La Cina contro i venditori di Luna

Commercio via Internet? Si vendono anche appezzamenti... lunari. L'unica agenzia immobiliare lunare viene fermata da Pechino: attività illegale e contraria agli interessi dello Stato

Pechino - La corsa per la conquista dello Spazio, carta più che mai fondamentale nella sfida tecnologica tra grandi superpotenze, può avere anche dei risvolti al limite del tragicomico. Come, per esempio, pretese speculative private sulle sterminate pianure desertiche della Luna, che molti sperano ricche di minerali ed elementi rari.

Un'azienda nata negli USA, la Lunar Republic Society, ha recentemente iniziato la vendita di appezzamenti lunari attraverso una filiale di Pechino, nel cuore pulsante della Cina che guarda allo spazio. Poche decine di euro per acquistare un ettaro nel Mare della Tranquillità, comprensivo di diritti per lo sfruttamento minerario dell'area.

"Un investimento per il futuro", sostengono i portavoce della Lunar Republic Society, "destinato ad avere un valore sempre maggiore nel tempo". Stando alle dichiarazioni del fondatore dell'agenzia, Dennis Hope, "tre milioni e mezzo di persone negli ultimi anni hanno acquistato proprietà lunari", compreso "Ronald Reagan, Jimmy Carter e molti personaggi del mondo dello spettacolo".
Il governo cinese ha immediatamente messo al bando le attività dell'insolita agenzia immobiliare extraterrestre, accomunandola alle tante altre vendite truffaldine ideate da certi commercianti geniali e spregiudicati: certificati di proprietà per la fontana di Trevi, l'aria di Napoli, le stelle nel cielo.

Secondo i portavoce della Lunar Republic Society si tratta di una "vendita perfettamente regolare, conforme alle regole delle Nazioni Unite sullo sfruttamento lunare", note come Trattato sullo Spazio e voluto da USA, Regno Unito ed Unione Sovietica durante gli anni caldi della guerra fredda. Dennis Hope e soci sono convinti che un cavillo nel trattato internazionale garantisca diritti di proprietà privata ai singoli individui, così come alle aziende, escludendo soltanto ogni tipo di proprietà statale: una situazione in netto contrasto con il capitalismo di stato cinese.

L'agenzia Xinhua, organo ufficiale della Repubblica Popolare, non ha esitato ad etichettare le rocambolesche idee di Hope come "totalmente illegali e causa di malessere per la società, in quanto contrarie ai principi d'ordine economico e statale". L'agenzia immobiliare, costretta a fare i conti con gravi accuse di frode, ha subìto il ritiro delle licenze commerciali precedentemente ottenute dall'amministrazione di Pechino.

La vendita di terreni lunari continua comunque a gonfie vele, nonostante l'opposizione della Cina: Lunar Republic Society è completamente basata su Internet e sfrutta il web per la vendita dei propri particolarissimi "beni spaziali". Alcuni esperti intervistati dal China Daily hanno comunque ribadito che "si tratta di una vendita illegittima, visto che nessun individuo può reclamare diritti sulla Luna: solo gli Stati possono farlo".

Il divieto delle autorità cinesi potrebbe nascere da un preciso piano espansionistico al di là dell'atmosfera terrestre, comprensivo della creazione di basi lunari dopo il 2020, annunciata dopo il compimento dell'ultima missione spaziale Shenzhou. La Repubblica Popolare, stando alle speculazioni di alcuni osservatori internazionali, non ha firmato il Moon Treaty e pertanto non sarebbe vincolata alle decisioni delle Nazioni Unite sulla colonizzazione dello spazio.

Tommaso Lombardi
TAG: cina
54 Commenti alla Notizia La Cina contro i venditori di Luna
Ordina
  • I e proprio mati sti qua!
    non+autenticato
  • Qui vi e' sempre il problema di stabilire chi sia in grado di stabilire le regole

    sicuramente e' regolare all'interno delle regole da loro stabilite

    ma anche quando compri un terreno o un palazzo il contratto (o il rogito) e' valido in base alle regole fissate da qualcuno

    quanti, nella storia, si sono visti portare via il terreno e le case perche' e' arrivato qualcunaltro e, con la forza, ha detto che era suo?

