Perché Microsoft apre i formati di Office?

Punto Informatico lo ha chiesto ad Umberto Paolucci, uno dei massimi dirigenti Microsoft, secondo cui Open XML e la richiesta di standard sono tappe di una strada intrapresa da tempo dal big di Redmond. Ecco dove porta

Perché Microsoft apre i formati di Office?Roma - L'annuncio è di pochi giorni fa: Microsoft, con l'appoggio di una serie di imprese e organizzazioni (da HP ad Apple, da British Library ad Intel), ha presentato ad ECMA International il suo formato Office Open XML, affinché divenga standard di mercato, integrabile facilmente in applicazioni e strumenti informatici sviluppati da terzi. Si tratta infatti di specifiche che possono essere adottate con licenza libera da royalty da chiunque (vedi anche la Guida ai formati XML di Microsoft disponibile qui). In più, il nuovo formato garantisce interoperabilità ed accesso con i documenti precedenti di Office. L'annuncio ha comprensibilmente alzato molta polvere: Office è la suite di applicativi più utilizzata da istituzioni, pubbliche amministrazioni ed imprese nel mondo. La novità, dunque, è destinata ad interessare un pubblico enorme. Per questo Punto Informatico ha parlato della cosa con Umberto Paolucci, senior chairman di Microsoft EMEA e vicepresident di Microsoft Corporation.

Punto Informatico: Il dibattito sui formati aperti è di vecchia data, perché proprio ora Microsoft ha scelto di muoversi, con ECMA, verso la standardizzazione del formato di riferimento del prossimo Office, Office 12?
Umberto Paolucci: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti, basti pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML. Decidere per OpenXML è la conseguenza ovvia di uno scenario in cui un formato aperto, grazie a soluzioni ormai mature ed affidabili, può tradursi in un vantaggio sia per i consumatori che per il mercato.

PI: Un formato come Open XML va incontro alle specifiche sull'accesso e conservazione dei documenti che sempre più spesso vengono adottate dal settore pubblico. E' così? Qual è stata la reazione dei vostri partner e clienti all'annuncio?
UP: Office ha sempre puntato su XML, e questo è un passo avanti in una strategia di apertura centrata su XML, da qui l'idea che con l'avvento di una nuova versione di Office, Office 12 appunto, fosse opportuno tenere conto di questo scenario, quindi consentire la possibilità di rendere accessibili documenti già realizzati con precedenti formati.
L'obiettivo è quindi allargare gli spazi, fare in modo che l'IT sia via via più pervasivo e questo passa anche attraverso l'apertura dei formati. In questo senso, al di là dell'appoggio di organizzazioni come Apple o Intel, la reazione all'annuncio è stata molto positiva, sia da parte dei nostri partner che degli osservatori, dei referenti commerciali e via dicendo.
PI: In questi giorni si è sentito di tutto, in molti ritengono che se Office non adottasse formati aperti la Commissione Europea potrebbe persino formalmente "sconsigliarne l'adozione" da parte delle pubbliche amministrazioni della UE. La scelta Microsoft è una conseguenza di questo genere di preoccupazione? C'è da parte delle PA nel mondo una sempre maggiore attenzione a certe scelte tecnologiche, scelte che spesso vanno nella direzione di formati aperti e software libero
UP: Non possiamo prevedere quello che pensa la Commissione Europea ma certamente le autorità di controllo hanno obiettivi non dissimili dai nostri, quelli di un mercato più accessibile, più aperto.

PI: Non tutti crederanno alla sincerità di questo approccio da parte di Microsoft
UP: Bisogna capire che da parte delle istituzioni, delle pubbliche amministrazioni e via dicendo c'è letteralmente fame di soluzioni riutilizzabili, per rendere i documenti accessibili nel tempo. C'è un forte interesse a lavorare con noi per fare in modo che questo patrimonio di conoscenze e di dati, anche in campo artistico, pensiamo ai libri, sia accessibile e rimanga tale nel tempo.

