Cittadini contro i modem analogici

Tra gli effetti perversi dei dialer e dei software gonfiabolletta anche la sfiducia in modem che ancora oggi servono a vagonate di utenti per connettersi alla rete. Nuovo allarme dal Codici

Roma - Un'altra voce si aggiunge agli allarmi da tempo diffusi da associazioni di consumatori, trasmissioni televisive ed esperti di telecomunicazioni: è quella del Codici, Centro per i Diritti del Cittadino, associazione onlus con sede nella capitale, che mette in guardia gli utenti da tutto ciò che può gonfiare le bollette telefoniche e invita a non usare più i modem analogici. Se è vero che il "momento caldo" dei dialer è superato è anche vero che la minaccia di software invasivi capaci di cambiare i dati di accesso ad internet e stornare l'utente su numeri a pagamento è tutt'altro che esaurita.

Ne amplifica la voce, riportandone un comunicato, il Movimento Difesa del Cittadino.
"Cifre inspiegabili, dettagli delle telefonate che segnano la composizione di numeri quali 0878, mai realmente effettuati dagli utenti; gestori sorpresi delle segnalazioni e certi di non esserne direttamente responsabili". Sarebbero queste le lagnanze raccolte dagli sportelli Codici sparsi in Italia. Ivano Giacomelli, segretario della onlus, illustra con poche parole un quadro deludente: "Le anomalie dei servizi di telefonia si stanno man mano mostrando in tutte le loro sfaccettature, dall'attivazioni di servizi mai richiesti, agli errori di fornitura dei numeri telefonici persino ai nuovi utenti".

Il Codici, sulla scorta di tutte le segnalazioni ricevute, ha così interpellato l'Autorità per le telecomunicazioni "affinchè indaghi sull'eventuale responsabilità dei fatti della società erogatrice". L'associazione evidenzia che l'impiego di modem analogici nelle connessioni internet fa aumentare il rischio di incorrere nei dialer, che rinviano gli utenti su numerazioni telefoniche con tariffe elevatissime, anche con scatti alla risposta di 12 euro. Un avvertimento che fa sorridere l'utente esperto, ma che è evidentemente rivolto ai tantissimi che si connettono alla rete senza conoscere in modo approfondito tecnologie e problematiche.
La verità è che, sebbene del fenomeno dialer i lettori di Punto Informatico abbiano iniziato a sentirne parlare almeno quattro anni fa, il problema non è mai stato risolto del tutto ed episodi spiacevoli continuano ad accadere. Il fronte contro i dialer, sottolinea il Codici, è l'informazione sul problema e magari, laddove possibile, evitare l'uso di modem analogici. Ci sono comunque strumenti, come Stop Dialers che possono migliorare le difese contro i software gonfiabolletta ma l'arma migliore è certo una maggiore consapevolezza dei mezzi che si utilizzano.

Dario Bonacina
TAG: 
44 Commenti alla Notizia Cittadini contro i modem analogici
Ordina
  • Ho beccato anch'io un dialer, poco prima di passare a fastweb. Me ne sono accorto subito ma è riuscito comunque ad addebitarmi lo scatto alla risposta: 15 euro! Ma è possibile che in un Paese di Diritto uno scatto alla risposta possa costare 15 euro??? Ma le tariffe telefoniche non dovrebbero essere regolamentate? Tra l'altro Telecom mi aveva rassicurato dicendomi che mi avrebbero rimborsato l'importo sulla bolletta successiva (l'ultima) e invece non ho ricevuto niente. Certo per 15 euro non vado in rovina, ma mi sarebbe potuto costare molto più caro...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho beccato anch'io un dialer, poco prima di
    > passare a fastweb. Me ne sono accorto subito ma è
    > riuscito comunque ad addebitarmi lo scatto alla
    > risposta: 15 euro!


    E' difficle pensare che non ci sia una parte della responsabilita' in chi fissa le tariffe

    cosa ha fatto la telecom quando si e' accorta che c'erano dialer e servizi "particolari" diretti verso alcune nazioni? Ha messo queste nazioni in una nova tariffa estremamente piu' alta di quelle gia' alte per i paesi lontani.

    Telefonare in certe nazioni ora costa una cifra pazzesca. E se uno avesse veramente bisogno di fare una telefonata in quella nazione? E soprattutto perche' se uno si becca un dealer deve pagare ancora di piu' perche "qualcuno" ha pensato bene di approffitare (diventanto cosi' di fatto complice, non so se giuridicamente lo sia, ma di fatto lo e' di certo)
  • io col portatile mi trovo bene; altro che wifi...
    un numero unico, una spina e via.

    con l'adsl invece diventa impossibile, a quanto mi hanno detto in centrale
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io col portatile mi trovo bene; altro che wifi...
    > un numero unico, una spina e via.
    >
    > con l'adsl invece diventa impossibile, a quanto
    > mi hanno detto in centrale

    Io dunque.... router con DHCP....
    .... ca$$o ho solo la difficoltà di attaccare il cavo di rete e qualunque computer con qualunque OS è già on-line...