    Per fare un solo esempio a noi vicino Fiume e l'Istria.
  • Un tanto al kgA bocca aperta

    Tutto vero potete andare a prendere possesso del vostro appezzamento in qualsiasi momentoA bocca apertaA bocca aperta

    Ci sono persone che non hanno i soldi per sbarcare il lunario ed altre che non sanno proprio dove spederliA bocca aperta
    non+autenticato


  • > Ci sono persone che non hanno i soldi per
    > sbarcare il lunario ed altre che non sanno
    > proprio dove spederliA bocca aperta

    io ti candiderei al nobel per l'economia, sei arrivato a conclusioni che nessuno ha mai raggiunto prima d'ora
    non+autenticato
  • > > Ci sono persone che non hanno i soldi per
    > > sbarcare il lunario ed altre che non sanno
    > > proprio dove spederliA bocca aperta
    >
    > io ti candiderei al nobel per l'economia, sei
    > arrivato a conclusioni che nessuno ha mai
    > raggiunto prima d'ora

    Si sono quelle cose che tutti sanno ma nessuno dice.
    non+autenticato
  • E' possibile avere un Monte di Venere?Sorride
    non+autenticato
  • Non hanno mai venduto proprità, ma pezzi di carta che teoriacamente secondo il sistema delle concessioni dovrebbe dare il diritto di concessione e quindi in un secondo tempo se la concessione viene sfuttata alla proprietà.
    A prima vista può sembrare una truffa.. ma mi sono informato un attimo e ho scoperto che:
    a) costa 15 euro, e ti danno un bel certificato in pergamena e una bella foto con evidenziato il tuo appezzamento, quindi non è una cifra esorbitante per un pezzo di carta da appendere che a qualcuno può piacere e a qualcun'altro no, comunque va preso per quello che è, un gadget, a livello delle analisi della firma computerizzate o delle ricerche genealogiche che fanno nelle fiere... (c'era qualcuno che pensava di comprare veramente 4000 metri quadrati di luna al costo di una pizza????)
    b) La società che le vende non è a scopo di lucro, e se guardate il loro bilancio scoprirete che tutti gli introiti venno utilizzati per finanziare, principalmente con borse di studio verso studenti delle nazioni del sud del mondo, l'esplorazione lunare.
    ciao
    non+autenticato
  • [CUT]
    > a) costa 15 euro, e ti danno un bel certificato
    > in pergamena e una bella foto con evidenziato il
    [CUT]
    Neanche male. Ho speso di piu' per far dare il nome di mia moglie ad una stella...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > [CUT]
    > > a) costa 15 euro, e ti danno un bel certificato
    > > in pergamena e una bella foto con evidenziato il
    > [CUT]
    > Neanche male. Ho speso di piu' per far dare il
    > nome di mia moglie ad una stella...

    illegale ed inutile pure quello...
    mi dispiace, ma non ha nessuna valenza legale.
    non+autenticato
  • > > Neanche male. Ho speso di piu' per far dare il
    > > nome di mia moglie ad una stella...
    >
    > illegale ed inutile pure quello...
    > mi dispiace, ma non ha nessuna valenza legale.
    Sull'inutile posso darti ragione, in quanto gli scienziati continueranno a chiamare le stelle con le loro sigle.
    Sono d'accordo anche sulla valenza legale. Per quanto riguarda l'illegale, non penso che sia stato commesso alcun illecito.
    non+autenticato
  • Pendsa che c'e' gente che vende perfino titoli nobiliari: si fa pagare un sacco di soldi e pretende perfino di aver diritto di venderli ....
  • dell'uomo che lo puo' portare a fare questioni legali o politiche sul possesso di un ambiente in cui non e' quasi in grado di vivere, ... dove per far sopravvivere due uomini per pochi giorni e' necessario far lavorare per anni migliaia di persone sulla terra.
    Un po' piu' di umilta' (e di piedi ben saldi a terra) nel trattare certi argomenti, gioverebbe a tutti, compresi governanti, politci, giornalisti, ... gli unici "autorizzati" sono solo i soliti furbastri venditori di fuffa.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > dell'uomo che lo puo' portare a fare questioni
    > legali o politiche sul possesso di un ambiente in
    > cui non e' quasi in grado di vivere,

    L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare eppure i confini marittimi e i diritti di pesca sono molto rilevanti e non certo frutto di presunzione infinita ma di esigenze commerciali e militari.
    Che possa essere anche lo stesso per altri luoghie parti dinvivibili, mica e' un sogno.