PI: Come si ottiene questo risultato nello scenario disegnato da Microsoft?
UP: Questo si fa con la prevedibilità dell'evoluzione delle tecnologie, ossia con l'apertura dei processi di sviluppo. Si tratta, in sostanza, di valorizzare uno standard in cui abbiamo creduto fin dall'inizio e che offre proprio questo, l'accesso al passato della gestione documentale e la garanzia che in futuro quelle informazioni rimarranno accessibili.
In tutto questo si innescano evidentemente le considerazioni sull'interoperabilità delle applicazioni: la domanda del mercato è sempre più chiara e a questa intendiamo rispondere.
Il nostro approccio è rendere gli strumenti e le informazioni più accessibili e semplici e questo si ottiene con offrire sia semplicità a chi la cerca e ne ha bisogno sia maggiore raffinatezza, sistemi più sofisticati, a chi può avvalersene, con vantaggi in termini di maggiore efficacia, tempi di sviluppo ridotti e costi contenuti. Nella nostra posizione abbiamo il dovere commerciale, industriale ed etico di muoverci in questa direzione.
TAG: microsoft
253 Commenti alla Notizia Perché Microsoft apre i formati di Office?
Ordina
  • se l'ho capita bene lo è e ve la posto anche se la discussione è over.

    Magari PI ne prende spunto e ci fa un bel articolo.

    L'azienda parigina CleverAge ha messo a punto un filtro di conversione da Open Document a Word: è ancora sperimentale e funziona solo su Word 2003 e Windows Xp. Ma è un ottimo inizio.

    Link del progetto su SourceForge:
    http://sourceforge.net/projects/ooo-word-filter


    Leggendo il txt della licence del plug-in sembra che questa cosa sia fatta insieme a M$.

    Che qualcosa si muova?
    non+autenticato
  • Ora che il valore dell'open si sta facendo più forte, cominciano a farsi sentire i baroni e i baronetti del closed, che provano a ritardare la transizione per motivi ovvi: il loro interesse personale.

    Loro perdono contratti che finiscono in mano asoggetti che lavorano con open source e che fanno?
    Piangono.
    Piangono che l'open LI rovina, che è scorretto, che "non vale", che è anti-questo e anti-quell'altro.

    Costoro sono i luddisti del 21° secolo, che sperano di fermare il PROGRESSO distruggendo i sistemi di produzione più avanzati delle loro soluzioni.

    http://www.pbmstoria.it/dizionari/storia_mod/l/l90...
    http://it.wikipedia.org/wiki/Luddismo

    Il luddismo ha fallito.



    non+autenticato
  • io a voi vi chiamo parassiti.
    Già una volta ho visto qualcosa che avevo fatto far fare i soldi a tutti tranne che a me. Avendolo messo gratis su internet sono stato gabbato ed ho perso la bellezza di 2 milioni dell'epoca, soldi che avrei potuto prendere come contratto. Il tizio invece avendo contatti che io non posso avere ce ne ha fatti 40. Viva la mafia che volete difendere. Il luddismo non è il paragone giusto. Qui non si tratta di trovare il modo di fare programmi usando meno programmatori perchè sostituiti da una tecnologia (linguaggi più veloci, tool più efficaci, qui nessuno si è mai lamentato) ma vengono fatti lavorare gratis. E' come se le industrie tessili avessero licenziato gli operai per far lavorare gratis lo stesso numero di operai (illudendoli che avrebbero ottenuto la libertà). Il paragone corretto è inganno, promettete fumo in cambio di lavoro. Pagate chi vi dà il codice e vi darò ragione.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io a voi vi chiamo parassiti.

    a me invece sembri uno sparaballe

    > Già una volta ho visto qualcosa che avevo fatto
    > far fare i soldi a tutti tranne che a me.

    una balla

    > Avendolo messo gratis su internet sono stato
    > gabbato ed ho perso la bellezza di 2 milioni

    altra balla

    >Pagate chi vi dà il codice e vi darò
    > ragione.

    non sei in grado di competere e ci soffri
    non hai ancora capito come funziona l'OS e continui a pensare nei soliti termini del closaro luddista

    non+autenticato
  • > una balla
    come quelle che raccontate?