    Ma ti fidi di quegli scemi del 187?
    non+autenticato
  • proprio mentre la telecom vuole vendere adsl anche a chi non ha il pc (secondo alcuni per gonfiare il valore delle azioni giocando sulla resa dei contratti e diminuire l'indebitamento come per i multicontratti dei cellulari) , un'associazione di consumatori (notissima, autorevolissima e ampiamente rappresentativa) invita i consumatori per il proprio bene a lasciare l'analogico
    anzichè la telecom a stoppare i dialer

    mah mi sa che sto diventando paranoico, scusate é lo stress pre-natalizio
    non+autenticato
  • ma se lascio l'analogico (termine errato visto che credo si intenda anche l'isdn e quindi il digitale) come utilizzo Internet?
    con i segnali di fumo? visto che la TELECOM non da possibilità alternative valide a chi in Italia non è coperto da ADSL.

    e intanto investe i soldi delle bolltte italiane all'esteroTriste

    ciao
    non+autenticato

  • Possibile che in questo paese non si capisce che l'accesso alla banda larga è l'unico motore della crescita e che mezza italia ne è senza?

    A quando una legge per rendere la banda larga un diritto come l'accesso all'elettrincità o all'acqua potabile? Non è meno importante oggi come oggi!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Possibile che in questo paese non si capisce che
    > l'accesso alla banda larga è l'unico motore della
    > crescita e che mezza italia ne è senza?
    >
    > A quando una legge per rendere la banda larga un
    > diritto come l'accesso all'elettrincità o
    > all'acqua potabile? Non è meno importante oggi
    > come oggi!



    Ma fammi il piacere, tu i problemi veri non sai neanche cosa siano.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    [CUT]
    > > A quando una legge per rendere la banda larga un
    > > diritto come l'accesso all'elettrincità o
    > > all'acqua potabile? Non è meno importante oggi
    > > come oggi!
    >
    >
    >
    > Ma fammi il piacere, tu i problemi veri non sai
    > neanche cosa siano.

    Perché secondo te l'informazione non è un problema?
    Ci sono voluti centinaia di anni di lotte per arrivare a capire come funzionano certe cose. Internet è l'unico strumento di informazione libero presente attualmente.
    Non sarà fondamentale in africa ma in italia lo è eccome.
    non+autenticato
  • Più che altro il discorso da fare sarebbe: "piuttosto che spendere vagonate di euro per finanziare la diffusione del DTT, non sarebbe (stato) meglio convogliarle sulla banda larga (e magari pure always-on) su tutto il territorio..?".

    Chiaro che se consideriamo l'impauperimento generale, e che di problemi maggiormente prioritari ce n'è a bizzeffe, la mancata diffusione capillare della banda larga è una (forse) una sciocchezza..

    ==================================
    Modificato dall'autore il 01/12/2005 3.13.07

  • - Scritto da: dacho
    > Più che altro il discorso da fare sarebbe:
    > "piuttosto che spendere vagonate di euro per
    > finanziare la diffusione del DTT, non sarebbe
    > (stato) meglio convogliarle sulla banda larga (e
    > magari pure always-on) su tutto il
    > territorio..?".

    Aggiungo una cosa: le abitazioni, i capannoni non sono spuntati dal terreno per incanto (abusivismo a parte, ma quello è un altro discorso), ma sono state costruiti a seguito di una licenza edilizia, a seguito del pagamento di opere di urbanizzazione e hanno un diritto ad esistere anche perchè pagano delle tasse comunali.

    Quindi come hanno diritto a ricevere servizi quali gas, elettricità, acqua potabile, linea telefonica, hanno nel 2005 diritto anche alla banda larga. A meno che non si consideri l'Italia come una nazione allo sbando dove il progresso ed il futuro non ci stanno molto a cuore. Se è così le istituzioni, Ciampi in primis, la PIANTINO DI DIRCI CHE IL FUTURO VA CORAGGIOSAMENTE COSTRUTITO INVESTENDO NELLA TECNOLOGIA.
    MiFAn
    1909
  • Perché mai la banda larga sarebbe un diritto? Perché permette di accedere a contenuti di svago e intrattenimento o perché permette di accedere a informazione e servizi?
    Nel primo caso non lo vedo come un diritto, altrimenti lo sarebbe pure la playstation o il digitale terrestre.
    Nel secondo caso non mi è mai capitato di beccarmi dialer (o di avere la possibilità di scaricarlo) in siti istituzionali o di informazione.
    Io vedo la rete come lo specchio del mondo, può essere pericoloso (e non solo per i portafogli) ma questo non deve portare ad atteggiamenti di chiusura, ma ad un atteggiamento consapevole. E come in tutte le cose ognuno raccoglie poi ciò che semina.