    > dove per
    > far sopravvivere due uomini per pochi giorni e'
    > necessario far lavorare per anni migliaia di
    > persone sulla terra.

    In ogni paese che ha un presidente, un papa, un re o un imperatore o un capo del popolo, migliaia lavorano per anni ed anni per pochi.

    > Un po' piu' di umilta' (e di piedi ben saldi a
    > terra) nel trattare certi argomenti

    Spartizione territoriale, cosa c'e' di piu' concreto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > dell'uomo che lo puo' portare a fare questioni
    > > legali o politiche sul possesso di un ambiente
    > in
    > > cui non e' quasi in grado di vivere,
    >
    > L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare eppure i
    > confini marittimi e i diritti di pesca sono molto
    > rilevanti e non certo frutto di presunzione
    > infinita ma di esigenze commerciali e militari.
    > Che possa essere anche lo stesso per altri
    > luoghie parti dinvivibili, mica e' un sogno.

    L'uomo puo' vivere tranquillamente in mezzo al mare con una barchetta da pochi ero per mesi e mesi basta caricare un po' di acqua, e alla fine al massimo ti abbronzi un po'. Sulla superficie della luna diventi fosforescente dopo qualche ora.

    > > dove per
    > > far sopravvivere due uomini per pochi giorni e'
    > > necessario far lavorare per anni migliaia di
    > > persone sulla terra.
    >
    > In ogni paese che ha un presidente, un papa, un
    > re o un imperatore o un capo del popolo, migliaia
    > lavorano per anni ed anni per pochi.

    Non basta "un presidente", ci vuole un uomo capace di comunicare un sogno e di convincere nel profondo dei liberi cittadini.
    Il lavoro di migliaia di schiavi puo' produrre miliardi di cloni di scarpe nike a basso costo, non certo un viaggio sulla luna (dimostrato dal fatto che gli americani sono andati e tornati, e i russi no).

    > > Un po' piu' di umilta' (e di piedi ben saldi a
    > > terra) nel trattare certi argomenti
    >
    > Spartizione territoriale, cosa c'e' di piu'
    > concreto?

    la spartizione del territorio del paese dei campanelli ?

    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > dell'uomo che lo puo' portare a fare questioni
    > > > legali o politiche sul possesso di un ambiente
    > > in
    > > > cui non e' quasi in grado di vivere,
    > >
    > > L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare eppure i
    > > confini marittimi e i diritti di pesca sono
    > molto
    > > rilevanti e non certo frutto di presunzione
    > > infinita ma di esigenze commerciali e militari.
    > > Che possa essere anche lo stesso per altri
    > > luoghie parti dinvivibili, mica e' un sogno.
    >
    > L'uomo puo' vivere tranquillamente in mezzo al
    > mare con una barchetta da pochi ero

    Appunto, con la barca, senza va giu' giu giu...
    E poi ti voglio con la tua barca da pochi euro nell'oceano.

    > per mesi e
    > mesi basta caricare un po' di acqua

    Si un paio di litri ti dovrebbero bastare

    > e alla fine
    > al massimo ti abbronzi un po'.

    Ma guarda, sembra perfino divertente,

    > Sulla superficie
    > della luna diventi fosforescente dopo qualche
    > ora.

    Si parla dell'abbronzatura tu. Cio' non toglie un grammo al fatto chei diritti in zone inospitali siano rilevanti

    > > In ogni paese che ha un presidente, un papa, un
    > > re o un imperatore o un capo del popolo,
    > migliaia
    > > lavorano per anni ed anni per pochi.
    >
    > Non basta "un presidente", ci vuole un uomo
    > capace di comunicare un sogno e di convincere nel
    > profondo dei liberi cittadini.

    No, basta un uomo che abbia le leggi dalla sua, come in ogni paese.

    Oh bella veramente accade
    > Il lavoro di migliaia di schiavi puo' produrre
    > miliardi di cloni di scarpe nike a basso costo,
    > non certo un viaggio sulla luna (dimostrato dal
    > fatto che gli americani sono andati e tornati, e
    > i russi no).

    Dimostrazione stupida, i russi hanno ancora la MIR, gli americani non hanno mai avuto una base spaziale.
    Come si concilia questo con la tua teoria delle scarpe?
    Magari slegare un po' i luoghi comuni dai fatti non pensi che aiuterebbe?

