsa, su questo non ci piove) abbia dichiarato che in Sri Lanka c'è andato specificamente perché lì le leggi sono molto permissive nei confronti di chi ha l'hobby di far porcherie con i bambini?
    non+autenticato
  • Lo ha dichiarato adesso?
  • Qualoche anno fa ha rilasciato una dichiarazione dicendo di essere pedofilo etc.... alla faccia del cittadino aonorario.

    Nonostante abbia una mentalita´abbastanza aperta e consideri i pedofili delle persone malate, ricordo ci rimasi di merda, il primo libro che lessi in vita mia a 9 anni fu "La citta´e le stelle".... che tristezza.


  • - Scritto da: AnyFile
    > Lo ha dichiarato adesso?
    Anni fa. La cosa ha fatto scalpore, lì per lì, ma non ho proprio idea di come sia andata a finire.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: AnyFile
    > > Lo ha dichiarato adesso?
    > Anni fa. La cosa ha fatto scalpore, lì per lì, ma
    > non ho proprio idea di come sia andata a finire.
    Hanno pure chiamato a testimoniare il Berlusca, che, ancora scosso, ha raccontato di quando, già ultracinquantenne, è stato inseguito per ore nel parco di Arcore da Clarke e Ratzmacher che lo chiamavano "Come here, little cuddly baby! Fieni qvi, pel pampino!" e non volevano credere che era un nano.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Visto che siamo su PI, dove normalmente ogni vago
    > sentore di pedofilia scatena thread disumani...
    >
    > Come la mettiamo col fatto che Clarke (mente
    > eccelsa, su questo non ci piove) abbia dichiarato
    > che in Sri Lanka c'è andato specificamente perché
    > lì le leggi sono molto permissive nei confronti
    > di chi ha l'hobby di far porcherie con i bambini?

    E che centra col fatto che sia un grande autore di fantascienza?
    Lewis Carrol era pedofilo pure lui ma mi pare che "Alice nel paese delle meraviglie" e i vari altri racconti che ha scritto sono ancora oggi delle vere opere letterarie ineguagliate.

    Bisogna che si cominci a maturare un pochettino e non semplicemente fare come spesso capita di buttare tutto ciò che una persona può avere fatto di buono nella vita solamente perchè ha preferenze sessuali diverse. Come si suol dire "Evitiamo di buttare il bebé con l'acqua del bagno".
    non+autenticato
  • ... non mi trovate molto d'accordo circa la classificazione d'eccellenza per "2001".
    Se proprio devo scegliere un romanzo di Clarke che mi abbia impressionato, sceglierei piuttosto "Le guide del tramonto": pur trattandosi di una distopia non da poco che relega la razza umana a terreno di coltura per creature superiori. A suo tempo mi ha profondamente turbato (sono antropocentrico...)

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/11/2005 3.59.11
  • Eppur eppure, se non ricordo male, Clarke non era stato implicato, qualche anno fa in un caso di pedofilia???
    A bocca storta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Santos-Dumont
    > ... non mi trovate molto d'accordo circa la
    > classificazione d'eccellenza per "2001".
    > Se proprio devo scegliere un romanzo di Clarke
    > che mi abbia impressionato, sceglierei piuttosto
    > "Le guide del tramonto": pur trattandosi di una
    > distopia non da poco che relega la razza umana a
    > terreno di coltura per creature superiori. A suo
    > tempo mi ha profondamente turbato (sono
    > antropocentrico...)

    Ognuno ha i suoi gusti, io personalmente ho letto sia il libro e ho visto il film non so quante volte e considero entrambi un'opera sublime, composta dal libro+film (non possono andare da soli, specialmente il film, non se ne capisce nulla se non si legge prima il libro) e uno dei vertici assoluti della letteratura fantascientifica e del cinema di tutti i tempi. Roba che ancora oggi fa impallidire le più superspettacolari e costosissime produzioni hollywoodiane.

    Piuttosto mi incuriosisci con quel libro, mi sa che me lo vado a comprare... Sorride

    TAD
  • ..sarà..a me sembra che il senso della storia sia molto più che relegarci a "terreno di coltura"..e che invece apra diverse possibilità..
    ..e mi si passi, ma come direbbe pure Paoletto Fayerabend, "il vero antropocentrico non è antropocentrico"!