    > non sei in grado di competere e ci soffri
    > non hai ancora capito come funziona l'OS e
    > continui a pensare nei soliti termini del closaro
    > luddista
    ti sbagli, io faccio cose che non vanno affatto bene per essere sfruttate da voi openari. Quindi teoricamente a me l'open potrebbe essere anzi un bene, sfruttandolo ma non lo faccio, perchè voglio che quello che produco sia mia e solo mio.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > una balla
    > come quelle che raccontate?

    il luddismo è stato un movimento veramente esistito

    > > non sei in grado di competere e ci soffri
    > > non hai ancora capito come funziona l'OS e
    > > continui a pensare nei soliti termini del
    > closaro
    > > luddista
    > ti sbagli,

    ma tanto sei uno sparaballe, no?

    Il luddismo ha fallito

    non+autenticato
  • continua a fare le paginette.
    Per me vali meno di zero, senza un programmatore a prepararti la pappa vali zero
    ricordalo sempre
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > continua a fare le paginette.

    sul luddismoesul fallimento che ne derivò?
    Certo

    > Per me vali meno di zero,

    e certo: non mi puoi sfruttare nella tua rete del closed

    > senza un programmatore
    > a prepararti la pappa vali zero

    è vero. Senza un programmatore come Linus Torvalds non avrei Linux da installare gratuitamente ai miei clienti, ma dovrei cedere al monopolio che ti è assai caro

    > ricordalo sempre

    'mo 'me lo segno!
    E grazie per il breve momento di ilare soddisfazione che mi hai concesso


    non+autenticato
  • le moine dei dipendenti di MS non ci interessano, se non come testimonianza del grado di difficoltà in cui sentono di cadere sempre più.

    Messaggio alla nazione Open Source.
    --------------------------------------------------------
    Estirpare il monopolio MS è il servizio migliore che possiamo rendere alla società.
    Microsoft ha gabbato il mondo per troppo tempo.
    E' ora che venga ridotta a entità non nociva.
    E' l'ora di guadagnarci la libertà che avevamo perduto.
    Diamoci tutti da fare a erodere pezzo per pezzo la presenza di msOffice nelle installazioni di windows e poi passiamo senza indugio a sostituire windows con Linux.

    non+autenticato
  • > le moine dei dipendenti di MS non ci interessano,
    > se non come testimonianza del grado di difficoltà
    > in cui sentono di cadere sempre più.
    quindi chiunque difenda microsoft è automaticamente un dipende microsoft. Magari fosse così, mi iscriverei subito al tuo club.

    > Messaggio alla nazione Open Source.
    > --------------------------------------------------
    > Estirpare il monopolio MS è il servizio migliore
    > che possiamo rendere alla società.
    estirpare il fenomeno open source è il servizio migliore che possiamo rendere a chi programma e lavora per mantenere anche voi open sourcisti scrocconi.

    > Microsoft ha gabbato il mondo per troppo tempo.
    voi vi siete fatti gabbare dall'open voluto da aziende di gran lunga peggiori di microsoft (vedasi IBM e nokia, sostenitrice del palladium ma anche dell'open source).

    > E' ora che venga ridotta a entità non nociva.
    se non riuscite a batterla sul mercato datevi da fare invece di chiedere aiuto ai politici.

    > E' l'ora di guadagnarci la libertà che avevamo
    > perduto.
    è ora che andiate a lavorare

    > Diamoci tutti da fare a erodere pezzo per pezzo
    > la presenza di msOffice nelle installazioni di
    > windows e poi passiamo senza indugio a sostituire
    > windows con Linux.

    evviva linux, la peggiore dittatura del mondo che con proclami alla Mussolini esorta lavoratori di tutto il mondo a contribuire gratuitamente all'arricchimento dei grandi colossi IBM e microsoft e all'impoverimento del programmatore, senza il quale voi schifosi venditori di servizi non potreste far nulla.