    > > > Un po' piu' di umilta' (e di piedi ben saldi a
    > > > terra) nel trattare certi argomenti
    > >
    > > Spartizione territoriale, cosa c'e' di piu'
    > > concreto?
    >
    > la spartizione del territorio del paese dei
    > campanelli ?

    Da li vieni vero, pifferaio magico fallito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > >
    > > > - Scritto da: Anonimo
    > > > > dell'uomo che lo puo' portare a fare
    > questioni
    > > > > legali o politiche sul possesso di un
    > ambiente
    > > > in
    > > > > cui non e' quasi in grado di vivere,
    > > >
    > > > L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare
    > eppure i
    > > > confini marittimi e i diritti di pesca sono
    > > molto
    > > > rilevanti e non certo frutto di presunzione
    > > > infinita ma di esigenze commerciali e
    > militari.
    > > > Che possa essere anche lo stesso per altri
    > > > luoghie parti dinvivibili, mica e' un sogno.
    > >
    > > L'uomo puo' vivere tranquillamente in mezzo al
    > > mare con una barchetta da pochi ero
    >
    > Appunto, con la barca, senza va giu' giu giu...
    > E poi ti voglio con la tua barca da pochi euro
    > nell'oceano.

    Ribadisco il tuo paragone non regge neanche per un seocndo.
    Il mare e' sempre stato un elemento con cui l'uomo ha convissuto da millenni, gli indigeni delle isole dell'oceano Pacifico hanno sempre scorrazzato per quel mare colonizzando e diffondendosi in tutti i piu' remoti isolotti con barche scavate nei tronchi d'albero.

    Sulla luna, nonostante una tuta ipertecnologica dai costi astronomici, ti prendi delle dosi di radiazioni tossiche anche con poche ore di esposizione, e se capita un'eruzione solare violenta, e non fai in fretta a metterti al riparo, quelle poche ore bastano perfino per ucciderti.

    > > per mesi e
    > > mesi basta caricare un po' di acqua
    >
    > Si un paio di litri ti dovrebbero bastare
    >
    > > e alla fine
    > > al massimo ti abbronzi un po'.
    >
    > Ma guarda, sembra perfino divertente,
    >
    > > Sulla superficie
    > > della luna diventi fosforescente dopo qualche
    > > ora.
    >
    > Si parla dell'abbronzatura tu. Cio' non toglie un
    > grammo al fatto chei diritti in zone inospitali
    > siano rilevanti

    se lo dici tu, ... non e' che hai messo su una ditta che vende lotti di luna ?

    > > > In ogni paese che ha un presidente, un papa,
    > un
    > > > re o un imperatore o un capo del popolo,
    > > migliaia
    > > > lavorano per anni ed anni per pochi.
    > >
    > > Non basta "un presidente", ci vuole un uomo
    > > capace di comunicare un sogno e di convincere
    > nel
    > > profondo dei liberi cittadini.
    >
    > No, basta un uomo che abbia le leggi dalla sua,
    > come in ogni paese.

    si si, basta che te lo credi

    > Oh bella veramente accade
    > > Il lavoro di migliaia di schiavi puo' produrre
    > > miliardi di cloni di scarpe nike a basso costo,
    > > non certo un viaggio sulla luna (dimostrato dal
    > > fatto che gli americani sono andati e tornati, e
    > > i russi no).
    >
    > Dimostrazione stupida, i russi hanno ancora la
    > MIR, gli americani non hanno mai avuto una base
    > spaziale.
    > Come si concilia questo con la tua teoria delle
    > scarpe?
    > Magari slegare un po' i luoghi comuni dai fatti
    > non pensi che aiuterebbe?