    ==================================
    Modificato dall'autore il 01/12/2005 9.03.23

  • - Scritto da: vannaraptus
    > Perché mai la banda larga sarebbe un diritto?

    perchè no? è la mia opinione, non conta nulla?
    l'istruzione è un diritto? e chi l'ha detto?
    l'assistenza sanitaria è un diritto? e chi l'ha detto?

    > Perché permette di accedere a contenuti di svago
    > e intrattenimento o perché permette di accedere a
    > informazione e servizi?

    No, per lavorare, principalmente (nel mio caso)

    > Nel primo caso non lo vedo come un diritto,
    > altrimenti lo sarebbe pure la playstation o il
    > digitale terrestre.
    > Nel secondo caso non mi è mai capitato di
    > beccarmi dialer (o di avere la possibilità di
    > scaricarlo) in siti istituzionali o di
    > informazione.

    a me è capitato, eppure tengo ben aggiornato il sistema e gli antitutto, lo so, merito la fustigazione, ma spero nella vostra clemenza
    MiFAn
    1909

  • - Scritto da: MiFAn
    >
    > - Scritto da: vannaraptus
    > > Perché mai la banda larga sarebbe un diritto?
    >
    > perchè no? è la mia opinione, non conta nulla?

    Nessuno dice questo. Soprattutto in un forum dove ognuno, ovviamente, rappresenta esclusivamente la propria opinione.

    > l'istruzione è un diritto? e chi l'ha detto?
    > l'assistenza sanitaria è un diritto? e chi l'ha
    > detto?

    La dichiarazione universale dei diritti umani e la nostra costituzione. Che non sono carta straccia.

    > > Nel secondo caso non mi è mai capitato di
    > > beccarmi dialer (o di avere la possibilità di
    > > scaricarlo) in siti istituzionali o di
    > > informazione.
    >
    > a me è capitato, eppure tengo ben aggiornato il
    > sistema e gli antitutto, lo so, merito la
    > fustigazione, ma spero nella vostra clemenza

    Assolutamente, non meriti la fustigazione, ma un risarcimento. Qualora per accedere ad un servizio pubblico garantito da un ente o da un qualsiasi soggetto incaricato di pubblico servizio tu abbia subito danni la strada giusta era "almeno" un esposto al difensore civico. Qualora invece si tratti di un servizio non pubblico ma privato (ad es. una banca) esistono i giudici di pace.
    Ovviamente in entrambi i casi va dimostrato.

    Ciao

  • > > l'istruzione è un diritto? e chi l'ha detto?
    > > l'assistenza sanitaria è un diritto? e chi l'ha
    > > detto?
    >
    > La dichiarazione universale dei diritti umani e
    > la nostra costituzione. Che non sono carta
    > straccia.

    Certo, ma l'hanno redatta gli uomini, non so se mi spiego. (lungi dal paragonare il diritto alla salute con l'adsl)

    > Assolutamente, non meriti la fustigazione, ma un
    > risarcimento. Qualora per accedere ad un servizio
    > pubblico garantito da un ente o da un qualsiasi
    > soggetto incaricato di pubblico servizio tu abbia
    > subito danni la strada giusta era "almeno" un
    > esposto al difensore civico. Qualora invece si
    > tratti di un servizio non pubblico ma privato (ad
    > es. una banca) esistono i giudici di pace.
    > Ovviamente in entrambi i casi va dimostrato.

    si, per 10 euro, mi tengo l'incazzatura e cercherò di essere più sveglio in futuro, però capirai che viviamo in un mondo di lupi
    se grazie a leggi ben fatte riusciamo a tagliare le gambe a questi squali non è meglio per tutti?
    la politica a cosa serve?
    MiFAn
    1909

  • - Scritto da: MiFAn
    >
    > si, per 10 euro, mi tengo l'incazzatura e
    > cercherò di essere più sveglio in futuro, però
    > capirai che viviamo in un mondo di lupi
    > se grazie a leggi ben fatte riusciamo a tagliare
    > le gambe a questi squali non è meglio per tutti?
    > la politica a cosa serve?