    Allora io rilancio l'appello ai programmatori:
    programmatori, unitevi, non vi fate sfruttare dall'open source
    1)chi vende servizi ha bisogno di voi, voi non avete bisogno di chi vende servizi
    2)non credete alle parole di IBM, vi stanno solo sfruttando per risparmiare, non ne ricaverete un centesimo
    3)vendere servizi richiede "amici", essere programmatore richiede abilità
    4)l'open source non fa fare soldi ai programmatori. Nonostante facciano soldi con i vostri programmi voi sarete gli ultimi a beneficiarne
    5)se vi lamentate ora di contratti domani con l'open non avrete neanche quelli e dovrete mettere banner donate come mendicanti
    6)programmatori, voi siete tecnici, scienziati, matematici. Voi vi fate il culo studiando linguaggi di programmazione, studiando tecniche matematiche, algoritmi e sviluppo. Non fatevi sfruttare dai venditori di fumo. Loro non vi assumeranno mai. Prendete Linus, un grande programmatore che è rimasto un dipendente. Prendete Gates o Jobs, loro sono diventati miliardari. Fate le opportune proporzioni e pensate a che futuro vi aspetta

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > le moine dei dipendenti di MS non ci
    > interessano,
    > > se non come testimonianza del grado di
    > difficoltà
    > > in cui sentono di cadere sempre più.
    > quindi chiunque difenda microsoft è
    > automaticamente un dipende microsoft.

    quindi cosa?
    da dove deduci questa conclusione?

    > Allora io rilancio l'appello ai programmatori:
    > programmatori, unitevi, non vi fate sfruttare
    > dall'open source

    io sono un programmatore Open source,che non sfrutta nessuno e soprattutto me
    Non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro

    > 1)chi vende servizi ha bisogno di voi, voi non
    > avete bisogno di chi vende servizi

    io infatti i miei servizi li vendo da me
    Non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro

    > 2)non credete alle parole di IBM, vi stanno solo
    > sfruttando per risparmiare, non ne ricaverete un
    > centesimo

    non ho alcuna relazione con IBM e soprattutto non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro

    > 3)vendere servizi richiede "amici", essere
    > programmatore richiede abilità

    Che visione ingenua!
    i due mondi non si possono escludere.
    puoi essere abile quanto ti pare, mna senon riesci a vendere quel che fai, vali nulla sul mercato!

    > 4)l'open source non fa fare soldi ai
    > programmatori.

    certo, non fa fare i soldi di Bill!!!
    ma io per farei miei soldi non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro

    > Nonostante facciano soldi con i
    > vostri programmi voi sarete gli ultimi a
    > beneficiarne

    io ho il mio orto che so coltivare e so mantenere.

    > 5)se vi lamentate ora di contratti domani con
    > l'open non avrete neanche quelli e dovrete
    > mettere banner donate come mendicanti


    > 6)programmatori, voi siete tecnici, scienziati,
    > matematici. Voi vi fate il culo studiando
    > linguaggi di programmazione, studiando tecniche
    > matematiche, algoritmi e sviluppo. Non fatevi
    > sfruttare dai venditori di fumo.

    è proprio rinunciando al manovalato del closed che ho trovato la libertà di cui cianci.
    Sono libero e uso strumenti liberi.

    >Loro non vi
    > assumeranno mai.

    grazie, non sono interessato ad alcuna assunzione.
    E questa visione dell'assunzione continua è propria dei dipendenti MS

    >Prendete Linus, un grande
    > programmatore che è rimasto un dipendente.

    e CHE dipendente!!!!

    > Prendete Gates o Jobs, loro sono diventati
    > miliardari. Fate le opportune proporzioni e
    > pensate a che futuro vi aspetta

    Venditore di fumo!
    Quanti Gates possono esistere nella vita di una persona? Quanti monopolisti esistono nel mondo del desktop PC ?

    UNO SOLO !

    e dovremmo fare a gara a distruggere il lavoro altrui diventando tutti monopolisti?

    ma piuttosto ci coalizzeremo per poter lavorare TUTTI contribuendo ognuno con piccoli pezzi a un progetto più ampio, affinché TUTTI possiamo avere la nostra fetta.