    Prima di definire stupida una dimostrazione dovresti leggere un po' di piu' sull'argomento visto che non sei molto aggiornato:

    1) la MIR si e' stata fatta rientrare in atmosfera da anni ormai, ed era sopravvissuta a se stessa per anni con toppe e tappulli, fino a diventare gia' dai primi anni di servizio un catorcio pericoloso e invivibile con attivita' spaziali opinabili date le "enormi" ricadute tecniche e visti i fantastici destini tecnologici della ex unione sovietica

    2) come stazione spaziale gli americani hanno avuto lo skylab nei tempi passati, e anche se ha avuto una vita operativa molto piu' breve della mir non vuol dire che le sue attivita' siano state meno produttive.
    Inoltre ora con una collaborazione mondiale a cui partecipano anche i russi hanno la ISS che e' tuttora in orbita e i cui attuali enormi problemi dovrebbero gia' far riflettere su quanto sia difficile l'ambiente spaziale

    3) forse non valuti bene le proporzioni delle imprese spaziali: avere un pullman che orbita a 300 km dalla terra non e' neanche lontanamente paragonabile a lanciare una navicella fuori dall'orbita terrestre, immettera in orbita lunare a 384.000 km di distanza dalla terra, dividerla in due, far discendere un modulo sulla superficie della luna in grado di ritornare in orbita, ricongiungersi con il modulo orbitante e manovrare per uscire dall'orbita lunare e rientrare in quella terrestre, con gran parte delle operazioni eseguite a 384.000 km di distanza e non a 350 km.

    Le uniche manovre "complesse" della MIR sono state la messa in orbita (senza astronauti a bordo) e il rientro in atmosfera (anche quello senza nessuno a bordo ovviamente).

    Aggiungi che per costruire una base sulla luna devi portare una quantita' di strumenti e mezzi che rende il tutto molto piu' complicato e costoso delle missioni Apollo.

    > > > > Un po' piu' di umilta' (e di piedi ben
    > saldi a
    > > > > terra) nel trattare certi argomenti
    > > >
    > > > Spartizione territoriale, cosa c'e' di piu'
    > > > concreto?
    > >
    > > la spartizione del territorio del paese dei
    > > campanelli ?
    >
    > Da li vieni vero, pifferaio magico fallito.

    che c'entra il pifferaio magico poi me lo spieghi ... ah forse pensi di essere un topo ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > Ribadisco il tuo paragone non regge neanche per
    > un seocndo.

    Gia gia', basta che te lo credi. Poco sotto un altro paragone alaogo e' stato fatto con l'Alaska.

    > Il mare e' sempre stato un elemento con cui
    > l'uomo ha convissuto da millenni, gli indigeni
    > delle isole dell'oceano Pacifico hanno sempre
    > scorrazzato per quel mare colonizzando e
    > diffondendosi in tutti i piu' remoti isolotti con
    > barche scavate nei tronchi d'albero.
    >
    > Sulla luna, nonostante una tuta ipertecnologica
    > dai costi astronomici, ti prendi delle dosi di
    > radiazioni tossiche anche con poche ore di
    > esposizione, e se capita un'eruzione solare
    > violenta, e non fai in fretta a metterti al
    > riparo, quelle poche ore bastano perfino per
    > ucciderti.
    >
    > > > per mesi e
    > > > mesi basta caricare un po' di acqua
    > >
    > > Si un paio di litri ti dovrebbero bastare
    > >
    > > > e alla fine
    > > > al massimo ti abbronzi un po'.
    > >
    > > Ma guarda, sembra perfino divertente,
    > >
    > > > Sulla superficie
    > > > della luna diventi fosforescente dopo qualche
    > > > ora.
    > >
    > > Si parla dell'abbronzatura tu. Cio' non toglie
    > un
    > > grammo al fatto chei diritti in zone inospitali
    > > siano rilevanti
    >
    > se lo dici tu, ...

    Se non lo capisci da solo....

    >non e' che hai messo su una
    > ditta che vende lotti di luna ?

    Non e' che hai messo su una ditta che vende barche pulciose da pochi euro?

    > Prima di definire stupida una dimostrazione

    Dimostrazione? Vuoi spacciare opinioni per dimostrazioni?
    Sei proprio un fallito.

    > che c'entra il pifferaio magico poi me lo spieghi
    > ... ah forse pensi di essere un topo ?