    Sai, credo che una volta che tutti avranno l'adsl qualche squalo inventerà il modo di fregare il prossimo proprio grazie all'adsl. Non esiste legge x quanto ben fatta da qualunque parte politica che possa garantire dai disonesti. La legge non ci protegge, la legge ci da dei diritti, siamo noi che dobbiamo imporci per farli valere. Non per 10 o 1000 euro, ma per la nostra dignità di uomini.
    Altrimenti come potrei guardare in faccia i miei figli, se tutto il mio agire fosse dettato da leggi di convenienza? Che esempio sarei per loro?

  • - Scritto da: vannaraptus
    >
    > - Scritto da: MiFAn
    > >
    > > si, per 10 euro, mi tengo l'incazzatura e
    > > cercherò di essere più sveglio in futuro, però
    > > capirai che viviamo in un mondo di lupi
    > > se grazie a leggi ben fatte riusciamo a tagliare
    > > le gambe a questi squali non è meglio per tutti?
    > > la politica a cosa serve?
    >
    > Sai, credo che una volta che tutti avranno l'adsl
    > qualche squalo inventerà il modo di fregare il
    > prossimo proprio grazie all'adsl. Non esiste
    > legge x quanto ben fatta da qualunque parte
    > politica che possa garantire dai disonesti. La
    > legge non ci protegge, la legge ci da dei
    > diritti, siamo noi che dobbiamo imporci per farli
    > valere. Non per 10 o 1000 euro, ma per la nostra
    > dignità di uomini.
    > Altrimenti come potrei guardare in faccia i miei
    > figli, se tutto il mio agire fosse dettato da
    > leggi di convenienza? Che esempio sarei per loro?

    ma questi ragionamenti, che condivido, valgono solo nel paese dei balocchi

    nel mondo in cui viviamo le leggi a tutela del consumatore servono, eccome, e ben vengano

    MiFAn
    1909
  • D'accordo chhe le multinazionali ci marciano e per qualche famiglia un dialer puo' voler dire grosssi grattacapi...

    ma finchè la gente continuerà a usare OS colabrodo, senza nessuna coscienza di cosa vuol dire cliccare OK su finestre sospette di siti birichini, senza fare una benchè minima manutenzione al sistema, con l'antivirus "craccato" mi chiedo qual'èmil vero problema.

    Che non sia etico pagare 10 euro al minuto di connessione siamo d'accordo... ma quanto è giustificabile la negligenza e/o l'ignoranza? Ai posteri...

    Spero che questi dialer spariscano... ma spero anche che aumenti la coscienza dei mezzi che si usano.

    Un minimo di "scaltrezza" in più da parte di chi usa un computer sarebbe una bella cosa.

    Esistono antidialer e i Mac... e questa storia dei dialer ormai la sanno anche i muri
    non+autenticato
  • > Esistono antidialer e i Mac... e questa storia
    > dei dialer ormai la sanno anche i muri

    Per dirne una, il defunto Kerio, oltre ad esser dotato di un behaviour blocker integrato, nelle versioni 4.x, sega pure i tentativi di cambio della numerazione per connettersi ad internet. E tutto questo integrato in 1 solo programma e non in 100000 altri programmuccoli mangia memoria.
    Quand'è che, però, i dialer potranno esser bloccati nativamente, dall'OS e non da programmi vari? Mah...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > D'accordo chhe le multinazionali ci marciano e
    > per qualche famiglia un dialer puo' voler dire
    > grosssi grattacapi...
    >
    > ma finchè la gente continuerà a usare OS
    > colabrodo, senza nessuna coscienza di cosa vuol
    > dire cliccare OK su finestre sospette di siti
    > birichini, senza fare una benchè minima
    > manutenzione al sistema, con l'antivirus
    > "craccato" mi chiedo qual'èmil vero problema.
    >
    > Che non sia etico pagare 10 euro al minuto di
    > connessione siamo d'accordo... ma quanto è
    > giustificabile la negligenza e/o l'ignoranza? Ai
    > posteri...
    >
    > Spero che questi dialer spariscano... ma spero
    > anche che aumenti la coscienza dei mezzi che si
    > usano.
    >
    > Un minimo di "scaltrezza" in più da parte di chi
    > usa un computer sarebbe una bella cosa.
    >
    > Esistono antidialer e i Mac... e questa storia
    > dei dialer ormai la sanno anche i muri

    che palle di questi post

    ammesso che si possa essere d'accordo con te, pensi che sia perlomeno lecito eliminare i vari antitrust che ci stanno sul groppone, che dovrebbero tutelare i cittadini, specialmente le fascie più deboli o no ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)