    Sei un illuso, se credi che le tue balle da yuppy-pumper possano ancora aver presa su un mondo IT messo alle corde dal sistema monopolistico.
    Oppure sei proprio uno di quei pochi che attingono alla tetta di Zio Bill.
    non+autenticato
  • pagate, pagate, pagate. Tu non sei un programmatore. Sei un cacciavitaro. Scrivere 2 righe di php quando hai dietro tutti gli strumenti non lo considerò programmare.
    Io appoggierò l'open source quando il programmatore che ha scritto il codice sarà equamente ripagato. Io leggo che tutte le aziende che usano codice open non lo pagano e quasi sempre non rendono le modifiche fatte. Ma non ti vergogni. Quei banner donate rimangono li in stagnazione e giustamente i progetti rimangono in fase di alpha perenne (dopo che ci hai lavorato 6 mesi e non veder arrivare neanche un euro vorrei vedere). Quindi io dico:
    si al codice open, no al codice free e finchè l'open source rimane free source allora attaccatevi.
    Scommetto che insorgeresti se io mi mettessi a regalare i tuoi servizi facendoti concorrenza a gratis.
    Paga maledetto tirchio, paga chi ti fa fare i soldi, che sia microsoft o il ragazzo che ti ha scritto il tuo tool.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > pagate, pagate, pagate.

    non sborserò mai un cent a Microsoft.
    E così varrà per i miei clienti: installerò tutti e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene anche una grossa soddisfazione personale

    Questo è quello che spaventa te e i tuoi superiori

    >Tu non sei un
    > programmatore.

    la palla di cristallo non funziona, non lo sapevi?

    > Sei un cacciavitaro. Scrivere 2
    > righe di php quando hai dietro tutti gli
    > strumenti non lo considerò programmare.

    fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso e consumo.
    E a me va bene, sai?
    Continuate a sottovalutarci come avete fatto finora.
    Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi che diventa jungla.

    > Io leggo che tutte le aziende
    > che usano codice open non lo pagano

    dove "leggi"?
    riferimenti?

    > e quasi
    > sempre non rendono le modifiche fatte.

    le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono balle vestite di niente

    > Ma non ti
    > vergogni.

    di fare il mio lavoro e di essere competitivo con le grandi aziendone?
    Certo che no.

    io rispetto le leggi e le licenze.
    A proposito, signor inquisitore: dove sta scritto che devo pagare qualcosa per il codice GPL che uso?





    non+autenticato
  • > non sborserò mai un cent a Microsoft.
    aridaje microsoft, ma che me ne frega di microsoft. Inizia a pagare 50 euro per open office.

    > E così varrà per i miei clienti: installerò tutti
    > e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene
    > anche una grossa soddisfazione personale
    la soddisfazione di non aver fatto guadagnare soldi a microsoft? guarda che alla fin fine a Gates non cambia molto, licenzia 1000 dipendenti e la situazione torna sotto controllo.

    > Questo è quello che spaventa te e i tuoi superiori
    a me personalmente non può fregar di meno visto che il mio lavoro non è assolutamente sfruttabile dall'open

    > fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso
    > e consumo.
    > E a me va bene, sai?
    > Continuate a sottovalutarci come avete fatto
    > finora.
    > Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi
    > che diventa jungla.
    ah, allora sei un phpnaro, ahahah

    sempre su PI

    > le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono
    > balle vestite di niente
    ma secondo te c'è bisogno che te lo dicano i link?

    > di fare il mio lavoro e di essere competitivo con
    > le grandi aziendone?
    > Certo che no.
    competitivo? ma se fai paginette web. Al massimo sei competitivo con altre aziende. La roba che fai tu le grandi non la trattano nemmeno (almeno per ora, poi arriverà IBM e ti butterà via)

    > io rispetto le leggi e le licenze.
    > A proposito, signor inquisitore: dove sta
    > scritto che devo pagare qualcosa per il codice
    > GPL che uso?
    il banner donate che piange. Lo sai che quello che usi è qualcosa su cui qualcuno ha passato ore e ore della giornata? Fargli avere un apprezzamento economico sarebbe il caso. Sei orgoglioso di essere una carogna? Rispetti la legge degli avvocati, ma vivi come insetto parassita
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > non sborserò mai un cent a Microsoft.
    > aridaje microsoft,

    soffri soffri

    > > E così varrà per i miei clienti: installerò
    > tutti
    > > e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene
    > > anche una grossa soddisfazione personale
    > la soddisfazione di non aver fatto guadagnare
    > soldi a microsoft?

    nel mio piccolo....