    Si, certo, Mickey Mouse.
    E adesso balliamo insieme, c'e' anche Marlon Brando.

    non+autenticato

  • > > Ribadisco il tuo paragone non regge neanche per
    > > un seocndo.
    >
    > Gia gia', basta che te lo credi. Poco sotto un
    > altro paragone alaogo e' stato fatto con
    > l'Alaska.

    si, probabilmente da qualche "dottore in lettere" che considera, con assoluto snobismo, i numeri e le quantita', degli inutili strumenti matematici

    I paragoni in questi casi devono essere quantitativamente realistici.
    Ad esempio, tutto sto' scaldarsi sulla proprieta' della luna rispetto dell'uomo del XIX secolo puo' essere quantitavamente paragonato a uno sciame di moscerini che viste per la prima volta le piramidi egizie e iniziano a litigare per decidere chi ha diritto di essere il primo a smontarle e trasferirle nella propria tana

    > > Il mare e' sempre stato un elemento con cui
    > > l'uomo ha convissuto da millenni, gli indigeni
    > > delle isole dell'oceano Pacifico hanno sempre
    > > scorrazzato per quel mare colonizzando e
    > > diffondendosi in tutti i piu' remoti isolotti
    > con
    > > barche scavate nei tronchi d'albero.


    > > Prima di definire stupida una dimostrazione
    >
    > Dimostrazione? Vuoi spacciare opinioni per
    > dimostrazioni?

    Veramente rispondevo con parole TUE, visto che tu per primo avevi definito il fatto (reale o non una opinione) che portavo a sostegno dei miei argomenti, una dimostrazione ... problemi con la memoria a breve termine ?

    > Sei proprio un fallito.

    si vede che hai esaurito tutti i tuoi "argomenti", situazione tipica di chi passa agli insulti diretti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > -[cut]
    > L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare eppure i
    > confini marittimi e i diritti di pesca sono molto
    > rilevanti e non certo frutto di presunzione
    > infinita ma di esigenze commerciali e militari.
    [cut]


    Certo ma la spartizione territoriale è comunque frutto di comune accordo internazionale (anche la guerra è una forma di accordo: il più forte decide, sempre un accordo è).
    Il fatto che sti americani si accaparrino il diritto di vendere territori lunari come se la luna fosse loro, esula completamente dal concetto di "comune accordo".
    E se domani io italiano volessi vendere a qualcuno lo stesso pezzo di terra venduto dagli americani? Chi me lo vieterebbe?

    non+autenticato
  • > E se domani io italiano volessi vendere a
    > qualcuno lo stesso pezzo di terra venduto dagli
    > americani? Chi me lo vieterebbe?

    SW1 (I guerra spazziale?)Con la lingua fuori
    Funz
    13021


  • > E se domani io italiano volessi vendere a
    > qualcuno lo stesso pezzo di terra venduto dagli
    > americani? Chi me lo vieterebbe?
    >
    prima vacci e mettici la bandierina italiana però.. altrimenti non puoi....
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > >
    > > -[cut]
    > > L'uomo non puo' vivere in mezzo al mare eppure i
    > > confini marittimi e i diritti di pesca sono
    > molto
    > > rilevanti e non certo frutto di presunzione
    > > infinita ma di esigenze commerciali e militari.
    > [cut]
    >
    >
    > Certo ma la spartizione territoriale è comunque
    > frutto di comune accordo internazionale (anche la
    > guerra è una forma di accordo: il più forte
    > decide, sempre un accordo è).
    > Il fatto che sti americani si accaparrino il
    > diritto di vendere territori lunari come se la
    > luna fosse loro, esula completamente dal concetto
    > di "comune accordo".

    Se nessuno avesse firmato il "Moon Treaty", avresti ragione.
    I cinesi non l'hanno firmato e la pensano come te.
    Ma, sorpresa delle soprese, non lo hanno firmato nemmeno gli USA, per cui se oggi un americano (non parlare al plurale e' l'impresa di un furbo - che superficialita' smerdare milioni di persone per le azioni di una. No? Poi pero' ci incazziamo se ci dicono che siamo tutti mafiosi indistintamente) dicevo se oggi un americano vende lotti lunari puo' farlo perche' non c'e' nessun accordo firmato dal suo paese, come pure non hanno firmato Russia, Francia, Gran Bretagna.
    Insomma in un vuoto legislativo, se uno ti vuole vendere un pezzo di marte, un anello di saturno o una fetta di luna puo' farlo.
    E altrettanto lo stesso vuoto legislativo rende valido sostenere che e' una vendita nulla.

    > E se domani io italiano volessi vendere a
    > qualcuno lo stesso pezzo di terra venduto dagli
    > americani? Chi me lo vieterebbe?

    Se l'Italia ha aderito al "Moon Treaty", te lo vieterebbe o meglio ne regolamenterebbe la cosa, appunto il "Moon Treaty".


    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)