Il boom virtuale della bomba simulata

Gli scienziati americani sono riusciti a detonare per la prima volta una bomba atomica senza il botto. Merito del computer più potente al mondo

Los Alamos (USA) - Grazie alle capacità di calcolo raggiunte dagli odierni supercomputer, il test di nuove armi atomiche potrà d'ora in avanti essere effettuato senza far detonare nessuna vera bomba.

L'annuncio arriva dagli USA, dove un gruppo di scienziati del Los Alamos National Laboratory e del Lawrence Livermore National Laboratory hanno portato a termine con successo la prima simulazione tridimensionale dell'esplosione di una bomba atomica.

Prima di oggi, per costruire alcuni generi di nuove armi atomiche, gli scienziati dovevano prima effettuare delle simulazioni bi-dimensionali al computer, con lo scopo di stimarne gli effetti, e poi costruire la bomba e farla esplodere nel sottosuolo.
Queste tre fasi potranno d'ora in avanti essere del tutto virtualizzate grazie alla potenza di calcolo ed ai nuovi software di simulazione tridimensionale adottati dai due laboratori di ricerca americani.

La simulazione ha richiesto in tutto poco più di 5 mesi di calcolo: 4 mesi sul supercomputer ASCI White di IBM installato presso i laboratori di Los Alamos, ed altri 39 giorni (dedicati alla visualizzazione dei risultati) sul supercomputer ASCI Blue installato presso il Lawrence Livermore.

Gli scienziati hanno affermato che questi stessi calcoli avrebbero richiesto circa 750 anni di lavoro continuato da parte di un odierno computer desktop di fascia alta: una comparazione che fa ben capire le incredibili capacità di calcolo dell'ASCI White, attualmente al primo posto nella classifica di Top500.org dei più potenti supercomputer al mondo.

Per assicurarsi che il software imitasse fedelmente gli effetti della detonazione di un vero ordigno nucleare, gli scienziati hanno comparato i dati della simulazione con quelli raccolti durante l'esplosione nel sottosuolo della stessa bomba simulata dal software.

Proprio poche settimane fa si è riportata la notizia secondo cui il Governo francese ha commissionato a Compaq un supercomputer in grado di fare esattamente ciò che è appena riuscito agli americani: simulare quei test nucleari che, prima d'oggi, i francesi avevano effettuato sotto l'atollo di Mururoa.
TAG: ricerca
29 Commenti alla Notizia Il boom virtuale della bomba simulata
Ordina
  • bella roba il supercomputer ne vorrei uno anch'io ma non credo di potermelo permettere visto qeullo che fa chissà quanto costa comunque almeno cosi non fanno + quelli esperimetni con le bombe atomiche in realtà ceh inquinano tutto .... vai tecnologia continua cosiA bocca aperta
    non+autenticato
  • Anzicche' vedere l'esperimento come un interessante traguardo scientifico per la potenza di calcolo e lo studio della fisica, per giunta sicuro e apportatore di conoscenza, tutti i messaggi di questo forum si concentrano a dare contro agli americani (kattivoni che pensano solo a distruggere!) e focalizzano la loro attenzione piangendo sul desiderio di distruzione umana.

    Ma insomma, un po' di larghezza di vedute: al calcolatore vengono anche simulati collassi del sistema immunitario e crolli di edifici e ponti, vengono simulati delitti e distruzioni della terra mediante asteroidi.

    Se anche e' vero che in circostanze di guerra molte conoscenze vengono usate per fini distruttivi, non vi pare oggettivamente che sia interessante conoscere le conseguenze di eventi distruttivi anzicche' piombare in logori luoghi comuni?

    Non e' forse meglio conoscere come funziona il corpo umano o una bomba atomica e che conseguenze ci possono essere per uno scoppio? Non credete che simili esperimenti possano anche essere cosi' ben realizzati da dissuadere un capo di stato dall'usare armi atomiche? O pensate veramente che tutti i capi di stato siano dei folli e che solo voi abbiate capito che siamo tutti sullo stesso pianeta?

    Oppure pensate che gli autori del test sull'atomica, dei test di crollo di edifici, dei test di collasso dei sistemi immunitari vogliano fare le prove generali per un uso pratico?
    Se la pensate cosi' per una sola delle mie domande retoriche, siete dei folli che non capite cosa sia la ricerca ed i benefici (diretti ed indiretti) di cui godiamo tutti ogni giorno. Probabilmente noi stessi siamo vivi grazie alla ricerca (si astengano dal commentare i deisti che evidentemente hanno una concezione ben diversa della vita) ed alla sperimentazione che ci ha permesso di apprendere moltissimo su cose brutte e cattive, come i batteri, gli agenti chimici, la morte per intossicazione radioattiva ecc. ecc.

    Mi piacerebbe vivere nel vostro mondo, un mondo in cui si sfrutti i calcolatori solo per i fini "buoni" e "costruttivi", tipo "risolvi i problemi dell'uomo", magari quelli metafisici o morali. Peccato che al primo terremoto, addio a meta' delle casette e dei ponti...
    non+autenticato
  • Concordo pienamente con te.
    non+autenticato
  • Finalmente una persona sensata!
    i miei + sinceri complimenti!
    non+autenticato
  • Non ho parole.. Ma c'è qualcuno in Italia che è veramente favorevole all'uso di questo tipo di test/armi?
    non+autenticato
  • evidentemente qualcuno ci guadagna ....
    alla fin fine tutti noi la buttiamo sull'etica ma tutti quelli che stiamo criticando ragionano in termini molto + economici...
    :(
    non+autenticato
  • Ti pare che qualcuno possa essere d'accordo nell'uso di armi nucleari ?
    non+autenticato
  • Dipende, se la domanda è:
    sei favorevole al test elettronico di un arma nucleare, che eviti di distruggere e inquinare un bel pò di terreno, nn vedo xche no!
    Se la domanda è sei favorevole all'uso di armi
    nucleari, b'è..
    Il deterrente è un mezzo molto importante nella
    difesa e nell'impedire guerre!
    Con quelle armi si sono evitate molte guerre
    grandi, certo quelle piccole ci sono sempre,
    ma quelle sono impossibili da eliminare!
    Se si potessero far sparire d'incanto tutte, e
    tutta la tecnologia relativa (nn solo la
    bellica, ma anche la civile..), forse ma solo
    forse vivremmo in un mondo migliore!
    non+autenticato
  • ora usano linux per far scoppiare le bombe ma questo e' male perche' l'opensource e' a favore dei poveri e degli emarginati e non dei guerrafondai americani
    non+autenticato
  • Lo voglio anch'io !!!!!

    Vuoi mettere la soddisfazione di farsi simulare gli effetti di una bomba nukleare piazzata a sQuola, o sotto la macchina dell'odiata zia, o cosette del genereSorride))
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)