    > > Questo è quello che spaventa te e i tuoi
    > superiori
    > a me personalmente non può fregar di meno

    dal tenore degli interventi si deduce il contrario e comunque qui un anonimo può dire quel che vuole, vero?

    > > fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso
    > > e consumo.
    > > E a me va bene, sai?
    > > Continuate a sottovalutarci come avete fatto
    > > finora.
    > > Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi
    > > che diventa jungla.
    > ah, allora sei un phpnaro, ahahah

    che matita usi per i tuoi disegnini?

    > > le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono
    > > balle vestite di niente
    > ma secondo te c'è bisogno che te lo dicano i link?

    le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono
    balle vestite di niente

    > > di fare il mio lavoro e di essere competitivo
    > con
    > > le grandi aziendone?
    > > Certo che no.
    > competitivo?

    soffri soffri

    > > io rispetto le leggi e le licenze.
    > > A proposito, signor inquisitore: dove sta
    > > scritto che devo pagare qualcosa per il codice
    > > GPL che uso?
    > il banner donate che piange.

    non risulta come clausola

    Io non infrango ALCUNA legge al contrario di MS che ne ha infrante assai sul lato della concorrenza e del mercato.
    Io cammino a testa alta con mio lavoro
    I tuoi amici del monopolio sono stati CONDANNATI
    non+autenticato
  • Saturato il mercato con prodotti scadenti e a pagamento ora provano a insudiciare anche il mondo dell'OSS... che tristezza...
  • mai letta una cosa più idiota di questa.
    vergognati

    1)prodotti scadenti? Gli altri dove erano?
    A parte open office che ancora sotto moltissimi aspetti è inferiore ad Ms Office il resto dove era?
    2)non è open, ha aperto i formati e non di sua volontà, l'hanno obbligato certe leggi che vogliono eliminare tutti i prodotti con formato closed dagli uffici (questa è peggiore di ogni attività monopolistica mai fatta)

    ma tu non dovevi essere una persona intelligente?


    - Scritto da: carobeppe
    > Saturato il mercato con prodotti scadenti e a
    > pagamento ora provano a insudiciare anche il
    > mondo dell'OSS... che tristezza...
    non+autenticato
  • > - Scritto da: carobeppe
    > > Saturato il mercato con prodotti scadenti e a
    > > pagamento ora provano a insudiciare anche il
    > > mondo dell'OSS... che tristezza...
    >
    > mai letta una cosa più idiota di questa.
    > vergognati

    1) impara e quotare

    >
    > 1)prodotti scadenti? Gli altri dove erano?

    2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti illegali. Ci sono due sentenze una americana e una europea che incriminano M$ per questo, tu dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica per non accorgertene?

    > 2)non è open, ha aperto i formati e non di sua
    > volontà

    3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche il rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è per questo!!!

    > , l'hanno obbligato certe leggi che
    > vogliono eliminare tutti i prodotti con formato
    > closed dagli uffici (questa è peggiore di ogni
    > attività monopolistica mai fatta)

    si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona idea, altri no... tu da che parte stai?

    > ma tu non dovevi essere una persona intelligente?

    parlavi di te?

    Fan Apple
    non+autenticato
  • > 2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti
    > illegali. Ci sono due sentenze una americana e
    > una europea che incriminano M$ per questo, tu
    > dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica per
    > non accorgertene?
    io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?

    > 3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche il
    > rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è
    > per questo!!!
    se non lo fa cavoli suoi, mica vi farete mettere sotto da una azienda che non rispetta gli standard?

    > si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona
    > idea, altri no... tu da che parte stai?
    libertà di impedirmi di vendere i prodotti che voglio? a me pare invece una mossa strategica per far fuori una azienda scomoda


    > parlavi di te?
    come i bambini.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > 2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti
    > > illegali. Ci sono due sentenze una americana e
    > > una europea che incriminano M$ per questo, tu
    > > dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica
    > per
    > > non accorgertene?
    > io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?

    le sentenze sono passate in giudicato.
    Non scambiare la tua opinione per la verità giuridica

    Dici che hai passato il tuo tempo a lavorare sodo. Bene.
    Quindi non sei stato in grado di informarti sulla nocività di MS.
    Ti mettiamo al corrente noi: MS è unmonopolio che ha commesso reati contro il mercato e la concorrenza

    > > si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona
    > > idea, altri no... tu da che parte stai?
    > libertà di impedirmi di vendere i prodotti che
    > voglio?

    sì, se il giudice scopre che si fa dumping
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > 2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti
    > > illegali. Ci sono due sentenze una americana e
    > > una europea che incriminano M$ per questo, tu
    > > dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica
    > per
    > > non accorgertene?
    > io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?

    allora programmavi stipendiato dalla M$, ecco perchè hai preferito chiudere gli occhi.

    > > 3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche
    > il
    > > rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è
    > > per questo!!!
    > se non lo fa cavoli suoi, mica vi farete mettere
    > sotto da una azienda che non rispetta gli
    > standard?

    due sentenze passate in giudicato e tu te ne esci con
    "mica vi farete mettere sotto da una azienda che non rispetta gli standard?"

    no caro quello a 90° e vasellinato sei tu...

    io non uso M$....

    > > si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona
    > > idea, altri no... tu da che parte stai?
    > libertà di impedirmi di vendere i prodotti che
    > voglio?

    se li hai venduti tramite pratiche illegali, SI! SI! e SI!

    > a me pare invece una mossa strategica per
    > far fuori una azienda scomoda

    geniale, fatti assumere dal nano per la prossima campagna...

    > > parlavi di te?
    > come i bambini.

    te lo ripeto ....ancora ....una .....volta... stavamo patlando .....di .....te.. ora ha capito?

    Fan Apple
    non+autenticato
  • barzelletta: Un elicottero si perde nella nebbia. Il pilota si avvicina ad un edificio e dalla finestra chiede ad un'impiegata all'interno: "dove sono?" L'impiegata risponde "sei perso nella nebbia". Da questa risposta il pilota capisce di trovarsi a Redmond, e di aver parlato con un'impiegata M$. Infatti la spiegazione era perfettamente formulata, ma non non dava alcuna informazione reale.

    prima domanda
    perché proprio ora Microsoft ha scelto di muoversi [...] verso [...] Office 12?
    risposta: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti, basti pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML. Decidere per OpenXML è la conseguenza ovvia di uno scenario in cui un formato aperto, grazie a soluzioni ormai mature ed affidabili, può tradursi in un vantaggio sia per i consumatori che per il mercato.
    non+autenticato
  • no, è stata obbligata dalla politica che ha detto: vogliamo i formati aperti. All'utente finale non frega niente. Sceglie open office solo perchè gratis, non perchè migliore.


    - Scritto da: Anonimo
    > barzelletta: Un elicottero si perde nella nebbia.
    > Il pilota si avvicina ad un edificio e dalla
    > finestra chiede ad un'impiegata all'interno:
    > "dove sono?" L'impiegata risponde "sei perso
    > nella nebbia". Da questa risposta il pilota
    > capisce di trovarsi a Redmond, e di aver parlato
    > con un'impiegata M$. Infatti la spiegazione era
    > perfettamente formulata, ma non non dava alcuna
    > informazione reale.
    >
    > prima domanda
    > perché proprio ora Microsoft ha scelto di
    > muoversi [...] verso [...] Office 12?
    > risposta: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul
    > fronte degli standard aperti, basti pensare alla
    > crociata che conducemmo sull'HTML. Decidere per
    > OpenXML è la conseguenza ovvia di uno scenario in
    > cui un formato aperto, grazie a soluzioni ormai
    > mature ed affidabili, può tradursi in un
    > vantaggio sia per i consumatori che per il
    > mercato.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 37 discussioni)